Connect with us

Esteri

ALLARME NASA: LA CALIFORNIA STA AFFONDANDO

Clicca e condividi l'articolo

Reading Time: 3 minutes La tecnologia NASA è ideale per identificare quali aree sono in cedimento, importante per concentrare gli sforzi di controllo e di riparazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 3 minutes
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

California (USA) – La California ogni anno deve affrontare emergenze idriche sempre più dispensiose causa la forte siccità. Il California Department of Water Resources ha rilasciato un nuovo rapporto della NASA mostrando che la terra nella valle di San Joaquin sta affondando più velocemente che mai, quasi 2 pollici (5 centimetri) al mese in alcune località. Ciò è dovuto all’azione dell’uomo che per contrastare la siccità siccitàestrae e pompa un’eccessiva mole di acqua dalle zone sotterranee. Insomma i pozzi sono stati la rovina ed hanno portato all'accelerazione di questo fenomeno. 


Il rapporto, "Progress Report: subsidenza nella Central Valley, California" preparato dai ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, in California spiega: "A causa di un aumento di pompaggio, livelli delle acque sotterranee stanno raggiungendo minimi storici – fino a 100 piedi (30 metri) più bassi dei dischi precedenti". Il direttore Mark Colin del Dipartimento delle Risorse Idriche conferma: "Conseguenza del pompaggio nella vasta falda la terra sta affondando più rapidamente e questo mette vicino infrastruttura a maggior rischio di danni costosi" .
Il terreno sta affondando, ciò si è verificato per decenni in California a causa di un eccessivo pompaggio delle acque sotterranee in condizioni di siccità, ma i nuovi dati della NAS
A mostrano l'affondamento sta avanzando più velocemente, mettendo le infrastrutture in superficie a crescente rischio di danni.

Prove dalla Nasa. La NASA ha ottenuto i dati di cedimento, confrontando le immagini satellitari della superficie terrestre nel corso del tempo. Nel corso degli ultimi anni, le osservazioni effettuate dal radar interferometrico ad apertura sintetica (InSAR) da piattaforme satellitari e da aerei sono state utilizzate per produrre mappe di cedimento, con una precisione di circa un centimetro-livello. Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati satellitari JPL da PALSAR del Giappone (2006-2010) e la canadese Radarsat-2 (maggio 2014 al gennaio 2015), e ha poi prodotto le mappe di subsidenza (affondamento) per tali periodi. Ad alta risoluzione i dati InSAR sono stati anche acquisiti lungo l’ Acquedotto California (2013-2015) per identificare e quantificare le nuove zone altamente localizzate di subsidenza accelerata che si è verificato nel 2014. L'Acquedotto California è un sistema di canali, tubazioni e gallerie che trasporta acqua raccolta dalle montagne della Sierra Nevada e valli California settentrionale e centrale a sud della California.

L'utilizzo di più scene acquisite da questi sistemi, i ricercatori sono stati in grado di produrre storie temporali di subsidenza in località selezionate, così come i profili che mostrano come subsidenza varia nel tempo e nello spazio.
Il terreno vicino Corcoran nel bacino Tulare affondò di 13 pollici (33 centimetri) in soli otto mesi – circa 1,6 pollici (4 centimetri) al mese. Un settore in Valle di Sacramento stava affondando circa la metà-un-pollice (1,3 centimetri) al mese, più veloce di misurazioni precedenti.
"La tecnologia NASA è ideale per identificare quali aree sono in cedimento, importante per concentrare gli sforzi di controllo e di riparazione", ha detto ricercatore JPL e di studio co-autore Cathleen Jones. "La conoscenza è potere, e in questo caso la conoscenza può risparmiare acqua ed aiutare lo stato meglio mantenere questo elemento critico del sistema di erogazione dell'acqua della condizione." UAVSAR vola su un aereo di ricerca C-20A basato presso lo stabilimento della NASA Dryden Flight Research Center a Palmdale, California. 

Cedimenti delle valli, danni incalcolabili. L'aumento dei tassi di subsidenza hanno il potenziale di danneggiare le infrastrutture locali statali e federali, tra cui acquedotti, ponti, strade e strutture di controllo delle inondazioni. La subsidenza a lungo termine ha già distrutto migliaia di involucri di acque sotterranee e pubblici e privati nella valle di San Joaquin. Nel corso del tempo, subsidenza può ridurre in modo permanente la capacità di stoccaggio dell'acqua della falda acquifera sotterranea.

"Le acque sotterranee si comportano come un bacino di risparmio da utilizzare durante la siccità, ma il rapporto della NASA mostra le conseguenze di ritiri eccessivi, mentre ci dirigiamo nel quinto anno della storica siccità – ha detto il direttore Colin – e lavoreremo insieme con contee, distretti idrici locali e le comunità interessate per individuare modi per rallentare il tasso di subsidenza e proteggere le infrastrutture vitali come canali, stazioni di pompaggio, ponti e pozzi" – spiega la strategia Colin.
La NASA continuerà inoltre il monitoraggio della subsidenza, utilizzando i dati recentemente lanciato Sentinel-1 missione dell'Agenzia Spaziale Europea per coprire un'area più ampia e identificare le posizioni più deboli.
E’ stato completato anche un recente sondaggio lungo l'Acquedotto – che ha trovato oltre 70 miglia (113 chilometri), oltre a Fresno, Kings e contee Kern stanno affondato più di 1,25 piedi (0,4 metri) in due anni – e ora servirà condurre una la valutazione a livello di sistema di subsidenza lungo l’Acquedotto California e la condizione delle strutture di progetto Water Stato. La valutazione aiuterà il dipartimento nel sviluppare un programma di miglioramento del capitale per riparare i danni da subsidenza. Le valutazioni del passato hanno trovato che i segmenti dell 'Acquedotto di Los Banos a Lost Hills sono affondate più di 5 piedi (1,5 metri). 

La siccità ha messo in crisi l'intere vallate della California, che ha già in attivo anche pozzi infiniti di trivellazioni che estraggono petrolio. Lo stato più ricco, messo in ginocchio dalla natura ma soprattutto dalla mano dell'uomo.

Esteri

Norvegia, l’autore della strage è un danese convertito all’Islam

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Il giovane ha preso di mira i passanti in diverse zone della cittadina uccidendo cinque persone e ferendone due

Il sospettato dell’attacco avvenuto avvenuto ieri sera a Kongsberg, nel sud-est della Norvegia, si era convertito all’Islam. Lo ha affermato la polizia norvegese durante una conferenza stampa nella quale ha anche affermato di essere stata in contatto con il sospettato per timori di radicalizzazione.

“Ci sono stati timori legati alla radicalizzazione”, ha detto ai giornalisti il funzionario di polizia norvegese Ole Bredrup Saeverud, aggiungendo che la polizia aveva seguito il sospettato nel 2020.

Ma “non c’erano state segnalazioni su di lui nel 2021”, ha spiegato. L’attentatore risiede a Kongsberg, una cittadina di 25.000 abitanti a circa 80 chilometri a ovest di Oslo. Di nazionalità danese, ha usato arco e frecce per colpire le sue vittime, anche se la polizia ha menzionato anche altre armi. “Stiamo indagando per confermare che abbia agito da solo, non abbiamo informazioni diverse, ma stiamo continuando le indagini per essere completamente sicuri”, ha aggiunto Bredrup Saeverud. 

E’ un danese di 37 anni l’autore della strage, ha riferito la polizia senza tuttavia rivelarne l’identità, scrive la Cnn. Il giovane ha preso di mira i passanti in diverse zone della cittadina uccidendo cinque persone e ferendone due. La polizia, intervenuta in forze, ha arrestato l’aggressore dopo un breve scontro, ribadendo a più riprese che ha agito da solo. L’aggressore è stato trasportato nel carcere della cittadina di Drammen. Il bilancio finale fornito dalla polizia è di 5 morti, tra cui un agente in borghese, e due feriti. La polizia, intervenuta in forze, ha arrestato l’aggressore dopo un breve scontro.

A Kongsberg sono stati inviati rinforzi da tutto il Paese e agli agenti sono state fornite armi che abitualmente non indossano. E’ ancora viva in Norvegia la paura per gli attentati di estrema destra che hanno in passato insanguinato il Paese e il modus operandi ha subito fatto pensare ai prodromi della strage di Utoya in cui Anders Behring Breivik uccise 77 persone. Poco prima aveva fatto esplodere una bomba vicino alla sede del governo a Oslo.

L’aggressore di ieri sera aveva anche altre armi, tra cui un coltello, e aveva annunciato le sue intenzioni su un suo canale Youtube con immagini esplicite rimbalzate ora sui social, con foto che lo ritraevano, un giovane uomo sulla trentina, che si allenava al tiro con l’arco. In rete è circolato anche un nome, che la polizia non ha confermato, Rainer Winklarson. L’attacco è avvenuto poco prima delle 18:30 nel centro di Kongsberg, e in breve tempo sul posto sono arrivate decine di veicoli di emergenza, tra cui ambulanze, auto della polizia che ha iniziato a pattugliare la zona anche dall’alto, con gli elicotteri, mentre le autorità hanno chiesto ai residenti di rimanere in casa. La polizia ha fatto sapere che “ci sono state diverse scene del crimine”: secondo alcune informazioni, un supermercato vicino a una zona residenziale e un dormitorio per studenti. Diversi quartieri vicini alla zona dell’attacco sono stati quindi isolati con transenne. La Norvegia è stata pesantemente scossa dieci anni fa, il 22 luglio 2011, quando un estremista di destra, Anders Behring Breivik ha compiuto una strage di ragazzi nel corso di una manifestazione della gioventù laburista sull’isola di Utoya e facendo esplodere, poco prima una bomba vicino alla sede del governo a Oslo. Il terribile bilancio fu di 77 morti.

Continua a leggere

Esteri

Fine restrizioni Covid: ritorna il confine aperto tra Norvegia e Finlandia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

Dall’inizio degli anni ’50 del secolo scorso le persone hanno viaggiato liberamente attraverso i confini tra i paesi nordici. Nella maggior parte dei luoghi, non ci si accorge nemmeno quando si entra nel  paese vicino.

Questa modalità è stata però bruscamente interrotta nel marzo 2020, allorquando, allo scoppio della pandemia di Covid 19, le autorità nazionali avevano imposto restrizioni di viaggio senza precedenti. I viaggiatori transfrontalieri dovevano, da quella data, sottoporsi a quarantene e a test all’arrivo.

Il 6 ottobre scorso, la Norvegia ha rimosso l’ultima grande restrizione di viaggio verso i paesi vicini. Le barriere che erano state istituite nel marzo 2020 sono ora smantellate e i militari che hanno controllato il traffico di confine tornano a casa, decisione arrivata 11 giorni dopo che il Paese ha ufficialmente posto fine alle sue restrizioni COVID. “La regola della distanza di un metro non si applica più e possiamo stare insieme come prima”, aveva anticipato il primo ministro Erna Solberg in una conferenza stampa il 24 settembre. Tuttavia, rimarranno ancora alcune restrizioni di viaggio.

Le persone senza due dosi di vaccino assunte dovranno sottoporsi al test meno di 24 ore dopo l’arrivo. Lo stesso vale per le persone provenienti da regioni con livelli di infezione eccezionalmente elevati, i cosiddetti paesi rosso scuro, nonché per i viaggiatori vaccinati con vaccini non approvati dall’UE.

Continua a leggere

Esteri

Finnair, piano di rifinanziamento: concluso accordo di vendita e riaffitto per quattro aeromobili A350

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Come molte compagnie aeree internazionali, anche quella finlandese, Finnair, ha subito gravi perdite e danni conseguentemente alla pandemia di Covid. È quindi impegnata nella fase di recupero del suo traffico e della sua operatività, dopo quasi due anni di restrizioni.

In linea quindi con il proprio impegno per uscire dalla crisi da coronavirus,, la compagnia aerea di bandiera finlandese sta procedendo con il suo piano di rifinanziamento e ha finalizzato un accordo di vendita e riaffitto per quattro dei suoi aeromobili Airbus A350. In base all’accordo, Finnair ha venduto questi aerei, consegnati tra giugno 2017 e febbraio 2019, e li ha riaffittati per le proprie operazioni. La durata della locazione operativa è, in media, di 12 anni e le controparti sono GE Capital Aviation Services (“GECAS”) e Pacific Investment Management Company LLC (“PIMCO”) in qualità di locatori; GECAS è il gestore della locazione.

L’accordo non avrà un impatto significativo sul risultato operativo di Finnair per il terzo trimestre del 2021; tuttavia, l’effetto di cassa positivo immediato per Finnair supera i 400 milioni di dollari USA. Finnair utilizzerà la liquidità per rifinanziare il debito esistente e ritirerà la sua linea di credito revolving non utilizzata di 175 milioni di euro.

“Questa è la più grande transazione di finanziamento di questo tipo nella storia della nostra azienda”, afferma il CFO di Finnair Mika Stirkkinen.

MIKA STIRKKINEN

Costituisce una parte significativa del nostro piano di rifinanziamento, che abbiamo eseguito diligentemente durante la pandemia, e ci aiuta a migliorare ulteriormente la nostra struttura del capitale”.

Finnair aveva ordinato un totale di 19 nuovi velivoli A350-900 XWB da Airbus, di cui 16 sono stati consegnati. I restanti tre aeromobili A350 dovrebbero essere consegnati nel secondo trimestre del 2022, nel quarto trimestre del 2024 e nel primo trimestre del 2025.

La flotta gestita e/o di proprietà di Finnair è visibile sul sito web della società all’indirizzo https://www.finnair.com/gb/gb/flights/fleet e aggiornata su base trimestrale nei rapporti finanziari della società.

Continua a leggere

I più letti