Connect with us

Video

Anguillara: manifestazione per il sottopasso e contro i rifiuti

Clicca e condividi l'articolo

Il locale circolo del PD ha chiamato a raccolta i suoi per denunciare le mancanze delle giunte romana e di Anguillara

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

di Silvio Rossi

 

ANGUILLARA (RM) – Mobilitazione al parcheggio dell’ex consorzio agrario di Anguillara, con una cinquantina di persone, che hanno voluto manifestare in favore della realizzazione del sottopasso in luogo del passaggio a livello sulla via Anguillarese, e contro l’ipotesi ventilata della realizzazione di impianti per lo smaltimento dei rifiuti romani nella provincia.


Due temi annunciati nel manifesto che annunciava la mobilitazione
, ma che sono stati affiancati, durante gli interventi, dagli altri problemi che affliggono la cittadina, dalla non potabilità dell’acqua che in questi giorni colpisce l’acquedotto del Biadaro, allo stato delle strade cittadine, alla perdita d’acqua che, proprio nel punto scelto per la riunione, è presente da oltre un mese, come ha testimoniato proprio alcuni giorni fa il consigliere comunale Silvio Bianchini.

 

L’aspetto che ha colpito la nostra curiosità è stata l’assenza, alla manifestazione, della maggior parte dei candidati consiglieri del PD e della lista Flenghi collegata. La credibilità dei partiti la si costruisce con la credibilità delle persone che li compongono; chi meno di un anno fa si è presentato per amministrare una città, e oggi non ha la costanza di presenziare a un’iniziativa organizzata dal partito che si è detto di rappresentare, crea un danno enorme allo stesso partito, facendo capire perché alle elezioni non si sia riusciti ad arrivare al ballottaggio.

 

Tornando ai temi dell’incontro, abbiamo intervistato il consigliere Bianchini, al termine del suo intervento, nel video allegato

Costume e Società

A “Ci vediamo a via Veneto” Virginia Scialò. Da Roma a Milano “effetti speciali” per realizzare il sogno di diventare truccatrice per il cinema

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Virginia Scialò, una ragazza di 20 anni con la passione per gli effetti speciali nel cinema. E stando alle immagini postate su Facebook e Instagram, relative i suoi lavori di “make up” ha sicuramente tanto talento da vendere.

Virginia sarà ospite del format “Ci vediamo a via Veneto” condotto da Chiara Rai sabato 22 febbraio dove dall’esclusiva location dell’Harry’s Bar di via Veneto racconterà quello che è stato il suo percorso didattico e professionale fino ad oggi e il perché della scelta di fare la pendolare settimanalmente tra Roma e Milano.

Dopo aver frequentato l’Istituto Cine Tv Roberto Rossellini di Roma, un’eccellenza italiana per quanto riguarda l’audiovisivo, dove ha poi conseguito la maturità, oggi fa la spola settimanalmente tra la Capitale e Milano dove frequenta la prestigiosa Mba Making Beauty Academy, scuola di trucco del Fashion e dello Spettacolo. Il suo sogno? Diventare truccatrice per il cinema nel settore degli effetti speciali.

Continua a leggere

Editoriali

Associazioni matrioska, come fermarle e come stanarle – 1° video puntata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Cristiana Zarneri

Associazioni matrioska, come fermarle e come stanarle – 1 video puntata

Continua a leggere

In evidenza

EUR, degrado e incuria stanno divorando il quartiere: una condizione che deve cambiare per amor di Roma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Roma e il suo trentaduesimo quartiere Europa, meglio noto come EUR, acronimo di Esposizione Universale di Roma, progettato durante il ventennio fascista con la finalità di farlo diventare il polo dell’espansione a sud ovest della Capitale, verso il mare.

E arrivando dal centro, lungo il rettilineo della via Cristoforo Colombo, tra un semaforo rosso e l’altro, il quartiere si presenta subito con i suoi maestosi ed imponenti edifici architettonici, massicci e squadrati, per lo più costruiti con marmo bianco e travertino per ricordare i templi e gli edifici della Roma imperiale.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 20/02/2020

E l’elemento simbolo di questo modello architettonico è il cosiddetto Colosseo Quadrato, soprannome dato al Palazzo della Civiltà Italiana, noto anche come Palazzo della Civiltà del Lavoro che domina gli altri modelli urbanistici come il Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi l’Archivio Centrale dello Stato, la basilica parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo il palazzo degli uffici, i palazzi dell’INA e dell’INPS, l’edificio delle Poste, Telegrafi e Telefoni oltre all’area museale che comprende tra gli altri il Museo della Civiltà Romana, il Museo Nazionale dell’Alto Medioevo, il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari, il Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini, oltre ad un nuovo planetario, con annesso Museo dell’Astronomia, inaugurato nel 2004.

L’EUR, un quartiere che ha rappresentato anche un set particolarmente speciale per la cinematografia italiana. Da Roberto Rossellini che ci ha girato alcune scene di “Roma città aperta” A “Attila” di Piero Francisci ad “Annibale” e “Gli amori di Ercole” di Carlo Ludovico Bragaglia fino al grande Federico Fellini che ha sempre apprezzato lo stile dell’Eur tanto da definirlo di “una leggerezza metafisica”. Ma anche Mario Monicelli, Dino Risi, Gabriele Muccino, Giovanni Veronesi e anche Nanni Moretti.

Un degrado che avanza ogni giorno di più

Un quartiere che oggi risulta abbandonato ad un degrado che incalza ogni giorno di più e che rischia di offuscare per sempre la bellezza di uno dei quartieri più particolari della Capitale d’Italia. Sulla scalinata sotto il colonnato del Museo della Civiltà Romana quello che appare sono i marmi ormai anneriti sono gli scalini divelti, le scritte vandaliche, le erbacce incolte e i rifiuti abbandonati ovunque. Stessa cosa in piazzale dei SS. Pietro e Paolo dove il bianco marmo è ormai solo un flebile ricordo sovrastato dal color carbone a testimonianza di una mancata manutenzione. E anche le due statue dei santi, in cima alla grande scalinata che porta al piazzale, presentano evidenti segni di incuria. Per non parlare poi del marciapiede sul retro della chiesa, un vero e proprio percorso di guerra dove addirittura i sampietrini vengono lanciati dai vandali nella scalinata che porta alla piccola collina che confina con la strada sottostante. Un’area, quest’ultima caratterizzata sempre dai rifiuti e dalle solite scritte vandaliche.

Un degrado che si trova un po’ ovunque, all’Eur, anche in viale della Civiltà del Lavoro, che dalla Colombo porta al Palazzo dei Congressi, dove il marciapiede è stato transennato a causa del distaccamento da un edificio di alcuni pezzi di marmo. Intonaco che si stacca e degrado che pian piano divora il quartiere.

Quella carta che svolazza e bottiglie in vetro e plastica abbandonate sono testimoni di una condizione che deve cambiare per amor di Roma.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it