1

AMATRICE, CONVERSIONE OSPEDALE GRIFONI: SERRATA DEI COMUNI DELLA COMUNITA' MONTANA

Redazione
 
Amatrice (RI) – I nove comuni della Comunità Montana del Velino, a fianco del Comune di Amatrice nella lotta contro la conversione dell'Ospedale Grifoni di Amatrice in "Casa della Salute".
Durante l'ultimo consiglio comunitario è stata approvata all'unanimità la delibera che aveva proposto il Comune di Amatrice e che i comuni hanno approvato anche singolarmente nei singoli consigli comunali.
"Capisco il contenimento della spesa e l'attuazione del piano di rientro -dichiara l'Assessore ai Sociali della Comunità Montana Francesco Nelli- ma declassare l'Ospedale Francesco Grifoni è assolutamente ingiustificato e iniquo. Il nostro territorio è a classificazione sismica 1, il massimo; la classificazione climatica è F, il massimo; massima è la distanza dai capoluoghi di provincia rispetto agli altri ospedali. Massima è la distanza dagli altri ospedali (De Lellis di Rieti raggiungibile, Salaria permettendo, in un ora). Per non parlare dell'altitudine e il numero di abitanti che aumenta fortemente nel periodo estivo. Insomma la struttura ospedaliera è di vitale importanza, l'intervento in attuazione avrà forti ripercussioni sulla salute del territorio e non possiamo permetterlo, non possiamo permettere di essere considerati cittadini di serie B. Tra l'altro le nostre proposte sono a costo zero per le casse dell'amministrazione pubblica."
"Sono contento che la nostra azione sia stata approvata in pieno da tutti i consiglieri -dichiara il Presidente della Comunità Montana Sergio Pirozzi- ancora una volta, come quando si è insediato questo consiglio della Comunità Montana, siamo andati oltre le logiche della politica e stiamo combattendo una battaglia tutti uniti in difesa di un presidio essenziale per il nostro territorio".

LEGGI ANCHE:

13/12/2012 AMATRICE, CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO CONTRO IL RISCHIO-CHIUSURA DELL’OSPEDALE GRIFONI
05/10/2012 AMATRICE, IL SINDACO AVVERTE LA ASL: EVENTUALI RIORGANIZZAZIONI DEL GRIFONI DOVRANNO GARANTIRE LE URGENZE