Connect with us

Roma

Anguillara: Ossigeno per l'Informazione dona il Pannello della Memoria

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Presidente Spampinato: "Vogliamo dare vita a un progetto che possa portare a un «cammino della legalità"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

 

ANGUILLARA (RM) – “Vogliamo dare vita a un progetto che possa portare a un «cammino della legalità» al lago di Bracciano”. È quanto ha affermato Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno per l’Informazione, in occasione della consegna al Comune di Anguillara Sabazia del Pannello della Memoria, per il ricordo di ventotto giornalisti uccisi nello svolgimento del proprio lavoro.
La cerimonia è avvenuta giovedì 20 aprile presso la biblioteca comunale, in presenza della sindaca Sabrina Anselmo e dell’assessore alla cultura, dott.ssa Viviana Normando, che ha dall’inizio sostenuto con tanto impegno l’iniziativa, proposta dalla giornalista Simonetta D’Onofrio.


Alla presenza di un centinaio di ragazzi, provenienti dall’Istituto Comprensivo San Francesco e dagli istituti Ignazio Vian e Luca Paciolo, il dott. Spampinato ha raccontato le storie di alcuni dei giornalisti ricordati nel pannello, in particolare quella di suo fratello Giovanni, cronista dell’Ora di Palermo, ucciso all’età di 26 anni perché aveva documentato con le sue inchieste la presenza della mafia nella città di Ragusa, che all’epoca (era il 1972) si credeva estranea alle cupole (la provincia “Babba”, ossia fessa, come l’ha descritta il giornalista). Spampinato ha donato alla biblioteca una copia del suo libro, “C’erano bei cani, ma molto seri”, che ha scritto per riuscire a spiegare alla figlia la grande mancanza provocata dalla perdita del fratello, invitando i ragazzi presenti a leggerlo.

Molto seguito è stato l’intervento del giornalista Silvio Rossi, che ha spiegato ai ragazzi come le minacce ai giornalisti non siano solo un ricordo del passato. Ha parlato di Gabriele del Grande, ingiustamente detenuto in Turchia (che fortunatamente è stato liberato), di colleghi che vivono sotto scorta, come Roberto Saviano, Federica Angeli o Lirio Abbate, colpevoli di aver “pestato i piedi” a chi ha interessi illeciti da difendere. Ha spiegato soprattutto, parlando della sua esperienza personale, che anche in una cittadina come Anguillara le minacce, le querele pretestuose, la denigrazione nei confronti della stampa siano presenti e diffuse, alimentati dall’indifferenza di chi dovrebbe e potrebbe intervenire, ma non lo fa, alimentando costantemente una cultura ostile al libero pensiero.

La difesa della libertà di stampa non può esaurirsi in un giorno, ha aggiunto l’assessore Normando, che ha spiegato come questo sia solo il primo passo di un cammino verso la legalità che abbraccerà più aspetti. Anche sul progetto “Il lago della legalità” lanciato dal presidente Spampinato sia la sindaca Anselmo che l’assessore Normando hanno dimostrato il loro interesse nel seguire e promuovere attivamente l’iniziativa.

Al termine dell’incontro ai ragazzi è stata offerta una merenda dalla titolare della pizzeria Gustando, Barbara Gambelli, che ha partecipato volentieri alla manifestazione, giudicandola un valore aggiunto per le nuove generazioni.
Una realtà economica ormai affermata, che ha iniziato la sua professione adottando dei criteri molto semplici, onestà, puntualità e un’attenta scelta dei prodotti che utilizza giornalmente. Come sottolineato da chi ha promosso l’iniziativa “C’è un’analogia tra ciò che fa Barbara e il lavoro del giornalista. La cura degli ingredienti, la pazienza nella lievitazione, l’attenzione al processo produttivo, possono essere paragonati alla ricerca dei fatti, alla verifica delle fonti, alla cura con cui il giornalista deve seguire la notizia per offrire un buon servizio ai propri lettori, e in fondo è la stessa ricetta di tutti i lavori, se si vogliono fare bene”.

Molto apprezzati sono stati anche i prodotti dolciari, come la cioccolata e i macarons, offerti da un’azienda agroalimentare che ha lo stabilimento produttivo in una piccola regione del centro sud, il Molise, “DolceAmaro –Papa Confetti”. L’azienda partecipa spesso a iniziative analoghe per diffondere tra i giovani una forte e radicata cultura della legalità, un obbligo morale che dovrebbe riguardare tutti. I titolari dell’azienda, Silvano e Claudio Papa, da qualche anno stanno adottando anche un piano di sviluppo economico nell’agricoltura, che prevede il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie.
Insieme a Don Luigi Merola stanno portando avanti un progetto che va in questo senso, con la coltivazione delle mandorle, che contribuiscono a creare occupazione e a far rimanere le nuove generazioni nel Sud.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Castel Gandolfo, iniziati i lavori al parcheggio di via Giovanni Paolo II

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Castel Gandolfo – Da oggi sono ufficialmente iniziati i lavori di manutenzione straordinaria presso il parcheggio multipiano situato in Via Giovanni Paolo II, adiacente alla sede ASL Roma 6. L’intervento, realizzato dalla Città Metropolitana di Roma Capitale, comporterà alcune modifiche temporanee alla viabilità interna e il divieto di sosta per consentire il corretto svolgimento delle operazioni.

I lavori prevedono la manutenzione straordinaria delle aree interne del parcheggio, inclusi importanti interventi sull’impianto elettrico, al fine di garantire maggiore sicurezza e funzionalità alla struttura. Questo parcheggio è un nodo di scambio fondamentale per i numerosi utenti che quotidianamente si recano agli sportelli e ai poliambulatori della ASL.

Il Sindaco di Castel Gandolfo, Alberto De Angelis, ha espresso il suo apprezzamento per l’intervento: “Ringrazio la Città Metropolitana, nelle persone del Sindaco Gualtieri e del Vice Sindaco Sanna, per questo intervento che permetterà di mettere in sicurezza e valorizzare questo nodo di scambio che quotidianamente viene molto utilizzato dagli utenti che si recano agli sportelli e poliambulatori della nostra Asl”.

I lavori saranno eseguiti con la massima celerità possibile per ridurre al minimo i disagi per i cittadini. Ulteriori aggiornamenti saranno forniti periodicamente per informare la popolazione sull’avanzamento dei lavori e su eventuali ulteriori modifiche alla circolazione.

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, incastrato il ladro seriale delle auto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Arrestato dai carabinieri il ladro seriale che rubava dentro le macchine parcheggiate in sosta vicino ai negozi in pieno centro a Rocca Priora. Per due giorni si sono ripetuti furti all’interno di alcune auto che l’uomo forzava dopo aver visto i proprietari scendere per fare degli acquisti nella zona di via San Sebastiano in centro. I Carabinieri della locale stazione dopo aver ricevuto tre denunce da due uomini anziani e un perito informatico della zona, che avevano visto sottrarsi telefonini , tablet , iPad e altri oggetti dalle loro auto. Si sono appostati e l’altra mattina lo hanno fermato in flagranza di reato mentre tentava di aprire la macchina di un ottantenne del posto. Il ladro è stato arrestato e ritrovata tutta la refurtiva asportata precedentemente dalle auto in sosta davanti ai negozi in centro.

Presso il Tribunale di Velletri c’è stato il processo per direttissima per la convalida dell’arresto che è stato eseguito dal giudice monocratico. Il 35enne egiziano, già conosciuto alla Giustizia per furto, ricettazione e altri reati, ha patteggiato la pena ed è stato rimesso in libertà al momento. Con divieto di avvicinamento a Rocca Priora e altre prescrizioni imposte dalla magistratura.

I cittadini vittime dei furti hanno ringraziato a lungo i carabinieri del posto per essere intervenuti velocemente e aver identificato e arrestato l’autore ritrovandogli in casa sua sempre nella cittadina dei Castelli tutta la refurtiva che è stata restituita ai legittimi proprietari .

In particolare un iPad di lavoro molto importante per il perito informatico che lavora per importanti aziende del settore.

Continua a leggere

Roma

Roma, metro Piramide: la banchina degli impuniti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

È senza soste l’impegno della vigilanza nelle stazioni metro di Roma.
Ma come potete vedere dalle foto le difficoltà maggiori avvengono in questo preciso momento presso la stazione Piramide della Linea B (sono circa le 18) dove un folto gruppo di borseggiatori bosniaci, si ostina a restare sulla banchina incurante degli avvisi della Guardie Giurate predisposte al servizio che li stanno invitando a lasciare la stazione.
Una situazione a dir poco incresciosa che mostra in pieno i limiti di un sistema giuridico che rischia di confermare sempre di più il concetto di “impunità” per chi si macchia di tale reati.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti