Connect with us

Roma

Anguillara, Piano regolatore: ecco cosa è successo

Clicca e condividi l'articolo

Pizzigallo: "L’ennesima farsa di questa amministrazione pentastellata, che prepara gli atti senza la dovuta documentazione e la dovuta competenza"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


di Silvio Rossi

ANGUILLARA (RM) – Dopo la bocciatura, da parte del Comitato Tecnico regionale, delle controdeduzioni al PRG espresse dal Consiglio Comunale di Anguillara Sabazia nella seduta del 2 febbraio scorso, sono numerosi i commenti negativi sull’operato della giunta comunale.

Tra i messaggi di sdegno e di scherno che hanno accompagnato la bocciatura dell’atto, tabella dei giornali locali, comunicazioni da parte dell’ente, che ha definito “gretto” il comitato tecnico, abbiamo cercato di sentire l’opinione di chi, le stesse osservazioni avanzate dall’organismo regionale, le ha avanzate proprio nella sede del consiglio comunale, l’unico consigliere presente per le opposizioni, a causa dell’incompatibilità dei suoi colleghi, il candidato sindaco del centrodestra Antonio Pizzigallo alle trascorse elezioni di giugno 2016.

Leggendo quanto riportato sui giornali locali, la bocciatura della delibera comunale ha avuto tra le ragioni l’incompatibilità del capo area economico e la mancanza delle relazioni tecniche. Le stesse cose che lei ha portato in consiglio comunale. Possiamo parlare quindi di bocciatura annunciata?
Questa è l’ennesima farsa di questa amministrazione pentastellata, che prepara gli atti senza la dovuta documentazione e la dovuta competenza. È chiaro che il piano regolatore o meglio, le controdeduzioni alla variante, portate avanti dall’amministrazione non potessero essere accettate minimamente e dovessero essere rispedite al mittente. Perché c’era innanzi tutto il problema della legittimità della delibera, visto il conflitto d’interesse che coinvolgeva il capo dell’area economico finanziaria, ma poi mancavano tutte le relazioni di accompagnamento, come la relazione geologica, la relazione tecnica, e anche una descrizione più dettagliata delle novità.

Queste cose sono state anche oggetto di una pregiudiziale

Assolutamente sì, è una delibera che non poteva essere portata, una delibera di filosofia. Io avevo invitato i consiglieri di maggioranza a riflettere sull’esprimere un voto favorevole su una delibera che sapeva tanto di filosofia. Hanno costruito un fantomatico piano strategico che non si sa in realtà cosa sia, ma ancor di più tecnicamente, è vero che la variante prevedeva la riduzione di un numero consistente di metri cubi, ma è anche vero che erano state inserite delle zone in aree assolutamente ultra vincolate, con tre quattro vincoli, che non potevano in nessun modo essere approvate dalla Regione, che evidentemente ha interpretato questo come una nuova variante, che aveva quindi bisogno di essere ulteriormente studiata.

Si può parlare di un parallelo tra la vicenda Stadio della Roma a Tor di Valle e la variante di Anguillara?
Certamente. Anche perché quella vicenda che adesso sembra realizzare un momento di vittoria del Movimento Cinque Stelle, in realtà rischia di sgonfiarsi completamente quando all’atto pratico si andranno a delineare gli aspetti sia della cubatura che dei servizi.

Durante la campagna elettorale lei disse che in caso di sua vittoria, il Piano Regolatore sarebbe stato approvato, ma poi si sarebbe dovuto intervenire sullo stesso con gli strumenti attuativi. Cosa si sarebbe potuto fare che invece non è stato fatto?
La variante al piano regolatore approvata anni fa, prevedeva fra gli strumenti attuativi la possibilità di realizzare dei compartimenti, delle aree, garantendo una parte di servizi consistente, oltre alla parte naturalmente abitativa, e questo comporta la possibilità per il comune di controllare e di regolamentare area per area ciò che viene edificato. Dato che quando si parla di piano regolatore si fa un lavoro sostanzialmente teso a programmare gli anni a venire, per i prossimi 15 o 20 anni, se ci rendiamo conto che il precedente era prima dell’Ottanta, ci vuole quindi molto tempo per preparare un piano, bisogna ragionare nell’ottica dell’espansione della città garantendo sicuramente un equilibrio fra edilizia abitativa e servizi, ma questo non vuol dire bloccare l’economia come invece è stato fatto qui ad Anguillara.

Con questo passaggio, chi è che ne pagherà le conseguenze?
Io penso che adesso non ci sia altra soluzione che approvare il piano regolatore, e questo vuol dire una ripresa dell’economia perché si potrà finalmente cominciare a riattivare tutte quelle piccole imprese che sono state ferme per tanti anni, e hanno vissuto la crisi in maniera decisamente profonda.

La bocciatura avrà conseguenze sulla giunta di Anguillara?

Francamente io ritengo che se sommiamo tutte le nefandezze compiute da questa amministrazione, dovrebbero dimettersi tutti quanti. Mi rendo conto tuttavia che questa è un’ipotesi assolutamente al di la da venire, per diversi motivi. Indubbiamente l’assessore Piccioni che ha perorato questa soluzione cercando di giustificarla, ma con atti assolutamente non adeguati alla situazione, ne esce sensibilmente ridimensionato. Questa respinta fra l’altro così repentina della Regione, vuol dire che il Comitato Tecnico si è immediatamente reso conto delle difformità che c’erano in questa delibera, quindi non ha neanche atteso alcuni giorni, credo che sia un record in assoluto. Dicevo che l’amministrazione ha compiuto tanti di quegli atti sbagliati, che ha dimostrato un’assoluta incapacità a governare estremamente preoccupante, non tanto per il presente quanto per il futuro. Se vuole le elenco alcuni di questi aspetti, dal dimissionamento degli assessori presentati durante la campagna elettorale, ai capi area che sono costretti a fuggire dopo 15/20 giorni, alcuni con le lacrime agli occhi, altri che dichiarano anche pubblicamente di essere stati minacciati e vanno via, come il capo area economico finanziario, all’assoluta mancanza di azione su progetti che vengono dal passato, come la Anguillara Cesano o la Piscina.
 

In evidenza

Anguillara Sabazia, Stronati: “La città necessita di un cambiamento. Questo non avviene da solo, tanto meno sui social network”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Enrico Stronati

A luglio dello scorso anno ho deciso di allontanarmi dai social network, stanco di leggere (troppe) inutili polemiche, annoiato dalle bufale, dai qualunquismi e dai post sciocchi scritti ad arte per mietere i like delle menti scialbe.

Ma é indubbio che essi siano strumenti potenti e diffusi, tant’è che ormai a loro é affidato il compito di disseminare informazioni, allarmi, sondaggi.

Obtorto collo, quindi, con essi ci si deve confrontare se si vuole diffondere la propria idea, la propria azienda, le proprie opinioni.

Vengono sovente chiamati “piazze virtuali” (Facebook in particolare).

E proprio nelle piazze, quelle fatte di mattoni, qualche anno fa, era possibile osservare gruppi di persone che confabulavano in vista delle elezioni.

Anche in quelle “virtuali” si assiste a discussioni, proposte, suggerimenti in vista delle prossime (imminenti?) elezioni.

Ma su queste piazze, poi, si raggiunge un accordo?

Si concretizzano le parole?

Si arriva a un compromesso?

Sfogliando le pagine dove si parla di Anguillara é un susseguirsi di proclami, di proposte, di consigli, di strategie. Esiste un vero e proprio “mondo parallelo” con precisi ruoli, cariche, disposizioni, condanne.

Ma c’è speranza che tutto il fervore e la passione con cui vengono discussi i temi caldi del paese, possano convergere in una proposta concreta?

C’è la possibilità di trasformare quel senso di attaccamento al paese “puro e vergine” in una offerta elettorale che possa chiudere con gli schemi stantii del passato che stanno affiorando giorno per giorno?

C’è qualcuno che voglia proporsi per dare un senso alla nostra piazza virtuale?

Perché sedersi davanti ad un monitor e una tastiera per comporre una formula verbale appassionata con cui dire la cosa giusta, é molto bello e macina “Mi piace” a raffica.

Ma a nulla serve. Anzi!

Se nessuno si assume la responsabilità di portare il buono della piazza virtuale nel mondo reale per amministrare applicando quanto professato e applaudito, direi che é persino deleterio. Perché instilla il dubbio che tutto il resto sia sbagliato (la pratica è meno affascinante della teoria perché non ha come alleato la fantasia).

Dunque, chi va oltre i “like”?

Chi va oltre il “sarebbe bello”?

Chi dimostra di non fare semplicemente teoria?

Chi esce dal digitale e si sporca le mani nel mondo reale?

Anguillara necessita di un cambiamento, questo non avviene da solo, tanto meno sui social network.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, Orciuoli: “Sicurezza e benessere per rilanciare la nostra Città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – “Il degrado di una città porta all’aumento dell’illegalità. L’incuria, la mancanza di manutenzione del verde, delle strade, dei nostri parchi pubblici, delle piazze è terreno fertile per la criminalità diffusa”. Con queste parole il candidato sindaco di Albano Matteo Mauro Orciuoli (Lega, Forza Italia, Area Democratica, Le Città) spiega l’ampio progetto che ha come obiettivo quello di rendere la città di Albano Laziale più sicura e farla ritornare il fiore all’occhiello dei Castelli Romani.

“L’assenza di controlli – prosegue – fa dilagare la delinquenza. Il commercio in ginocchio favorisce il malaffare. Tornare a prendersi di nuovo cura della città di Albano porta non solo ad aumentare la percezione di sicurezza ma a favorire una forte corazza che tutela ogni singolo cittadino, ogni giorno. Gli incentivi al commercio sono una soluzione. Rivoluzionare i servizi è un grande aiuto. Le frazioni più popolose della città da Pavona a Cecchina devono diventare il “centro” da cui ripartire. I residenti dell’intera città di Albano non devono più subire la totale mancanza di manutenzione, l’assenza di eventi culturali di spessore con un calendario di eventi tutto l’anno che garantisca visitatori ed eviti un deserto che diventa terreno fertile per far crescere delinquenza e abbandono. L’educazione alla sicurezza urbana è un progetto ad ampio spettro che intendiamo realizzare nell’ambito del rilancio di Albano Laziale. Ci vuole una formazione che coinvolga gli Amministratori Pubblici, i Comandanti e i Dirigenti delle Polizie Locali e tutti gli operatori del settore.

La prevenzione e la riduzione dell’illegalità che quotidianamente riempiono la cronaca dei giornali rappresentano uno degli obiettivi principali che gli amministratori locali si pongono nell’agenda politica ai quali, anche la normativa nazionale, ha riconosciuto finalmente il ruolo strategico all’interno delle politiche di sicurezza integrata.

Diffondere le informazioni, condividere esperienze, facilitare rapporti di cooperazione, sono temi che senza dubbio rappresentano uno degli elementi essenziali per lo sviluppo socio economico di una comunità.
Come migliorare il benessere delle proprie comunità? Aumentando i controlli, la vicinanza tra cittadini e pubblica sicurezza, il dialogo costruttivo attraverso un servizio di videosorveglianza che “vigili” nelle aree più dimenticate. Questo vogliamo per Albano perché Albano è più bella se ce ne prendiamo cura”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano di Roma, elezioni: una grande coalizione per Michele Savini candidato sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GENZANO DI ROMA (RM) – Alle prossime elezioni amministrative di Genzano di Roma sarà candidato Michele Savini, già consigliere comunale nella scorsa legislatura con il Movimento Cittadino AttivaMente.

La candidatura civica di Savini sarà sostenuta da AttivaMente, di cui Savini è fondatore e presidente, e dalle due liste civiche che già lo hanno sostenuto nelle passate elezioni. Convergono nella coalizione anche la lista civica Barbaliscia, guidata da Maria Grazia Barbaliscia, lista con esperienza ventennale sul territorio, la Lega, guidata dal coordinatore comunale Rosario Neglia, che è stata protagonista alle scorse elezioni europee con sorprendenti percentuali nel paese, a seguire Forza Italia guidata da Antonio Rosati, da sempre impegnato in politica a Genzano.

“La coalizione – dichiarano tutti i coordinatori della coalizione in una nota congiunta – nasce con grande spirito di coesione e collaborazione per fornire una nuova classe dirigente e, con essa, amministrare Genzano in modo trasparente ed efficace per rilanciare, attraverso la buona Politica e la Cultura, il comparto economico e sociale valorizzando e promuovendo le risorse della nostra città e perseguire un miglioramento nel benessere personale e collettivo per un unico interesse: Genzano! Il mio invito di aggregazione lo estendo a tutte quelle forze politiche e civiche che credono nel progetto comune e non personalistico. La coalizione formata da civiche e partiti ha da subito appoggiato Michele Savini, riconoscendone l’umiltà, la competenza e il suo interesse volto a governare il paese con il cuore saldo in un passato eccellente e la testa rivolta al futuro che ci aspetta, mettendo al primo posto l’intera comunità genzanese, al di là dei colori politici.

Michele Savini nasce a Genzano di Roma il 29/08/1985, consegue la Laurea Magistrale in Scienze politiche all’Università La Sapienza di Roma nel 2014, dallo stesso anno inizia a lavorare come operatore ecologico a Genzano di Roma. È stato consigliere comunale da giugno 2016 a marzo 2019.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it