Connect with us

Castelli Romani

Albano Laziale, Massimiliano Borelli sulla sanità: “Ecco come programmare il futuro”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Massimiliano Borelli, candidato a Sindaco di Albano Laziale per il centrosinistra, Consigliere della Città Metropolitana di Roma Capitale Metropolitana, Consigliere Comunale ad Albano Laziale.

Consigliere Borelli, si parla insistentemente della struttura dell’ex Ospedale San Giuseppe di Albano, con quali prospettive?

Il Covid 19 ha creato un forte sconquasso nella vita di tutti noi, sia dal punto di vista della vita sociale, sia da quello sanitario. In questa logica si è tornati a rivedere i processi di gestione delle strutture sanitarie esistenti, non solo legati allo stato emergenziale ma anche, ed ora soprattutto, legati ad una visione futura della sanità regionale.
La particolare gravità dell’emergenza legata alle RSA, ha già proposto la creazione di una struttura destinata ad accogliere gli anziani colpiti dal virus. L’ex Ospedale di Genzano rispondeva in maniera efficace a questa esigenza per completezza di strutture e per la velocità con cui poteva essere attivato. E’ notizia di ieri che siano state ampliate di 15 unità le capacità ricettive dei reparti. Invece l’ex Ospedale di Albano, strutturalmente più grande, può offrire la possibilità di sviluppare processi organizzativi a più ampio raggio. Sarà infatti una RSA pubblica ad alto contenuto assistenziale che offrirà uno spazio per un grande progetto sanitario e di solidarietà.
L’idea sviluppata, prendendo spunto dalle attività svolte dai nostri Servizi Sociali, è quella di attivare un importantissimo progetto che coinvolgerà tutto il territorio del distretto sanitario. L’obiettivo non è solo di integrare i già qualificati ed innovativi servizi offerti, per esempio alle persone affette da Alzheimer nel nostro comune, ma anche creare un Centro di Ricerca e Studio ad alto contenuto innovativo dove poter sperimentare nuove terapie; un centro che affronti in maniera organica lo studio e l’assistenza alle patologie croniche che colpiscono una fetta sempre più grande della popolazione anziana.
Sia chiaro, non immaginiamo certo un contenitore passivo, un luogo ove parcheggiare per poco o tanto tempo chi soffre di questa patologia ma sfruttare l’ampio spazio a disposizione per attivare processi fisici e relazionali. Un luogo ove vengano applicate e sviluppate tutte le terapie occupazionali di tipo manuale- espressivo, dove sia possibile sostenere la riattivazione motoria, anche attraverso attività ricreative.

Quale è l’obiettivo del progetto?

L’obiettivo è quello di studiare i deficit di tutte le patologie croniche, studiare e realizzare processi che permettano di rallentarne gli effetti in modo da favorire la permanenza nel proprio nucleo familiare, riducendo i costi sul Sistema Sanitario Nazionale e supportando le famiglie su cui grava la maggior parte dell’onere assistenziale ed emotivo.

Un grosso progetto, un grosso impegno

Certamente, un lavoro che coinvolgerà tutti gli attori in campo, la Regione, la ASL, tutti i Sindaci del Distretto Sociosanitario, i servizi sociali dei singoli comuni, le Associazioni di volontariato. Un grosso impegno, ripeto, ma anche una grossissima opportunità.
Un progetto che non può che completarsi, a mio avviso, con la creazione, all’interno della struttura, di una Casa del Sollievo rivolta all’assistenza e alla cura di tutti quei pazienti che necessitano di servizi dedicati. Penso, ad un ricovero temporaneo, in esclusivo regime pubblico, che sollevi le famiglie, appunto per qualche giorno, dalle difficoltà legate alla malattia di un proprio caro. Quindi non si tratta di riaprire un ospedale, ma di sviluppare un centro specializzato a tutela della salute fisica e psicologica dell’anziano.

Tempi, Consigliere Borelli, i tempi?

Il progetto è certamente impegnativo e qui nessuno può pensare che sia realizzabile in pochi giorni. Il lavoro di coordinamento con le componenti è all’inizio e sarà un progetto importante per il nostro territorio che offrirà spazi occupazionali reali e duraturi. Un progetto ad alto valore sociale che svilupperà economia su tutto il territorio. Un lavoro che si fa sempre #passodopopasso.

Una domanda fuori dal contesto, Consigliere Borelli. Abbiamo notato che ultimamente sta ricevendo attacchi personali su argomenti che non riguardano il territorio, cosa risponde?

Non penso sia il caso di entrare nel merito e sulla qualità di questi interventi, posso dire solo che in fondo “sono bravi ragazzi, anche loro si debbono divertire, se hanno poche idee e anche confuse, non penso sia colpa mia, lasciamoli giocare sperando che prima o poi scoprano di essere cresciuti.
In ogni caso chi ha l’ambizione di governare una comunità deve avere sempre rispetto degli avversari politici e non prestarsi a giochini infantili.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca di Papa: sfiduciata la sindaca Veronica Cimino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

I consiglieri di maggioranza e opposizione hanno fatto cadere la sindaca Veronica Cimino. Le dimissioni di massa arrivano a pochi giorni da un blitz per dismettere le antenne abusive a Rocca di Papa. Ecco cosa scrive Andrea Croce sul suo profilo Facebook: «Abbiamo appena protocollato al Comune le dimissioni da Consiglieri comunali. Siamo in totale 10, 6 di minoranza e 4 di maggioranza.Il Consiglio comunale sarà sciolto e Veronica Cimino non sarà più la nostra sindaca.Una sindaca che il sottoscritto non ha mai sostenuto, nemmeno al ballottaggio. E lo rivendico con orgoglio!Finalmente si mette fine ad una delle esperienze amministrative più tristi e brutte degli ultimi decenni che lascia Rocca di Papa nell’insicurezza e nel degrado.Siamo felici che alcuni Consiglieri di maggioranza siano alla fine venuti sulle stesse posizioni del Partito Democratico che, con la mia attività di capogruppo, quella della Consigliera Gloria Silvestrini, insieme al rinnovato Direttivo, non ha mai smesso di criticare e picconare Cimino, chiedendo di cambiare rotta o di dimettersi.Non appena sarà nominato il Commissario prefettizio, prenderò subito un appuntamento per chiedergli di non trascurare alcune importanti situazioni che Cimino ha tralasciato e che invece vanno urgentemente risolte.Poi sarà tempo di guardare avanti: dovremo dare a Rocca di Papa un’amministrazione capace, umile, laboriosa, unita. Noi ci saremo e faremo di tutto per dare a Rocca di Papa tutto il nostro meglio».

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, cittadini senza acqua da 24 ore: grave guasto alla pompa di via dei Corsi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Niente acqua per i residenti della parte alta di Nemi a causa di un guasto alla pompa di sollevamento di via dei Corsi. “La mancanza di acqua iniziata nel tardo pomeriggio di ieri – ha riferito un cittadino – in questi quartieri si verifica da anni quasi sempre nel periodo natalizio e in quello estivo”.

Immediato il tam tam tra i vari abitanti che hanno iniziato a telefonare al numero verde del gestore Acea. E dopo numerose chiamate e una Pec inviata ad Acea e per conoscenza all’ufficio Tecnico del Comune di Nemi nel pomeriggio di oggi, dopo quasi 24 ore dal guasto, è arrivato il messaggio del sindaco che ha fatto sapere che Acea sta sostituendo la pompa del pozzo a causa di un grave guasto causato dal maltempo e che il ripristino del regolare flusso è previsto per la serata di domani. Il primo cittadino ha fatto sapere anche che sono state posizionate delle autobotti in via Parco dei Lecci incrocio con via dei Corsi e in via Nemorense nei parcheggi del ristorante “Il Faro”.

Alcuni residenti fanno però sapere che delle autobotti non c’e’ traccia.

E c’è chi ha immortalato con una foto, scattata nel tardo pomeriggio di oggi, via Parco dei Lecci angolo con via dei Corsi dove di autobotti non c’è traccia.

Alle 21 circa un residente ha confermato la presenza dell’autobotte che nel frattempo è arrivata posizionandosi in via Parco dei Lecci angolo via dei Corsi.

Continua a leggere

Castelli Romani

Maltempo Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina: allagamenti, alberi caduti e persone intrappolate in casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Nella notte tra il 21 e 22 novembre sono stati effettuati circa 80 interventi dalle squadre VVF a causa del maltempo. Le zone più colpite sono quelle dei Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina , dove si è intervenuti per richieste legate a tipologie di interventi quali alberi e/o rami pericolanti ,insegne pericolanti, allagamenti e danni d’acqua in generale .

Si sta operando presso via del Passo della Sentinella, a Fiumicino (Idroscalo), dove il personale del Nucleo Sommozzatori con ulteriori 4 squadre in supporto ed il mezzo anfibio,stanno provvedendo al recupero di alcune persone rimaste intrappolate nelle loro abitazione a seguito di allagamenti.Seguiranno aggiornamenti.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti