Connect with us

Roma

ANGUILLARA: BASTA POCO CHE CE VO’

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Uno sparuto gruppo di ragazzi/ragazze, non avendo altro da fare fino a notte inoltrata, va in giro a fare schiamazzi e anche qualche danno alla proprietà , bene della collettività.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Emanuel Galea

Anguillara (RM) – Non vorrei sembrasse la solita critica sterile. Nello stesso tempo non vorrei neanche s’intendesse uno dei soliti discorsi buonisti. Niente di tutto ciò. Desidero portare sotto i riflettori degli amministratori e di noi genitori fatti, tempi e luoghi che riguardano la nostra cittadina.

Il mio non è il solito polpettone estivo ironizzando sulla mancata apertura della piscina comunale. Non intendo ritornare sull’argomento e non voglio parlare dei finanziamenti che il nostro Comune ha ricevuto  per la sua costruzione. Non sprecherò un'altra parola sul finanziamento che ha avuto per la copertura. E’ mio fermo  proponimento non ritornare sul solito discorso che l’assessore ogni anno, regolarmente annuncia l’apertura, l’inaugurazione. Ormai ho perso ogni speranza, anche perché noto con dispiacere che ai cittadini di Anguillara, di quella piscina non importa proprio niente. Perché dovrebbero? Che vada a rotoli ! Che vada in rovina! Tanto, sono soldi di tutti, non sono solo soldi miei!

Non scrivo per chiedere notizie del “grande cinema” che fu salutato come un evento dell’anno,  momento di svago per chi non può allontanarsi per andare a Roma per vedere un film. Non faccio alcuna domanda. E’ chiuso, anzi non è stato mai aperto. Mettiamoci una pietra sopra. Tanto la polvere ci  si posa sopra senza chiederci permesso.

Se qualcuno pensasse che intenda ritornare sulla faccenda del Museo Neolitico, chiuso e mai aperto, ha fatto i conti sbagliati. Del resto l’Assessore alla Cultura fa benissimo a disinteressarsi di questo museo. La gente, gli istituti scolastici, le associazioni, l’Assessore al Turismo, a tutti sembra che di questa branca della cultura non interessi nulla.

Se qualcuno dovesse pensare che scrivo per parlare dello stato pietoso del manto stradale oppure per domandare del perché i tanti sbandierati lavori di Via Anguillarese: due rotatorie, marciapiedi, asfaltatura per tutto il tratto fino al passaggio al livello sono fermi, se qualcuno dovesse credere  che scrivo riguardo questi lavori incompleti, rimarrà male. Non chiedo niente. Sono iniziate le piogge.E sabato scorso l’Anguillarese era allagata e non si vedeva dove c'erano le buche e dove non. Eppure, di questo non voglio più occuparmi.

Sono consapevole della situazione di  “cassa” del nostro Comune  e non intendo chiedere l’impossibile.

Scrivo per far sentire la voce degli abitanti che ogni notte vengono privati del loro diritto a poter riposare in silenzio e con tranquillità. Questo è lo scopo “primo”. Uno sparuto gruppo di ragazzi/ragazze, non avendo altro da fare fino a notte inoltrata, va in giro a fare schiamazzi e anche qualche danno alla proprietà, bene della collettività.  E’ una cellula di microcriminalità in embrione e se non fermata in tempo, un domani darà dispiacere sia ai propri genitori che alla collettività. Nessuno pretende che le Forze dell’Ordine, Carabinieri oppure i Vigili, siano sempre a loro seguito per monitorare le loro marachelle. Non si può, ragionevolmente credere, però, che il gruppo sia ignoto alle Autorità locali. Abitualmente stanzia in Largo Baden Powell, davanti alla chiese Regina Pacis e alla Stazione Ferroviaria.

Basta poco che ce vò. Un paio di telecamere collegate con la stazione dei Carabinieri. Spero non ci si metta in mezzo la solita tiritera della privacy. In mezzo ci sta il diritto del cittadino al riposo notturno, la messa in sicurezza del bene della collettività e prevenire che da cella in embrione,  fra non molto, le Autorità si troveranno a dover contrastare cose più serie.

Chi ha tempo non aspetti tempo. Basta poco che ce vò.
 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti