Connect with us

Primo piano

ALLOGGI DEL QUIRINALE: MATTARELLA MANDA VIA CHI NON HA TITOLI

Clicca e condividi l'articolo

Resteranno quanti hanno realmente bisogno di essere sempre a disposizione per le esigenze del palazzo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Sono vere e proprie pulizie che ha iniziato ad operare l'inquilino del Colle. Due anni di tempo, a canone sensibilmente aumentato, poi via dall'alloggio a cui non si ha diritto: rivoluzione appartamenti per il Quirinale di Sergio Mattarella, che il 6 agosto scorso ha firmato un decreto che porta ordine nel parco case e foresterie nella disponibilita' della Presidenza della Repubblica. Una cinquantina di alloggi su quattro palazzi storici nel centro di Roma, all'ombra del Colle, e che verranno riutilizzati per le nuove esigenze, come si vanno delineando con il nuovo corso. Una svolta iniziata non a caso con l'apertura alle visite del Palazzo.

La "housing review" scattera' a settembre. Obiettivo le sedimentazioni di situazioni ormai al limite del privilegio che si sono accumulate nel corso degli anni e delle presidenze.
Restera' solo chi, tra funzionari e anche semplici tecnici, ne avra' diritto: quanti, insomma, hanno realmente bisogno di essere sempre a disposizione per le esigenze del palazzo. E resteranno accettando un aumento del canone di affitto del 20 percento. Finora i canoni non erano irrisori, ma comunque non troppo vicini ai valori del mercato immobiliare romano. Quanto agli altri, scatta una nuova regola: aumento immediato del canone del 30 percento. Poi del 60. Infine, entro due anni, abbandono dell'immobile con trasloco senza eccezioni entro la fine del 2017.

Al Quirinale fanno sapere che si procedera' con "criteri assolutamente obiettivi", e come esempio di quanti, tra quelli destinati a restare, si citano "i tecnici, gli elettricisti, quanti devono essere a disposizione per intervenire in qualsiasi ora" per garantire la funzionalita' del Palazzo e degli uffici. Inutile dire che si sottolinea anche il miglioramento, con questa operazione, per l'erario pubblico. Per stabilire l'entita' dei nuovi affitti e' stato consultato il demanio pubblico, e si passera' dai circa 821 euro al mese per un appartamento di 45 metri quadri agli 4.500 per una sistemazione da 224. Fin dall'inizio del settennato mattarelliano i principali consiglieri del Presidente avevano dato l'esempio: nessun appartamento a chi gia' ne possedeva uno a Roma (quanto alle auto di servizio, e' stato istituita una sorta di car sharing con un parco di Fiat 500 bianche molto discrete, che vanno prenotate in anticipo da chi si deve spostare) e rinuncia agli alloggi di rappresentanza. Da oggi, poi, al massimo si potra' ottenere una foresteria di piccole dimensioni senza il diritto di portarvi la residenza e la famiglia.

In altre parole, semplici diramazioni dell'ufficio. E le bollette, finora pagate fifty-fifty dall'ammnistrazione del palazzo e dal diretto interessato, saranno interamente a carico di quest'ultimo. E per chi ha la macchina, un solo posto a disposizione per parcheggiare. Chi ne vuole un secondo, paghi 150 euro al mese.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Salute

Covid Italia, 26 percento dei casi è variante Delta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Con il 26% dei casi, l’Italia è al quinto posto nel mondo fra i Paesi in cui è maggiore la circolazione della variante Delta. E’ la stima pubblicata dal Financial Times sulla base delle sequenze genetiche del virus depositate nella banca internazionale di dati genetici Gisaid e dei dati provenienti dall’istituto di ricerca belga Sciensano. Le stime indicano inoltre che la variante Delta è dominante in Gran Bretagna e Portogallo, dove la concentrazione è rispettivamente del 98% e il 96%. Seguono gli Stati Uniti con il 31%, quindi Italia (26%), Belgio (16%), Germania (15%), Francia (6,9%).

L’analisi del Financial Times indica inoltre che in Gran Bretagna, Portogallo e Russia all’aumento della diffusione della variante Delta corrisponde un progressivo calo nella circolazione della variante Alfa. Questa tendenza non è invece ancora presente negli Stati Uniti, in Italia, in Belgio e in Germania, dove la variante Alfa sembra essere ancora quella decisamente dominante.

Ottenere il maggior numero di sequenze genetiche del virus è fondamentale per riuscire a seguire la diffusione della variante Delta, che secondo alcuni esperti sentiti dal Financial Times è probabilmente destinata a soppiantare ovunque la variante Alfa per la maggiore facilità con cui si trasmette. Il quotidiano osserva che, a fronte delle 500.000 sequenze del virus SarsCoV2 ottenute dalla Gran Bretagna, la Germania ne ha ottenute 130.000, la Francia 47.000 e la Spagna 34.000.

Per l’Italia non è riportato alcun dato. Il sequenziamento “è costoso, richiede tempo ed è stato trascurato”, rileva sul Financial Times il direttore dell’Institute of Global Health a Ginevra, Antoine Flahault. Resta da chiarire il motivo del ritmo diverso con il quale la variante Delta si sta diffondendo in Europa, ma il punto sul quale in molti sono d’accordo è che una delle principali contro misure sia accelerare con le campagne di vaccinazione anti Covid-19 in modo da rallentare la circolazione del virus il più possibile. “C’è un messaggio che tutti dobbiamo avere molto chiaro: non è finita”, osserva sul quotidiano il virologo Bruno Lina, dell’Università ‘Claude Bernard’ di Lione.

Continua a leggere

Politica

Roma, primarie Pd: è Gualtieri il candidato. A Castel Romano l’impegno dei volontari di Sant’Egidio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roberto Gualtieri ha raccolto 28561 voti, pari al 60,64% dei voti totali. Alle spalle Giovanni Caudo con 7388 preferenze e il 15.68%. Quindi Paolo Ciani di Demos, con 3372 voti. E ancora Imma Battaglia di Liberare Roma con 2897 voti per il 6,34%. Stefano Fassina quinto con 2625 preferenze e il 5,57%. Quindi Tobia Zevi (1663 3,53%) e Cristina Grancio (497 1,05%).

Ai gazebo si sono recati in 48624, una quota superiore alle attese, 40.000 il numero fissato dalla segreteria dem, e sopra anche alle prime stime fornite da Andrea Casu che aveva indicato in 45.000 la proieizione dei votanti ad urne chiuse. Un dato superiore, rispetto alla sfida del 2016.

A Castel Romano i volontari di Sant’Egidio, qualcuno anche dipendente del Comune di Roma, hanno accompagnato i nomadi di Castel Romano ai gazebo per le primarie. Oltre sette i viaggi effettuati con le vetture.

Continua a leggere

Salute

Lotta al Covid, Mario Draghi: “La cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi o vaccinarsi con una dose sola”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“L’eterologa funziona, io sono prenotato martedì”. Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa parlando dei vaccini nella sala polifunzionale della presidenza del Consiglio.
Al punto stampa partecipano anche il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo.

Ho più di 70 anni” e la prima dose con Astrazeneca “ha dato risposta bassa e mi si consiglia di fare l’eterologa. Quindi funziona per me e ancor più vero funziona per chi ha meno di 70 anni e meno di 60 anni“, dice il premier. “La cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi o vaccinarsi con una dose sola”, afferma Draghi.
“Se uno ha meno di 60 anni e gli è stato proposto di fare l’eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di Astrazeneca purchè abbia il parere del medico e il consenso informato, bene”. La cosa peggiore è non fare la seconda dose, ribadisce Draghi.
Nonostante tutta la confusione, è straordinario come la popolazione non mostri l’intenzione di diminuire la vaccinazione e di non vaccinarsi, è straordinario. Rispetto ad altri Paesi, è uno dei comportamenti più ammirevoli, ricordiamocelo”, sottolinea Draghi aggiungendo: “Pronti a chiarire ogni confusione ma il comportamento è veramente costante e straordinario”.
“Non c’è alcun motivo” di temere “che ci sarà un rallentamento” nella campagna vaccinale. “Anzi, ci sara’ maggiore libertà di scelta, quindi non c’è motivo per temere un rallentamento”, sottolinea Draghi.

  “Domani inoltrerò la richiesta al Cts perché ci dica se possiamo togliere la mascherina o no”, lo dice il premier aggiungendo: “Ma non ci sono date”. “Sullo stato di emergenza decideremo quando saremo vicini alla scadenza”.

“Nel nostro Paese è stato disposto l’obbligo per il vaccino anti-Covid per gli operatori sanitari e ciò è giusto ma in questo momento non c’è la previsione di altri tipi di obbligatorietà. Vediamo una risposta positiva dei nostri cittadini e la campagna continuera “. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza.

“E’ stata già fatta tutta la pianificazione e riprogrammato con le regioni affinché siano già assicurate dosi con l’eterologa per tutto giugno, a breve per tutto luglio. Si tratta di 990mila cittadini che saranno vaccinati con mRna e quindi non ci saranno rallentamenti, il ritmo resterà di 500mila somministrazioni al giorno”. Così il Commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo.

Continua a leggere

I più letti