Connect with us

Cronaca

Ancona, omicidio del professore di lettere: fermato un uomo, ecco i dettagli

Clicca e condividi l'articolo

Dott.ssa Putignano: "Il provvedimento di fermo per omicidio volontario a carico del muratore in questione appare come atto dovuto"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
 
di Angelo Barraco

ANCONA – Svolta nelle indagini sul terribile omicidio del Prof. Alessandro Vitaletti, ucciso a coltellate nella serata del 28 gennaio in una piazzola. E’ stato fermato con l’accusa di omicidio Sebastiano Dimasi, 55enne muratore di origine calabrese ma residente a Scheggia, Perigua. L’uomo è sospettato di essere l’autore del brutale omicidio del professore di lettere, muratore di professione, nell’ultimo periodo aveva rivolto delle minacce nei confronti della sua ex moglie che viveva a Sassoferrato con i figli. Nel mese di dicembre la donna aveva sporto denuncia presso i carabinieri. Dimasi non avrebbe accettato la relazione tra la sua ex moglie e il docente, anch’egli separato e padre di due figli. Un escalation di violenza che si è consumata in pochi istanti, quando l’ex marito geloso si è recato dalla sua ex moglie che però non gli ha aperto la porta, ma in Via Buozzi è avvenuto l’atto criminoso poiché il muratore ha visto il docente fare benzina. Dimasi aveva finito una partita a carte con un amico e quando ha visto l’uomo dall’altra parte della strada è uscito fuori dal bar e lo ha compito ripetutamente. Secondo alcune testimonianze avrebbe urlato a gran voce “Ti ammazzo, ti ammazzo!”, impugnando un coltello in mano. Ventitre le coltellate inferte a Vitaletti, che immediatamente è stato portato in ospedale dopo il terribile ferimento, una corsa contro il tempo per salvargli la vita che però non ha lasciato stampo, è morto un’ora dopo. Per tutta la notte gli inquirenti hanno cercato il muratore che successivamente è stato individuato vicino casa sua. Le indagini condotte dagli inquirenti sono state veloci ed efficienti e hanno appurato nell’immediato le dinamiche di una vicenda che ha sconvolto una comunità di 7.300 persone che stimava e adorava il Prof. Vitaletti e che oggi è affranta dal dolore e dallo sgomento per quanto accaduto. Gli alunni della scuola “Don Mauro Costantini”, dove l’uomo insegnava, hanno subito un grave shock a seguito di quanto accaduto e verranno seguito da un team di psicologi che li aiuterà a superare il forte trauma. Ugo Pesciarelli, il Sindaco, ha commentato così la vicenda “Era un uomo riservato  ma con diversi amici, stimato da tutti. Questa è una tragedia senza precedenti per il nostro paese. Ma eventi come questo ci dicono che nessuno è immune dalle inquietudini del nostro tempo. Un sintomo che il superamento dei riferimenti morali che abbiamo vissuto fino ad oggi crea vuoti dagli esiti imprevedibili”. 
 
Noi de L’Osservatore D’Italia abbiamo parlato con la Dott.ssa Rossana Putignano, Psicologa Clinica – Psicoterapeuta Psicoanalitica -Responsabile della Divisione Sud e della Divisione di Diagnosi Psicodiagnostica e Neuropsicologia Forense del CRIME ANALYSTS TEAM che ci ha rilasciato un suo parere in merito alla vicenda: “Il provvedimento di fermo per omicidio volontario a carico del muratore in questione appare come atto dovuto, essendo già l’uomo sospettato per l’assassinio del professore, suo rivale in amore: una variante, per certi versi “edipica”, alla solita triangolazione amorosa in cui a soccombere sotto i fendenti dell’aggressore è spesso una donna. L’uomo non si sarebbe rassegnato alla perdita della compagna, che da qualche tempo, avrebbe iniziato una frequentazione con la vittima. Potrebbe trattarsi di una sorta di “spostamento” dell’aggressività sul terzo incomodo visto come un ostacolo al ritorno della propria compagna; la rabbia e la sensazione di abbandono devono aver gettato il muratore in un profondo scoramento che, probabilmente, ha antiche origini, nel senso che questi esiti tragici sono spesso il frutto di una personalità costruita in un certo ambiente, con una certa familiarità e con un certo tipo di genitori. In un periodo in cui il bambino prova ad allontanarsi dalla propria madre per esplorare il mondo, egli ritorna tra le braccia materne per fare il carico di affetto: è la fase della separazione- individuazione. Vi sono delle personalità in cui questa fase non viene superata con successo tale da rendere intollerabile qualsiasi perdita dell’oggetto d’amore. Si tratta spesso di persone che necessitano di continue attenzioni e se ci si allontana da loro, potrebbero entrare in una profonda crisi esistenziale, “come se” l’oggetto d’amore non esistesse più.   Effettivamente, nella mente di queste persone non esiste, probabilmente, un’immagine materna o paterna solida, interiorizzata durante l’infanzia ed è possibile che questi soggetti provino a cercarla nel mondo esterno nel tentativo di “superare” i propri conflitti. Nel caso di specie, non sono noti i motivi profondi che abbiano portato il muratore a compiere un gesto così efferato, tuttavia, possono essere soltanto opinabili, dal momento che ognuno di noi nasce con un temperamento di base e costruisce la sua personalità fino ai 16 anni, attraverso la relazione con i genitori, l’ambiente esterno e la morale/etica che la società impone”. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Manifestazione centrodestra. A piazza San Giovanni un coro di 200mila persone: “Grillo, Grillo, vaffanculo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Sono oltre 200mila le persone riunite in piazza San Giovanni a Roma per la manifestazione del centrodestra, secondo i dati dell’organizzazione della Lega.

Dal palco di piazza San Giovanni, il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi ha affermato “siamo qui per dire no al governo delle tasse, delle manette, della burocrazia, del giustizialismo fuori controllo. Siamo qui per mandare a casa un governo non eletto dagli italiani”.

E gli esponenti di Casapound hanno più volte applaudito l’intervento dell’ex premier. Uno dei leader di Casapound, Simone Di Stefano, in particolare ha applaudito con convinzione quando Berlusconi ha sostenuto che in Italia c’è “una quinta sinistra che governa, quella giudiziaria”. Agli applausi si sono aggiunte anche risate quando Berlusconi ha sottolineato: “Non temo niente con i miei otto processi”.

Duro l’intervento della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni che ha attaccato Beppe Grillo. “Grillo è passato dal Vaffaday contro il Pd, al Vaffaday contro chi non governa con loro” ha detto e la piazza risponde con un coro: “Grillo, grillo, vaffanculo”.

“Piazza San Giovanni – ha aggiunto la Meloni – una volta era simbolo della sinistra, dove prima c’erano le bandiere rosse adesso sventolano quelle tricolori, è un segnale cari compagni che siete stati sconfitti dalla storia. Noi in piazza per chiedere la libertà e voi barricati nei palazzi. Non parlo solo del Pd ma anche dei 5 Stelle, adesso sono stipati come sardine in salamoia”. In conclusione del suo intervento la Meloni ha sottolineato che il centrodestra si batterà “per difendere la nostra integrità, Dio patria e famiglia e fatevene una ragione”.

Il capo della Lega, Matteo Salvini ha aperto il suo intervento ascoltando le parole di Oriana Fallaci e l’inno di Mameli. “Altro che estremismo, uomini normali, popolo contro elite, piazza contro Palazzo. Siamo 200mila, e duecentomila grazie”. Poi aggiunge: “Sono stufo che valga più la parola di uno stupratore di quella di un poliziotto. Ho piena fiducia nella magistratura” ma questo ultimo passaggio è stato interrotto dalla folla della Piazza con sonoro “buuu” di disapprovazione.

“Sorrido quando sento Beppe Grillo che vorrebbe togliere il voto agli anziani…Oggi tocca a loro, poi lo faremo con i disabili” ha proseguito Salvini, nell’intervento conclusivo dal palco di San Giovanni. E la folla, come ha fatto con Meloni, ha ripetuto “Grillo, Grillo, vaffanculo”. E Salvini, ironico,: “A lui piace…”

“Questa non è una piazza di estremisti – ha ribadito – ma di italiani orgogliosi di essere italiani”. Sulla questione dei migranti ha sottolineato: “Al governo abbiamo gente con le mani sporche di sangue”.

Oltre alle bandiere tricolori i manifestanti hanno sfoggiato bandiere dei singoli partiti presenti in piazza quindi di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, partita di calcio detenuti contro personaggi dello spettacolo: arriva il commento del Si.P.Pe. (Sindacato Polizia Penitenziaria)

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Nella mattinata del 19.10.2019 si è tenuta una partita di calcio “match contro le barriere dell’Isolamento” detenuti contro i personaggi dello spettacolo, del mondo della notte e della comicità.
L’ incontro di calcio è stato organizzato per dare solidarietà ai detenuti, per concorre alla loro riabilitazione, per irrompere la loro sedentarietà fisica con lo sport, liberare i loro pensieri con l’ironia, condividendo qualche ora di libertà, di movimento, di integrazione e spirito di squadra attraverso il gioco all’interno del Penitenziario per condividere un sorriso.

A darne notizia sono i sindacalisti del Si.P.Pe. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Carmine Olanda e Ciro Borrelli che da sempre denunciano le condizioni di lavoro disperate che ogni giorno conducono gli Uomini e le Donne della Polizia Penitenziaria all’ interno degli Istituti di Pena.
Come sindacato apprezziamo e siamo favorevoli a tutte le attività di trattamento, finalizzate alla rieducazione e all’ inserimento del condannato nella società. Ma non possiamo accettare in nessun modo che le Istituzioni si concentrano solo da una parte, senza pensare prima alle numerose necessità che ha il Corpo di Polizia Penitenziaria.
Oggi gli Agenti di Polizia Penitenziaria – commentano i Sindacalisti – nello svolgimento del loro
lavoro esprimono una sofferenza professionale, perché si sentono abbandonati e non tutelati.
L’ Istituto Penitenziario di Velletri “come in tutte le altre realtà” va avanti per forza di inerzia a causa della carenza di Personale di Polizia. Il personale è costretto ad effettuare ogni giorno turni di servizio a 8 ore sviluppate su tre quadranti, anziché su quattro con turni a 6 ore. I Poliziotti
impiegati presso il Reparto Nucleo Traduzioni e Piantonamenti, tutti i giorni sanno a che ore montano di servizio e non sanno a che ora smontano. Due Sostituti Commissari anziché prestare servizio di coordinamento seduti comodamente dietro ad una scrivania, hanno preferito, con Alto senso del Dovere e di Responsabilità fare le scorte ai detenuti viaggiando ogni giorno sui i furgoni anch’essi usurati e mal funzionanti. “Si parla tanto – continua Olanda – di Tutela del Lavoratore, di prevenzione dello stress, di sicurezza sui i luoghi di lavoro, sono tutti progetti campati in aria perché in realtà non vengono applicati.
Basta! – concludono i sindacalisti Olanda e Borrelli – gli Agenti di Polizia Penitenziaria gestiscono ogni giorno 60.881 detenuti di cui 20.225 stranieri su una capienza regolamentare di posti letto di 50.472 e meritano di avere la massima attenzione da parte dell’Istituzioni, cosa che purtroppo con
l’attuale Governo non c’è. E’ giunta l’ora che il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede cominci a dare delle risposte concrete alle problematiche e non si limiti semplicemente a fare solo sorrisini e passerelle formali”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Catania, rapine, estorsioni, ricettazione e furto di opere antiche: sgominata banda criminale. Finito l’incubo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Su disposizione di questa Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, alle prime ore del mattino 100 Carabinieri del Comando Provinciale di Catania, supportati dai reparti specializzati (Compagnia di Intervento Operativo del XII^ Reggimento “Sicilia”), hanno dato esecuzione ad una
ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania nei confronti di 17 soggetti, indagati a vario titolo, per essere autori di rapine, estorsioni, ricettazione e furti di opere antiche.


L’attività di indagine, condotta dai militari della Stazione di San Giovanni la Punta dal 2018 al 2019 e coordinata dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, trae origine da una rapina che fruttò oltre 17.000 Euro commessa il giorno 16 aprile 2018 all’interno di un centro scommesse Snai di San Giovanni la Punta.
Le operazioni, effettuate mediante attività tecniche e dinamiche, consentivano di sgominare una vera e propria banda bene organizzata, di consolidata esperienza criminale ed elevata pericolosità sociale, dedita a furti e rapine nelle provincie di Catania, Enna e Siracusa. I componenti del gruppo pianificavano i reati, la maggior parte dei quali rimasti tentati grazie al monitoraggio costante del gruppo criminale da parte dei Carabinieri e l’acume investigativo degli inquirenti.
La certosina attività investigativa inoltre ha consentito di recuperare, in due fasi temporali diverse, le componenti dell’antica biga bronzea di Morgantina, del valore stimato di 1.500.000 Euro.
E’ emerso infatti che il monumento, trafugato nel cimitero monumentale di Catania nel mese di giugno del 2017, è stato sottratto con una corale azione criminale che ha addirittura previsto l’utilizzo di un elicottero per portarlo dalla sua sede, una cappella gentilizia, nonostante il notevole peso di circa 1.000 chilogrammi e, quindi, adagiarlo su un camion per il successivo
trasporto.
La successiva identificazione degli autori del furto e di coloro i quali ne hanno gestito l’occultamento e l’intermediazione per la vendita, ha consentito l’individuazione del potenziale acquirente di nazionalità tedesca, il cui attento monitoraggio ha permesso ai militari di addivenire
all’esatta ubicazione dei luoghi dove l’opera di inestimabile valore storico, artistico e culturale era occultata.

Nel particolare, infatti, la “carrozza” è stata rinvenuta all’interno di un garage ubicato nel comune di Aci Catena, di proprietà di un appartenente al gruppo criminale, mentre i “due cavalli” all’interno di una camera segreta completamente murata, ricavata all’interno di un locale di una villa privata
ubicata nel comune di Piazza Armerina (EN), in uso ad un noto antiquario del luogo.
Grazie all’attività svolta, inoltre, è stato possibile porre un freno al crescente fenomeno dei furti e rapine ai danni di attività commerciali da parte del gruppo criminale e di individuare, tra gli altri, un dipendente infedele di una delle banche, il Monte dei Paschi di Siena, nonché di un sorvegliante del cimitero monumentale di Catania, in relazione al furto della biga di Morgantina.

Soggetti destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere

1) ARDITO Nuccio, nato a Catania il 26.04.1970
2) CORIO Antonio, nato a Catania il 16.11.1997
3) CORIO Francesco, nato a Catania, il 04.06.1978 (già detenuto per altra causa nel carcere di
Catania Piazza Lanza)
4) COSTANTINO Gianluca, nato a Siracusa il 04.05.1975
5) LO GIUDICE Angelo Dario, nato a Catania il 25.08.1985
6) MESSINA Giovanni , nato a Nicosia /en) il 05.01.1954

Soggetti destinatari di ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari
7) CALI’ Vito, nato a Catania il 22.05.1961
8) CELESTRI Rosario, nato a Caltanissetta il 20.01.1958
9) CORIO Antonino, nato a Catania il 21.03.1979
10) FICHERA Salvatore, nato a Catania il g. 08.10.1965
11) GANGEMI Pietro, nato a Catania il 12.08.1959
12) GRASSO Desiree, nata a Catania il 15.12.1993
13) TASCO Tommaso Agatino, nato a Catania il 05.02.1965
14) MIRABELLA Paolo, nato a Catania il 16.06.1971
15) NAUTA Giuseppe Emiliano, nato a Catania il 24.07.1974
16) TRINGALE Nunzio Mario Guido, nato a Catania il 12.09.1981
17) TRINGALE Salvatore, nato ad Aci Castello il 18.09.1957

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it