Connect with us

Roma

ALBANO LAZIALE: ALBAFOR E QUELL'INSPIEGABILE TRACOLLO

Clicca e condividi l'articolo

Da parte dell'azienda non sembra esserci all'orizzonte un piano di rilancio della società, ne tantomeno azioni da parte dei vertici che prevedano il coinvolgimento delle professionalità presenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Alba Circari

La crisi economica di oggi sicuramente non risparmia nessuno, ma nel caso della società Formalba (ex Albafor) si palesa una netta difficoltà di gestione che non sembra direttamente proporzionale al momento contingente e alle gravi problematiche in cui versa la società.
Un' azienda che un tempo, a detta di molti, era il fiore all'occhiello della Città di Albano Laziale. La società è nata nel 2002 per un obbligo normativo dell'epoca, prendendo il testimone dal piccolo CFP (centro di formazione professionale di Albano). Negli anni è stata chiamata da Regione Lazio e Provincia di Roma per i salvataggi del personale ENFAP, IRIPA E IAL CISL. Quest' ultime erano società in liquidazione ed Albafor si rese disponibile a salvare l'occupazione in esubero delle stesse. Nel 2008 il fatturato della società era più che triplicato giungendo a circa 7 milioni di euro, assorbendo circa 100 dipendenti dai suddetti enti in sofferenza (circa il 65% del personale impiegato) e mantenendo i 30 dell'iniziale CFP, per un totale di 130 dipendenti.
La storia degli ultimi anni è semplice, nel 2009 l'Albafor chiudeva il suo bilancio annuale con oltre 9 milioni e mezzo di euro di finanziamenti e il personale era cresciuto fino a 170 dipendenti. Ci furono, in quell'anno, certamente molte assunzioni a tempo indeterminato. Di queste, molte furono stabilizzazioni di contratti a tempo determinato che duravano da anni e alcune assunzioni furono fatte attingendo dall'albo derivante da una selezione effettuata nel 2008 e ripetuta nel 2009. Quel personale costava alla società una somma compatibile con i dettami normative delle società di formazione in rapporto con gli oltre 9 milioni e mezzo di euro finanziati. Ancora nel 2010 la società sosteneva il carico occupazionale ed era la prima società pubblica del Lazio per ore erogate di obbligo formativo (oltre 1000 ragazzi formati annualmente). Fino a quell'epoca non era mai saltato uno stipendio e la società era un modello nel mondo della formazione.
Non ci è dato sapere, come sia stato possibile che, in coincidenza con il cambio dell'amministrazione comunale di Albano a maggio 2010, si sia arrivati ad un drastico dimezzamento dei finanziamenti regionali ed europei e all'avvio nel 2011, appena un anno dopo, della prima procedura di licenziamento collettivo.

Possiamo cercare di comprendere la dinamica dei fatti, snocciolando alcuni dati a partire dall'anno 2011:

Per meglio inquadrare la situazione rivolgiamo qualche domanda ad alcuni dipendenti dell'azienda che preferiscono mantenere l'anonimato.

Attualmente qual è la situazione stipendi ?

“Ad oggi l’ultimo stipendio pagato è quello di settembre 2014, malgrado sia stato incassato circa il 70% dell'anticipazione dei fondi regionali (circa 1.340.000 €). La rimanente tranche del 30% (circa 500 mila euro) é in questi giorni all’incasso. Ad oggi, oltre a quanto detto, la società dovrà incassare solo il 10% a saldo nel mese di dicembre 2015. Riflettendo sul fatto che i lavoratori debbono ricevere ancora tre mensilità per l'anno 2014 e altre 12 nell'anno in corso non si riesce a comprendere il piano finanziario di rientro sul salario arretrato che sta mettendo in campo il management societario”.

Quali azioni sono state intraprese dalla Società per garantire il lavoratore?

“Siamo stati posti in mobilità, contratti di solidarietà difensiva, CIG , tutte soluzioni momentanee che non possono rappresentare una soluzione definitiva”.

Come avete reagito a tutto questo?

“Sono stati ridotti gli stipendi, ma nonostante ciò i dipendenti hanno garantito la loro professionalità, abbiamo dovuto ascoltare inviti poco nobili da parte dei vertici quali: “cercatevi un altro lavoro”, “ancora a chiedere il pagamento dello stipendio”, “ringraziate che ancora lavorate, lo stipendio non è primario”. E magari fossero state espresse almeno con questo garbo.
All’improvviso, e fortunatamente spesso senza seguito, vengono chiamati dipendenti ai quali si comunica di imminenti trasferimenti anche a più di 50 km senza nessuna giustificazione di tipo professionale, così come se lanciando i dadi fosse uscito il proprio nome. Ricordiamo bene quando durante l'ultimo consiglio comunale in cui si parlava della società, in una riunione con i ns vertici sindacali, il Sindaco aveva detto che non avrebbe spostato il personale e qualora lo si fosse ritenuto necessario, la distanza tra la vecchia sede e quella di eventuale spostamento avrebbe dovuto essere minima. Ma con una situazione così drammatica, il Sindaco come fa a dormire la notte?”

C'è stata una revisione della pianta organica della società?

“La pianta organica dal 2011 cambia di continuo, addirittura a distanza di un anno, stesso socio unico, stesso amministratore delegato (liquidatore), stesso direttore del personale é cambiata 2 volte senza apparente motivo. In meno di 10 mesi la pianta organica viene rivista come se l’azienda avesse modificato attività o linee produttive, non riusciamo a capire cosa sia accaduto. A dicembre di un anno fa ci è stato raccontato che diminuendo i livelli degli amministrativi si sarebbe risolto ogni problema. Poi abbiamo scoperto che un nono livello è ancora a carico dell’azienda, alcuni per gli stessi motivi sono stati licenziati, ad alcuni è stato chiesto di passare dal sesto al quinto, salvo poi oggi dichiarare che i quinti non servono all’azienda.”

A questo punto abbiamo visto i bilanci dal 2009 al 2013 e vi abbiamo trovato un dimezzamento dei finanziamenti ottenuti, come se si fosse interrotto all'improvviso il rapporto tra il comune di albano, la provincia e la regione. È ovvio che un occhio malizioso potrebbe leggervi l'ascesa di un management incapace e una gestione allegra dei conti ma tant'è.

A questo punto viene da chiedersi se la società abbia provveduto a predisporre un piano di riduzione dei costi mantenendo alta l’attenzione a quei costi che invece potrebbero aumentare il fatturato se destinati ad investimenti ad esempio utilizzando tutte le varie professionalità presenti in azienda.
Viene da chiedersi inoltre:
Perché, nonostante le prerogative definite dell'art. 5 della Legge 223, l’azienda ha applicato solo i criteri al punto a) carichi di famiglia e b) anzianità, senza tener conto del punto c) esigenze tecnico-produttive ed organizzative tenendo conto delle professionalità. Inoltre anche rendendo giustamente prioritari i carichi di famiglia non è stata valutata la condizione di capofamiglia monoreddito dipendente della società.
Perché la società ha invece operato facendo dei voli pindarici e spacchettando terzi e quinti livelli un po’ qui, un po’ lì nella graduatoria?
Perché ha considerando superflui i quinti livelli considerando sufficienti i direttori anche a svolgere il loro lavoro, salvo poi stabilire che, per un solo direttore ciò non era valido e per costui bisognava salvare 2 quinti livelli?
Perché non ha considerato le attività realmente svolte in azienda da tempo (e quindi autorizzate) facendo così divenire docente chi non lo è mai stato e ha trasformato livelli operativi in amministrativi magari con il solo intento di salvare qualcuno dall'esubero?

I carichi di famiglia e l’anzianità sono criteri sicuramente importanti nella determinazione delle precedenze, ma è strano come un’azienda non riconosca il valore etico a quei dipendenti che nonostante la situazione così critica abbiano continuato a recarsi sul posto di lavoro, ormai a proprie spese visto il ritmo dei pagamenti, con abnegazione e permettendo così il prosieguo delle attività.

Molto spesso i dipendenti hanno offerto la loro collaborazione all’azienda anche fuori dalle loro competenze, inviando documentazione o impegnandosi anche al di fuori dall’orario di lavoro per riuscire ad aumentare le attività aziendali.
In tutto questo tempo oltre a guardare e riguardare i conti da pagare, che ovviamente non variavano di mese in mese, cosa faceva l’azienda? Li considerava e valutava i loro lavoro?

Per concludere appare chiaro che da parte dell'azienda non sembra esserci all'orizzonte un piano di rilancio della società, ne tantomeno azioni da parte dei vertici che prevedano il coinvolgimento delle professionalità presenti che si occupino della tessitura di una nuova rete commerciale che spinga anche sulla formazione professionale continua delle aziende private. Questa attività unita ad una ricerca di nuove linee di finanziamento regionali ed Europei fornirebbe una boccata di ossigeno e una dose di entusiasmo anche per i dipendenti che oggi sono provati, stanchi e demoralizzati e rilancerebbe il destino di una società che il Comune di Albano sembra aver deciso di liquidare.
Non vorremmo addentrarci in letture di retroscena che di fatto non si conoscono e non ci appartengono. Le dinamiche di mercato, poi, sono molteplici e risultano note ai più audaci. Spesso dietro il tracollo di una società efficiente e di ottimo livello c'è un destino già designato: non sarebbe ne la prima ne l'ultima volta che una società, lasciata sull'orlo del falimento, viene svenduta a qualche conoscente sul mercato privato. Ma questo, si auspica, non può essere il sipario dell'Albafor.

 

Litorale

Torvaianica, al via la campagna di prevenzione per la salute della pelle al sole

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TORVAIANICA (RM) – Ha preso il via la campagna di prevenzione per la salute della pelle al sole “Sole, Mare 2021. Conosci e proteggi la tua pelle al sole”, promossa da IDI Farmaceutici e patrocinata dal Comune di Pomezia in collaborazione con le farmacie comunali.

L’iniziativa di sensibilizzazione – partita ieri a Torvaianica in viale Spagna 40, che si terrà anche nei giorni: 1, 4 e 5 agosto – prevede un check-up gratuito della pelle per la valutazione del fototipo. Secondo le ultime stime AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica) nel 2020 le nuove diagnosi di melanoma in Italia sono state 12.300, di cui 6.700 tra gli uomini e 5.600 tra le donne. 

“Le campagne di sensibilizzazione – evidenziano le Assessore Miriam Delvecchio e Simona Morcellini – rappresentano uno strumento utile per la prevenzione delle neoplasie. Dobbiamo favorire un cambiamento culturale partendo dalla conoscenza dei danni provocati da una scorretta esposizione alle radiazioni ultraviolette e dalla necessità di adottare, quando ci si espone al sole, stili corretti di comportamento”.

“Conoscere il nostro fototipo, saper scegliere il solare più adatto alla protezione della nostra pelle, imparare le regole fondamentali per una corretta e sana esposizione al sole – spiega il dott. Luciano Ragni, vice Presidente esecutivo IDI Farmaceutici – sono i tre focus su cui si concentreranno le relazioni e le dimostrazioni degli addetti di IDI Farmaceutici”.

“Un’iniziativa importante – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà – volta a sensibilizzare i tanti residenti e turisti presenti sul nostro litorale sulla fotoprotezione solare specifica per la prevenzione dei tumori cutanei. Ringraziamo IDI Farmaceutici, che è da poco entrata a far parte della nostra rete POINT, per aver lanciato questa campagna informativa anche sul nostro territorio”.

Continua a leggere

Litorale

Torvaianica, torna il presidio medico sanitario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al via il servizio, attivo fino al 5 settembre

TORVAIANICA (RM) – Torna per il terzo anno consecutivo il presidio medico sanitario a Torvaianica. Partito sabato 31 luglio, il servizio di assistenza sanitaria dedicato ai tanti residenti e turisti che nel mese di agosto frequentano la località balneare, sarà operativo fino a domenica 5 settembre.

Il presidio, ubicato in viale Francia 98 accanto alla Farmacia comunale n.2, sarà attivo dal mercoledì al venerdì dalle ore 16.30 alle ore 18.30 per attività di guardia medica. Il sabato e la domenica, dalle ore 08.00 alle ore 18.00, sarà posizionata nel parcheggio antistante la stessa farmacia un’ambulanza con medico specialista di Pronto Soccorso e operatore BLSD.

“Un servizio di assistenza sanitaria utile a chi si trova in vacanza e al mare – hanno spiegato gli Assessori Miriam Delvecchio e Stefano Ielmini –. Ringraziamo le farmacie comunali per la preziosa collaborazione che ci consente di attivare, per il terzo anno consecutivo, un presidio medico integrativo con tariffe calmierate sulla base delle tabelle regionali”.

“Abbiamo deciso di concentrare in un’unica area una serie di servizi sanitari di cui i cittadini possono avere bisogno: dalla prescrizione medica all’acquisto dei farmaci – ha evidenziato il Sindaco Adriano Zuccalà – I residenti e i turisti che Torvaianica accoglie nei mesi estivi, e in particolare ad agosto, hanno risposto positivamente all’iniziativa durante le due estati precedenti e abbiamo ritenuto quindi importante confermare anche per il 2021 questo servizio a tutela della collettività”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, 732 euro per 2 cartelli della Città del Vino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Secondo molti residenti i 732 euro forse sarebbero risultati più utili per dei cartelli riportanti la scritta “Vietato scaricare rifiuti”

NEMI (RM) – Ben 732 euro per acquistare 2 cartelli stradali recanti la scritta “Nemi Città del Vino” utilizzati poi per qualche giorno e subito tolti di mezzo. Questo quanto impegnato dalle tasche comunali a favore dell’Associazione Città del Vino per l’acquisto delle due insegne.

Lo scorso mese di giugno, all’ingresso di Nemi sulla via Nemorense, era apparso un bizzarro cartello riportante la scritta “Benvenuti a Nemi Città del Vino”. Subito si era scatenata una valanga di critiche, da parte dei nemesi e dei residenti del paese, riguardo il fatto che con un colpo di spugna si era cancellata la tradizione di quello che da decenni viene definito “il paese delle fragole” o delle “fragole e fiori” e che improvvisamente ci si appropriava di un’altra identità: città del vino.

Fatto sta che dopo qualche giorno il cartello è sparito, probabilmente riposto in qualche magazzino e secondo molti residenti i 732 euro forse sarebbero risultati più utili per dei cartelli riportanti la scritta “Vietato scaricare rifiuti” vista la pesante situazione di degrado e incuria che interessa in particolare modo via della Radiosa e la zona intorno allo stadio comunale dove quotidianamente vengono depositati rifiuti e di fatto l’area è sempre più considerata come una discarica a cielo aperto a servizio anche degli altri comuni limitrofi. Una situazione che va avanti ormai da anni in presenza di un pozzo di acqua situato nelle vicinanze che dovrebbe essere tutelato dalla legge ma che ad oggi ancora appare come abbandonato a se stesso, nonostante le innumerevoli denunce fatte dai cittadini.

Continua a leggere

I più letti