Connect with us

Sport

Albalonga (calcio, serie D), Corsetti da urlo: «La mia prima tripletta, ci voleva proprio»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Albano Laziale (Rm) – Uno scatenato Claudio Corsetti ha consegnato la seconda vittoria stagionale all’Albalonga. La squadra di mister Fabrizio Ferazzoli ha sconfitto 4-1 il Flaminia e il protagonista assoluto è stato proprio l’esterno (o trequartista) classe 1986, autore di una splendida tripletta. «La prima della mia carriera – dice il giocatore che ha regalato tanti assist ai suoi compagni d’attacco nel corso degli anni – Un’emozione particolare, ringrazio Pippi (che ha realizzato il quarto sigillo degli azzurri, ndr) e Massella che mi hanno servito due palloni d’oro in occasione della seconda e della terza rete. Tra l’altro ho iniziato questa stagione con una assurda squalifica dopo l’ingiusta espulsione dalla panchina alla prima giornata contro il Città di Anagni, poi a Budoni ho subito un infortunio ad un dito e ho dovuto mettere i punti, quindi questi gol ci volevano proprio». Corsetti fa un’analisi più generale della gara. «Non abbiamo cominciato benissimo, non avevamo le giuste distanze tra i reparti e poi il terreno di gioco purtroppo non era in buone condizioni. Siamo riusciti ad andare in vantaggio e da quel momento abbiamo gestito bene la partita, anche se purtroppo un infortunio difensivo in disimpegno e un probabile fallo su Succi hanno portato al gol del momentaneo 1-1. Nella ripresa il Flaminia è rimasto prima in dieci e poi in nove uomini e noi abbiamo approfittato della situazione creando diverse occasioni e concretizzando la nostra superiorità». Corsetti ha propiziato anche il secondo dei cartellini rossi ospiti. «Carta lo conosco, non è un giocatore cattivo. Ma in quell’occasione l’entrata è stata molto dura e sono stato fortunato a non farli male: il rosso era sacrosanto». L’Albalonga tornerà in campo già domani per la sfida di Coppa col Savoia. «Sarà il nostro debutto in questa competizione visto che i primi due turni li abbiamo saltati per il precedente nostro impegno in Tim Cup e nel terzo non abbiamo giocato per la doppia squalifica comminata a Monterosi e Lupa Roma. Comunque ci teniamo a fare bene anche in Coppa: due anni fa arrivammo in finale e anche stavolta vogliamo giocarci le nostre carte». Corsetti parla anche della sua posizione in campo. «Sono un esterno di ruolo, ma l’anno scorso ho giocato quasi sempre da trequartista. Ci sono pro e contro in entrambe le posizioni, ma per me non fa differenza». Chiusura sulla classifica dell’Albalonga, leggermente attardata dal vertice. «Direi che ora è superfluo guardarla: forse ci mancano i due punti con l’Sff Atletico sfumati in extremis, ma siamo convinti che riusciremo ad essere protagonisti anche quest’anno».

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Uln Consalvo (calcio, Under 15 prov.), Aiuto: “La squadra è cambiata, ma può fare bene”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – L’Under 15 provinciale del Consalvo ha visto slittare l’inizio del campionato. A meno di comunicazioni diverse, infatti, l’ultimo decreto governativo ha una “copertura” fino a metà novembre e dunque l’avvio della stagione (programmato per il week-end del 7 e 8 novembre per questa categoria) dovrebbe slittare di una settimana. “Il problema per il gruppo è chiaramente quello di trovare stimoli – dice mister Emanuele Aiuto – Già disputando le amichevoli non sarebbe stato facile “attendere” l’inizio delle competizioni ufficiali, figurarsi senza. Ora che il decreto governativo ha impedito anche di giocare partite, anche durante gli allenamenti, la gestione è ancor più complicata. Ma questi nostri ragazzi hanno capito la situazione e la stanno metabolizzando al meglio, anche perché hanno una compattezza di squadra straordinaria che arriva da diversi anni trascorsi insieme e quindi la risposta al momento è positiva”. Con le nuove disposizioni, cambia parzialmente anche il modo di fare allenamento: “Al momento non possiamo far fare ai ragazzi esercitazioni di “contatto”, quindi anche nel lavoro tattico bisogna modificare qualcosa. Ma non possiamo fare altrimenti e speriamo che la situazione possa normalizzarsi al più presto”. Aiuto parla della “genesi” del gruppo Under 15 a sua disposizione: “La squadra è un po’ cambiata rispetto a quella che ha fatto benissimo nella passata stagione, interrotta quando eravamo al secondo posto a soli due punti dalla vetta – dice l’allenatore – Qualche elemento lo abbiamo perso e probabilmente la rosa è meno omogenea dal punto di vista della copertura dei ruoli, ma quello mi spaventa poco e sto cercando soluzioni alternative. Il passaggio alla categoria Under 15, inoltre, implica una più probabile presenza di avversari “fisici” e quindi alcuni valori potrebbero modificarsi. Comunque i ragazzi si allenano con impegno e costanza agli ordini del neo preparatore atletico Stefano Fiori e sono convinto che potranno fare un buon campionato” conclude Aiuto.

Continua a leggere

Calcio

Colleferro, Di Placido: “Il lavoro della nostra Scuola calcio va avanti, ecco come procediamo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – L’ultimo decreto governativo ha creato un po’ di incertezze sull’attività di base. Il Colleferro, che sin dall’inizio ha seguito con scrupolo rigoroso tutte le indicazioni del protocollo della Figc, è andato avanti per la sua strada e nel quartier generale del centro sportivo “Di Giulio” i piccoli gruppi rossoneri stanno continuando ad allenarsi. “L’unica differenza fondamentale rispetto a quanto accadeva fino a pochi giorni fa è il fatto che dai 2009 in giù non si possono (al momento) fare partitine e avere contatti di nessun tipo – rimarca il responsabile dell’intero settore giovanile Luca Di Placido – La grande soddisfazione di questi primi giorni è che, dalle parole dei nostri bimbi, capiamo che non sta mancando loro la classica “partitina”: l’abbiamo momentaneamente sostituita lavorando anche con la fantasia e proponendo tanti esercizi basati sulla tecnica individuale e sulla coordinazione motoria. Proprio negli ultimi giorni, tra l’altro, la Figc ha scelto la nostra società e altre che hanno il titolo di Scuola calcio d’Elite per l’avvio di un progetto tecnico-motorio molto importante che comporterà la visita periodica di tecnici della Federazione presso il nostro centro sportivo. Sarebbe davvero ingiusto interrompere l’attività di società come la nostra che hanno portato avanti gli allenamenti del settore giovanile attraverso tanti investimenti e un rigoroso rispetto delle regole e mi riferisco ad esempio alla continua sanificazione degli ambienti, dei palloni e delle casacche”. Nonostante le problematiche legate al Covid, il settore di base del Colleferro ha “tenuto botta” a livello di iscrizioni e partecipazione: “Una piccola frenata c’è stata, ma è dovuta principalmente al timore delle famiglie per il virus e la gestione governativa del settore sportivo – dice Di Placido – Portiamo avanti con orgoglio l’attività dei nostri gruppi del settore di base e, ad esempio, stiamo lavorando per preparare gli Esordienti 2008 al salto nella futura categoria Under 14 regionale”.

Continua a leggere

Calcio

Sporting Ariccia (calcio, Eccellenza), il dg De Rossi: “La squadra è viva e la stiamo rinforzando”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Ariccia (Rm) – E’ arrivata a un passo dalla prima (meritata) vittoria in Eccellenza. Lo Sporting Ariccia ha subito la beffa del pari al 94esimo del match sul campo dell’Audace, capace di rimontare i castellani sul 2-2 in un finale pieno di “dubbi”. Dopo le reti di Anastasio e Fabiani, infatti, i ragazzi di mister Eliano Trinca avevano messo una seria ipoteca sui tre punti, ma nel giro di pochi minuti è cambiato tutto: prima un “gol-non gol” con un tiro finito sulla traversa e rimbalzato (secondo l’arbitro e l’assistente) oltre la linea di porta ariccina, poi al 94esimo un rigore parso davvero inesistente. “Un errore sicuramente pesante che però dobbiamo accettare – dice il direttore generale Marco De Rossi – L’arbitro aveva anche una visuale perfetta ed evidentemente non ha valutato bene il contatto, ma come sbagliano dirigenti, tecnici e calciatori, può accadere anche ai direttori di gara. Noi ci teniamo stretti un’altra buona prestazione dei ragazzi che conferma l’ottimo lavoro fatto in queste settimane anche dallo staff tecnico: siamo convinti che, continuando su questa strada, la prima vittoria non tarderà ad arrivare”. E la società, che da pochi giorni ha registrato l’ingresso del neo presidente Paolo Catalucci e del consigliere Manlio Toti (oltre che dello stesso De Rossi) i quali hanno affiancato i “componenti storici” della dirigenza del club (Luciano Barberi, Franco Del Prete, Orlando Moroni e Tony Alberto Marinangeli), vuole testimoniare la sua vicinanza al gruppo: “Nelle scorse ore abbiamo completato il tesseramento dei gemelli Francesco e Lorenzo Laudati, entrambi ex Albalonga e rispettivamente difensore centrale ed esterno – spiega il direttore generale – Ma non è finita qui perché prima della chiusura del mercato (il prossimo 31 ottobre, ndr) dovrebbero firmare altri giovani elementi con un’esperienza di prima squadra significativa: un modo per aumentare le soluzioni a disposizione di mister Trinca”. Domenica prossima lo Sporting Ariccia ospiterà l’Atletico Lodigiani, altra compagine di ottimo livello: “Ma continuando a giocare come stiamo facendo, possiamo mettere in difficoltà tanti avversari” conclude De Rossi.

Continua a leggere

I più letti