Connect with us

Roma

Anguillara, presepi nella polemica: cui prodest?

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti Mango presidente dell’associazione Corpo di Napoli: "Non sappiamo chi espone ad Anguillara". L'assessore Normando: "Tanto clamore su di una mostra"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print


GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE]

 

 

di Silvio Rossi – Ivan Galea

 

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Scoppia la polemica intorno alla mostra di presepi allestita lo scorso fine settimana al Museo della Civiltà Contadina di Anguillara. Critiche e dubbi sono stati rivolti rispetto l'artigianato in mostra. Tra i  presepi allestiti dall'artigiano anche alcune bottiglie di limoncello con la scritta in rilievo “San Gregorio Armeno”. Quest'ultimo, dunque, ha messo in esposizione  la mercanzia che, come indicato nel programma natalizio organizzato dall'amministrazione comunale rappresenta l'Arte Presepiale Napoletana.


Ed è subito polemica tra chi espone e chi probabilmente avrebbe voluto esporre, forte di avere le carte in regola riguardo la rinomata arte presepiale di San Gregorio Armeno: “Nessuno dei nostri associati sta esponendo ad Anguillara. – Ha dichiarato Amedeo Mango presidente dell’associazione Corpo di Napoli, che riunisce le botteghe dei mastri presepari – Come Corpo di Napoli, – ha aggiunto Mango – quest’anno abbiamo realizzato solamente due eventi fuori regione: la scorsa settimana a Bracciano e in questi giorni in Piemonte. Non sappiamo chi espone ad Anguillara, – ha concluso il presidente – potrebbe essere qualche altro artigiano di Napoli, ma non è di San Gregorio Armeno”.


Ma nel dettaglio all'interno del museo, l'arte presepiale è stata rappresentata da una location sprovvista di biglietti da visita, brochure o immagini della bottega, o anche di una qualche insegna o targa che ne riportasse il nome. L’artigiano affermava di venire da una traversa della pittoresca strada dei presepi napoletani: via San Gregorio Armeno.

In mostra sul tavolo, oltre ad alcuni oggetti che non rappresentavano particolari legami con l'arte presepiale, erano esposte macchinette del caffè tipo moka, per intenderci non le tradizionali macchinette napoletane e alcune statuine, che ricordavano quelle prodotte in serie. L'uomo non avrebbe poi fornito la ricevuta all’atto dell’acquisto di un oggetto, almeno secondo quanto riferito da una visitatrice: si è forse trovato in difficoltà, tant'è che si è messo alla ricerca di un numero di partita iva da inserire nella ricevuta. La "caccia" è proseguita per recuperare un blocchetto di ricevute con i dati dell’associazione culturale "Sabate" gestore del museo, associazione presieduta da Graziarosa Villani.

Probabilmente il motivo dell'assenza di ricevute è da ricercarsi nel fatto che lo stesso venditore, al secondo giorno di mostra, ha riferito che fino a quel momento non aveva venduto nulla. Eppure, di li a poco, sempre secondo la testimonianza della visitatrice, una persona è stata vista uscire con un presepe tra le mani: "E’ un mio paesano – avrebbe detto il venditore – è un mio regalo".


Forse qualcuno si sarebbe aspettato di trovare lo stesso scenario allestito nel centro storico di Bracciano che ha visto la presenza di almeno una decina di botteghe provenienti da San Gregorio Armeno riunite nell’Associazione "Corpo di Napoli Onlus", che ha come mission la diffusione e la difesa della tradizione settecentesca del presepio napoletano. Sotto il Castello Orsini sono giunti migliaia di persone, attirate dalle creazioni degli artigiani, che per i tre anni precedenti avevano impreziosito le strade del centro storico di Anguillara.


Certamente la polemica non ha contribuito a creare il giusto clima natalizio per il primo di una lunga serie di eventi che vedranno Anguillara protagonista. L’assessore Viviana Normando con delega alla Cultura, Turismo, Centro storico, Rapporti internazionali, Biblioteca si è detta meravigliata di questo episodio: “Sono rimasta sorpresa – ha detto Normando – su come si sia suscitato tanto clamore su di una mostra di presepi che si è voluto portare ad Anguillara quale espressione della tradizione del Natale che prende avvio proprio con una serie di itinerari di presepi diffusi di vari artigiani e forze artigianali dell’arte presepiale del nostro territorio nonché nazionale, nella nostra città oramai quasi completamente addobbata a festa. Nella sede del Museo della Civiltà Contadina un artigiano dell’arte presepiale napoletana, con una esperienza quarantennale nel settore, ha esposto i suoi presepi piccoli e grandi, con anche accanto elementi prettamente decorativi, con l’Associazione Culturale Sabate, gestore della sede del Museo, che ha rilasciato regolari e riscontrabili ricevute, verificate persino dalla Polizia Locale. Anche Patrizia Onorati Vice Presidente dell’Associazione Culturale Sabate e la sottoscritta Assessore alla Cultura e Turismo abbiamo acquistato presepi con regolari ricevute. E’ davvero spiacevole che accadano certe cose quando ci si adopera per una cosa bella per città, anche con i mezzi propri, persino andando a prendere a Napoli i presepisti con risorse proprie e non comunali, pur di mantenere fede, come è naturale che sia, ad uno degli impegni presi con la cittadinanza. E siamo pronti, se necessario, per dimostrare la verità a procedere nelle sedi competenti. L’evento – prosegue Normando – è stato organizzato dal Comune di Anguillara Sabazia in collaborazione con l’Associazione Culturale Sabate e fa parte delle tante iniziative patrocinate per la città di Anguillara dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo insieme alla Pro Loco di Anguillara Sabazia e ad Ascom Commercianti. La mostra vendita è stata prorogata anche al prossimo fine settimana e farà parte di una esposizione incentrata sulla famiglia, sulla natività, con la fruizione di fotografie storiche sui matrimoni anguillarini, in cui in molti potranno riconoscersi”.


Normando ha inteso ben sottolineare che l’artigiano, preso in considerazione tra i vari e validi artigiani dell’arte presepiale nazionale, rappresentava l’arte presepiale anche di San Gregorio Armeno avendo l’artigiano bottega nel vicolo adiacente ed avendo anche avuto per molti anni il negozio nella stessa via.


“Tuttavia – conclude l’assessore – dal momento che per riconoscere un bravo artigiano di arte presepiale, non abbiamo bisogno di sottolineare necessariamente che provenisse da San Gregorio Armeno, abbiamo ritenuto di togliere la dicitura nel massimo rispetto di qualcosa di bello in fieri nella nostra città, a partire degli eventi natalizi, dai percorsi di presepi diffusi e di altre manifestazioni diverse e che consentono di accogliere turismo nel nostro territorio lacustre. Per gli obiettivi da raggiungere per il nostro territorio, quali turismo fiorente e cultura fervida, tutte le forze migliori della città sono chiamate a collaborare e a presentare progetti per procedere al regolare riconoscimento di patrocinio comunale per le iniziative più belle come è accaduto per l’organizzazione di questo Natale 2016”

Metropoli

Guidonia, tenta estorsione in un bar: “Dammi i soldi o spacco tutto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

GUIDONIA (RM) – I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Tivoli hanno arrestato un 34enne italiano per violenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Nel corso di alcuni controlli del territorio i militari hanno ricevuto una segnalazione e sono intervenuti presso la centralissima Via Roma di Guidonia, dove era stata segnalata una aggressione da parte di un uomo nei confronti del titolare di un esercizio commerciale. I militari una volta giunti sul posto hanno trovano un uomo, visibilmente alterato, che alla loro vista ha iniziato ad inveire e a minacciarli per poi aggredirli fisicamente ma, al termine della colluttazione l’uomo è stato ammanettato. Subito dopo si è avvicinato il titolare che, con il volto tumefatto ha raccontato ai militari che il 34enne era entrato all’interno del suo esercizio commerciale chiedendo dei soldi minacciandolo che, se non glieli avesse dati, l’avrebbe ucciso e avrebbe distrutto il bar.

Il 34enne, quindi, una volta arrestato è stato posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria verso cui dovrà rispondere di violenza e minaccia a pubblico ufficiale oltre che di tentata estorsione.

Continua a leggere

Litorale

Torvaianica, l'”Ex Biagio” abbandonato verrà buttato giù!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Il Comune di Pomezia si aggiudica l’asta per la vendita dell’ecomostro di piazza Ungheria conosciuto come “ex Biagio”. Ricordiamo che lo scorso luglio la procedura è stata annullata per problemi tecnici.
“Un momento storico per la nostra Città ma soprattutto per il nostro litorale – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà – che ci consentirà finalmente di ridisegnare piazza Ungheria a Torvaianica all’insegna del decoro urbano e della sostenibilità ambientale. Attendiamo il completamento dell’iter di assegnazione nei prossimi giorni, ma siamo già prontissimi ad abbattere il più grande ecomostro presente sul nostro territorio e lavorare per riqualificare e ingrandire la piazza.
Non è comune che un ente pubblico partecipi ad un’asta, nessuno credeva fosse possibile e qualcuno ha provato a disturbare l’operazione, ma noi ci abbiamo creduto fino in fondo e siamo riusciti, anche questa volta, dove gli altri non hanno nemmeno provato. Ringrazio tutti coloro che ci hanno aiutato in questo percorso, dalla politica agli uffici. Finalmente possiamo restituire al litorale la bellezza che merita”.

Continua a leggere

Metropoli

Monterotondo, violento pestaggio in centro: identificato l’autore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

MONTEROTONDO (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Monterotondo, a parziale conclusione di una serrata indagine condotta sotto la direzione della Procura della Repubblica di Tivoli, hanno individuato il presunto autore dell’aggressione consumatasi a Monterotondo, in pieno centro storico, la sera del 12 ottobre scorso: quella sera un giovane del posto di appena 21 anni fu trovato da alcuni passanti per terra nei pressi del teatro Ramarini, con il volto tumefatto e quasi privo di sensi.

Solo dopo il successivo intervento del 118 che lo aveva trasportato con l’elisoccorso presso l’Ospedale Gemelli di Roma con prognosi riservata, i carabinieri della Stazione di Monterotondo, allertati dallo stesso 118 e coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno iniziato quella stessa sera a raccogliere ogni elemento utile a ricostruire l’accaduto, con un’indagine in salita dunque, mancando, nell’immediatezza dei fatti, eventuali testimoni dell’accaduto disponibili a collaborare.

I Carabinieri sono così arrivati all’individuazione del presunto violento aggressore, un altro giovane del posto, di appena 4 anni più grande della vittima, deferito alla Procura della Repubblica di Tivoli.

Le indagini tuttavia continueranno poiché la Procura di Tivoli ha chiesto ai Carabinieri di Monterotondo di ricostruire l’intera dinamica dell’accaduto e comprendere le ragioni sottese al violento episodio, con la vittima tuttora ricoverata pur migliorando quotidianamente le sue condizioni.

Continua a leggere

I più letti