1

Fridays for future, tantissime persone a Milano con Greta e Vanessa

MILANO – Circa 50mila manifestanti, secondo gli organizzatori (settemila, secondo la Questura), hanno sfilato al corteo per il clima a Milano guidato dalle giovani attiviste Greta Thunberg e Vanessa Rakete. “Il corteo è lungo e le persone che partecipano stanno aumentando, arriveranno a 100 mila”, afferma una delle organizzatrici.

“Ciao Milano grazie per essere qui, è incredibile vedere così tante persone”. Con queste parole Greta Thunberg ha salutato i manifestanti al termine del corteo. “I ministri del mondo – ha aggiunto – riuniti qui a Milano pensano di avere la soluzione per il mondo con i loro blablabla e noi siamo stanchi di questo, la speranza siamo noi”.

“Non staremo zitti ma continueremo a scioperare dando voce a chi non ha voce. Ma più parliamo più diventiamo forti”, ha detto l’attivista ugandese Vanessa Nakate. “Se continuiamo a colpire il pianeta, la situazione in Africa – ha aggiunto – sarà sempre peggiore”.

Greta Thunberg ha anche ballato e battuto le mani mentre gli altri manifestanti cantano ‘Bella ciao’ in piazzale Cadorna a Milano.

Si è tenuto anche un blitz di fronte alla sede dell’Unicredit in piazza Edison di cinque attivisti che si sono staccati dal corteo. I manifestanti hanno imbrattato con vernice nera il cortile di fronte alla banca ed esposto un cartello con scritto ‘UniCredit si arricchisce con armi e petrolio’.

Ad accogliere la manifestazione uno striscione con sopra scritto ‘O la Borsa o la vita’. Poco prima di raggiungere il Palazzo della Borsa gli attivisti hanno cantato in coro saltellando ‘chi non salta Cingolani è’, riferendosi al Ministro della Transizione Ecologica.

Poco prima dell’inizio del corteo Greta Thunberg, insieme a una ventina di attivisti tra cui Vanessa Nakate, si sono seduti in cerchio per terra. Hanno fatto un video, foto e hanno gridato slogan come “we want climate justice”, vogliamo la giustizia climatica. 




Football Club Frascati, Laureti e l’accordo con la Lupa: “Uniti dalla stessa visione del calcio”

Frascati (Rm) – Quando è entrato nel Football Club Frascati, la società tuscolana era molto piccola. A distanza di cinque anni ha fatto passi da giganti e quest’anno ne ha compiuto uno ancora più grande, grazie all’accordo di sponsorizzazione con la prestigiosa azienda New Energy Luce e Gas che già sponsorizza la Lupa Frascati. “Ma il merito non è solo il mio: senza il fondamentale aiuto del mio staff tutto questo non sarebbe stato possibile – dice Claudio Laureti, attuale responsabile delle varie selezioni del Football Club ed ex presidente della compagine tuscolana – Dopo aver fatto diventare il nostro club una importante realtà di Frascati, assieme alle persone che collaborano con me abbiamo accettato questa proposta: lo abbiamo fatto perché ci è stato presentato un progetto molto simile a quello che abbiamo sempre avuto in mente e che intende valorizzare al massimo la crescita dei nostri tesserati all’interno di un ambiente sano, unendo il tutto a risultati importanti. Questo accordo può dare grosse soddisfazioni all’intera città di Frascati: ci sono state e ci saranno delle inevitabili difficoltà, ma siamo partiti col piede giusto e sono certo che si potranno fare grandi cose”. Tra le “scommesse” vinte da Laureti e dal suo staff c’è indubbiamente la valorizzazione del centro sportivo dei “Colli Tuscolani” che ancora oggi affianca la struttura principale dell’Otto Settembre e dell’Amadeo Amedei. “Ci abbiamo puntato in tempi non sospetti e anche attualmente i numeri su quel centro sportivo sono in continua espansione”. La chiusura di Laureti riguarda le potenzialità delle varie squadre dell’agonistica del Football Club Frascati: “La Prima categoria, curata a livello dirigenziale da Andrea Mari e guidata a livello tecnico da un tecnico di grande spessore come Mauro Fioranelli, può fare sicuramente bene valorizzando diversi ragazzi del territorio. Anche le nostre selezioni agonistiche possono giocarsi le loro carte: ci sono stati dei cambiamenti nelle rose in virtù dell’accordo con la Lupa e ne sono uscite squadre di valore per i campionati provinciali che dovranno affrontare. L’esplosione della Scuola calcio, unita sotto un’unica “bandiera”, è sotto gli occhi di tutti, basta recarsi ai nostri campi per poterla vedere concretamente. E questa è la gioia più grande per tutti noi che facciamo calcio a Frascati”.