Connect with us

Roma

ANGUILLARA EMERGENZA ARSENICO, COMITATO ACQUA PUBBLICA: SABATO 26 GENNAIO ORE 16.30 INCONTRO PUBBLICO

Clicca e condividi l'articolo

L'appello del Comitato Acqua Pubblica a tutta la cittadinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

[ VIDEO INTERVENTO ASSESSORE ENRICO STRONATI AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 29/12/2012 ]

 

Redazione

Anguillara (RM) – Il Comitato Acqua Pubblica di Anguillara Sabazia, in riferimento alla situazione di emergenza causata dai livelli di arsenico fuori norma contenuti nelle acque di Anguillara, invita la cittadinanza a partecipare all'assemblea pubblica che si terrà sabato 26 gennaio 2013 alle ore 16:30 presso la Sala Don Alvaro Orsi della Parocchia Regina Pacis.  Interverrà la Dott.ssa Litta dell'Associazione Medici per l'ambiente, che parlerà delle problematiche ambientali e sanitarie derivanti dal consumo delle acque con presenza di arsenico.

Di seguito pubblichiamo l'appello del Comitato Acqua Pubblica di Anguillara Sabazia rivolto a tutti i cittadini:

Siamo tornati indietro di 50 anni! I cittadini di diverse zone di Anguillara non possono godere del diritto all’acqua potabile nelle proprie case. Le varie Amministrazioni – comunali e regionali – degli almeno ultimi 10 anni sono in varia maniera corresponsabili di questa regressione civile, mostrando incapacità, inadempienza rispetto agli obblighi di legge e alle proprie stesse deliberazioni (vedi delibere di CC di Anguillara del 9 giugno 2006 e del febbraio 2012), ed inefficienza nel far fronte all’emergenza che si protrae da anni.

Non condividiamo la logica ispiratrice dell’ultima mozione recentemente approvata, all’unanimità, dal Consiglio Comunale di Anguillara, che sostanzialmente scarica sulla Regione l’intera responsabilità della situazione, senza definire chiaramente quali sono gli interventi, i tempi, e le risorse necessarie.
E’ una mozione e dunque un semplice atto d’indirizzo senza effetti concreti se non quello di dichiarare un generico interessamento.

Ben consapevoli della latitanza dell’Amministrazione Regionale rispetto alla necessità di varare, finanziare e attuare un piano di investimenti straordinario per l’adeguamento delle infrastrutture, tuttavia non possiamo non richiamare il Comune alle proprie responsabilità, a partire dalla destinazione – prevista per legge – dell’introito del 7% della tariffa che noi paghiamo al Comune, per investimenti nel servizio idrico stesso, su cui nulla o poco è stato fatto in tutti questi anni.
Non si informa la cittadinanza, né si adottano misure necessarie per fornire l’acqua potabile

CHIEDIAMO ALL’AMMINISTRAZIONE DI ANGUILLARA:
1.    Che si stabilisca un piano per rifornire di acqua potabile i cittadini delle zone coinvolte nel problema dell’arsenico (idrovolanti? 🙂
2.    che nel bilancio 2013 sia previsto che ALMENO  il 10% dell’introito della tariffa sull’acqua incassata dal Comune venga destinato ad investimenti per ridurre in modo definitivo la concentrazione di arsenico nell’acqua;
3.    che vengano risparmiati i soldi per spese non prioritarie (ad esempio i fuochi artificiali …) per investirli nel servizio idrico e che vengano assunte misure urgenti per recuperare l’evasione fiscale investendo le relative risorse nel servizio idrico integrato;
4.    che, nelle more della auspicata iniziativa regionale e assieme a tutti i Comuni del Lazio che condividono lo stesso problema, venga chiesto l’intervento urgente della Cassa depositi e prestiti;
5.    che venga definito un piano strutturale per risolvere i problemi del servizio idrico in modo definitivo;
6.    che si diano informazioni chiare sulle risorse disponibili, sugli interventi previsti, e sui tempi di attuazione;
7.    che le analisi sull’acqua siano a disposizione della cittadinanza non in modo saltuario come ora visibile sul sito, ma in modo continuo e circostanziato.
 

AUSPICHIAMO CHE:
1.    il nuovo Consiglio Regionale – nel rispetto della vittoria del Referendum per l’acqua pubblica – ponga tra le priorità urgenti l’investimento nel servizio idrico, con un piano definito e tempi certi, con procedure di trasparenza e coinvolgimento della cittadinanza;
2.     il nuovo Parlamento approvi la legge di iniziativa popolare per l’acqua pubblica, da tempo giacente, che prevede la creazione di un Fondo nazionale per gli investimenti nell’acqua pubblica.

INVITIAMO TUTTI I CITTADINI
–    ad aderire e firmare una lettera al Prefetto affinché intervenga presso il Comune di Anguillara S. per risolvere quella che è a tutti gli effetti un’emergenza;
–    a rendersi disponibile a partecipare e rafforzare il Comitato per l’Acqua per chiedere una maggiore trasparenza e partecipazione
–    a partecipare a un’assemblea pubblica che si terrà sabato 26 gennaio 2013 alle ore 16:30 presso la Sala Don Alvaro Orsi della Parocchia Regina Pacis per informarci sulla situazione e tutelare la nostra salute.

LEGGI ANCHE:

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gallery

Roma, Villa Massimo: abbandono e degrado per l’ex casina dei Pini. Nel 2019 l’inaugurazione del parco in pompa magna della sindaca Raggi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – In completo stato di abbandono e degrado l’immobile della ex Casina dei Pini, all’interno del giardino pubblico di viale di Villa Massimo, a poca distanza da Piazza Bologna.

Un parco inaugurato a maggio del 2019 dalla sindaca Raggi in persona, accompagnata dalla presidente del secondo municipio, dopo oltre sei anni di chiusura.

“L’immobile, che per anni aveva ospitato il punto ristoro a servizio della villa, – dichiara Emanuele Iannuzzi fondatore e portavoce del Comitato Viva Villa Massimo – ancora dopo oltre un anno è rimasto in rovina e preda di vandali e sbandati. Per decenni – prosegue Iannuzzi – questo spazio aveva rappresentato un fiore all’occhiello per il quartiere Nomentano-Italia, ed un importante punto di socialità ed aggregazione e socialità per i suoi cittadini. Oggi invece è stato condannato ad ospitare solo degrado e rifiuti. Inoltre, rappresenta ormai anche una grave fonte di insicurezza e pericolo, perché la recinzione perimetrale è pericolante e la struttura interna è diroccata, il tutto a pochi metri da una area giochi pubblica destinata alla prima infanzia. Cosa aspettano Comune e Municipio ad intervenire, che accada qualche disgrazia?”

Continua a leggere

In evidenza

Roma, l’indifferenza totale delle persone di fronte a un cadavere in strada a Trastevere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si sente male e muore ma nessuno si sorprende di vedere il suo corpo in terra. Il corpo del 74enne a terra, coperto da un telo davanti alla trattoria al civico 49 di via delle fratte di Trastevere. A pochi metri, solo due civici più avanti, la lunga fila di persone davanti all’ambulatorio Inmp San Gallicano aspetta impassibile con le ricette in mano il proprio turno. Succede a Trastevere, a pochi passi dal lungotevere e da piazza Mastai: alle 12,40 l’anziano si sente male mentre si trova con la compagna, in passato ha già avuto un infarto e i sanitari del 118 provano a rianimarlo con il defibrillatore, inutilmente.

Il corpo della vittima viene coperto con un telo giallo, in attesa della mortuaria, e mentre i poliziotti ascoltano il proprietario del locale davanti al quale si è accasciato il 74enne, la gente continua a mettersi in coda davanti all’ambulatorio, passando accanto all’anziano come nulla fosse. “Non mi fa impressione – dice all’Adnkronos una donna a metà fila – Ho la visita prenotata da tempo, mica la posso saltare”.

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Roma, un fine settimana di concerti per pianoforte al Bioparco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Sabato 3 e domenica 4 ottobre il Bioparco di Roma ospita la manifestazione ‘Villa Borghese piano days’, maratona di concerti per pianoforte gratuiti presso la Sala dei Lecci (ingresso dedicato da Viale Aldrovandi incrocio con Viale Rossini) dalle ore 11.00 alle 21.00. Per l’intera giornata si alterneranno performance dalla classica al jazz alla musica da camera, insieme a momenti dedicati a bambini e famiglie.

L’alto livello artistico delle esibizioni è curato dalla Direzione Artistica di Gaia Vazzoler e Massimo Spada, con giovani talenti del pianismo italiano, ma anche grandi pianisti affermati nel panorama internazionale. In omaggio al 250° anniversario dalla nascita di Beethoven, i programmi dei concerti delle due giornate prevedranno almeno un brano del genio di Bonn, mentre sabato sera Gaia Vazzoler condurrà il pubblico in un affascinante “salotto musicale” raccontando la musica di Beethoven con le esecuzioni al pianoforte di Massimo Spada.

A chiudere il weekend di musica e natura, “Il carnevale degli animali” che introdurrà il premio “PIANO LIFE”, destinato a chi ha dedicato la propria vita al pianoforte. Sarà l’ing. Paolo Fazioli, che ai pianoforti dona proprio la vita, a riceverlo domenica sera. 

All’ingresso monumentale del Bioparco sarà inoltre presente lo spazio ‘play me’ con un pianoforte (dalle 11.00 alle 14.00) dove si esibiranno alcuni ‘pianisti in erba’. Per l’occasione i bambini dedicheranno le musiche all’iniziativa di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici  ‘Plant for the planet’ che consiste nel piantare alberi per bilanciare gli effetti dannosi dell’anidride carbonica, esaltando così lo spirito green dell’evento. Al termine delle brevi esibizioni, tutti i bambini  presenti avranno la possibilità di suonare il pianoforte.

La manifestazione, giunta alla quarta edizione e sostenuta da Coop e Ciampi Pianoforti, sarà aperta sabato 3 ottobre alle 9.45 da un momento straordinario che si potrà seguire online sui canali social dell’evento: il “concerto per Sofia”. L’elefantessa del Bioparco sarà infatti spettatrice di un omaggio musicale dedicato a lei, con un pianoforte a coda posizionato sulla terrazza che affaccia proprio sul suo exhibit.

Continua a leggere

I più letti