Connect with us

Gallery

Alexander Lauréus – Verso Roma, l’itinerario di vita ed arte di un pittore del Romanticismo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

La mostra Alexander Lauréus – To Rome (Verso Roma) prodotta dal Sinebrychoff Art Museum di Helsinki, Finlandia  offre un’ampia panoramica della vita e dell’arte di Lauréus, oltre a nuove prospettive. La mostra segue le orme dell’artista da Turku a Stoccolma e via Parigi a Roma. Sono esposti circa 70 dipinti ad olio e disegni, e la mostra comprende molte opere che non sono mai state esposte al pubblico. Lauréus è stato un pioniere della pittura romantica de un cosmopolita; la mostra si basa su nuove ricerche e rivalutazioni dell’arte di Lauréus ed il periodo vissuto dall’artista a Roma riceve l’attenzione come l’apice della sua produzione artistica. L’arte di Alexander Lauréus è stata esposta l’ultima volta in una mostra monografica 40 anni fa al Sinebrychoff Art Museum, ma è un artista poco conosciuto nel suo paese e misconosciuto in Italia.
 
Alexander Lauréus nacque a Turku, dove le sue doti artistiche vennero notate in una fase iniziale; a soli 19 anni partì per Stoccolma per studiare alla Royal Swedish Academy ed al termine dei suoi studi, intraprese una carriera di successo come pittore  a Stoccolma. Le sue opere vennero esposte alle mostre annuali dell’Accademia e la sua clientela si ampliò anno dopo anno. A Stoccolma Lauréus incontrò la sua compagna di vita Charlotta Thynelius, con la quale convisse La coppia si recò insieme a Parigi nel 1817. Nel 1820 proseguirono il loro viaggio verso Roma. L’incontro con la luce, il sole e la cultura italiana fece una grande impressione su Lauréus, e il suo soggiorno a Roma rappresentò l’apice della sua produzione artistica; l’artista si ammalò a Roma e morì nel 1823 a soli 40 anni ove è sepolto nel Cimitero Acattolico.
 
Laureus a Stoccolma
 
Per il giovane studente, il trasferimento da Turku alla capitale del regno, Stoccolma, fu un grande passo. Lauréus visitò le collezioni d’arte reali e vide i dipinti olandesi del XVII secolo. Ispirato dall’età d’oro dell’arte olandese, Lauréus si interessò fin dall’inizio a scene illuminate dal fuoco; specializzatosi nella raffigurazione di scene e paesaggi interni illuminati da una candela, una torcia o un fuoco aperto, e spesso dalla luna, molti dei temi sono familiari dall’arte più antica: figure in una finestra, donne nelle loro faccende quotidiane e uomini istruiti in biblioteca. Lauréus divenne un pioniere della pittura di genere romantica in Europa. A Stoccolma, Lauréus spesso raffigurò persone di diverse classi sociali in piazze, locande e cantine. Avvicinò la pittura alla cultura dello spettacolo. La vita quotidiana della gente comune era ancora un tema insolito nella pittura  dell’epoca, né era molto apprezzata nel mondo dell’arte accademica, che prediligeva la storia antica e i temi biblici. Lauréus raffigurava operai, soldati e nobili gentiluomini, spesso nelle locande. I locandieri e il personale di servizio erano generalmente donne che, in molte opere, sono rappresentate come vittime di molestie maschili, come nel dipinto Ussari in una locanda (1810).
 
Le sue opere contengono spesso caratteristiche umoristiche: nel dipinto A Well-watered Man (1808), i signori che inciampano verso casa con passi instabili rappresentano una figura comica. Anche il suo dipinto Party at the Parsonage (1815) è divertente: il tema dell’opera è vagamente basato sul poema di Anna Maria Lenngren The Countess’s Visit (1810), sulla visita di una contessa e di sua figlia alla casa di un prete. Lenngren sottolinea l’effetto comico prodotto quando i preti e la borghesia cercano disperatamente di imitare e adulare l’aristocrazia.
 
Finestre aperte sull’Europa
 
Lauréus si recò a Parigi nel 1817 con la sua compagna di vita Charlotta Thynelius. e lì raffigurò feste nazionali, come i festeggiamenti in onore del re nella Celebrazione di San Luigi a Parigi I e II (1819), così come la cultura popolare in via di estinzione, come i venditori ambulanti emigrati dalle campagne e vestiti con costumi tradizionali.
 
Gli spazi di lavoro di Lauréus a Parigi non erano adatti alla pittura a olio; pertanto, realizzò un gran numero di disegni lì. Uno dei pochi dipinti ad olio completati da Lauréus a Parigi è ‘Una donna di campagna che vende uva ai ragazzi savoiardi’(1819). Lauréus aveva chiaramente utilizzato come modello Il venditore di ciliegie (1817) della serie Cris de Paris di Carle Vernet.
 
Nella Città Eterna
 
Dopo due anni e mezzo a Parigi, Lauréus proseguì verso Roma nella primavera del 1820. Il periodo romano costituì un periodo di forte forza creativa per Lauréus, e qui dipinse le sue opere principali. L’artista raffigurò  la vita quotidiana dei romani, con dipinti di rovine e monaci legati alla tradizione romantica di Lauréus:  ‘Il Vignaruolo or a Vine Grower’s Family’ (1822) è una presentazione idealizzata della vita semplice alla periferia di Roma.
 
La meravigliosa padronanza della luce mostrata nei dipinti A Praying Monk (1822) e A Monk in a Ruin which Has Been Made into a Wine Cellar (1823) mostra fino a che punto si era sviluppata la tecnica di Lauréus. Iniziò a dipingere quadri ancora più grandi e a Roma la sua immaginazione decollò, come si può vedere nella sua opera finale, incompiuta, Street View in Rome (1823).
 
Lauréus è stato molto apprezzato per le raffigurazioni della vita popolare che ha dipinto in Italia, e i principali collezionisti d’arte svedesi, come il principe ereditario Oscar e il conte Gustaf Trolle-Bonde, hanno acquistato le sue opere. È dubbio se qualche sua opera sia in Italia.
 
A 200 anni dalla morte, si può rendere omaggio all’artista scomparso prematuramente visitando la sua tomba nel cimitero acattolico di Roma, www.cemeteryrome.it/about/siamo.html
 
 
La stele riporta l’iscrizione:
 
QVI.RIPOSA.
 
ALESSANDRO.LAVAREVS
PITTORE.SVEDESE
MORTO.LI.XXI.OTTOBRE.MDCCCXXIII.
NELL.ETÀ.DI.XXXIX.ANNI.
 
Informazioni:
 
Curatore della mostra: FM Lotta Nylund
 
Pubblicazione della mostra: Alexander Lauréus – Kohti Roomaa | Mot Rom | A Roma. Editore Ira Westergård. Contatto: Parvs, hanna.karppanen@parvs.fi
 
Le opere sono state generosamente prestate da: Academic Society in Lund, Göteborg Museum of Art, Swedish Royal Collections, National Museum in Stockholm, Stockholm City Museum, University of Stockholm, Östergötland Museum, Emil Aaltonen Art Collection, Gösta Serlachius Fine Arts Foundation, Helsinki City Museum, Università di Helsinki, Nordea Art Foundation Finland, Pori Art Museum, Reitz Foundation Collections, Turku Art Museum, Signe e Ane Gyllenberg Foundation, collezioni private
 
 
Ingresso: 18 €/ 12 €, ragazzi fino a 18 anni gratis, Museum Card
 
Orari di apertura: mar, gio, ven 11-18, mer 11-20, sab-dom 10-17, lunedì chiuso
 
 
Contatto: Sinebrychoff Art Museum, Bulevardi 40, 00120 Helsinki. Telefono 0294 500 460 www.siff.fi
 
Facebook @siffmuseo | Instagram @Sinebrychoffartmuseum | Twitter @Sinebrychoffart
 
Il Museo d’Arte Sinebrychoff fa parte della Galleria Nazionale Finlandese, insieme al Kiasma e al Museo d’Arte Ateneum.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gallery

Turismo sostenibile, Val d’Orcia: a maggio fioriscono i Maggiaioli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

Il maggio in Italia è mese di grandi tradizioni popolari che trovano sfogo in borghi e città proprio a celebrare il fulcro della stagione primaverile. Tra le zone più interessanti  la Val d’Orcia in Toscana non è seconda a nessuna per ricchezza e piacevolezza di queste tradizioni. Una delle località chiave di questa Valle è il borgo di Castiglione d’Orcia.
 
Situato sulla cima di una collina, come indica il suo nome, è un antico castello che vide il suo sviluppo grazie alla sua collocazione strategica sulla via Francigena. Per secoli roccaforte della casata degli Aldobrandeschi, si eleva sul borgo la Rocca Aldobrandesca, dove sono visitabili l’imponente cassero, le mura e altri ambienti. L’antico palazzo comunale si affaccia sulla suggestiva Piazza Vecchietta che deve il suo nome al pittore Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta per molto tempo ritenuto nativo di qui. A pochi passi dalla piazza, la Chiesa dei Santi Stefano e Degna che conserva al suo interno una pregevole tavola del pittore senese Pietro Lorenzetti. Comune fin dal 1252, in tempi diversi ha annesso al suo territorio i borghi circostanti fino ad assumere le attuali caratteristiche nel 1867, per questo vanta una ricchezza ed una varietà di ambienti e località: Campiglia d’Orcia, Gallina, Vivo d’Orcia e la zona termale di Bagni San Filippo mentre, proprio di fronte a Castiglione, all’ombra della Torre di Tentennano, è collocato il piccolo borgo medievale di Rocca d’Orcia. Il paese ha la tipica conformazione dei borghi di origine medievale, e vi accoglie con la sua storia e le sue tradizioni, spaccato di una vera e autentica realtà toscana e inserito in un paesaggio straordinario. Una breve passeggiata nel centro storico può includere una visita alla Sala d’Arte San Giovanni, un piccolo ma curato museo che raccoglie dipinti di alcuni dei maggiori esponenti della scuola senese del Trecento e Quattrocento: Simone Martini, Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta e Giovanni di Paolo, con tre splendide Madonne col Bambino.
 
Proseguendo nella passeggiata, tra il 30 aprile ed il primo maggio, ci si può imbattere in un gruppo di cantori e suonatori (circa una ventina), che gira per i borghi di Castiglione e Rocca d’Orcia,  percorre la campagna visitando i poderi, ogni anno diversi, intonando quartine di ottonari che augurano il ritorno della buona stagione, di buoni raccolti e che cantano l’amore e il risveglio della natura. Ogni quartina è seguita da un brano musicale eseguito da una piccola fanfara di strumenti. In cambio i cantori e i suonatori chiamati “Maggiaioli” ricevono ospitalità, vino, alimenti e offerte in denaro. Il “giro”si conclude ogni anno nel borgo di Castiglione d’Orcia: i Maggiaioli percorrono le vie del paese sino al mattino del primo maggio. Le offerte in denaro che i cantori raccolgono durante la questua, effettuata nelle settimane successive, vengono utilizzate, in un secondo momento, per allestire una merenda aperta a tutta la popolazione, ma la tradizione enogastronomica della zona merita un discorso a parte.. La struttura dell’abitato si concentra attorno alla rocca e al cassero, che dominano da un’altura sottostante borgo, difeso anch’esso da un altro circuito murario. La prima attestazione del castello all’interno del Codex Diplomaticus Amiatinus sembra risalire al 1014  quando viene menzionato con il nome di Petra, ma già nel 1094 viene detto Castelione, come risulta in una carta di donazione degli Aldobrandeschi all’abbazia di San Salvatore al Monte Amiata. Nella prima metà del XIV secolo, Castiglione attira le mire espansionistiche di Siena, sempre più intenzionata a controllare importanti zone di viabilità come la Val d’Orcia. Tra il 1301 e il 1303 il castello fu venduto dagli Aldobrandeschi a Siena che provvederà ad attuare una serie di interventi edilizi con lo scopo di rendere il luogo una “sentinella” inespugnabile.  Tra il 1368 e il 1419, la nuova fortezza senese venne ceduta quale ricompensa alla nobile famiglia dei Salimbeni che la sfruttarono come roccaforte per diffondere la loro signoria all’interno della Val d’Orcia riuscendo ad esercitarvi, insieme alla vicina Rocca di Tentennano,un forte controllo fino a quando non furono sconfitti dalla Repubblica di Siena, che ancora una volta restaurò e riparò il cassero e le fortificazioni del borgo. Nessuno di questi interventi riuscì però a garantire una buona difesa al centro abitato, costretto a fronteggiare l’avanzata di Firenze insieme agli altri castelli della valle fino al 1559, quando, con la pace di Cateau-Cambrésis, il vasto territorio senese divenne parte del Granducato di Firenze. Nel 1605 Castiglione d’Orcia fu trasformato in feudo del marchese Giulio Riario, il quale fece costruire,sui resti della rocca, un grande palazzo, ricordato già nel Settecento in stato di abbandono. Dopo un lungo restauro la Rocca è stata aperta al pubblico nell’agosto del 2023.
 
La visita alle frazioni e aree del paese suggerisce una capatina  a Vivo d’Orcia e visita alle sorgenti dell’Ermicciolo: una ricca rete di sentieri permette un tuffo nella natura tra castagni e abeti bianchi. Vivo d’Orcia sorge attorno a due eremi camaldolesi fondati da San Romualdo intorno all’anno Mille. A valle l’eremo di San Pietro il cui monastero è stato inglobato nel Palazzo Cervini costruito da Antonio da Sangallo per Papa Marcello II; a monte l’eremo superiore di San Benedetto all’Ermicciolo. Qui sgorgano le sorgenti del torrente le cui acque alimentano tutto il territorio fino a Siena.  Si prosegue per Campiglia d’Orcia, paese con la tipica conformazione dei borghi di origine medievale, suggestivi vicoli,  strette scalinate di collegamento e percorsi coperti. Per scoprire il suo centro storico una camminata evidenzia i punti di interesse storico, paesaggistico e della memoria. Più in alto,raggiungibile con un sentiero, si eleva la duecentesca Torre di Campigliola. Leggenda narra che la torre fosse abitata da fate che a giugno aiutavano i contadini mietendo il grano di notte.
 
Qui consigliabile una pausa pranzo presso l’azienda vitivinicola  Campotondo  ove si può gustare il buon vino DOC Orcia, per proseguire per Bagni San Filippo e la Balena Bianca  con sosta alla grotta di San Filippo. Conosciuta fin dall’antichità, questa località termale rappresenta un vero collegamento fra la Vald’Orcia e l’Amiata. In prossimità del borgo un fiume termale, il “fosso bianco”, si inoltra nel verde del bosco fino a raggiungere una cascata di acqua calda che dà origine alla Balena Bianca, una spettacolare formazione di roccia calcica che ricorda, nella forma e nel colore, la celeberrima Moby Dick di Melville. Proseguendo per Gallina, il centro abitato si trova in posizione strategica fin dal passato, in prossimità della Via Francigena. Ne sono testimoni le stazioni di posta, antichi ospizi per pellegrini e viaggiatori, della Scala e delle Briccole. Breve percorso a piedi (km 2 facile) verso le Briccole lungo la via Francigena nei luoghi che videro il passaggio dell’’Arcivescovo di Canterbury Sigerico, dove si fermò la contessa Matilde di Canossa, fu catturato l’eretico Arnaldo da Brescia, ebbero luogo, secondo tradizione, le Nozze Mistiche di San Francesco con Madonna Povertà rappresentate nella tavola del 1450 dal Sassetta. Sulla strada del ritorno verso il capoluogo comunale sosta fotografica ai cipressi di Poggio Covili. Continuando nella visita, imperdibili la Rocca d’Orcia e la Torre di Tentennano Il minuscolo borgo conserva tutte le caratteristiche medievali ed è sorvegliato dalla imponente Torre di Tentennano che domina tutta la Val d’Orcia. Nel 1207 nel borgo, per la prima volta nella storia, fu emanata una carta con cui vennero sanciti i doveri e i diritti del popolo verso i feudatari, la Charta Libertatis. Le scritture raccontano che nel 1377, inoltre, vi soggiornò Santa Caterina da Siena, che proprio qui, da analfabeta, ricevette il dono divino della scrittura.
 
Un turismo sostenibile col passaparola
 
Il sindaco, da un decennio, di Castiglione, Claudio Galletti, ci tiene a sottolineare il grande sviluppo sociale e d economico verificatosi nella valle dal dopoguerra in poi, stimolato dal turismo che, tuttavia, non può e non deve sconvolgere il ritmo di vita umano e fedele alle tradizioni di tutto l’ambiente e le genti che lo abitano. L’accoglienza diffusa nei borghi della zona, realizzata grazie alla ristrutturazione di case, ha creato una forma di accoglienza che, dopo la pandemia, ha avuto un buon sviluppo, con una forma di ospitalità che, sottolinea il sindaco, si diffonde con il passaparola e non certo con grandi piattaforme. “Chi viene qui è ospite di una famiglia, ed è una formula diversa dall’ospitalità alberghiera che non qui è disponibile”. Negli ultimi periodi è in crescita il turismo straniero, anche i turisti asiatici: “abbiamo una sessantina agriturismo e circa 800 posti-letto” aggiunge il sindaco “ma ci teniamo a non inseguire il turismo di massa”. La val d’Orcia è, in definitiva, la Toscana ideale ma anche reale, e non c’è quindi da meravigliarsi se nel 2004 l’incredibile panorama della valle sia stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.
 
 
 
Privo di virus.www.avast.com

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, al via la settimana Calasanziana al santuario della Regina delle scuole pie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Un cartellone ricco di eventi religiosi e culturali

Si parte il 18 maggio alle 19,00 con la rappresentazione sacra La Leggenda di Ognuno messa in scena dal gruppo teatrale amatoriale Amici delle Scuole Pie. A seguire il Triduo di preparazione alla Festa avrà inizio martedì 20 maggio, alle ore 17,00, con la recita del Santo Rosario al quale seguirà la Santa Messa presso il Santuario della Regina delle Scuole Pie in piazza delle Scuole Pie a Frascati.
Mercoledì 22 maggio dopo la Santa Messa ci sarà l’ inaugurazione del Portale artistico opera dello scultore tuscolano Roberto Scardella, già autore della Statua bronzea collocata sul campanile del Santuario.

La statua bronzea di Roberto Scardella posta sul campanile del Santuario

Un’ opera in ferro a maglia poligonale con inserti di terracotta realizzata dalla ditta Fiorella Caroni Ceramiche su matrice originale dello scultore che sarà collocato all’ingresso.
L’ importante è significativo evento artistico sarà accompagnato da un incontro moderato dal noto giornalista Rai Luciano Ghelfi cui prenderanno parte Don Mauro Mantovani, Prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana, Padre Sergio Sereni Preposto provinciale d’ Italia dell’ Ordine dei Padri Scolopi e l’architetto Maria Grazia D’Amelio, docente dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.
Giovedì 23 maggio alle 17,30 solenne celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Stefano Russo, vescovo di Frascati. Al termine la tradizionale processione con il quadro La Regina delle Scuole Pie, miracolosa immagine donata da San Giuseppe Calasanzio alla Casa di Frascati nel 1617
Le celebrazioni calasanziane si concluderanno domenica 28 maggio con il concerto del coro gospel One voice previsto alle ore 19,00 nella piazza e diretto dal maestro Simone Negri.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, Stazione Termini passata al setaccio dai Carabinieri: 6 persone denunciate e una in manette

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Compagnia Roma Centro, con il supporto di altre Compagnie del Gruppo di Roma, hanno effettuato un servizio di controllo straordinario, in tutta l’area della Stazione ferroviaria di Roma Termini, tra cui, via Cernaia, piazza Indipendenza, via Bachelet, via Varese, via del Castro Pretorio, viale Pretoriano, piazzale Sisto V, piazza di Porta S. Lorenzo, via di San Bibbiana, via Giolitti, piazza dei Cinquecento, viale Einaudi e zone limitrofe, mirato al contrasto di ogni forma di illegalità e degrado.
Una persona è stata arrestata per furto, sei sono state denunciate a piede libero, per reati a vario titolo e 5 cittadini sono stati sanzionati amministrativamente.
Più nel dettaglio, i Carabinieri del Nucleo Roma Scalo Termini hanno arrestato un cittadino romeno di 45 anni, senza fissa dimora e con precedenti, sorpreso dal personale addetto alla vigilanza di un negozio presente nello scalo ferroviario, subito dopo aver asportato due profumi dal valore complessivo di 280 euro. Refurtiva recuperata e restituita al titolare del negozio.
Subito dopo, invece, gli stessi Carabinieri hanno denunciato una donna romana di 45 anni, sorpresa subito dopo aver asportato dallo stesso negozio di profumi, presente nello scalo ferroviario, altri prodotti di profumeria. Anche in questo caso la refurtiva è stata recuperata e restituita al titolare del negozio.
In piazza Santa Maria Maggiore angolo via Gioberti, i Carabinieri della Stazione di Roma Piazza Dante hanno denunciato una donna, di 44 anni di Roma, già nota alle forze dell’ordine, sorpresa subito dopo aver asportato vari capi di abbigliamento da un esercizio commerciale.
Nel corso dei controlli i Carabinieri hanno denunciato due cittadini italiani, per l’inosservanza del D.A.C.UR. (Daspo Urbano), emesso nei loro confronti dal Questore di Roma, e altri due sempre italiani, per l’inosservanza del divieto di ritorno nel Comune di Roma.
Infine, i Carabinieri del Nucleo Roma Scalo Termini hanno sanzionato amministrativamente 5 cittadini, tra cui 4 italiani, tutti senza fissa dimora, per la violazione del divieto di stazionamento nei pressi della stazione Termini, con contestuale notifica di ordine di allontanamento per 48 ore; a loro carico è stata elevata anche una sanzione amministrativa di 100 euro.
In totale, i Carabinieri hanno identificato 140 persone, eseguito verifiche su 50 veicoli, effettuato 16 posti controllo.



Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti