Connect with us

Castelli Romani

Albano Laziale, fase2: iniziative per il rilancio dalla lista civica “La città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ALBANO LAZIALE (RM) – Appena dopo l’emanazione dei provvedimenti della “Fase 2  Coronavirus” da parte del Governo nazionale, il portavoce della lista civica “La città Albano Laziale” Fabio Ginestra, parla delle iniziative messe in atto per aiutare la cittadinanza e le attività produttive del territorio ad uscire dal momento difficile che stanno vivendo.

“La nostra lista “La città Albano Laziale” ormai da un anno ha incontrato le forze politiche di Albano, per condividere un programma d’interventi, per rilanciare l’economia della città. Nei mesi ha trovato la convergenza su queste proposte per il paese di altre 4 forze politiche (Lega, Forza Italia, Area Democratica e Fratelli d’Italia) e allo stesso tempo ha condiviso le idee innovative proposte da quest’ultime, generando un programma unitario convergente ed individuando un candidato Sindaco per la prossima competizione elettorale, il capogruppo della Lega Matteo Mauro Orciuoli.

A causa del Coronavirus, abbiamo sentito l’esigenza di inserire nuove iniziative a questo programma da proporre ai settori produttivi della nostra città e alla Amministrazione Comunale, per lenire a breve termine le difficoltà crescenti del commercio e di tutti gli altri settori produttivi e lavorativi della nostra economia locale, per avere poi, nel medio/lungo termine, la possibilità di realizzare i progetti più impattanti, studiati appositamente per Albano.

Nei mesi appena trascorsi abbiamo proposto all’Amministrazione Comunale: l’abbattimento della tassa sui rifiuti per questi primi sei mesi di epidemia per tutte le attività commerciali, individuando anche le opportune risorse finanziarie di Bilancio da utilizzare; la revisione della tassa per l’occupazione del suolo pubblico, per quelle attività commerciali che possono svolgersi all’aperto; la messa in uso di una piattaforma internet per incentivare il contatto tra consumatore e commerciante, al fine di favorire le vendite a distanza (strumento messo in funzione dalla nostra lista ed operante da 10 giorni); sistemi incentivanti, per il cittadino che compra dai negozi posti sul territorio comunale; affidamento delle ville comunali alle società sportive per un periodo pilota di sei mesi, per consentire di praticare sport all’aperto, nel rispetto di tutte le norme sanitarie, in cambio della custodia e manutenzione delle aree verdi.

La fattibilità di queste iniziative è stata studiata, prima di essere proposta. Nello specifico degli interventi per aiutare la rinascita delle attività commerciali, in seguito alla chiusura forzata per il “distanziamento sociale” abbiamo promosso la realizzazione di un portale internet locale, che si chiama comproinzona.it.  Con questo sistema, il negoziante del luogo porta la vetrina sul telefono del cliente. E’ una sorta di pagine gialle dei negozi di Albano, ma che permette anche di fare acquisti on line. Il cliente cerca il suo negozio preferito del luogo, dialoga direttamente con il venditore, e dopo aver fatto la scelta dell’oggetto che gli occorre paga on line con carta di credito e riceve la merce a domicilio. Il portale offre il decisivo vantaggio del dialogo che non trovi nei siti on line.

E’ un network di vicinato che mette in contatto diretto il negozio del luogo con tutti gli abitanti di Albano e dei Castelli. A differenza di altri siti eCommerce, il cliente sceglie e compera nei negozi di vicinato. Il tutto a vantaggio della ripartenza per i negozi e per il rilancio dell’economia locale. 

Osservando con piacere che quasi tutte le nostre idee sono piaciute alla cittadinanza e alle altre forze politiche di Albano e non riconoscendoci i dovuti “diritti politici d’autore”, molti membri della maggioranza si stanno affannando a dichiarare come proprie queste idee sui giornali e sui social: invito i cittadini di Albano a visitare la nostra pagina Facebook e a controllare quanto e quando sono state proposte queste iniziative.

Da cittadino mi chiedo quando sarà possibile vedere un’iniziativa originale propria dei rappresentanti del Centrosinistra locale e quando vedere una nota programmatica unitaria della nascente e sbandierata coalizione di centrosinistra….

Noi, nel frattempo continuiamo a lavorare e a pensare soluzioni realizzabili per la nostra Città”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, raccomandazioni ISS su gestione e raccolta rifiuti: il Consigliere Tersigni presenta interrogazione al Sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Il Consigliere comunale di “Insieme per Nemi” Stefano Tersigni ha presentato una interrogazione al Sindaco per sapere se sono state predisposte e applicate le raccomandazioni dell’Istituto Superiore di Sanità nella gestione e raccolta dei rifiuti in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus Sars-Cov-2.

Una interrogazione che arriva dopo che a Nemi da pochi giorni è cambiato il metodo di raccolta dei rifiuti con l’introduzione della raccolta differenziata con metodo ‘porta a porta’ su tutto il territorio comunale.

Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, presunto conflitto di interesse per una associazione: “Prove a disposizione”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CIAMPINO (RM) – Un presunto conflitto di interessi che riguarda il Vicesindaco di Ciampino sta scatenando in questi ultimi giorni diverse polemiche sui social dedicati alla Città aeroportuale.

La questione verte sul fatto che una associazione denominata “Gente Libera” risulta iscritta all’Albo delle associazioni accreditate con il Comune dove viene indicato come legale rappresentante un certo Stefano Bonazzi mentre secondo Giampaolo Di Gregorio ex assessore all’urbanistica durante il governo Perandini il vero legale rappresentante sarebbe invece la moglie del Vicesindaco.

“Il vero e unico rappresentante Legale di “Gente Libera” é Fabiola Minucci, moglie di Ivan Boccali, dal 2014 e fino alla data del 26 ottobre 2020 ultima data delle nostre ricerche”. Scrive sul social Fb Di Gregorio che ha invitato l’Ente locale a cancellare “Gente Libera” dall’Albo in quanto “tale iscrizione é irregolare e in aperta violazione del TUEL (testo unico degli enti locali).

L’ex assessore si è poi dichiarato pronto a mettere a disposizione delle Autorità competenti la documentazione che certifica quanto asserito. “Mettiamo a disposizione delle Autorità e dei Consiglieri di opposizione tutta la documentazione che certifica il ruolo di Fabiola Minucci e l’iscrizione all’albo delle associazioni”.

Dalla pagina Fb ufficiale di “Gente Libera” si parla di post e commenti basati su fatti totalmente falsi messi in piedi da quelli che sono stati definiti come “alcuni professionisti della diffamazione e della violenza verbale” precisando che “Fermo restando che questi soggetti dovranno naturalmente rispondere della diffusione di queste falsità  nelle sedi competenti, si precisa  che Stefano Bonazzi, già da molto tempo, e con atto debitamente registrato, è stato nominato Presidente e legale rappresentante di “Gente Libera”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Allarme laghi Albano e Nemi: ecco i numeri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – “Se tra gli anni sessanta e il 2014, il livello delle acque si è abbassato di circa 5 metri purtroppo il dato che mi trovo a fornivi oggi è allarmante perché, effettuati alcuni studi sul posto grazie a semplici strumenti di misurazione messi a disposizione da chi al lago ci vive e ci lavora, riteniamo che dal 2016 al 2020 che volge quasi al termine il livello del lago si sia abbassato di quasi due metri”. Queste le dichiarazioni rese dalla giornalista Chiara Rai, direttore responsabile del quotidiano L’Osservatore D’Italia in occasione del suo intervento nel webinar Sos Laghi Albano e di Nemi promosso da un gruppo di esperti Architetti, Geologi e Geometri.


“Dati ufficiali – ha proseguito Chiara Rai -pubblicati sull’albo da parte del gestore Acea Ato 2 Spa, ci dicono che la principale fonte di approvvigionamento per il Comune di Castel Gandolfo è rappresentata dal pozzo Sforza Cesarini che emunge direttamente dal lago Albano una portata di 37 litri al secondo di cui 24 litri sono dirottati al serbatoio dei Cappuccini nel territorio di Castel Gandolfo, 6 litri secondo al serbatoio di Monte Gentile ad Ariccia e dai 5 ai 7 litri al secondo alla rete idrica sul lungolago.

Le condotte che portano ai Cappuccini e a Monte Gentile sono affette da perdite distribuite sul tracciato quindi figuriamoci quanta acqua viene sprecata e tra le maggiori cause vanno individuati i fenomeni franosi che compromettono la stabilità delle condotte che si trovano lungo il versante del cratere vulcanico del lago. Oltre a questi dati ufficiali, nelle pieghe di uno studio più approfondito, ci sono ulteriori emungimenti che non è difficile individuare.


Quindi come giornalista, oltre a questa analisi che non può essere prettamente tecnica e oltremodo specifica sul tema dico che invece è importante continuare una opera di sensibilizzazione del tema ambientale, del risparmio idrico ed energetico, di una gestione adeguata delle risorse idriche (e per questo vedo oggi presente il dottor Gargano che porterà sicuramente un contributo importante a questa riflessione insieme alla dottoressa Tiziana Guida, presidente dell’Ordine Geologi del Lazio). Mantenere i riflettori accesi su questi temi e più specificatamente in questo caso sui due laghi è quanto mai fondamentale ma non può prescindere da un discorso di carattere globale che vede il nostro Paese a dover affrontare grandi sfide per la tutela dell’ambiente”.

Continua a leggere

I più letti