Connect with us

Sport

ALBALONGA CALCIO (GIOV. REG.), TALARICO TIRA LE SOMME: «IL BILANCIO È SICURAMENTE POSITIVO»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Albano Laziale (Rm) – Si chiude con un pareggio e con il quarto posto finale la stagione dei Giovanissimi regionali dell’Albalonga. Il gruppo di mister Francesco Talarico ha pareggiato per 1-1 sul campo della Virtus Nettuno nell’ultima giornata del suo campionato e in classifica ha finito immediatamente dietro le squadre salite sul podio. «Una partita che è stata la fotocopia di quella del girone d’andata – commenta Talarico -, quando subimmo in extremis il pareggio sugli sviluppi di un calcio piazzato. In questa occasione siamo andati avanti con un gol di De Stratis nel corso della prima frazione di gioco quando la squadra ha fatto qualcosa di più dell’avversario. Poi nella ripresa abbiamo preso all’ultimo assalto il gol dell’1-1: ma per quello che si è visto in campo, credo che il risultato di parità sia stato quello più giusto, come anche nella partita d’andata. Certo, la modalità con cui è arrivato l’1-1 in entrambe le occasioni ci ha lasciato un po’ di rammarico, ma bisogna accettare il verdetto del campo». I Giovanissimi regionali dell’Albalonga hanno terminato le gare ufficiali, ma non certo la stagione. «Ora inizierà tutta la fase dei tornei e ci alleneremo in maniera più “leggera” facendo un tipo di lavoro diverso. In ogni caso considero la nostra stagione sicuramente positiva: questo gruppo ricalca quello della passata stagione con un paio di elementi importanti che ci hanno lasciato eppure la crescita di questa squadra nel complesso è stata molto convincente. Potrebbe anche esserci qualche piccolo rimpianto per alcune occasioni non sfruttate, ma la classifica rispecchia quelli che sono i valori del nostro girone». Se dipendesse da Talarico, il futuro del tecnico sarebbe già chiaro. «Mi sono trovato benissimo in questa società e spero che si possa andare avanti. Approfitto per ringraziare anche pubblicamente il presidente Camerini, i direttori Bianchi e Tomei, ma anche tutti i dirigenti e i collaboratori che ci hanno aiutato durante questa stagione, oltre ai ragazzi per l’impegno e la dedizione che hanno messo nell’arco del campionato».
 

Sport

Pontone brilla al Mugello: buono l’esordio del pilota del M.C. Franco Mancini 2000

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Armando Pontone pilota cassinate, da anni in forza al Moto Club Franco Mancini 2000, nella gara d’esordio del National Trophy disputatasi domenica scorsa al Mugello, ha colto un ottimo risultato salendo sul terzo gradino del podio. Pontone ha disputato la gara in sella ad una Yamaha R6 allestita e curata dal team teramano Boike&Racing.

Subito dopo la gara lo abbiamo raggiunto telefonicamente ed Armando alla nostra domanda di un commento sulla gara ci ha così risposto:” Sono contento per questo podio, è un terzo posto soddisfacente anche se ho finito a pochi centesimi da Bolognesi che è arrivato secondo, ma la nostra moto pagava qualcosa in termini di velocità massima, diciamo che il campionato è lungo, ma è iniziato in maniera positiva e voglio cogliere l’occasione per ringraziare tutte le persone che mi sono state vicino.”

Il presidente del M.C. Franco Mancini 2000, Williams Alonzi, dopo aver visto la gara di Pontone ha così commentato:”Dopo le prove, dove Armando aveva fatto registrare il quinto tempo, io avevo già pronosticato un podio per lui, Armando lo conosco da tanto e so bene che se in prova ha dato il 100% in gara sarà capace di dare il 110% e così è stato, peccato solo che gli sia sfuggito il secondo posto per qualche centesimo, comunque ho visto un Pontone agguerrito ed in forma  e questo risultato in otiica campionato è molto importante”.

Ora l’appuntamento con Pontone ed il National Trophy è per il 16 maggio a Misano dove è in programma il secondo round ed è bene ricordarlo Armando l’anno scorso su questa pista fu autore di una gara bellissima.

Continua a leggere

In evidenza

Casarin e HP Sport RRT ancora vincenti a Val d’Enza nel tricolore autocross si confermano il binomio da battere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sul rinnovato tracciato di Val d’Enza Sportpark, HP Sport RRT e Davide Casarin hanno bissato il successo di Gattinara nel Gr. 5 ‘Superbuggy’ in occasione della seconda prova del campionato italiano velocità su terra (Autocross).

Il campione italiano in carica al volante del suo 4×4 Hosek Ford 2300T è stato autore di un finale di gara eccezionale sul tracciato dai grandi curvoni veloci con diversi cambiamenti di raggio.

Due gare e due successi per Casarin e HP Sport RRT, che si confermano il binomio da battere nella stagione 2021: “Abbiamo voglia di continuare a migliorare, siamo ambiziosi e per questo cercheremo di proseguire su questa strada per essere sempre più protagonisti, consapevoli del valore degli avversari e soprattutto che il cammino è lungo”. HP Sport RRT sul tracciato in provincia di Reggio Emilia schierava ben tre piloti, oltre al successo di Casarin, otteneva il terzo posto in Gr. 4 Buggy con Stefano Visentini (Elektra Bmw 1300) e l’affermazione in Gr. 1 Turismo 2000 con Pier Paolo Caputo (Peugeot 205).

Archiviato il secondo atto del tricolore velocità su terra in quel di Reggio Emilia, team e piloti si concentreranno sulla seconda edizione dell’Autocross di Vighizzolo d’Este in programma nel padovano dal 30 aprile al 2 maggio, gara valida anche per il Central Europe Zone CEZ-FIA.

Continua a leggere

Cronaca

Piediluco, lago. 35ima edizione del Memorial Paolo d’Aloja: la Marina Militare conquista 9 medaglie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

PIEDILUCO (TR) – Nuovo appuntamento internazionale per i canottieri della Marina Militare. Si è svolta nel week end, sulle acque del lago di Piediluco, la 35^ edizione del Memorial Paolo d’Aloja.

Alla manifestazione remiera internazionale ospitata dall’Italia hanno preso parte anche gli azzurri che sono stati protagonisti ai recenti campionati europei di Varese.

Tra questi anche gli atleti della Marina Militare: Giovanni Abagnale e Luca Parlato per la categoria senior e Gabriel Soares, Antonio Vicino per la categoria pesi leggeri. L’evento si è svolto nel rispetto delle normative anti covid.

Come ogni anno all’importante appuntamento internazionale hanno partecipato atleti italiani e stranieri. Oltre all’Italia presenti altre nove nazioni: Belgio, Benin, Cile, Costa d’Avorio, Francia, Marocco, Namibia, Tunisia, Zimbabwe. Presenti anche equipaggi societari stranieri come i belgi della Ligue Francophone d’Aviron ed i francesi dell’Union Nautique de Lyon. Le finali sono state trasmesse in diretta su RAI Sport.

Per la Marina Militare l’evento si è aperto con la vittoria di Giovanni Abagnale, già campione d’Europa lo scorso 11 aprile a Varese, sul quattro senza senior. Nella stessa gara secondo gradino del podio per Luca Parlato su equipaggio misto Italia. Oro per Gabriel Soares sul doppio pesi leggeri e Bronzo per Antonio Vicino nel Singolo Pesi Leggeri. I due marinai hanno inoltre conquistato l’argento sul quattro di coppia pesi leggeri. Il settore giovanile della Marina Militare ha vinto sul doppio juniores con a bordo Stefano D’Agostini e Krystian Maron che si sono imposti sull’equipaggio azzurro, dato per favorito.

“Dopo la medaglia conquistata ai campionati europei di Varese siamo tornati a gareggiare al Memorial D’Aloja per metterci nuovamente alla prova e testare il nostro stato di forma in vista delle prossime gare di Coppa del Mondo e dell’importante appuntamento con le Olimpiadi di Tokyo. Ringrazio la Marina Militare perché mi consente di allenarmi al meglio e di prepararmi ad affrontare queste entusiasmanti sfide fornendomi il supporto necessari” ha dichiarato Giovanni Abagnale.

La Marina Militare incentiva da sempre la pratica dello sport ed in particolare delle discipline remiere. Infatti gli atleti della Marina rappresentano una componente fondamentale della nazionale di canottaggio che sceglie anche le strutture della Forza Armata per i suoi allenamenti. Gli atleti militari possono fare dello sport una professione e ciò gli consente di rappresentare l’Italia in appuntamenti sportivi di massimo livello come i campionati europei, i mondiali e le olimpiadi portando lustro al proprio Paese e alla Forza Armata.

Continua a leggere

I più letti