Connect with us

Roma

ANGUILLARA, NUOVE CAVE: INTERVISTA AL CONSIGLIERE SERGIO MANCIURIA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti L’apertura di nuove cave in un ambiente così “fragile”, porta al deturpamento, in genere, anche delle zone circostanti.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

di Simonetta D'Onofrio

Anguillara Sabazia (RM) – Nuove cave ad Anguillara Sabazia, questa volta le aree interessate si trovano nei pressi di Ponton dell’Elce e La Riccia.
Che cosa cambierà in una situazione su cui insistono da sempre altre problematiche di ordine sociale, dove i residenti lamentano da sempre l’assenza d’infrastrutture? Oltre a deturpare il paesaggio sotto l’aspetto naturalistico, circondato da campagne dell’Ente Maremma, l’apertura di nuove cave in un ambiente così “fragile”, porta al deturpamento, in genere, anche delle zone circostanti.
L’impatto sarà devastante, anche per l’incidenza che le lavorazioni determineranno nelle abitazioni; per capire li danni che comporta effettivamente avere una cava a così poca distanza, si può chiedere agli abitanti di Colle Sabazio, investiti anche loro da un’estrazione di basalto. Allo stato attuale, ci dicono di essere costretti quotidianamente a subire una serie di micro esplosioni, con ripercussioni nei danneggiamenti alle strutture delle case e un continuo transito di mezzi pesanti.

Per capire cosa effettivamente sta accadendo, abbiamo intervistato Manciuria Isaia Sergio, Presidente del Consiglio Comunale di Anguillara Sabazia dal 2004 al 2008, consigliere di opposizione (Capogruppo ScegliAmo Italia per Anguillara),


1) Che significato assume il ricorso de Lei presentato?

Bisogna precisare che il ricorso al Tar Lazio avverso le due deliberazioni di Giunta Regione Lazio riguardanti due nuove cave di basalto sul nostro territorio (Mc Cubo e Società Inerti Nazionali ndr) è stato promosso da noi del Gruppo Consiliare di SI per Anguillara congiuntamente ad alcuni concittadini proprietari di terreni ed abitazioni limitrofe alle aree d'intervento. Il significato è semplice : la deturpazione dell'ambiente va difesa con ogni mezzo legale e la politica non può limitarsi alla sola denuncia verbale.
E' dal 2008 che conduciamo questa battaglia e oltre a denunciarne sistematicamente a tutti i livelli le angherie perpetrate dalla Regione Lazio, io e il consigliere Fantauzzi rimaniamo dell'idea che bisogna dare il buon esempio passando dalle parole ai fatti .

2) In questi giorni abbiamo avuto modo di leggere un breve comunicato stampa da parte dell'Amministrazione Comunale concernente il mandato ad un legale per il ricorso all'apertura di una nuova cava. Perchè non avete agito congiuntamente, quindi Opposizione e Maggioranza.

In realtà l'azione legale messa in atto dall'Amministrazione Pizzorno è puramente un atto di gestione conseguenza di una mozione presentata dallo scrivente e risalente al 2010, votata all'unanimità da tutte le componenti politiche rappresentate nell'assemblea sabatina (Partito Democratico compreso). Quindi di fatto un azione comune agli schieramenti consiliari.
Non ci siamo limitati a questo ma con il coinvolgimento dei cittadini interessati abbiamo agito in parallelo per dare forza al ricorso supportandolo, attraverso nostri legali di fiducia, di ulteriori motivazioni di illegittimità . La Regione Lazio deve comprendere che non può disporre del territorio senza una discussione e condivisione preventiva con la gente che lo vive quotidianamente. E' ora di dire basta alle arroganze di Zingaretti che farebbe bene a revocare questi atti di Giunta Regionale nel più breve tempo possibile.

3) La pianificazione di una nuova cava a Ponton Elce cosa comporterebbe sul piano ambientale ed economico?

I ricorsi che noi abbiamo presentato riguardano l'approvazione di due cave per quasi complessivi 30 ettari equivalenti a circa mc 3.000.000 (tremilioni) e ricoprono delle porzioni di territorio sabatino a ridosso del centro commerciale Paolucci (Mc Cubo Srl) e quella della lottizzazione La Riccia che si trova a meno di un km dal quartiere di Ponton Elce (Soc. Inerti Nazionali).
L'autorizzazione di queste due nuove cave completerebbe lo scempio ambientale in corso sull'area quarticillo-quartaccio dove, va ricordato all'opinione pubblica, sono in piena attività altrettante cave di basalto per 4.500.000 (quattromilionicinquecentomila) mc e la cui ricaduta economica per le casse comunali risulta esigua contrariamente alle gravi ripercussioni per il traffico veicolare e manutentivo delle strade considerato il continuo utilizzo da parte di mezzi pesanti.
Senza poi pensare all'eventuale mancato ripristino ambientale in caso di fallimento o crisi economica di queste società visti i tempi magri di marcato : una buca pronta a due passi dalla Capitale da riempire per gli appetiti delle ecomafie o lobby che gravitano nella indifferenziata .

4) Secondo lei la maggioranza in questi anni ha messo in atto tutte le azioni possibili affinchè si evitasse l'apertura di nuove cave nel territorio di Anguillara Sabazia?

Va riconosciuto per onor di verità e grazie al nostro pressing costante e determinato, che l'unico esponente di giunta che ha posto in essere tutte quelle azioni per vietare l'apertura di nuove cave è stato il Vice Sindaco Bianchini al quale va il nostro plauso per l'impegno profuso . Parlare di maggioranza nella disamministrazione Pizzorno, quando appare chiaro all'opinione pubblica che non sono in grado di gestire nulla tanto singolarmente quanto a livello di squadra, è arduo e pensino imbarazzante.
Questa situazione di latente menefreghismo da parte degli altri assessorati interessati come il turismo e l'ambiente che di fatto hanno isolato l'azione del Vice Sindaco, si è conclamata a livello regionale.
E' bene ricordare che gli esponenti del partito democratico alla Pisana hanno approvato con un blitz postumo al risultato delle europee, l'apertura di queste cave nonostante il diniego formale dell' Amministrazione Comunale.
Con una maggioranza unita nei propositi e nei fatti e soprattutto un Sindaco di carattere, certe vicende si sarebbero risolte a livello politico senza mai approdare in giunta .
 

5) Ha previsto altre azioni popolari contro il rischio concreto dell'avvio di nuove cave ad Anguillara, nello specifico a Ponton Elce ?

Siamo fiduciosi nell'esito del tribunale amministrativo del Lazio. Detto questo, in caso di mancato riconoscimento del diritto di autodeterminare le potenzialità del nostro territorio, daremo corso a manifestazioni senza pregiudizio ad azioni emotivamente forti solo se supportati da una partecipazione popolare appassionata e determinata.
Noi convintamente abbiamo scelto di stare dalla parte della gente per il benessere dell'ambiente e della città, dopo toccherà anche ai cittadini fare la propria parte e non piangersi solo addosso per il malgoverno della politica regionale.

Castelli Romani

Nemi, cemento sulle sponde del lago. Cortuso: “Aggressione e disprezzo di un ecosistema fragile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Dopo la manifestazione dello scorso sabato e l’interrogazione regionale arriva il commento del candidato sindaco per la “Lista Civica Nemi”

NEMI (RM) – “Cemento. È questo quello che è accaduto nel Centro Canoa in riva al Lago di Nemi: una enorme colata di cemento.” Questo un primo commento del candidato sindaco di Nemi Carlo Cortuso riguardo la piattaforma in cemento armato realizzata sulle sponde del lago di Nemi su un’area, vincolata e protetta, situata in pieno Parco Regionale dei Castelli. “Betoniere – prosegue Cortuso – che si sono alternate, per giorni e giorni, per riempire le casseformi dei terrazzamenti e delle strutture previste da un progetto che nessuno conosce. È possibile che oggi possa ancora accadere questo? È possibile che un’opportunità come la rinascita del Centro Canoa, che doveva essere un esempio di buone pratiche e sostenibilità ambientale a partire dalla sua realizzazione, si trasformi in un incubo di aggressione e disprezzo di un ecosistema fragile come quello del Lago di Nemi? Quanta ignoranza, quanta incompetenza sono necessarie per realizzare questo scempio. Noi sognavamo il Centro Canoa come una risorsa per la collettività, un centro di promozione degli sport acquatici, di educazione ambientale e di monitoraggio dell’ecosistema lacustre e del suo delicato equilibrio. Sognavamo un centro di aggregazione all’interno di una struttura rispettosa dell’ambiente, conforme alle più moderne pratiche di ingegneria ambientale. E invece ci ritroviamo di fronte all’ennesimo disastro da parte di chi sta cercando disperatamente bandierine da appuntare nella prossima campagna elettorale. Non è questa la Nemi che vogliamo.”

Continua a leggere

Roma

Roma, accoltella il padre e aggredisce la madre perchè non gli consegnano i soldi: arrestato 38enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Le anziane vittime sono state soccorse dal personale del 118 e trasportate presso il pronto soccorso dell’ospedale “Sant’Eugenio”

ROMA – Maltrattamenti contro i suoi familiari, lesioni personali aggravate e estorsione. Queste le accuse per un 38enne arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma.

Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma

I militari sono intervenuti in via Colle di Mezzo, nel quartiere della Cecchignola, in seguito alla richiesta di soccorso pervenuta al 112, presso l’abitazione dove l’uomo vive con gli anziani genitori. E proprio i genitori, entrambi 76enni, hanno riferito ai Carabinieri di aver subito un’aggressione da parte del figlio per non avergli consegnato i soldi che pretendeva. Al loro diniego, infatti, il 38enne li avrebbe prima minacciati con un coltello da cucina e poi, nel corso di una colluttazione avrebbe colpito il padre con un fendente all’addome che, tuttavia, non è riuscito a penetrare.

Le immediate ricerche hanno consentito ai militari di rintracciare il 38enne presso uno sportello bancomat poco distante dall’abitazione, dove aveva appena prelevato dei contanti utilizzando la carta bancomat portata via ai propri genitori, appena dopo l’aggressione; nel corso della perquisizione personale, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma lo hanno trovato in possesso di un coltello da cucina, immediatamente sequestrato.

Le anziane vittime sono state soccorse dal personale del 118 e trasportate – l’uomo in codice rosso ma non in pericolo di vita e la donna in codice giallo – presso il pronto soccorso dell’ospedale “Sant’Eugenio” dove sono state ricoverate per essere medicate e per eseguire ulteriori accertamenti.

L’indagato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato portato presso il Reparto Psichiatria del carcere di “Regina Coeli”. L’arresto è stato convalidato e, in attesa del processo, nei confronti del 38enne è stato disposto l’obbligo di presentazione alla P.G.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, una piattaforma in cemento sul lago: si scatenano i residenti. C’è anche una interrogazione in Regione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

“L’area si trova nella fascia di rispetto delle coste lacuali ed è sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico”

NEMI (RM) – Una piattaforma in cemento realizzata nel centro canoe, lungo le sponde del lago di Nemi, scatena manifestazioni e una interrogazione a firma del Consigliere regionale di Europa Verde Marco Cacciatore.

La vicenda ha scosso non solo i verdi ma anche diversi residenti di Nemi e Genzano che sabato scorso hanno dato vita a una manifestazione abbastanza animata.

Difficile immaginare che tale costruzione non goda delle dovute autorizzazioni. Ma è proprio questo il punto di domanda collettivo: ci sono le autorizzazioni? E quale ente avrebbe rilasciato un nulla osta per realizzare una struttura in cemento sul lago di Nemi?

Adesso i residenti dell’area vogliono vederci chiaro, soprattutto perché l’intervento insiste su un’area, vincolata e protetta, in pieno Parco Regionale dei Castelli.

Cacciatore nell’interrogazione ha chiesto: “Se i lavori di realizzazione del centro canoe potevano essere autorizzati, tenuto conto del fatto che l’area si trova nella fascia di rispetto delle coste lacuali ed è sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico e se sia stata rilasciata l’autorizzazione paesaggistica come previsto dall’art. 146 del D.lgs. 42/2004; se l’Ente di Gestione del Parco dei Castelli Romani abbia rilasciato il nulla osta all’esecuzione dei lavori, ai sensi dell’articolo 28 della LR 29/1997 alla luce del fatto che, all’interno dell’area protetta, in vigenza delle misure di salvaguardia, come indicato dall’articolo 44 comma 11 della LR 29/1997, sono vietati interventi di nuova costruzione nelle aree individuate dal PTPR come Paesaggio Naturale di Continuità; se in caso di difformità nei permessi rilasciati, o tra permessi ed effettiva realizzazione del progetto, sia il caso di procedere alla verifica e alla quantificazione dell’eventuale danno ambientale, avviando le procedure per il ripristino dello stato dei luoghi.”

Continua a leggere

I più letti