Connect with us

Castelli Romani

Albano Laziale, dati Covid-19. Nicola Marini risponde a FdI: “Non c’è nessun segreto da tenere nascosto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Nessun aggiornamento sul numero dei contagiati Covid-19 per quanto riguarda il territorio comunale di Albano Laziale. “Le modalità di trattamento dei dati relativi ai cittadini positivi al Covid-19 o in isolamento domiciliare, da parte dello scrivente, – il sindaco Nicola Marini ndr. – hanno la specifica finalità di garantire la privacy e la tranquillità delle persone coinvolte direttamente e delle loro famiglie”.

Il primo cittadino risponde con una nota alla richiesta dei Consiglieri di Fratelli d’Italia che chiedevano invece “di fornire giornalmente i numeri dei positivi al Covid19 di Albano, i decessi, la situazione delle RSA attenzionate al fine di dare la maggior informazione possibile ai cittadini ed evitare al tempo stesso la circolazione di notizie non ufficiali che rischiano solo di generare caos e preoccupazione”.

Marini: “A molti il dato potrebbe invece provocare più preoccupazione”

“Siamo consapevoli – ha proseguito Nicola Marini – che molti preferirebbero conoscere il numero per una maggiore consapevolezza, ma d’altro canto è vero anche il contrario, cioè che a molti il dato potrebbe invece provocare più preoccupazione. Si ritiene che l’Istituzione Comunale abbia il compito fondamentale di tutelare i più fragili. E i più fragili, in questo momento, sono anche le persone positive e le loro famiglie. La mancata comunicazione del dato disaggregato, riferito alla nostra Città, non comporta alcun tipo rischio per il resto della Comunità, come invece si vuole far credere, in maniera inaccettabilmente strumentale. I cittadini positivi o in isolamento domiciliare, infatti, non possono entrare in contatto con il resto della popolazione, proprio in virtù dell’obbligo alla permanenza nella propria abitazione. A tale proposito, i dati forniti dalla Asl sono trasmessi al Comando della Polizia Locale, in modo da controllare che i destinatari rispettino tali misure”.

Marini ha poi definito come inaccettabile il richiamo alla trasparenza invocato dai consiglieri del partito della Meloni

“Analogamente inaccettabile è il richiamo alla trasparenza ed al buon senso. – Ha detto ancora il sindaco – Non siamo di fronte ad una gara a chi è più bravo e non c’è nessun segreto da tenere nascosto, ma c’è solo da salvaguardare la tutela e la salute delle persone, a partire da quelle colpite da Coronavirus. Se, diversamente, da parte degli scriventi vi è la semplice volontà di conoscere il dato numerico riferito al nostro Comune, si informa che è attivo un canale istituzionale web, gestito dal Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio e dal SERESMI, aggiornato quotidianamente e che può essere consultato con grande facilità da chiunque”.

La controreplica di FdI al sindaco Nicola Marini

“Non abbiamo motivo per replicare al Sindaco, né è nostra intenzione attivare un circuito di polemiche che non gioverebbe in alcun modo agli interessi della cittadinanza. – La risposta di Il gruppo consigliare di Fratelli d’Italia di Albano e del coordinamento dei Circoli di Fratelli d’Italia di Albano – Si fa presente che Fratelli d’Italia di Albano ha semplicemente chiesto informazioni nello svolgimento delle funzioni dei consiglieri comunali, atteso che non sono mai arrivati aggiornamenti puntuali. Si ribadisce che le informazioni richieste nulla hanno a che vedere con la violazione della privacy ma sono semplicemente dati importantissimi per chi giornalmente è a contatto con il pubblico, come i medici di base, per i quali conoscere esattamente i casi e i vari dati statistici può servire per operare in sicurezza. Addolora constatare che il Sindaco, ancora una volta, specula per meri fini propagandistici su un argomento che è diventato di dimensioni mondiali, e lì dove un partito di minoranza si rende disponibile per offrire spunti di miglioramento e collaborazione si ottiene in cambio una risposta che mira a denigrare e minimizzare. Ne prendiamo atto. Noi continueremo a fornire le informazioni che i cittadini, giustamente, richiedono”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca di Papa: sfiduciata la sindaca Veronica Cimino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

I consiglieri di maggioranza e opposizione hanno fatto cadere la sindaca Veronica Cimino. Le dimissioni di massa arrivano a pochi giorni da un blitz per dismettere le antenne abusive a Rocca di Papa. Ecco cosa scrive Andrea Croce sul suo profilo Facebook: «Abbiamo appena protocollato al Comune le dimissioni da Consiglieri comunali. Siamo in totale 10, 6 di minoranza e 4 di maggioranza.Il Consiglio comunale sarà sciolto e Veronica Cimino non sarà più la nostra sindaca.Una sindaca che il sottoscritto non ha mai sostenuto, nemmeno al ballottaggio. E lo rivendico con orgoglio!Finalmente si mette fine ad una delle esperienze amministrative più tristi e brutte degli ultimi decenni che lascia Rocca di Papa nell’insicurezza e nel degrado.Siamo felici che alcuni Consiglieri di maggioranza siano alla fine venuti sulle stesse posizioni del Partito Democratico che, con la mia attività di capogruppo, quella della Consigliera Gloria Silvestrini, insieme al rinnovato Direttivo, non ha mai smesso di criticare e picconare Cimino, chiedendo di cambiare rotta o di dimettersi.Non appena sarà nominato il Commissario prefettizio, prenderò subito un appuntamento per chiedergli di non trascurare alcune importanti situazioni che Cimino ha tralasciato e che invece vanno urgentemente risolte.Poi sarà tempo di guardare avanti: dovremo dare a Rocca di Papa un’amministrazione capace, umile, laboriosa, unita. Noi ci saremo e faremo di tutto per dare a Rocca di Papa tutto il nostro meglio».

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, cittadini senza acqua da 24 ore: grave guasto alla pompa di via dei Corsi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Niente acqua per i residenti della parte alta di Nemi a causa di un guasto alla pompa di sollevamento di via dei Corsi. “La mancanza di acqua iniziata nel tardo pomeriggio di ieri – ha riferito un cittadino – in questi quartieri si verifica da anni quasi sempre nel periodo natalizio e in quello estivo”.

Immediato il tam tam tra i vari abitanti che hanno iniziato a telefonare al numero verde del gestore Acea. E dopo numerose chiamate e una Pec inviata ad Acea e per conoscenza all’ufficio Tecnico del Comune di Nemi nel pomeriggio di oggi, dopo quasi 24 ore dal guasto, è arrivato il messaggio del sindaco che ha fatto sapere che Acea sta sostituendo la pompa del pozzo a causa di un grave guasto causato dal maltempo e che il ripristino del regolare flusso è previsto per la serata di domani. Il primo cittadino ha fatto sapere anche che sono state posizionate delle autobotti in via Parco dei Lecci incrocio con via dei Corsi e in via Nemorense nei parcheggi del ristorante “Il Faro”.

Alcuni residenti fanno però sapere che delle autobotti non c’e’ traccia.

E c’è chi ha immortalato con una foto, scattata nel tardo pomeriggio di oggi, via Parco dei Lecci angolo con via dei Corsi dove di autobotti non c’è traccia.

Alle 21 circa un residente ha confermato la presenza dell’autobotte che nel frattempo è arrivata posizionandosi in via Parco dei Lecci angolo via dei Corsi.

Continua a leggere

Castelli Romani

Maltempo Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina: allagamenti, alberi caduti e persone intrappolate in casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Nella notte tra il 21 e 22 novembre sono stati effettuati circa 80 interventi dalle squadre VVF a causa del maltempo. Le zone più colpite sono quelle dei Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina , dove si è intervenuti per richieste legate a tipologie di interventi quali alberi e/o rami pericolanti ,insegne pericolanti, allagamenti e danni d’acqua in generale .

Si sta operando presso via del Passo della Sentinella, a Fiumicino (Idroscalo), dove il personale del Nucleo Sommozzatori con ulteriori 4 squadre in supporto ed il mezzo anfibio,stanno provvedendo al recupero di alcune persone rimaste intrappolate nelle loro abitazione a seguito di allagamenti.Seguiranno aggiornamenti.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti