Connect with us

Roma

ALBANO LAZIALE, PRIEBKE: LA LENTE SUI FATTI DI "OCCUPAZIONI PRECARI STUDENTI"

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 5 minuti "Eppure il Vicariato si era subito sfilato, negando ogni disponibilità per esequie religiose. Forse però qualcosa gli è sfuggito di mano".

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Albano Laziale (RM) – Appena trapelata la notizia dei funerali di Priebke ad Albano, immediatamente è scattato il passaparola e il tam tam sui socialnetwork. Appuntamento ACHTUNG BANDITEN per un presidio autoconvocato alle 16:30 davanti la confraternita S.Pio X. Dalle 16 hanno cominciato ad arrivare tanti cittadini dei Castelli Romani, indignati per l’imminente gazzarra nazi-fascista.

"Eppure il Prefetto Pecoraro nei giorni precedenti aveva garantito che i funerali del gerarca nazista non dovevano essere il pretesto per una manifestazione nostalgica. – Dichiarano in una nota da "Occupazioni Precari Studenti" – Nonostante questo – continua la nota –  ad Albano, dalle prime ore si era capito che non sarebbe stato così. Primo indizio l’ospitalità da parte della confraternita Lefebvriana. Scismatici della chiesa cattolica, scomunicati da Giovanni Paolo II con cui Ratzinger ha tentato più volte un riavvicinamento.

Molto spesso hanno ospitato vecchi e nuovi fascisti. Per loro le camere a gas sono state solo dei disinfettanti. Eppure il Vicariato si era subito sfilato, negando ogni disponibilità per esequie religiose. Forse però qualcosa gli è sfuggito di mano.

Secondo indizio la presenza di Maurizio Boccaci nei dintorni della chiesa. Boccaci, già leader del Movimento Politico Occidentale, poi BaseAutonoma e oggi Militia, è stato addirittura scortato e accompagnato dalle forze dell’ordine all’interno della confraternita".

Maurizio Boccacci, secondo indiscrezioni sarebbe l’uomo che aveva messo a disposizione la tomba di famiglia per accogliere Priebke ad Albano Laziale, ma di questo abbiamo già scritto nell'articolo del 15 ottobre ALBANO LAZIALE: SFUMA LA FUNZIONE E PRIEBKE RESTA AI CASTELLI ROMANI. E' MISTERO SULLA SEPOLTURA

La nota di "Occupazioni Precari Studenti" prosegue:  "Mentre aumentavano i partecipanti al presidio antifascista, sono continuati ad arrivare reparti celere da Roma. Intanto man mano si alzavano canti come Bella Ciao e cori Siamo tutti antifascisti.

La tensione è cominciata a salire all’arrivo del prete lefebvriano che avrebbe dovuto officiare la messa. Appena alcune donne gli si sono avvicinate per chiedere chiarimenti, il prete non ha esitato a provocare sghignazzando. Le forze dell’ordine l’hanno dovuto trascinare dentro per mettere fine alla sua pantomima – ed evitare che venisse malmenato come testimoniato dal video girato da un nostro corrispondente. [ CLICCARE QUI PER VEDERE IL VIDEO ]    – Sulla piazza intanto arrivano notizie confuse. Il carro funebre sta allo svincolo di Frattocchie e alcune decine di neo fascisti si sono visti avvicinare in gruppo verso la confraternita lefebvriana. Dopo le 17 arriva il carro funebre da Roma. L’indignazione e la rabbia a quel punto sale e con ogni mezzo si cerca di impedire l’ingresso del corteo funebre. La polizia e i carabinieri iniziano a spintonare, nonostante la presenza del sindaco di Albano con tanto di fascia tricolore. Due signori accusano un malore. A una donna viene lussata una spalla perché strattonata dalla polizia. Dopo qualche minuto arrivano una ventina di neo-fascisti, capeggiati da Giuliano Castellino, già alla corte di Alemanno sindaco. Saluti romani, volti coperti e cinte alla mano. Vorrebbero raggiungere il luogo della cerimonia, ma il presidio antifascista ormai blocca ben tre strade, impossibile per loro passare.

Le ore passano. L’avvocato Giachini rimette il mandato rinviando ogni responsabilità allo Stato Italiano. Arrivano deputati di Sel e Pd e insieme ai Sindaci di Albano, Genzano e Castelgandolfo tentano una mediazione. Il presidio non decide di smobilitare.

Si chiedono le dimissioni di Pecoraro e la chiarezza da parte delle istituzioni sul fatto che Priebke non debba essere tumulato in Italia. Verso le 21, quando ormai si concretizza l’annullamento del funerale, da un vincolo secondario, vicino al presidio antifascista, iniziano ad uscire gli stessi venti fascisti fermati nel pomeriggio, armati di tutto punto. La determinazione di chi ormai presidiava per ore le strade di Albano ha respinto con determinazione la provocazione neofascista.

Domandandosi come mai quei venti fossero riusciti ad eludere la blindatura delle forze dell’ordine, tra l’altro passando per un vicolo presidiato dal pomeriggio. Scende la notte. La polizia predispone un furgoncino blindato per far uscire la salma da un cancello secondario. Verso l’una scortato da altri due blindati la salma di Priebke viene trasferita nella base militare di Pratica di Mare. Con sé in questo ultimo viaggio, Priebke si è portato dietro tutto l’odio frutto della sua ideologia. A quel punto esplode la rabbia della cittadinanza antifascista".  – La nota conclude – La polizia allora carica i manifestanti. E' stata  una giornata gestita in maniera pessima. Far  uscire indisturbati i fascisti dalla confraternita è stato uno spettacolo pietoso. "Occupazioni precari studenti" hanno proseguito la coda della nota che abbiamo omesso, con delle accuse dirette alle forze dell'ordine in merito alla gestione dell'organizzazione. L'omissione è dovuta nel rispetto di "Occupazioni Precari studenti" e dei destinatari delle accuse.

Continua la nota: "Vedere presi a calci la propria storia, le proprie idee, la propria speranza per un mondo migliore ad Albano ha generato voglia di rivolta. Questo ha impaurito chiesa e istituzioni. Questo ha permesso di non subire l’ennesimo sopruso alla nostra dignità".
 

LEGGI ANCHE:

16/10/2013 PRIEBKE RINGRAZIA

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, negato accesso agli atti su prevenzione incendi: Falconi vince al Tar contro il Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Una sentenza che legittima i pieni diritti di un consigliere di opposizione ad ottenere l’accesso agli atti richiesto. Succede che nel 2021 il consigliere di minoranza avv. Francesco Falconi tramite il suo avvocato difensore Mario Lepidi, ricorre al Tar contro il Comune, il sindaco pro tempore e il segretario comunale perché sostanzialmente il Comune non ha risposto e quindi ha prodotto un silenzio rigetto in relazione all’istanza di accesso presentata a mezzo posta elettronica certificata il 02/11/21. Nell’istanza Falconi chiedeva di esibire tutta la documentazione indicata nell’istanza e relativa all’attività di pianificazione comunale afferente la prevenzione degli incendi posta in essere nel periodo dal 4 ottobre 2020 al 15 agosto 2021. Il ricorso per l’annullamento del silenzio rigetto è stato ritenuto fondato dal Tribunale Amministrativo. Il Tar nell’accogliere il ricorso ha ordinato al Comune di Anguillara Sabazia di esibire e rilasciare copia degli atti in esame nel termine di trenta giorni dalla comunicazione o notificazione del presente provvedimento (pubblicato il 24 maggio 2022) e condannato il Comune di Anguillara Sabazia a pagare, in favore di Falconi, le spese del presente giudizio il cui importo liquida in complessivi euro mille/00, per compensi di avvocato e spese generali, oltre IVA, CPA e contributo unificato come per legge.

Nella sentenza del Tar si legge tra l’altro che il “Comune non ha completamente evaso la richiesta di accesso né ha specificato le ragioni della sua condotta omissiva”. Ad oggi, mancano pochi giorni allo scadere dei tempi di adempimento da parte del Comune di Anguillara, Francesco Falconi ancora non ha ricevuto gli atti richiesti che fanno riferimento a un determinato periodo preciso dal 4 ottobre 2020 al 15 agosto 2021. Ci saranno questi atti? Mettere in campo azioni per prevenire gli incendi è quanto mai fondamentale, soprattutto per un’area come quella di Anguillara Sabazia dove ogni anno e quasi sempre nella stessa zona intorno al lago di Martignano si verificano gli incendi.

Con l’istanza in esame il Falconi, nella sua qualità di consigliere comunale, ha chiesto, in quanto utili per l’espletamento del suo mandato, i seguenti documenti:

“Copia semplice dei seguenti atti/provvedimenti in materia di incendi boschivi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021 – atti, provvedimenti e documenti tutti della relativa istruttoria amministrativa, degli atti presupposti relativi alla procedura di adozione, ivi inclusa laddove esistente ogni documentazione anche tecnica utile che abbia indotto l’amministrazione comunale alla loro adozione:

  1. Provvedimenti tutti di attuazione delle attività di misure di previsione e prevenzione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  2. Provvedimenti attuativi delle attività informative in merito alle cause degli inneschi e propagazione + norme comportamentali in caso di pericolo adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  3. Catasto degli incendi e cartografia delle aree incendiate predisposti/aggiornati dal Comune di Anguillara Sabazia adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  4. Provvedimenti e documenti tutti relativi al Piano di realizzazione di interventi colturali finalizzati alla prevenzione degli incendi boschivi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  5. Piano di evacuazione della zona del Lago di Martignano adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  6. Piano di intervento e mobilitazione delle squadre adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  7. Piano di assicurazione di disponibilità degli automezzi e delle macchine operatrici idonee all’impiego di spegnimento degli incendi boschivi ed ogni atto utile ad assicurarsene la dotazione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  8. Convenzione stipulata con le organizzazioni di volontariato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08. 2021.
  9. Provvedimenti che hanno disposto la vigilanza e la sorveglianza delle aree interessate negli anni precedenti da incendi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 0 4.10.2020 al 15.08.2021.
  10. Provvedimenti di pubblicizzazione divieti di accensione fuochi nei boschi e nelle zone ad essi limitrofe adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  11. Provvedimenti di pubblicazione delle condizioni di accensione in deroga ai divieti di cui al punto precedente adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  12. Provvedimenti finalizzati alla realizzazione delle fasce parafuoco adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  13. Mappatura della la presenza di insediamenti messi a rischio da eventuali incendi boschivi adottata e redatta dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  14. Provvedimenti volti ad eliminare o ridurre fattori di innesco e propagazione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  15. Piano di emergenza comunale adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  16. Provvedimenti di definizione delle modalità economiche e finanziarie per garantire l’effettività delle misure di prevenzione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 05.08.2021.
  17. Provvedimenti di attuazione organizzativa e finanziaria del Piano di Emergenza Comunale adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  18. Provvedimenti di informazione e sensibilizzazione per la popolazione in relazione agli incendi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021”.

Continua a leggere

I più letti