Connect with us

Calcio

Albalonga (calcio, serie D), Di Cairano: “La classifica? Bella, ma al momento non serve guardarla”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Albano Laziale (Rm) – L’Albalonga ha trovato domenica scorsa la prima vittoria esterna stagionale. E’ accaduto sul campo dell’Aquila Montevarchi, sconfitta per 1-0 grazie ad un gol in avvio di ripresa di Davide Di Cairano. Il centrocampista classe 2000, arrivato due anni fa dal Monte Grotte Celoni con cui aveva disputato un campionato di Eccellenza, è al primo sigillo in assoluto con la maglia azzurra. “La dedica? Direi a me stesso, ma al di là della soddisfazione personale sono contento che l’Albalonga abbia conquistato tre punti importanti”. E meritati, secondo l’analisi dello stesso centrocampista. “Abbiamo preparato anche questa partita nel dettaglio, come fa sempre mister Mauro Venturi. Loro sono rimasti in dieci alla fine del primo tempo, ma noi già in parità numerica avevamo sfoderato una buona prestazione. Il gol è stato frutto di un tiro non perfetto di Cardillo che è diventato il miglior assist per me, poi abbiamo gestito bene il vantaggio e portato a casa un’altra preziosa vittoria”. L’Albalonga è quarta in classifica nel girone E di serie D, a due soli punti dalla vetta. “La classifica fa piacere, ma al momento è inutile guardarla perché mancano ancora tantissime partite da giocare. Non abbiamo obiettivi precisi, ma solo l’idea di andare in campo gara dopo gara per cercare di fare il massimo”. Di Cairano è stato tra le poche note liete della stagione scorsa della formazione azzurra e, con i tre tecnici che ha avuto, ha quasi sempre trovato spazio tra i titolari. “Devo ringraziare tutti gli allenatori che ho avuto qui all’Albalonga perché mi hanno dato sempre fiducia e da ognuno ho imparato qualcosa. Ma so bene che c’è ancora tanto da lavorare”. Nel prossimo turno i castellani ospiteranno il Trestina che al momento ha solo un punto in meno in classifica. “Non conosciamo benissimo i prossimi avversari, ma il mister e il suo staff ci sapranno sicuramente dire qualcosa in settimana. Vogliamo cercare di allungare questo buon momento positivo” conclude Di Cairano.

Commenti

Calcio

Palestrina (calcio, Eccellenza), la carica del ds Pistolesi: “Dobbiamo dare tutti qualcosa in più”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Palestrina (Rm) – Il Palestrina è tornato al successo. Dopo il k.o. infrasettimanale nel “particolare” recupero sul campo del Pontinia (in cui si è giocato “solo” il secondo tempo dopo la sospensione per maltempo di fine gennaio), la formazione di mister Stefano Scaricamazza ha violato il campo del Formia con un prezioso 3-1 firmato dai sigilli di Grizzi, Pagliaroli e Di Mario. Il direttore sportivo Francesco Pistolesi fa il punto della situazione: “Con il risultato positivo di domenica contro il Formia chiudiamo una settimana intensa che ci ha visto giocare tre partite molto impegnative, di cui due fuori casa e una tra le mura amiche. Io sono sempre positivo e guardo i numeri che sono sempre quelli più interessanti e dicono la verità in questo sport: il nostro cammino dal primo dicembre ad oggi è buono, ma non basta per stare nelle due posizioni che contano quindi bisogna dare tutti qualcosa in più a partire dal custode fino ad arrivare alla società, solo così possiamo ambire a riprendere le squadre che abbiamo davanti”. Il Palestrina, insomma, ha tutte le intenzioni di essere protagonista nel girone B di Eccellenza: “Tutti noi siamo consapevoli del lavoro che stiamo facendo, ma bisogna alzare l’asticella con molta calma, grande equilibrio e tanta determinazione in più” spiega ancora il direttore sportivo che poi guarda avanti. “In settimana, per la prima volta durante la stagione, avremo tutta la rosa al completo con i rientri in gruppo di Giovanni Cristofari e Turmalaj che erano fermi da diversi mesi. I ragazzi sono consapevoli di ciò che dobbiamo fare per alzare la mira: il campionato sarà incerto fino all’ultima giornata e chi avrà costanza andrà in serie D” conclude Pistolesi. La formazione arancioverde ora preparerà l’importante match interno di domenica prossima contro il Casal Barriera, terzo con un punto di vantaggio sui prenestini.



Continua a leggere

Calcio

Albalonga (calcio, serie D), Di Biasio e la tensione dell’esordio: “Sentivo un po’ di pressione”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Albano Laziale (Rm) – L’esordio da titolare non è stato fortunato a livello di risultato finale. Ma Francesco Di Biasio, giovane portiere classe 2000 in forza all’Albalonga, è stato autore di una discreta partita nel match interno perso per 1-0 dagli azzurri contro il Foligno. “Il gol decisivo? L’ha piazzata bene e potevo fare poco. Magari se avessi anticipato il tuffo avrei avuto qualche possibilità in più di deviarla”. L’estremo difensore, che l’anno scorso ha giocato con la Berretti dei campani della Cavese e che ha fatto il suo esordio assoluto in un campionato maggiore, racconta la sua vigilia: “Sono arrivato qui all’Albalonga dopo un periodo di stop per un brutto infortunio. Inoltre qui ho trovato un portiere di grandissimo livello come Valerio Frasca che tra l’altro è pure il capitano. Sapevo a cosa andavo incontro anche se ovviamente a tutti i giocatori piacerebbe avere spazio. Lo stesso Valerio mi ha caricato prima di questa sfida al Foligno e questo mi ha fatto molto piacere: non nascondo che la tensione per questa gara da titolare s’è fatta sentire, ma alla fine è andata abbastanza bene a livello personale anche se non è arrivato un risultato positivo per la squadra”. Di Biasio commenta più in generale il match col Foligno: “Abbiamo giocato un bel primo tempo in cui ci è mancata un po’ di concretezza sotto porta. Nella ripresa gli avversari, senza strafare, hanno approfittato di un nostro leggero calo e hanno vinto la partita, nonostante i nostri sforzi nel finale”. Il pareggio del Grosseto e il k.o. del Monterosi hanno aumentato il rammarico in casa Albalonga: “Sicuramente dispiace, ma come ci dice il mister noi dobbiamo provare a difendere la posizione attuale che varrebbe un posto ai play off. D’altronde il nostro obiettivo iniziale era quello di centrare una tranquilla salvezza e quindi stiamo facendo cose importanti” tiene a ribadire Di Biasio. L’Albalonga preparerà il match del prossimo turno sul campo del Tuttocuio e, numeri alla mano, sembra quasi un bene giocare fuori casa per il gruppo di mister Mauro Venturi: “In casa troviamo avversari più chiusi e, se non sblocchiamo le partite, facciamo più fatica. In trasferta abbiamo fatto un numero maggiore di prestazioni importanti come ad esempio è stato nel giorno della vittoria a Grosseto”.



Continua a leggere

Calcio

Vicovaro (calcio, Promozione), da Lillo junior gol per… papà: “I play off sono raggiungibili”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Vicovaro (Rm) – Il calcio, a volte, sa raccontare favole davvero particolari. Quello che è accaduto a Mattia Lillo, esterno offensivo classe 2000 in forza al Vicovaro, è sicuramente tra queste. Il talentuoso atleta aveva avuto poco spazio in questa stagione, poi martedì scorso la società ha (ri)affidato la panchina a papà Gianluca (che tra l’altro era stato allenatore arancioverde già all’inizio della scorsa stagione). Mattia è tornato titolare e in due partite ha segnato altrettanti gol fondamentali per la formazione del presidente Pierangelo Maugliani: prima l’1-1 in Coppa che ha scacciato gli incubi di un’eliminazione e ha spalancato le porte per le semifinali, poi l’1-0 con cui il Vicovaro si è imposto nientemeno che sul campo della vice capolista Sant’Angelo Romano: “Mi sono tolto dei sassolini, anzi dei sassi – sorride Mattia Lillo – Finora avevo giocato solo tre partite da titolare e chiaramente non potevo essere soddisfatto. Aver fatto queste due reti, oltretutto dopo il ritorno di mio padre in panchina, non può che riempirmi di soddisfazione. Ma la strada da percorrere è ancora lunga”. Lillo junior parla del match di domenica scorsa: “Abbiamo giocato la miglior gara stagionale e lo abbiamo fatto senza giocatori del calibro di Pietrangeli, Loreti e Tajani. La squadra, però, ha quasi sempre tenuto il pallino del gioco in mano, al di là degli ultimi dieci minuti che sono stati un po’ sofferti anche perché di fronte avevamo un’ottima compagine”. Il Vicovaro ora è a otto lunghezze dallo stesso Sant’Angelo e dal Riano che sono appaiate al secondo posto: “Il discorso per i play off è complicato, ma noi tutti ci crediamo fortemente”. E’ chiaro che di errori se ne potranno commettere pochi: “Rimangono trenta punti in palio e l’obiettivo del nostro gruppo è quello di provare a fare bottino pieno”. Il primo avversario nella lunga volata finale è lo Zena Montecelio: “Una squadra che, forse a causa di qualche infortunio, è reduce da un periodo non brillantissimo. Ma nella parte iniziale del campionato era ai vertici e questo testimonia l’alto livello tecnico del suo organico. Dovremo fare attenzione, ma vogliamo dare il massimo” conclude Lillo.



Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it