Connect with us

Esteri

AEREO RUSSO CADUTO IN SINAI: È ATTENTATO TERRORISTICO. PUTIN DICHIARA GUERRA ALL'ISIS

Clicca e condividi l'articolo

Il premier russo: "“Li cercheremo dappertutto, dovunque si nascondano, li troveremo in ogni posto del mondo e li puniremo"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Mosca – Un atto terroristico a causare il disastro aereo del volo di linea russo nei cieli del Sinai, così riferisce il capo dei servizi segreti Russi Aleksandr Bortnikov a Putin. I risultati dell’inchiesta sono stati comunicati a Putin nella tarda serata di ieri, dopo il suo ritorno dal G20 in Turchia. A tale riunione hanno presenziato:   il ministro della Difesa Serghiei Shoigu, il direttore dell'Fsb Aleksandr Bortnikov, il capo di stato maggiore delle forze armate russe Valeri Gherasimov, il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, e il direttore del servizio di sicurezza all'estero, Mikhail Fradkov. Dopo che Putin ha saputo dai servizi segreti l’origine del disastro ha riferito che i responsabili saranno scovati ovunque si nascondano e saranno puniti. Inoltre Putin ha sottolineato che Mosca conta sul sostegno dei partner internazionali per la ricerca dei criminali: “Li cercheremo dappertutto, dovunque si nascondano, li troveremo in ogni posto del mondo e li puniremo. Non e' la prima volta che la Russia affronta barbari crimini terroristici, spesso senza alcun motivo visibile esterno o interno come e' stato nel caso dell'esplosione nella stazione di Volgograd alla fine del 2013” ha proseguito inoltre dicendo “Non abbiamo dimenticato nulla e nessuno, l'uccisione di nostri cittadini nel Sinai e' uno dei piu' sanguinosi crimini come numero di vittime: non asciugheremo le lacrime dalla nostra anima e dal nostro cuore, cio' che e' successo rimarra' con noi per sempre, ma – ha ribadito il leader russo – non ci impedira' di trovare e punire i criminali”. Putin usa il pugno duro, sottolinea fortemente che i raid aerei contro l’Isis devono essere intensificati e afferma che l’attività bellica non deve essere soltanto continua ma rafforzata, inoltre ha ordinato agli 007 di eliminare i responsabili dell’attacco. Due impiegati dell’aeroporto di Sharm sono stati arrestati poiché sospettati di aver aiutato i terroristi nell’aver piazzato la bomba. Ma dall’Egitto arriva la smentita che riguarda l’arresto e alcuni media internazionali annunciano: “L'Egitto smentisce l'arresto di due funzionari dell'aeroporto di Sharm el Sheikh, sospettati di di aver aiutato a piazzare la bomba sull'aereo russo precipitato in Sinai, la notizia è falsa e priva di fondamento”. 
 
Gli eventi. Sul disastro avvenuto nel Sinai ai danni di un aereo russo, emerge  con maggiore concretezza l’ipotesi della bomba avvalorata dagli inquirenti britannici. Intanto molti paesi hanno sospeso i voli in direzione Sharm el-Sheikh. Dunque è stato un evento "brutale e improvviso" a far cadere l'aereo russo precipitato sabato nel Sinai. A rivelarlo una fonte vicino all'inchiesta secondo cui le registrazioni della scatola nera farebbero quindi propendere più per la pista bomba. "Ogni cosa sembra procedere normale, assolutamente normale durante il volo. E improvvisamente niente" ha spiegato la fonte secondo quanto riportano media francesi. "Ciò va nella direzione di un evento improvviso e immediato". Sempre secondo questa fonte anche l'analisi delle foto di alcuni rottami, perforati dall'interno verso l'esterno, "accreditano la tesi di un congegno pirotecnico". I dati preliminari non permettono di identificare "la cause della disintegrazione dell'aereo" che però è avvenuta in fase di decollo, ovvero 23 minuti e 14 secondi dopo che il velivolo si era alzato in volo, quando ancora era inserito il pilota automatico. A precisarlo, come detto, è stato il capo della commissione d'inchiesta egiziana sul disastro aereo dell'Airbus della Metrojet, Ayman el-Mokkadem, il quale ha aggiunto che "si sente un rumore nell'ultimo secondo della registrazione della scatola nera". Tale rumore, tuttavia, dovrà essere sottoposto a un'analisi spettrometrica per poterne definire l'origine. L'investigatore capo ha spiegato inoltre che i frammenti del velivolo si sono dispersi in un'area di 13 kilometri, dinamica "consistente con una deflagrazione in volo". Gli inquirenti hanno comunque ribadito che al momento non è possibile tirare "alcuna conclusione" sulla causa del disastro.
 
Jet britannico schivò missile egiziano su Sharm Già oltre due mesi fa qualcuno provò ad abbattere un aereo di linea in fase di atterraggio all'aeroporto di Sharm el Sheikh. Il 23 agosto scorso solo la perizia del pilota e del primo ufficiale evitarono un altro attentato nei cieli del resort egiziano. Secondo quanto riferisce il Daily Mail e ha confermato il ministero dei Trasporti di Londa, un Boeing 737 della compagnia Thomson con 189 passeggeri a bordo venne sfiorato a soli 300 metri da un missile mentre era a bassa quota in avvicinamento, preparandosi ad atterrare a Sharm. Solo l'abilità del pilota, che vide il missile partire da terra e la traiettoria in volo, consentì di compiere una manovra 'evasiva' per schivare il razzo che passò appunto a soli 300 metri dall'aereo, in termini aeronautici un'inezia. In quel caso si tratto' con ogni probabilità di un missile "spalleggiabile" tipo lo statunitense Stinger o il russo Strela, che hanno gittate fino ad un massimo di 4 mila metri, ipotesi esclusa per l'Airbus A321 delle russa Metrojet, che volava a 9.400 metri di quota e per il quale sembra ormai accertata l'ipotesi di una bomba a bordo. L'aereo, decollato dallo scalo di Stanted a nord di Londra, atterrò senza problemi e ai passeggeri non venne rivelato che erano stati ad un passo dalla morte. Il ministero dei Trasporti britannico ha confermato la notizia dello scampato disastro per il jet della Thomson. Una fonte ha riferito "che ai comandi c'era il co-pilota ma è stato il comandante, sempre in cabina, ad avvistare il missile dirigersi verso l'aereo. Fu lui ad ordinare un'improvvisa virata a sinistra per evitare il razzo che passò a 300 metri di distanza. Solo i 5 membri dell'equipaggio furono informati del rischio corso. Al momento di ripartire, di notte, per precauzione il Boeing 737 decollò con tutte le luci spente.
 
 
Forze armate egiziane ammettono errore Fonti egiziane avrebbero riferito che non si sarebbe trattato di un attentato terroristico ma ad un errore durante un'esercitazione delle truppe del Cairo vicino all'aeroporo di Sharm. Elemento che aumenta le perplessità ed i dubbi sull'affidabilità delle forze armate egiziane, se loro stesse ammettono di aver rischiato di abbattere, seppur per errore, un aereo di linea britannico con 189 persone a bordo. In ogni caso se il comandante del volo della Thomson Airways non si fosse accorto del lancio e della traiettoria del missile, mentre il co-pilota era impegnato nell'avvicinamento finale alla pista per atterraggio, invece che passare ad appena 300 metri dal velivolo, il missile dell'esercito egiziano avrebbe potuto centrarlo in pieno. Il governo egiziano, sempre più in difficoltà, ha ammesso che il missile che già oltre due mesi fa aveva sfiorato ad appena 300 metri un aereo di linea in fase di atterraggio all'aeroporto di Sharm el Shei, era stato sparato per errore dai suoi soldati durante un'esercitazione. Elemento che aumenta le perplessità ed i dubbi sull'affidabilità delle forze armate egiziane, se loro stesse ammettono di aver rischiato di abbattere, seppur per errore, un aereo di linea britannico con 189 persone a bordo. Il 23 agosto scorso solo la perizia del pilota e del primo ufficiale evitarono un disastro ma non a questo punto, secondo il governo egiziano, un altro attentato nei cieli del resort egiziano, come quello che sabato scorso ha visto abbattere un Airbus A321 della russa Metrojet con 324 persone a bordo. Secondo quanto riferisce il Daily Mail e ha confermato il ministero dei Trasporti di Londa, un Boeing 737 della compagnia Thomson con 189 passeggeri a bordo venne sfiorato a soli 300 metri da un missile mentre era a bassa quota in avvicinamento, preparandosi ad atterrare a Sharm.
 
 
Turisti italiani in partenza Non rinunciano alla vacanza i 135 turisti italiani in partenza oggi, alle 14, da Roma Fiumicino con il primo volo per il mar Rosso, dopo il disastro dell'Airbus russo nel Sinai. Sessantanove di loro sono diretti a Sharm el-Sheikh, mentre 66 fanno sosta a Marsa Alam, sulla costa ovest del Mar Rosso. L'arrivo dell'aereo della compagnia Blue Panorama a Sharm el-Sheikh, dopo un primo scalo a Marsa Alam, è previsto per le 20.45 ora locale. Saranno le Forze Armate egiziane invece a farsi carico delle operazioni di rimpatrio delle decine di migliaia di cittadini russi bloccati nel Paese nordafricano. Dvorkovich ha definito adeguate le misure di sicurezza in vigore negli aeroporti di Mosca, verso i quali saranno indirizzati i rimpatriati. Frattanto la confederazione degli operatori turistici russi Ruti ha fatto sapere che saranno 13 le compagnie aeree coinvolte nelle operazioni di rimpatrio
 
 
Tensione in aeroporto Cresce la tensione all'aeroporto di Sharm El-Sheikh, in Egitto, dove i passeggeri stranieri in attesa di rientrare in patria devono fare i conti con i voli cancellati per motivi di sicurezza, ma anche con un inasprimento delle misure di sicurezza e di controllo. Un funzionario dello scalo racconta ad al-Ahram, a condizione di anonimato, che i controlli sui passeggeri e sui bagagli si sono fatti più accurati, dopo che l'intelligence britannica ha parlato della possibile esplosione di una bomba nella stiva dell'aereo russo precipitato sabato scorso a 23 minuti dal decollo e costato la vita a tutte le 224 persone a bordo. "I controlli sono diventati più rigorosi – ha detto il funzionario – È aumentato il numero degli impiegati per migliorare il processo di ricerca mentre le forze di sicurezza, polizia ed esercito, sono dispiegati in forza all'aeroporto per mantenere un alto livello di sicurezza". La tensione riguarda poi anche gli operatori del settore del turismo a Sharm El-Sheikh, dove si prevede un calo di arrivi, e quindi di introiti, per l'allarme sicurezza e per la decisione di molti Paesi, dalla Russia alla Turchia, dalla Gran Bretagna alla Francia, di sospendere i propri voli. "La preoccupazione principale è che l'incidente possa mettere a rischio il settore del turismo" ha detto ad al-Ahram il presidente del settore turismo della Camera di commercio del Cairo, Amary Abdel Aziz. "Speravamo che la stagione 2016 fosse migliore di quella del 205" ha aggiunto. Sono i turisti russi i più presenti in Egitto, il 60% degli stranieri che frequentano il Mar Rosso, ma ieri anche il presidente Vladimir Putin ha ordinato la sospensione dei voli dal suo Paese verso l'Egitto per motivi di sicurezza.
 
Aperta indagine su personale aeroporto E' stata aperta un'indagine su tutto il personale dell'aeroporto di Sharm el Sheikh che è entrato in contatto con l'aereo russo schiantatosi una settimana fa nei cieli del Sinai. Lo hanno annunciato funzionari dello scalo e della sicurezza egiziani all'Associated Press.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Caso Marò, è finita: chiusi tutti i procedimenti a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Corte Suprema indiana ha ordinato la chiusura di tutti i procedimenti giudiziari nel Paese a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due Marò coinvolti nella morte di due pescatori indiani nel 2012. Lo riporta il giornale indiano in lingua inglese The Hindu.

La Corte Suprema indiana aveva rinviato la chiusura del caso lo scorso 19 aprile perche’ l’indennizzo di cento milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro) che l’Italia doveva versare alle famiglie delle vittime non era stato ancora depositato.

Nel corso dell’udienza del 19 aprile, che era stata presieduta dallo stesso presidente della Corte – Sharad Arvind Bobde – il procuratore generale dello Stato, Tushar Mehta, aveva dichiarato che “l’Italia ha avviato il trasferimento di denaro”, aggiungendo però che la somma non era ancora disponibile. Il nove aprile scorso la Corte aveva deciso che il caso sarebbe stato chiuso solo dopo il deposito del risarcimento pattuito. I due militari erano accusati di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani, al largo delle coste del Kerala: i fucilieri, che erano impegnati in una missione antipirateria a bordo della nave commerciale italiana Enrica Lexie, videro avvicinarsi il peschereccio Saint Antony e, temendo un attacco di pirati, spararono alcuni colpi di avvertimento in acqua. A bordo della piccola imbarcazione, però , morirono i due pescatori Ajeesh Pink e Valentine Jelastine, e rimase ferito l’armatore del peschereccio, Freddy Bosco. Dopo un lungo contenzioso, nel luglio del 2020 il tribunale internazionale dell’Aja, che aveva riconosciuto “l’immunità funzionale” ai fucilieri, aveva stabilito che la giurisdizione sul caso spettava all’Italia e aveva disposto il risarcimento alle famiglie delle vittime.

“Chiusi tutti i procedimenti giudiziari in India nei confronti dei nostri due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Grazie a chi ha lavorato con costanza al caso, grazie al nostro infaticabile corpo diplomatico. Si mette definitivamente un punto a questa lunga vicenda”. Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Continua a leggere

Ambiente

Cina, paura per la centrale nucleare ma per le autorità tutto nella norma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Uno dei reattori EPR della centrale nucleare di Taishan, nel sud della Cina, ha fatto registrare “un aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario”, ha fatto sapere il gruppo francese EDF.

EDF, uno dei gruppi che ha partecipato alla costruzione dell’impianto, “è stata informata dell’aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario del reattore n.1 della centrale nucleare di Taishan, gestita dal TNPJVC, joint-venture di CGN (70%) e EDF (30%)”, si legge in un comunicato. Il circuito primario è un circuito sigillato che contiene acqua sotto pressione, che si scalda nella vasca del reattore a contatto di elementi combustibili.

Fra i gas cosiddetti “nobili” o rari, ci sono l’argon, l’elio, il krypton, l’argon o il neon

“La presenza di alcuni gas nobili nel circuito primario – precisa EDF – è un fenomeno noto, studiato e previsto dalle procedure di gestione dei reattori”. La tv americana CNN, sulla base di una lettera inviata da Framatome al Dipartimento per l’Energia americano, ha parlato di una possibile “fuga” nella centrale, dove ci sono due reattori EPR con tecnologia francese. Secondo la CNN, le autorità per la sicurezza cinesi avrebbero rilevato limiti “accettabili” di radiazioni all’esterno del sito per evitare di sospendere l’attività della centrale. 

Continua a leggere

Esteri

Salvaguardia dell’ambiente e interdipendenza al centro della Biennale di Helsinki

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dal 12 giugno al 26 settembre 2021

 “The Same Sea” (”Lo stesso mare”) è il tema della prima Biennale di Helsinki, in programma (pandemia permettendo) dal 12 giugno al 26 settembre 2021 a Vallisaari, un’isola al largo di Helsinki nel Mar Baltico. Un progetto che trae spunto proprio dall’ambiente naturale che ospiterà l’evento per proporre ai visitatori una riflessione sulla salvaguardia dell’ambiente e sull’interdipendenza.

L’edizione della Biennale di Helsinki, rinviata lo scorso anno a causa della pandemia, riusnisce 40 artisti finlandesi e stranieri e presenta, per oltre il 75%, nuove commissioni e opere “site-specific” create appositamente per essere inserite all’interno del meraviglioso contesto marittimo che le accoglie. I curatori Pirkko Siitari e Taru Tappola, curatori del Museo d’Arte di Helsinki (HAM), invitano a un dialogo tra artisti e collettivi provenienti da Finlandia, Australia, Cambogia, Germania, India, Giappone, Kenya, Lettonia, Polonia, Corea del Sud, Tailandia, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.  Mario Rizzi è l’artista italiano che rappresenta il nostro Paese.

Accogliendo sia i cittadini finlandesi che i visitatori provenienti da ogni parte del mondo, questo importante momento della traiettoria culturale di Helsinki afferma la sua posizione di capitale artistica e culturale: “Arte e cultura costituiscono una parte essenziale della storia di Helsinki. Riconosciamo come l’investimento nelle arti contribuisca positivamente allo sviluppo della città, ma anche direttamente al benessere dei nostri cittadini. La Biennale di Helsinki, aperta gratuitamente a tutti, provocherà e ispirerà il pubblico, affrontando importanti tematiche globali. Inoltre, la sua collocazione su un’isola conferirà all’esposizione un’allure unica di continuo scambio fra l’arte e la natura circostante“, commenta il sindaco di Helsinki, Jan Vapaavuori.

Le nuove commissioni abbracciano temi diversi che vanno dalle relazioni, alla natura, ai confini, alle identità, alle tracce umane, al tempo e all’empatia. Come manifestazione fisica dell’interconnessione, la grande costruzione in legno Quay 6 di Jaakko Niemelä accoglie i visitatori che sbarcano al molo nord di Vallisaari. Facendo riferimento allo scioglimento della calotta glaciale settentrionale della Groenlandia, la costruzione raggiunge i sei metri di altezza, rispecchiando l’innalzamento del livello del mare nel caso in cui il ghiacciaio dovesse scomparire completamente.

Christine e Margaret Wertheim portano il loro progetto Crochet Coral Reef a Helsinki, The Helsinki Satellite Reef, uno dei più grandi progetti scientifici e artistici partecipativi al mondo. Realizzata in plastica riciclata, compresi i sacchetti di plastica in disuso, la barriera corallina fatta a mano viene creata con gli abitanti di Helsinki, richiamando l’attenzione sugli ammassi di rifiuti in plastica che minacciano gli oceani.

Anche altre commissioni hanno coinvolto le comunità locali di Helsinki, come la collaborazione fra Paweł Althamer e la vicina Suomenlinna Open Prison for Seven Prisoners; un documentario in due parti e un film VR che invita gli spettatori a unirsi a sette detenuti (tra cui lo stesso Althamer) per una fuga dalla prigione, attraverso acque aperte e paesaggi mutevoli.

Attraverso l’uso di materiali riciclati, il Faro di Vallisaari di Tadashi Kawamata diventa un punto di riferimento temporaneo costituito da materiale trovato su Vallisaari. Situato in cima ad un vano ascensore simile a un bunker e innalzato fino a raggiungere diversi metri di altezza, il faro può essere visto da vari punti di osservazione in mare, dalla vicina isola di Suomenlinna e dal lungomare di Helsinki. Anche l’opera di Marja Kanervo attinge alle infrastrutture esistenti sull’isola. Lavorando in loco su tre piani del blocco A della Pilot House, gli interventi di Kanervo – forme e segni impressi nello spazio – si fondono con le tracce degli ex residenti, in bilico tra vita reale e finzione.

Posizionata all’esterno della Alexander Battery – una delle principali sedi della biennale – la scultura in grande scala di Laura Könönen rappresenta un’esplosione di frammenti di roccia rotti. L’opera, che appare come se le strutture fossero a un certo punto un solido completo, ci costringe a rivisitare le nostre idee di stabilità e permanenza. La scultura fa parte dell’opera più grande No Heaven up in the Sky, che sarà esposta in modo permanente nel parco Hyväntoivonpuisto di Helsinki dopo il 2020. Il grande dipinto in situ di Katharina Grosse maschera le pareti esterne dell’ex edificio scolastico di Vallisaari, convergente con il paesaggio circostante. Più che un dipinto convenzionale, il risultato del processo pittorico di Grosse è più simile a una scultura che emerge da una posizione geografica.

Facendo eco all’impegno della Biennale di Helsinki di ispirare il dibattito pubblico sul rapporto tra umanità e natura, l’Unità di ricerca BIOS istituirà la Stazione di ricerca di Vallisaari all’interno dell’ex deposito antincendio dell’isola. Ospitando seminari e conferenze di scienziati in visita durante tutta la biennale, il progetto del BIOS si concentra in particolare sulla connessione perduta e spezzata tra l’ambiente e l’economia.

Unendo l’isola marittima alla città, la Biennale di Helsinki estende la sua presenza anche alla terraferma; le opere di EGS, Janet Echelman, Janet Echelman, Rirkrit Tiravanija & Antto Melasniemi e Zodiak, oltre a una mostra personale di Gustafsson&Haapoja all’HAM (3 aprile-16 agosto 2020), saranno integrate da una speciale collaborazione con il Dipartimento d’Arte di Facebook. Inoltre, per tutta l’estate un programma di mostre, eventi, workshop e attività didattiche si concretizzerà nell’Helsinki Biennial Inspired.

Presenza italiana

Mario Rizzi (1962), artista audiovisuale e multimediale, pugliese che vive a Berlino, affronta ampi fenomeni sociali attraverso i ricordi collettivi e le storie individuali di emarginati sociali, spesso dimenticati o non raccontati. I film dell’artista sono ritratti umani di persone che sono lasciate fuori dallo sguardo occidentale.

Marco Rizzi

La guerra in Bosnia nei primi anni ’90 fu il primo contatto di Mario Rizzi (1962) con la cultura islamica. Si interessò alle persone che venivano facilmente raggruppate in un unico gruppo uniforme e percepite come estranee in relazione alla cultura occidentale. Per vent’anni, Rizzi ha interpretato il mondo islamico e la sua trasformazione. I suoi film hanno affrontato i movimenti politici emersi in Medio Oriente e Nord Africa nel 2010. Negli ultimi quindici anni, ha vissuto a lungo in Turchia seguendo il suo cambiamento sociale. Rizzi affronta temi di migrazione, nozioni di confine, questioni di identità e appartenenza per ritrarre ampi fenomeni sociali.. Come artista e regista, Rizzi interpreta le persone con un approccio umano. La vera connessione è al centro di ciò che fa, e ha trascorso molto tempo con i suoi soggetti, nelle loro case, nei campi profughi o ovunque vivano. La trilogia cinematografica di Rizzi BAYT è stata ispirata dalle memorie di Anthony Shadid (1968-2012) House of Stone, dove medita sull’esilio e sul desiderio universale di casa, che è ritenuto sacro in Medio Oriente. Nel primo film, Al Intithar (The Waiting), la casa è ridotta a una tenda in un campo profughi nel mezzo di un deserto giordano. Il film segue sette settimane nella vita della sua protagonista principale, Ekhlas, una donna instancabile che è fuggita dalla guerra siriana insieme ai suoi tre figli. Le tragiche ramificazioni della guerra si fanno sentire profondamente nella vita quotidiana della famiglia di rifugiati.

La prima parte della trilogia sarà proiettata nel blocco D della Pilot House sull’isola di Vallisaari.

HAM ospiterà le proiezioni dell’intera trilogia di Rizzi (2013-2019): Al Intithar / The Waiting (2013), Kauther (2014) e The Little Lantern (2019).

Vedi: rizziart.com

Maija Tanninen-Mattila, è direttrice della Biennale di Helsinki dal 2013

Pirkko Siitari è la responsabile delle mostre alla HAM, Taru Tappola, è curatrice della Biennale di Helsinki 2020. La Biennale di Helsinki è sostenuta dalla Città di Helsinki e dalla Fondazione Jane e Aatos Erkko.

https://helsinkibiennaali.fi/en/

Tutti gli eventi qui: event calendar

Instagram, Facebook e Twitter: @helsinkibiennial

Continua a leggere

I più letti