Connect with us

Castelli Romani

Albano laziale, scritte al liceo Foscolo: Cuccioletta e Silvestroni (FdI-AN) invocano più controlli antidroga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Sugli atti vandalici verificatisi al liceo Foscolo di Albano laziale, dove sul muro esterno è comparsa la scritta “state attenti” e il disegno stilizzato di un impiccato con al di sotto una parola da completare, gli esponenti politici locali di Fratelli d’Italia puntano il dito su quello che definiscono come un tentativo di strumentalizzazione da parte di alcuni rappresentanti del Pd che hanno parlato di scritte antisemite facendo riferimento all’imminente ricorrenza della Giornata della Memoria, mentre si potrebbe trattare di una rivendicazione nei confronti del preside del liceo dopo il blitz antidroga avvenuto lo scorso sabato da parte degli uomini della Guardia di Finanza.

Roberto Cuccioletta portavoce per Fratelli d’Italia – AN ad Albano Laziale ha definito l’accaduto come “Un deprecabile atto di vandalismo con minacce al Preside dell’istituto”.

Il portavoce di Fratelli d’Italia in merito alle scritte apparse sui muri del liceo classico di Albano ha rimarcato il fatto che “Non ci sono simboli di partito nè scritte antisemite. C’è il gioco dell’impiccato – ha proseguito Cuccioletta – con un nome da indovinare (il nome del preside), c’è una bestemmia e un avvertimento”. Il portavoce di FdI-AN di Albano Laziale punta poi il dito sul Pd locale accusandolo di voler strumentalizzare la vicenda per scopi propagandistici: “Il PD di Albano – ha dichiarato Cuccioletta – non trova migliore occasione per far passare questo atto come un avvertimento fascista contro la giornata della memoria. In realtà c’è di peggio. Solamente sabato scorso c’è stato un blitz antidroga della Guardia di Finanza nella scuola e non è difficile ipotizzare che le minacce siano legate a questo. Sono preoccupato per i miei figli, per i nostri figli. Aumentiamo i nostri controlli a casa e fuori, non abbassiamo la guardia. Collaboriamo tra di noi scambiandoci informazioni. In questo caso non c’è da fare risibile propaganda elettorale, ma occorre fare quadrato tra genitori”.

Non è mancato poi l’intervento del consigliere della Città Metropolitana di Roma Capitale e consigliere di opposizione per FdI-AN ad Albano Laziale Marco Silvestroni

Silvestroni ha espresso la propria solidarietà al preside Lucio Mariani per i messaggi minacciosi a lui rivolti e apparsi sui muri e nelle aule del Liceo Ugo Foscolo. “Sebbene il PD voglia fare apparire l’esecrabile episodio vandalico come un atto antisemita in concomitanza della imminente giornata della memoria, – dichiara Silvestroni – il fatto sembrerebbe essere riconducibile al blitz antidroga della Guardia di Finanza avvenuto sabato scorso nel liceo. Combattere il fenomeno dilagante della droga è un dovere di tutti – prosegue Silvestroni – ma soprattutto dei docenti.” Il consigliere metropolitano e comunale di FdI-AN ha poi rivolto un invito a tutti i genitori a non assistere silenziosamente al diffondersi di questa piaga ma anzi sollecitandoli a ribellarsi a tale situazione divenuta oramai intollerabile. “E’ inconcepibile – a dichiarato ancora Silvestroni – che nel centro di Albano possano esistere zone franche di spaccio, soprattutto se si tratta di plessi scolastici. Sono dalla parte del preside Mariani e di tutti coloro che con il proprio coraggio denunciano queste situazioni di delinquenza allo stato puro, minando la salute psico-fisica dei nostri figli”.

LA FOTOGALLERY

Albano laziale, scritte di minaccia al liceo Foscolo

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca di Papa, con il sesto titolo di fila per ‘l’aussie’ Boyd Exell e il successo dell’Olanda si chiude il Mondiale di attacchi ai Pratoni del Vivaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Con il successo dell’australiano Boyd Exell, al suo sesto titolo consecutivo, e dell’Olanda nella gara a squadre, cala il sipario sui FEI World Championships di attacchi ai Pratoni del Vivaro. Si concludono così le due settimane di rassegna iridata che hanno caratterizzato  l’inizio di una nuova era per l’impianto equestre di Rocca di Papa – Pratoni del Vivaro.
 
La scommessa della Federazione Italiana Sport Equestri di riqualificare il sito e riproporne il fascino sulla scena internazionale può dirsi vinta. Oltre 51 mila presenze, provenienti da tutto il Mondo, hanno reso onore ad otto giorni di grande sport e ad una cornice ambientale di prim’ordine.
 
“È stato un successo – dice un entusiasta Marco Di Paola, Presidente della Federazione Italiana Sport Equestri -. Abbiamo vissuto due settimane in cui sia il concorso completo che gli attacchi hanno offerto uno straordinario spettacolo sportivo. A goderne è stato un pubblico numeroso di appassionati, tra cui la massima autorità sportiva mondiale, il Presidente del CIO, Thomas Bach, che ha vissuto la giornata del cross country di sabato scorso (che ha fatto registrare il numero record di oltre 22mila presenze, ndr). Siamo soddisfatti soprattutto perché questo Mondiale segna la nuova vita del centro equestre dei Pratoni del Vivaro che, grazie alla sinergia istituzionale con il comune di Rocca di Papa e con la Regione Lazio, è tornato ad essere punto di riferimento degli sport equestri in Italia e nel Mondo e che adesso proseguirà ad ospitare eventi di primo piano ma anche ad accogliere attività di formazione relativa agli sport equestri”.
 
“Il futuro appartiene a questo luogo – è il commento di Diego Nepi Molineris, Direttore Generale di Sport e Salute che, insieme con Fise, ha condiviso la vision e vissuto l’evento iridato -. I Pratoni del Vivaro tornano ad essere la casa degli sport equestri. Continueremo a supportare la FISE nel far vivere ancora di più questo luogo, dove sport e natura si fondono e producono magia e fascino”.
 
Le due settimane di sport hanno rappresentato poi un’ottima vetrina per tutto il territorio dei Castelli romani, grazie anche al “villaggio del gusto” proposto da Coldiretti, ribadendo la valenza in termini economici, turistici e di promozione determinata dall’organizzazione di grandi eventi sportivi.
 
 
 

Continua a leggere

Castelli Romani

Pratoni 2022, da Bridgerton a Rocca di Papa un viaggio nel tempo tra sport ed eleganza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
ROCCA DI PAPA (RM) – L’affresco, magnifico, è lo stesso della settimana scorsa. Tra gli alberi e le colline dei Pratoni del Vivaro, a due passi da Rocca di Papa, dove sono partiti oggi i Fei World Championships della disciplina degli Attacchi che termineranno domenica prossima, l’atmosfera però è decisamente cambiata. L’impressione è quella di immergersi in un’epoca lontana, vivere in una serie Tv in cui i protagonisti sono gli stessi di Bridgerton o Downton Abbey. In questa disciplina infatti il cavallo non viene montato, ma “attaccato” alla carrozza (attacchi singoli, pariglie o tiri a quattro). Oggi e domani andrà in scena il dressage, sabato sarà invece la volta della maratona, la prova più spettacolare delle tre in programma nella quale gli attacchi (carrozze più cavalli) dovranno eseguire un percorso nel quale verranno messe alla prova velocità e resistenza attraverso una serie di ostacoli e veri e propri labirinti. Domenica invece si terrà l’ultimo atto con i coni: nell’arena gli attacchi dovranno effettuare uno slalom all’interno di venti coppie di coni che avranno una palla in equilibrio sulla parte più alta che non deve essere fatta cadere pur completando il tracciato nel minor tempo possibile. A rendere ancora più unico lo spettacolo di questi mondiali sono le divise caratteristiche indossate dai cavalieri. Un abbigliamento piuttosto inusuale che regala grande fascino alla manifestazione grazie agli immancabili cappelli a cilindro, gli abiti di gara elegantissimi e le “coperte” ton sur ton abbinate. La polvere alzata dalle carrozze rimanda ai fasti del tempi passati e riporta alla mente epoche ormai tramontate. Terminato l’esercizio sembra quasi di vedere sparire queste carrozze, pronte a tornare indietro nel tempo per riappropriarsi dell’epoca che appartiene loro, un tempo fatto di galanteria, eleganza e buone maniere. Le stesse di una serie tv.
 
 
 
 
 
 
 

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, truffa reddito di cittadinanza: 26 denunciati, tra loro un boss Casamonica – Spada

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo, al termine di una campagna di controlli, condotti tra Gennaio ed Agosto 2022, hanno denunciato, per truffa ai danni dello Stato ed indebita percezione di erogazioni pubbliche, 26 cittadini di cui 17 di nazionalità straniera e 9 con precedenti, privi dei requisiti per la corretta corresponsione del reddito di cittadinanza, cagionando un danno all’Erario stimato in circa 250.000 euro.I militari, attraverso la sinergia investigativa con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Roma e gli uffici territoriali dell’INPS, sotto il coordinamento investigativo della Procura della Repubblica di Velletri, hanno vagliato le posizioni di circa 850 percettori, verificando i requisiti richiesti per l’emolumento facendo emergere molteplici irregolarità.

Tra i denunciati risulta un elemento di spicco del Clan dei Casamonica-Spada, risultata altresì titolare di una palestra del valore commerciale di circa 250.000 euro nonché persone beneficiarie del reddito che avevano omesso di comunicare proprietà quali una villa, terreni ed auto di grossa cilindrata, nonché la titolarità di attività commerciali.

Un uomo inoltre, con la cittadinanza tunisina, ha dichiarato falsamente di essere nato in Italia e possedere la cittadinanza italiana, due percettori hanno continuato a percepire il beneficio mentre erano in carcere, essendo stati colpiti da misura cautelare, diversi hanno indicato residenze fittizie, tra cui una residenza in un supermercato e, in un altro caso, in un garage.Diversi i cittadini impiegati “in nero” ed alcuni stranieri hanno indicato falsamente di essere residenti in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due continuativi.Il Tribunale di Velletri ha emesso diversi decreti di sequestro preventivo per equivalente ai fini di confisca dei beni e, laddove i militari hanno trovato i conti correnti “svuotati”, hanno proceduto a sequestrare gioielli, orologi di lusso, autovetture e beni mobili vari nella disponibilità degli indebiti beneficiari.Gli indagati sono da ritenersi presunti innocenti fino a condanna con sentenza irrevocabile.

Continua a leggere

I più letti