Connect with us

Cronaca

ANGELA CELENTANO, SCOMPARSA: RENZI SBLOCCA I FONDI PER LE RICERCHE IN MESSICO

Clicca e condividi l'articolo

Lo Staff del Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha sbloccato i fondi destinati alla ricerca in Messico e probabilmente gli investigatori potranno a breve tornare sul posto.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Christian Montagna

Era il 10 Agosto del 1996 quando durante una gita sul monte Faito della piccola Angela Celentano si persero le tracce. Rom, zingari, pedofili, trafficanti di organi: tutte le piste furono prese in considerazione. Un tran tran di notizie inerenti al suo ritrovamento seguite poi da amare smentite; un'odissea che mamma e papà Celentano vivono da troppi anni. La scomparsa di un figlio, il più atroce dei delitti, non si supera. Ne è la testimonianza la signora Piera Maggio mamma di Denise e con lei tutte le altre a cui sono stati sottratti i propri bambini. In questi anni, tutte le tracce sono state seguite ma della piccola nessuna notizia. Trasmissioni televisive, giornali, programmi radiofonici di tutto il globo ne hanno parlato ma nulla e ripeto ad oggi ancora nulla. Intanto una famiglia soffre da diciotto lunghi anni, infiniti proprio come la voglia di riabbracciare la piccola Angela. A nulla sono serviti gli appelli della madre disperata, a nulla è servita la mobilitazione internazionale: Angela è finita nelle mani di un professionista del mestiere; di lei non è trapelato più nulla se non false notizie. Nel 2010 appare però una piccola speranza: in Messico, una giovane ragazza di nome Celeste Ruiz invia una serie di mail alla famiglia dicendo di essere Angela Celentano, di trovarsi ad Acapulco e di non voler essere più cercata. Una speranza che tanta gioia ha portato al cuore della mamma e del papà ma, non si sa per quale arcano motivo le ricerche si sono interrotte. La polizia di Stato nel corso di questi anni ha realizzato degli identikit probabili di come si sarebbe evoluta la fisionomia della piccola scomparsa. La Procura di Torre Annunziata, ha fatto il punto della situazione proprio pochi giorni fa: da una parte gli avvocati della famiglia Celentano chiedono a gran voce di continuare le ricerche e dall'altra le ricerche sospese che incespicano in una burocrazia assurda. Nonostante ciò però i magistrati hanno dichiarato che sarà analizzata fino in fondo la segnalazione proveniente dal Messico. Lo Staff del Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha sbloccato perciò i fondi destinati alla ricerca in Messico e probabilmente gli investigatori potranno a breve tornare sul posto per continuare gli accertamenti. Le stesse dichiarazioni sono giunte dai rappresentanti dell'Interpol: sarà setacciata la città messicana nuovamente procedendo all'interrogatorio dei principali protagonisti della vicenda Cristino Ruiz dipendente del Ministero della giustizia messicana dalla cui abitazione partirono le mail e Jose Manuel Vazquez Valle, l'uomo che aveva confessato di aver inviato le mail alla famiglia Celentano.

Cronaca

Vaccino anti Covid-19: la Pfizer riduce l’invio delle dosi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La Pfizer ha ridotto di circa 165 mila dosi il nuovo invio di vaccini. Lo rende noto l’ufficio stampa del Commissario Straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri, in un comunicato in cui si ribadisce che la decisione di Pfizer è stata “unilaterale” e che ha “unilateralmente redistribuito le dosi da consegnare ai 293 punti di somministrazione sul territorio italiano. Di conseguenza, e in modo del tutto arbitrario”, nella “prossima settimana a fronte delle 562.770 dosi previste, verranno consegnate 397.800 dosi”. Una decisione “non condivisa né comunicata agli uffici del Commissario, produrrà un’asimmetria tra le singole Regioni”. 

Abruzzo, Basilicata, Marche, Molise, Umbria e Valle d’Aosta sono le uniche regioni che non avranno tagli nella distribuzione dei vaccini Pfizer-BioNTech. E’ quanto emerge dalla ripartizione delle dosi (considerate ormai 6 ogni fiala e non più 5) resa nota dall’ufficio di Arcuri. L’Emilia Romagna, Lombardia e Veneto con circa 25mila dosi sono le regioni più penalizzate, poi il Lazio con 12 mila la Puglia con 11.700.

Al via intanto i primi richiami del vaccino anti-Covid allo Spallanzani di Roma. “Tra oggi e domani faremo il richiamo agli operatori sanitari e delle Uscar che sono stati vaccinati il 27 dicembre. Sono in tutto 130” ha detto il direttore sanitario dell’istituto Francesco Vaia. Allo Spallanzani stamattina per l’avvio dei richiami anche l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.

“E’ davvero sconsigliabile” utilizzare un tipo di vaccino anti-Covid per la prima dose e uno diverso per la seconda. Lo ha detto Arcuri, intervistato a Domenica In su Rai1. “Se ci si vaccina con Pfizer è consigliabile che la dose di richiamo la si faccia con lo stessa vaccino – ha spiegato -. Il termine di intervallo di tre settimane fra prima e seconda dose pensiamo che sia bene rispettarlo”.

“Arcuri mi ha convocato per chiedermi di realizzare dei piccoli spot per una campagna di sensibilizzazione sulla necessità di vaccinarsi e io ho aderito immediatamente”. Così il regista premio Oscar Giuseppe Tornatore con Domenico Arcuri a Domenica In, nel corso della quale viene presentato il primo spot. 

Continua a leggere

Cronaca

Milano, donna positiva all’alcol test travolge con l’auto un carabiniere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MILANO – Carabiniere investito da un auto mentre è in servizio. Il fatto è successo ieri durante la serata a Milano, durante un posto di controllo predisposto in via Ravenna, quando il militare, appartenente alla Stazione Milano Vigentino, è stato investito da un’autovettura Nissan Micra, proveniente dallo stesso senso di marcia, condotta da una donna italiana classe ’73, residente a Milano, incensurata.

Dai primi accertamenti, il Carabiniere, che in quel momento stava fornendo appoggio al capo servizio impegnato nel controllo di un veicolo fermato poco prima, per cause in corso d’accertamento è stato improvvisamente travolto alle spalle dall’automobile, venendo scaraventato a terra e riportando, a seguito della caduta, una ferita lacero-contusa all’arcata sopracciliare destra e policontusioni al viso, al bacino ed al braccio destro.

Nella circostanza, la conducente ha rifiutato le cure mediche mentre il militare, rimasto vigile e cosciente, è stato soccorso da sanitari del 118 e trasportato, in codice verde, al Policlinico di Milano, ove si trova in osservazione precauzionale sebbene gli accertamenti diagnostici abbiano escluso traumi e fratture.

I Carabinieri, entrambi dotati dei dispositivi ad alta visibilità, avevano attuato il controllo in un luogo adeguatamente illuminato, mantenendo in funzione il lampeggiante del mezzo di servizio al fine di segnalare la loro presenza.

E’ successivamente intervenuto sul posto personale della Polizia Locale che ha accertato che i documenti di guida, circolazione e assicurativi sono risultati in regola ed all’esito dei rilievi ha deferito in stato di libertà la donna per il reato di guida sotto l’influenza dell’alcol poiché risultata positiva all’alcoltest con tasso pari a 0,94 g/l, sospendendole la patente di guida e sottoponendo a fermo amministrativo l’autovettura.

Continua a leggere

Cronaca

Viterbo, ASL: 34 i casi di Covid-19 registrati oggi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

3 decessi nelle ultime 24 ore e 46 i positivizzati

VITERBO – 34 casi accertati di positività al COVID-19 sono stati comunicati, entro le ore 11, dalla sezione di Genetica molecolare di Belcolle al Team operativo Coronavirus della Asl di Viterbo.

Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 6 a Civita Castellana, 6 a Viterbo, 4 a Nepi, 3 a Corchiano, 3 a Ronciglione, 2 a Tuscania, 2 a Vitorchiano, 1 a Canepina, 1 a Canino, 1 a Caprarola, 1 a Ischia di Castro, 1 a Montefiascone, 1 a Oriolo Romano, 1 a Orte, 1 a Tarquinia.

Dei casi odierni, 25 presentano un link epidemiologico con casi precedentemente accertati e già isolati, 9 sono collegati a persone che hanno dichiarato di essere sintomatiche al drive in. Stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio 24 persone, 1 è attualmente ricoverata presso le strutture COVID aziendali.

Il Team operativo Coronavirus ha attivato le misure di prevenzione e di protezione, al fine di contenere la diffusione del virus, irrobustendo la catena dei contatti stretti, con la preziosa collaborazione delle Amministrazioni comunali.

In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al COVID-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 10177.

La Asl, con estremo rammarico, comunica il decesso, avvenuto nelle ultime 24 ore, di 3 pazienti ricoverati presso le strutture COVID di Belcolle: 1 cittadina di 88 di Viterbo, 1 cittadino di 92 anni di Bassano Romano, 1 cittadina di 90 anni di Cellere.

Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal COVID-19 di 46 pazienti residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 17 a Viterbo, 5 a Civita Castellana, 4 a San Lorenzo Nuovo, 3 a Montefiascone, 2 a Celleno, 2 a Monte Romano, 2 a Sutri, 2 a Tuscania, 1 a Blera, 1 a Canepina, 1 a Caprarola, 1 a Montalto di Castro, 1 a Orte, 1 a Ronciglione, 1 a Soriano nel Cimino, 1 a Vetralla, 1 a Vitorchiano.

Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus, 29 sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 5 ricoverate presso la Terapia intensiva COVID di Belcolle, 68 ricoverate presso la Medicina COVID di Belcolle, 17 ricoverate presso la Medicina riabilitativa COVID di Montefiascone, 1543 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sale a 8243 il numero delle persone negativizzate, 272 sono le persone decedute. Dall’inizio dell’emergenza COVID, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 88671 tamponi, 469 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 14420.

Continua a leggere

I più letti