Connect with us

Costume e Società

Ancri: consegnata una nuova bandiera al liceo Orazio di Roma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Conclusa la cerimonia di consegna di una nuova Bandiera al Liceo Orazio organizzata dall’Associazione Nazionale Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana L’iniziativa, programmata nell’ambito delle celebrazioni della “Festa del Tricolore” rientra nel “Progetto decoro della Bandiera”, annunciato dell’ANCRI, finalizzato a contribuire a garantire, su tutto il territorio nazionale, il decoro del Tricolore, primo simbolo ufficiale identificativo della Repubblica.

La cerimonia, moderata dal dott. Franco Graziano, è stata introdotta dalla Dirigente scolastica del Liceo Ginnasio Statale “Orazio” Professoressa Maria Grazia Lancellotti. A seguire, alla presenza dei liceali e delle istituzioni civili e militari presenti ha preso la parola il presidente dell’Ancri Tommaso Bove il quale ha premesso che “nell’ambito delle iniziative per celebrare la Festa del Tricolore, l’Associazione Nazionale Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana, ha inteso donare una nuova Bandiera al Liceo classico Orazio, per contribuire a far mantenere alta l’attenzione sui Valori e sul Simbolo per eccellenza della Repubblica, soprattutto tra le nuove generazioni.

Con questa manifestazione – ha aggiunto il presidente dell’Ancri – entra nella fase operativa il progetto “Decoro delle Bandiere”, già annunciato dall’ANCRI in occasione dei 70 anni dalla firma della Costituzione della Repubblica Italiana. Donando questa bandiera nuova al Liceo Orazio, l’ANCRI vuole fornire il proprio contributo per tenere alto il decoro del Tricolore è il simbolo della nostra democrazia.

Come ha ricordato alcuni giorni fa dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – ha poi detto Tommaso Bove – il Tricolore è il ‘Simbolo che unisce tutti gli italiani’ e ‘rappresenta l’emblema dei valori di libertà, di democrazia, di giustizia sociale, di rispetto dei diritti dell’uomo e di solidarietà che caratterizzano la Repubblica’. Purtroppo – ha proseguito il presidente Bove – sempre più spesso si notano Bandiere lacere, scolorite o sporche. L’ANCRI, anche attraverso opportune segnalazioni delle sue Sezioni Territoriali dislocate su tutto il territorio nazionale, è pronta a valutare eventuali richieste da parte di organismi pubblici che non sono nelle condizioni di provvedere in proprio alla sostituzione della Bandiera lacerate ed in tal caso, compatibilmente con le risorse disponibili, provvederà all’acquisto ed alla fornitura del materiale necessario alla messa in decoro, con modalità da concordare con i singoli organismi. Non è un caso – ha detto ancora – che l’ANCRI abbia deciso di far entrare nella fase operativa il proprio progetto proprio in una scuola.

In un periodo in cui si è costretti a rilevare con sempre maggiore frequenza una triste condizione di trascuratezza e di indifferenza verso la Bandiera, riteniamo molto importante che la scuola italiana continui sempre più incisivamente a farsi carico del compito di formare i giovani al rispetto del Tricolore, a difesa del quale tanti nostri fratelli hanno sacrificato la loro vita affinché l’Italia fosse libera e unita”. Subito dopo, alla presenza del corpo insegnante e di oltre mille alunni e delle autorità civili e militari, la Dirigente scolastica Maria Grazia Lancellotti ha ricevuto le nuove Bandiere, Italiane ed Europea, dalla mani del presidente Bove e dei vice presidenti Franco Graziano e Domenico Garofalo.

Accompagnata dall’Inno nazionale si è svolta poi la solenne cerimonia dell’alza bandiera. A tutta la cerimonia, moderata dal dott. Franco Graziano, hanno assistito tra gli altri il Presidente del III Municipio Roberta Capoccioni e l’Assessore politiche scolastiche ed educative Gilberto Kalenda, e rappresentanti della Guardia di Finanza, dell’Arma dei Carabinieri, dell’Aeronautica Militare, del Associazione Nazionale Ufficiali dell’Aeronautica, dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Associazione Nazionale Guardia di Finanza e dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Presente anche il Presidente dell’Associazione “Tricolore” di Paglieta (CH) Giustino DE RITIS.

Print Friendly, PDF & Email

Costume e Società

Concetto di bellezza, stereotipi e canoni da Greta Garbo ai giorni nostri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ogni epoca ha avuto propri canoni di bellezza, ma come si sono evoluti negli anni?

Il video servizio

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Montecitorio a porte aperte e concerto celebrativo della 4 Giornata nazionale della Bandiera: due concerti d’eccezione per una domenica tutta tricolore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Grande partecipazione per il Concerto celebrativo della “Giornata nazionale della Bandiera” organizzato domenica scorsa a Montecitorio dall’ANCRI l’Associazione nazionale insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica da tempo impegnata a promuovere il decoro del Tricolore.

Il video servizio

Il video servizio

L’iniziativa è stata dedicata alla Giornata nazionale della Bandiera, che si è celebrata lo scorso 7 gennaio

L’evento è stato introdotto alle 11 in Piazza Montecitorio, alla presenza della Vicepresidente Mara Carfagna dal Concerto della Banda musicale dell’Aeronautica militare, diretta dal Maestro Marco Moroni, in occasione di Montecitorio a porte aperte, seguito poi alle 12 nell’Aula dal Concerto della Banda musicale della Polizia di Stato, diretta dal Maestro Maurizio Billi.

A dare il benvenuto al numerosissimo pubblico intervenuto la stessa Vicepresidente Carfagna e il Prefetto Francesco Tagliente delegato ai rapporti istituzionali dell’ANCRI che ha chiamato un grande storico del risorgimento, Michele D’Andrea, che ha dedicato molta parte della sua attività a far conoscere nella corretta luce i simboli della Repubblica, spiegando con parole semplici ma ricche di contenuto le caratteristiche della nostra Bandiera e del nostro Inno e i motivi che ne fanno una pagina unica, profondamente legata alla nostra storia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Firenze, anche quest’anno a Pitti Uomo la Finlandia alla ribalta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

FIRENZEPitti Uomo a Firenze costituisce da tempo uno degli appuntamenti più prestigiosi al mondo per la presentazione di novità e proposte del settore della moda maschile. Anche nel 2019 la Finlandia ha partecipato all’evento, l’otto gennaio scorso, dopo il successo riscosso dal progetto Guest Nation del 2018.

A Firenze Rolf Ekroth, 36 anni, designer finlandese, vincitore di concorsi internazionali, ha infatti presentato la propria collezione e, in contemporanea, è stato rilanciato il leggendario marchio sportivo finlandese Terinit, acquisito dallo stesso designer finnico.

Laureato alla Università Aalto ad Helsinki, nel 2016 è arrivato in finale allo Hyères Fashion Festival. Dopo il successo riscosso al celebre festival francese, Ekroth ha disegnato una capsule collection per i grandi magazzini Galeries Lafayette di Parigi. Lanciata nella primavera del 2017, la collezione è fedele al marchio di fabbrica del designer, ossia le influenze sportswear futuristiche, e contempla capi rainwear e scarpe da ginnastica unisex. Nel 2018, Ekroth ha partecipato con altri designer finlandesi al progetto Guest Nation Finlandia organizzato in occasione di Pitti Uomo con una collezione realizzata in collaborazione con il marchio di abbigliamento sportivo Halti.

Le sue collezioni, ispirate agli anni della sua adolescenza, rendono omaggio all’hip hop anni ‘90, alla vela e agli anime (film animati).

Terinit è uno storico brand finlandese di abbigliamento sportivo, fondato nel 1949. Negli anni Ottanta, il marchio era principalmente noto per i suoi capi da sci e salto con gli sci. Le proposte di Terenit hanno contribuito in misura sostanziale a costruire l’immagine degli sport invernali finlandesi e l’identità nazionale. La prima collezione è disegnata da Rolf Ekroth e trae ispirazione da quelli che negli anni Ottanta erano due dei principali sport invernali della Finlandia: l’hockey su ghiaccio e il salto con gli sci.

All’evento fiorentino è intervenuto anche l’ambasciatore di Finlandia, Janne Taalas.

Ma a Pitti Uomo aveva un suo spazio importante anche l’eco-sostenibilità, parola d’ordine anche nel mondo dello stile classico contemporaneo maschile. La ricerca tocca nuovi livelli di sperimentazione tecnologica, applicandosi a materiali creativi e alternativi, provenienti dalla pratica virtuosa del riciclo ma non solo. All’anima eco si unisce un’estetica curata che non deroga allo stile, ma inserisce dettagli futuristici come termonastrature, tessuti catarifrangenti e tagli laser. Tra i brand di Pitti Uomo che hanno fatto dell’ecosostenibilità la loro cifra stilistica, notevole Il marchio svedese Tretorn, insieme al finlandese Makia, che hanno lanciato a Pitti Uomo una collezione sailing denominata Åland. L’ottica della Peace Islands Collection è iper sostenibile: parte della vendita andrà alla fondazione John Nurminen per un Mar Baltico pulito. E gli impermeabili sono in poliestere riciclato.

La Peace Islands Collection, che comprende abbigliamento da pioggia, stivali, maglioni e accessori, è ispirata ad Åland, un arcipelago del Mar Baltico situato tra Svezia e Finlandia, e ruota attorno ai temi della pacifica vita marina e alla cultura della navigazione, ma parla anche di pace e sostenibilità. L’idea è emersa quando Tretorn e Makia hanno avuto modo di scoprire le affinità che li univano e li collegavano a questo luogo unico. Åland, appartenente alla Finlandia ma di lingua svedese,  un punto d’incontro per gli appassionati di vela di mentalità eco. 

Gianfranco Nitti

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it