Connect with us

Calcio

Albalonga (calcio, serie D), il rimpianto di Casimirri: “Il pari col Flaminia? Ci va un po’ stretto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Albano Laziale (Rm) – L’Albalonga torna dalla sfida sul campo del Flaminia con un 2-2 che lascia qualche rimpianto. Sembra questo (anche) lo stato d’animo di Andrea Casimirri, attaccante esterno classe 1990 che ha siglato su calcio di rigore il momentaneo gol del 2-1 prima del definitivo pareggio civitonico a circa un quarto d’ora dal termine. “Abbiamo giocato contro una squadra valida che può contare su atleti importanti come i miei ex compagni Nohman e Boldrini, ma siamo partiti bene e nel complesso probabilmente avremmo meritato di più: il pareggio ci va un po’ stretto anche per il modo sfortunato in cui abbiamo subito il 2-2, ma evidentemente ci è mancato qualcosa per riuscire a portare via i tre punti”. Dopo la prima rete firmata da Cardillo, il Flaminia ha pareggiato i conti prima dell’intervallo, poi il nuovo vantaggio ospite con Casimirri e definitivo 2-2 locale. “Credo che ci siano stati dei passi in avanti rispetto alla gara vinta nella prima giornata contro il Grassina” sottolinea Casimirri che sente la fiducia e il “peso” delle incombenze che l’Albalonga gli ha affidato. “Mi piace prendermi le responsabilità, le ritengo molto stimolanti: tra l’altro sono anche il giocatore “più anziano” di questa squadra che comunque ha l’età e l’esperienza giusta per giocare in questa categoria” spiega l’ex giocatore di Aprilia e Trastevere. Nelle prime due partite, gli attaccanti dell’Albalonga si sono già sbloccati considerando pure il gol di Louzada all’esordio. “Ma questa squadra non è valida solo nel reparto offensivo e sono convinto possa fare bene in questo campionato. Conosco poco il valore delle squadre non laziali, ma in serie D bisogna sempre sudare con tutti gli avversari”. Nel prossimo turno l’Albalonga ospiterà il neopromosso Pomezia. Casimirri sfiorò l’approdo nel club pometino diversi anni fa. “Erano i tempi della C2, mi allenai lì per circa un mese e poi per problematiche societarie non firmai. Il Pomezia attualmente è una buona squadra e sarà un’altra battaglia”. Il suo legame con mister Mauro Venturi è stato fondamentale per approdare all’Albalonga. “Con lui ho vissuto le mie migliori stagioni realizzando 16 reti sia in Eccellenza che in serie D. Abbiamo un carattere simile e con lui c’è una stima reciproca, ma penso che mi ritenga in primo luogo un calciatore valido ed è per questo che mi dà tanta fiducia”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Tor de’ Cenci (calcio, I cat.), Petruzzi nuovo supervisore: “Questo club tornerà su ottimi livelli”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma (Rm) – Il Tor de’ Cenci continua a rafforzare la propria struttura societaria. E’ di qualche ora fa l’annuncio dell’accordo con Fabio Petruzzi che ricoprirà il ruolo di supervisore dell’area tecnica. L’ex giocatore della Roma (tra le altre) lavorerà a stretto contatto col direttore generale Manuel Delle Chiaie e si occuperà dello sviluppo del progetto sportivo, della crescita e valorizzazione dei giovani del club capitolino. “Ho conosciuto Manuel lo scorso anno alla Virtus Divino Amore (dove Petruzzi ha allenato, ndr) e sono rimasto in buoni rapporti con lui e con gli altri dirigenti della Virtus che ho ritrovato qui al Tor de’ Cenci, dove conosco già bene il vice presidente Antonio Pinna. Mi sono messo a disposizione della società nel pieno rispetto di tutti i ruoli, entro in punta di piedi e darò consigli seguendo in particolare i ragazzi di questo club e lavorando gomito a gomito col dg Delle Chiaie. Il Tor de’ Cenci è una realtà storica che sta cercando di tornare ai livelli che le competono e ci sono progetti importanti per riuscire a farlo”. Petruzzi aveva cominciato la stagione come allenatore dell’Atletico Lodigiani in Eccellenza: “Purtroppo ho dovuto lasciare per problemi di orari, incompatibili con i miei impegni. Ma questo non vuol dire che, se capitasse un’opportunità per tornare in panchina, non la valuterei. L’impegno sarebbe assolutamente compatibile con il ruolo di supervisore che svolgerò nel Tor de’ Cenci: gli accordi con la società sono chiari”. Molto felice anche il direttore generale Delle Chiaie che ha accolto Petruzzi con belle parole: “Sono felice che Fabio abbia accettato la nostra proposta. Il suo ingresso porterà all’interno della società quella professionalità e preparazione necessaria per fare grandi cose. Era il tassello che ci mancava, ma che mancava principalmente ai nostri ragazzi”.

Continua a leggere

Calcio

Palestrina (calcio, Eccellenza), Di Mario fa per due: “Era importante iniziare bene in campionato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Palestrina (Rm) – Il Palestrina ha cominciato la stagione nel migliore dei modi. Dopo il successo esterno di Coppa Italia contro il Tor Sapienza per 2-0, la formazione del patron Augusto Cristofari ha piegato per 3-0 il Real Rocca di Papa nel match interno giocato a San Cesareo (per l’indisponibilità dello “Sbardella”) e valido come primo turno di Eccellenza. Tra i protagonisti anche l’attaccante classe 1991 Alessandro Di Mario, capace di sfruttare gli assist di Binaco (andato pure a segno su punizione) e di Damiani e di segnare una bella doppietta all’esordio: “Vincere e segnare due gol è davvero il massimo per un attaccante, sono molto felice” dice la punta che poi analizza il match coi neopromossi castellani. “Già il primo tempo era stato confortante: abbiamo tenuto bene il possesso del pallone, creando delle buone opportunità. Nell’intervallo ci siamo detti di provare a chiudere il discorso e non lasciare il risultato in bilico. Così siamo tornati in campo con grande determinazione e abbiamo segnato il gol del 2-0 con Binaco che ha rappresentato una bella mazzata per gli avversari, poi Damiani mi ha servito il perfetto assist del 3-0 con cui si è conclusa la partita”. Di Mario parla dei risultati sorprendenti usciti ieri: “Onestamente non immaginavo che Unipomezia e Tivoli potessero pareggiare le loro partite interne, ma questa è la dimostrazione che in Eccellenza nessuno ti regala nulla. Anche per questo siamo felici di aver iniziato la stagione col piede giusto sia in Coppa Italia che in campionato”. L’attaccante analizza il tipo di stagione che dovrà fare il Palestrina: “Concordo col mister, bisognerà pensare a piazzarsi prima di tutto tra le prime otto. Questa squadra può contare su un forte spirito di gruppo e bisognerà vedere come cresceranno i giovani interessanti che abbiamo in rosa, ma ci sono le condizioni per fare un buon campionato. Ho scelto di rimanere in questo club perché mi trovo benissimo con società, staff tecnico e compagni di squadra, spero di togliermi nuove soddisfazioni con tutti loro”. Domenica prossima il Palestrina farà visita all’Anzio, sconfitto all’esordio sul campo dello stesso Tor Sapienza: “Secondo me i tirrenici sono tra i possibili protagonisti di questo torneo e poi giocare su quel campo non è mai semplice. Dovremo prepararci al meglio e sfoderare un’altra prestazione di ottimo livello per uscire con i punti da quella sfida” conclude Di Mario.

Continua a leggere

Calcio

Città di Cave Academy (calcio, II cat.), il vice Daniele Flavi: “Da Giacchè posso imparare tanto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Cave (Rm) – Prosegue il lavoro di preparazione della Seconda categoria del Città di Cave Academy che il prossimo 25 ottobre esordirà nel nuovo campionato. I ragazzi di mister Emanuele Giacchè possono contare su uno staff di tutto rispetto che, oltre ad un tecnico che è reduce da tanti successi nel calcio dilettante da giocatore, annovera anche altri personaggi di spessore. Uno di questi è Daniele Flavi, il “vice” di Giacchè che pochi giorni fa ha ottenuto il patentino Uefa C: “Sono molto legato ad Emanuele di cui sono stato a lungo tifoso quando era calciatore – sorride Flavi – Da settembre del 2019 abbiamo intrapreso questo percorso insieme con i bambini del Città di Cave Academy, poi a dicembre è capitata l’opportunità di prendere la prima squadra e così l’ho seguito “coi grandi”. Cosa penso di Giacchè? Da giocatore è anche superfluo parlarne, la carriera parla per lui. Da tecnico, secondo me, potrà fare cose importanti perché questo è assolutamente il suo mondo. Ovviamente c’è sempre da crescere e migliorare, ma sono sicuro che si saprà aggiornare costantemente”. Anche Flavi, avendo preso il patentino Uefa C, ha dimostrato di voler intraprendere questo tipo di percorso: “Ma in questo momento il mio interesse maggiore è quello di affiancare Giacchè: sono convinto che al suo fianco posso imparare tanto”. Buone sensazioni gliele trasmette anche il gruppo della Seconda categoria del Città di Cave Academy: “Una squadra composta da amici e ragazzi del territorio. Già l’anno scorso eravamo arrivati vicini alle posizioni di vertice e quindi anche nel nuovo campionato cercheremo di essere protagonisti. D’altronde li seguiamo come fossero professionisti, con la massima attenzione e con un grande impegno”. Lo stesso che impiega la società e in particolare il dirigente responsabile della prima squadra Fabio Scarozza: “Un grandissimo appassionato che non fa mancare nulla al gruppo e allo staff tecnico. Ci sono tutte le condizioni per fare bene in questa stagione” conclude Flavi.

Continua a leggere

I più letti