Connect with us

Ambiente

Acea, lago di Bracciano: la Regione autorizza nuove fonti di captazione

Clicca e condividi l'articolo

Nicola Zingaretti ha rivolto un appello al sindaco di Roma, Virginia Raggi, affinché Acea interrompa il prelievo dell’acqua dal bacino lacustre, dopo che il Tribunale delle acque aveva annullato di fatto la sentenza del Tar che prevedeva lo stop alle captazioni a partire dallo scorso 1 settembre

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti ha autorizzato Acea all’approvvigionamento idrico da nuove fonti di captazione. Nel decreto regionale sono state indicate anche le relative prescrizioni che il gestore idrico dovrà adottare.

Un’alternativa, dunque, quella messa in campo dalla Regione Lazio, offerta all’Acea per sopperire alle captazioni sul lago di Bracciano. Nicola Zingaretti ha rivolto un appello al sindaco di Roma, Virginia Raggi, affinché Acea interrompa il prelievo dell’acqua dal bacino lacustre, dopo che il Tribunale delle acque aveva annullato di fatto la sentenza del Tar che prevedeva lo stop alle captazioni a partire dallo scorso 1 settembre.

La Regione Lazio trasmetterà alle amministrazioni rivierasche interessate il dato giornaliero delle captazioni operate dal Lago di Bracciano, da parte del gestore Acea Ato 2 spa. La mission regionale è quindi quella di cercare di preservare il lago e consentire un monitoraggio giornaliero costante e continuo sul flusso di approvvigionamento della risorsa idrica in maniera trasparente e diffusa con i Comuni del Lago e dell’Ente Parco.

Ad Acea Ato 2 è stata data l’autorizzazione all’uso delle seguenti fonti di approvvigionamento idrico per la Capitale:
• Campo pozzi Colle Mentuccia 80 L/Sec
• Campo pozzi Torre Spaccata 10 L/Sec
• Campo pozzi Vigne Nuove 70 L/Sec
• Campo pozzi Professore 80 L/Sec, per un totale di 240 litri al secondo.
Si tratta di fonti alternative all’utilizzo del lago di Bracciano, che erano state sollecitate al gestore idrico, Acea Ato 2, dall’amministrazione regionale in più di un’occasione lo scorso agosto.

Con questo decreto, firmato dal presidente Zingaretti nelle vesti di Commissario delegato per l’emergenza idrica della Regione Lazio, si autorizza dunque Acea all’attivazione dello sfruttamento emergenziale delle fonti, subordinata alla verifica da parte delle ASL competenti, ed al successivo monitoraggio, a cura e spese di Acea Ato2, della qualità delle risorse sopraindicate.

I cronoprogrammi di campionamento delle fonti dovranno essere tempestivamente comunicati al Commissario Delegato, e al fine dell’attivazione delle captazioni integrative richieste, il gestore Acea Ato2 Spa dovrà procedere anche all’implementazione di un sistema di monitoraggio ambientale in grado di fornire un quadro esaustivo circa l’evoluzione dello stato dei corpi idrici interessati. Infine, i dati del monitoraggio dovranno essere trasmessi alla Direzione Regionale Risorse Idriche, Difesa del Suolo e Rifiuti ed alla Direzione Regionale Ambiente e Sistemi Naturali, consentendo l’eventuale divulgazione a terzi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Ambiente

Aprilia, autoparco comunale: è di nuovo allarme discarica a cielo aperto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

APRILIA (LT) – L’area, di proprietà del Comune di Aprilia, dovrebbe essere destinata al parcheggio delle vetture comunali eppure come ampiamente visionabile dalle foto ogni cosa viene “parcheggiata” nell’autoparco: dall’asfalto ai calcinacci, dai fusti, ai frigoriferi e altri metalli, dall’immondizia ai furgoni dismessi della Progetto Ambiente e persino scheletri di ambulanze.

Giusfredi: “Discarica pericolosa per l’ambiente e per la salute dei cittadini”

“L’autoparco comunale si è trasformato in una vera e propria discarica comunale a cielo aperto – commenta il candidato a sindaco Giorgio Giusfredi – pericolosa per l’ambiente e per la salute dei cittadini. Bell’esempio – prosegue Giusfredi – che si dà ai cittadini sul rispetto dell’ambiente e della legalità! Cosa dice l’assessore all’ambiente Alessandra Lombardi di questo scempio ambientale? Successe lo stesso nel 2009, quindi non è la prima volta che il fatto si ripete”.

L’interrogazione regionale del 2009

Giusfredi ricorda poi che nel 2009 venne presentata un’interrogazione regionale da parte dell’allora esponente di Sel Filiberto Zaratti che chiedeva al presidente della Regione Lazio di “verificare immediatamente la consistenza e la qualità dei rifiuti accatastati illegalmente nell’autoparco comunale di Aprilia e accertare le responsabilità dell’illecito ambientale”. “All’epoca – dichiara ancora Giusfredi – i rifiuti furono tolti, ma evidentemente il “vizio” è rimasto e la situazione dell’autoparco oggi è sicuramente peggiore rispetto al 2009. Sempre nell’autoparco ci sono le famose “rastrelliere”, quelle che furono comprate dall’amministrazione a seguito dell’accesso al finanziamento del Ministero dell’Ambiente per 20 prototipi di bicicletta a pedalata assistita. Sono ferme lì da circa due anni. 24 mila euro di fondi ministeriali anch’essi gettati in “discarica”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Castel Gandolfo, ok dalla Regione: il lago Albano è balneabile

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – Anche quest’anno si può fare il bagno al Lago Albano di Castel Gandolfo. A renderlo noto è la Regione Lazio con il Decreto a firma del Presidente Nicola Zingaretti – n. T00121 del 18 maggio 2018 – di individuazione e classificazione delle acque destinate alla balneazione per la stagione balneare 2018.

La Regione Lazio, in occasione della stagione balneare apertasi lo scorso 1 maggio e che durerà fino al 30 settembre prossimo, ha eseguito i prelievi in tre punti differenti del Lago Albano: 1750 m. a destra dell’emissario, 4350 m. a destra dell’emissario e alla Cabina di sollevamento della Villa Pontificia. In queste ultime due aree la qualità delle acque è “eccellente” ed è risultata “buona” nel primo punto di prelievo, corrispondente al tratto di costa di fronte il Lungolago.

Per quanto riguarda la sorveglianza dei cianobatteri e per garantire un costante monitoraggio della salute delle acque, la Regione Lazio – sulla base della valutazione dei dati storici, dell’analisi dei nutrienti e della valutazione della trasparenza – ha indicato che il Lago Albano rientra in quei bacini con fioriture per i quali è necessario procedere ad una pianificazione delle attività di prelievo e analisi da parte di Arpa Lazio.

Le informazioni sulle aree balneabili del Lago Albano sono disponibili sul sito istituzionale del Comune di Castel Gandolfo ed anche sul portale internet del Governo “acque di Balneazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Ariccia, trovati due piccoli allocchi: i Guardiaparco li consegnano alla Lipu

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ARICCIA (RM) – Sono stati consegnati ai guardiaparco del Parco dei Castelli Romani due piccoli allocchi, trovati nel territorio di Ariccia (RM), probabilmente caduti dal nido e in situazione di pericolo. Trattandosi di nidiacei non ancora in grado di volare, sono stati affidati alle cure del CRFS Lipu Roma, dove saranno cresciuti adottando modalità volte a limitare il contatto con l’uomo. Una volta resi indipendenti e in grado di volare saranno rimessi in libertà.

Nel nido non c’è spazio per allungare e rafforzare le ali: per farlo i piccoli, devono lasciarlo e imparare a conoscere il territorio circostante, l’ambiente in cui sono nati prima di essere completamente cresciuti. Capita, soprattutto in primavera, di imbattersi in situazioni simili, per questo è importante sapere come comportarsi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it