Connect with us

Roma

ALBANO LAZIALE: PIENONE PER LA CENA DI CARABELLA, A ROMA ALTRO OBIETTIVO RAGGIUNTO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Il candidato sindaco: "Le mura di Albano tremano. È la strada giusta”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Ivan Galea

 

 

Albano Laziale (RM) – Pienone di oltre 200 persone alla cena organizzata dal candidato a sindaco Simone Carabella. Una cena non come le solite delle campagne elettorali ma un evento di partecipazione in tutti i sensi: le persone  hanno partecipato a cucinare, servire ai tavoli. Insomma un momento per stare insieme dove ognuno ha addirittura lasciato un contributo economico. Un gesto definito dallo stesso Carabella come un “mattoncino” per realizzare insieme il programma elettorale che porterà alla rinascita della città di Albano Laziale.  Dalla chiusura della discarica alla riqualificazione degli immobili dismessi e quindi “cemento zero” al decoro urbano, asili e centri di ritrovo per gli anziani, la ricetta di Simone Carabella è una soltanto: risollevare Albano e far sentire i cittadini protagonisti della propria città. Simone è convinto che con il sostegno di tutti, riuscirà  a vincere: “La città ha bisogno della partecipazione dei cittadini per rinascere – dice Carabella – penso ad esempio alla manutenzione del decoro urbano che può essere affidata ai comitati di quartiere e alle persone in pensione. Non bisogna assolutamente “usare” le risorse e la gente ma gratificarli”. Carabella non guarda affatto ai suoi rivali in corsa per la poltrona quanto agli obiettivi che intende perseguire, perché lui è un concreto e concretamente si mette in gioco come ha fatto con Roma dove ha chiesto e ottenuto un montacarichi per le persone disabili alle fermate delle metropolitane. Ha corso per le strade di Roma fino ad Ostia per quasi 30 chilometri con un ragazzo in carrozzina e il sindaco Ignazio Marino l’ha ricevuti in Campidoglio: “per il Giubileo – fa sapere  Simone – a Flaminio ci sarà un montacarichi per le persone disabili che potranno arrivare a piazza del Popolo senza problemi. Volere è potere”. Nel suo discorso, alla cena del 28 marzo Carabella ha toccato diversi punti del programma elettorale: “E’ stato entusiasmante condividere una serata con i cittadini”. E poi sul social ha rilanciato: “La cosa più bella è stata vedere gente venuta per la cena rimboccarsi le maniche e aiutare a servire, cucinare e pulire. Le mura di Albano tremano. È la strada giusta”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro, 18enne sorpreso con 80 dosi di hashish

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Colleferro, al termine di un mirato servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 18enne del luogo, indagato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato dai Carabinieri e sottoposto a perquisizione personale, ad esito della quale è stato trovato in possesso di 65 g di hashish, suddiviso in 80 involucri, già confezionati e pronti per la cessione.Il 18enne, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma, in attesa del processo.  

Continua a leggere

I più letti