Connect with us

Roma

ANGUILLARA, RICORSO AL TAR CONTRO NUOVE CAVE DI BASALTO: IL SINDACO VUOLE ANCORA VALUTARE…

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 6 minuti Manciuria: "Certo eravamo a due passi dall'obiettivo e Pizzorno ha preferito prendere tempo e continuare ad essere ondivago."

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

di Simonetta D'Onofrio

Anguillara (RM) – L'anno che si sta per chiudere ha registrato, per l’amministrazione comunale di Anguillara guidata da una giunta di centrosinistra con al vertice il sindaco Francesco Pizzorno (Partito Democratico), un interesse crescente per le cave di basalto.

Un tema delicato che potrebbe portare: da un lato delle conseguenze disastrose e irreversibili oltre ad un possibile danno ambientale che andrebbe a discapito dei cittadini interessati che risiedono nei dintorni. E da un altro lato porterebbe denaro nelle casse comunali.
 

Come potrebbe accadere tutto ciò e così in fretta? Arriviamo allo snodo più importante della vicenda. Lo scorso 9 dicembre, presso il TAR del Lazio, si è svolta la prima udienza del procedimento attivato dal ricorso contro l’apertura di nuove cave promosso dal Comune di Anguillara e da alcuni cittadini.

Il sindaco di Anguillara in questa sede ha sorpreso tutti, chiedendo un rinvio per poter vagliare una proposta arrivata in extremis dalle società estrattive. Una valutazione, quindi, se le contropartite economiche offerte potrebbero sacrificare l’integrità del territorio. Una scelta che appare inconcepibile da parte di chi, contro l’apertura delle cave di basalto nel territorio di Anguillara, è disposto a lottare senza esclusione di colpi, e che non vede altrettanta determinazione da parte del primo cittadino. Il tentennio di Francesco Pizzorno per molti è sembrato ricalcare un detto romano “A ma’, Peppe me tocca… Toccheme Peppe, che mamma nun c’è”.

Sulla vicenda abbiamo intervistato il consigliere comunale di opposizione Sergio Manciuria, del gruppo “ScegliAmo Italia”, che da sempre è in prima linea contro l’apertura delle cave.


Pochi giorni fa c’è stata l’udienza presso il TAR sul ricorso contro l’apertura di nuove cave in località Quarticillo. Può riassumerci la vicenda?

E' il caso di definirla una vicenda paradossale: lo scorso 9 Dicembre 2015, tra l'altro unico rappresentante dell'assemblea consiliare presente al TAR Lazio, ho assistito all'ennesima farsa messa in piedi dalla Disamministrazione Pizzorno. In pratica il Primo Cittadino senza informare preventivamente il Consiglio Comunale e in completa autonomia dal divieto solenne di non concedere nuove aperture di cave, ha chiesto il rinvio della sentenza di merito che avrebbe contribuito a dirimere la vicenda dei ricorsi proposti sia dalla Città di Anguillara tanto da noi con il comitato dei cittadini confinanti. Visto lo stato dell'arte cui eravamo giunti e considerato i precedenti della mancata discussione della sospensiva e la stipula delle convenzioni a prescindere dall'esito legale, sembra ancora più chiara la volontà di questo Sindaco di rimangiarsi la parola data. L'augurio rimane quello di sbagliarsi ma come diceva un illustre del passato sembra appalesarsi il concetto “a pensar male si fa peccato però alcune volte ci si azzecca”. Ora l'udienza di merito è stata spostata al prossimo 2 Febbraio 2016 .

Dalle informazioni che ci sono giunte, il Comune di Anguillara sta trattando con le società estrattive per ottenere condizioni migliori rispetto alla convenzione stipulata. Può confermarci queste voci?

Siete sicuramente ben informati e dalle note trasmesse dalla controparte (le società titolari delle concessioni delle cave di basalto N.d.R.) alla Disamministrazione Pizzorno appare evidente la volontà di trovare una soluzione di convenienza a dispetto dell'ambiente e dei cittadini delle località interessate dalla speculazione di questi siti minerari. In pratica, la lettera di Pizzorno rivolta al tribunale del Tar contempla la necessità di prendere tempo per valutare le proposte transattive che possiamo ricapitolare nel modo che segue: “La Mc Cubo” e la “Inerti Nazionali” sono disponibili per il ritiro dei ricorsi da parte della Giunta Dem ad effettuare opere di urbanizzazione non meglio specificandone le aree d'intervento e in alcuni casi realizzandole durante la campagna elettorale cioè marzo-aprile 2016. L'importo complessivo ammonterebbe ad € 240.000 circa che rappresenta una miseria se lo rapportiamo col valore commerciale della vendita del materiale basaltico e soprattutto con i disagi di ogni natura (traffico, esplosioni, polveri e altro) oltre la devastazione ambientale imposta a quei territori almeno per i prossimi dieci anni.

 

Nelle vicinanze delle nuove cave ci sono alcuni insediamenti abitativi, con diverse migliaia di persone. Com’è possibile che gli interessi delle società siano più tutelati dei diritti dei residenti? Si tratta di sensibilità politiche e interessi diversi da conciliare con coloro che risiedono in queste parti del territorio comunale e non vedo in Pizzorno, cacciato malamente dal suo stesso partito e che non sarà ricandidato, un garante per la tutela di interessi generali. La visione personale è quella di vedere Anguillara proiettata in un contesto turistico ed eno-gastronomico di qualità, mentre questa Giunta oramai al capolinea della sua pessima esperienza disamministrativa pensa a sfruttare questa occasione di transazione per piccole operazioni elettorali, senza porsi i danni di immagine rispetto alla vocazione naturale della Città. Vede se avessero proposto di convertire queste aree in strutture ricettive, parchi tematici per giochi dei bambini oppure sportive e di benessere sarei stato il primo ad alzare la mano in consiglio comunale. Quindi ribadisco solennemente la mia contrarietà alla proposta di transazione e come ricorrenti resisteremo sino alla conclusione dei gradi di giudizio relativi al Tar ed eventualmente al Consiglio di Stato indipendentemente dall'esito della verifica in corso da parte del Sindaco e della sua maggioranza.

 

In una precedente intervista lei si rivolse al Comitato di Quartiere locale, cercando collaborazione su questa battaglia. Sembra però che da parte del comitato l’interesse per questa vicenda sia praticamente nullo. Come può spiegare questo comportamento?

Finora sull'argomento che riguarda da vicino i propri residenti e nonostante siano stati stimolati dallo scrivente a convocare un direttivo in tal senso, questo Comitato di Quartiere (per la precisione il comitato di quartiere 9, aree interessate Ponton dell’Elce – Colle Sabazio – La Riccia – Albucceto) ha mantenuto un silenzio assordante e un profilo molto basso, anzi inesistente. Dopotutto l'atteggiamento supino verso la Disamministrazione Pizzorno si è già conclamato con la vicenda ridicola del Palazzetto di Ponton Elce: presente con tanto di ovazione e riconoscimento verso taluni politici di maggioranza all'ennesima inaugurazione per lavorazioni, questa volta effettuate dall'associazione sportiva “Boxe and Sons”, risulta tutt'ora acritico e incapace di agire per la mancata apertura che doveva effettuarsi lo scorso 13 Settembre. Eppure è di dominio pubblico che il Sindaco abbia fatto stipulare una convenzione per l'uso dei locali in assenza di agibilità e idoneità statica (trasmetteremo gli atti alla corte dei conti e procura) di tutti gli ambienti e che la disamministrazione stia cercando soluzioni più disparate per porre rimedio. Per il momento unici danneggiati i ragazzi dell'associazione che hanno investito soldi e tempo e conseguentemente tutti gli abitanti del quartiere che sono stati illusi di poter usufruire delle attività sportive nel breve termine . C’è solo una spiegazione per non esporsi su argomenti così importanti : la volontà di qualcuno di candidarsi alle prossime elezioni con il partito democratico. Ovviamente non è lo spirito per cui sono nati i comitati di quartiere che da portavoce di interessi generali non si devono trasformare in complici di questa o quella componente politica.

 

La prossima udienza ci sarà in piena campagna elettorale. Potrebbe diventare la vetrina perché chi fino a oggi non si è interessato dell’ambiente, si faccia avanti solo per mettersi in mostra? La prossima udienza pubblica è prevista per martedì 2 Febbraio 2016 alle ore 12 e sinceramente non sono “invidioso” se altri movimenti o cittadini possano interessarsi concretamente alla vicenda, piuttosto ben vengano se effettivamente sta loro a Cuore il futuro di Anguillara. A questo punto chi vuole solo mettersi in mostra per la campagna elettorale è facilmente additabile e non ritengo che l'elettorato sia così sprovveduto dal riconoscerli.

 

Quante possibilità reali ci sono che il tribunale blocchi la costruzione della cava, e quali danni si creerebbero in caso di autorizzazione definitiva?

Non è certo compito mio stabilire le possibilità per conseguire una sentenza di merito a favore della nostra tesi. Certo eravamo a due passi dall'obiettivo e Pizzorno ha preferito prendere tempo e continuare ad essere ondivago. Gli avvocati ed io siamo fiduciosi di vedere riconosciute le illegittimità contenute nell'iter autorizzativo regionale molto lacunoso e contraddittorio e poi fa ben sperare la ricerca spasmodica delle due società di transare del loro diritto ad esercitare lo sfruttamento minerario visto che hanno le concessioni in mano. Lo dico chiaramente, avendo già inoltrato degli esposti alla Procura che mi auguro agisca presto per la verifica di eventuali responsabilità e che sollecito da questa testata, non resteremo passivi di fronte a cambiamenti repentini della volontà espressa più volte in consiglio comunale. Va bene camminare da soli, ma non sono ammessi tradimenti del mandato consiliare con piroette o giravolte finalizzate a tornaconti elettorali. Per quanto riguarda l'ipotesi dell'autorizzazione definitiva è facile individuare i danni per i prossimi dieci e più anni: devastazione dell'ambiente con la speranza che venga ripristinato e non faccia la fine della cava ex Miri-Pennacchi che tutt'ora risulta una buca desolata, incremento notevole del traffico veicolare pesante su tracciati stradali non idonei, dispersione nell'atmosfera di polveri con potenziali conseguenze sulla salute e da ultimo le continue scosse sismiche, ancorché di bassa intensità, provocate dalle esplosioni delle mine per estrarre il materiale basaltico. Oltre il forte disagio c’è da considerare il naturale deprezzamento degli immobili con danno patrimoniale per i proprietari residenti del quartiere. Chi ha una coscienza non può esimersi dal continuare in questa battaglia.

Roma

Roma, smantellate 2 organizzazioni criminali italo albanesi in conflitto tra loro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

27 arresti per traffico di droga, estorsione, danneggiamento seguito da incendio, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco

ROMA – In manette 27 persone gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, cessione e detenzione ai fini di spaccio, estorsione, danneggiamento a seguito di incendio, detenzione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco. A eseguire l’ordinanza di arresto, emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma.

Le contestazioni contenute nell’ordinanza di custodia cautelare scaturiscono da due indagini, confluite successivamente in un unico procedimento penale. La prima riguarda il gruppo criminale facente capo al cittadino albanese ARAPAJ Ermal e avviata dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati dopo il brutale omicidio di DI LAURO Cristian, avvenuto a Velletri il 27.12.2017. La seconda, condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, ha avuto origine dall’attività svolta a carico di DEMCE Elvis, malvivente di nazionalità albanese, iniziata nell’aprile del 2020 subito dopo la sua scarcerazione con la concessione degli arresti domiciliari.

Le investigazioni, condotte nel periodo 2017 – 2020, hanno consentito di ipotizzare l’ininterrotta operatività nel comune di Roma di due gruppi italo-albanesi, in conflitto tra loro, dotati di una solida struttura organizzativa e con la disponibilità di armi da fuoco pronte all’uso, entrambi stabilmente dediti all’attività di smercio di consistenti quantitativi di sostanza dei tipi cocaina e hashish destinati alle più fiorenti piazze di spaccio.

L’attività investigativa sul sodalizio capeggiato e promosso da DEMCE Elvis è iniziata con il controllo discreto dell’abitazione di quest’ultimo, ubicata nel quartiere “Prenestino”, i cui esiti hanno permesso di riscontrare un immediato riavvicinamento del predetto a diversi personaggi con pregiudizi penali, tra cui alcuni inseriti nella cerchia del noto PISCITELLI Fabrizio, assassinato nel mese di agosto dell’anno 2019. Sulla base di tali sviluppi investigativi, è iniziata un’attività tecnica che ha confermato l’elevato profilo criminale di DEMCE Elvis, caratterizzato dalla volontà di realizzare rapidamente, attraverso il rifornimento di ingenti quantitativi di stupefacenti e il recupero di crediti con modalità violente, la liquidità necessaria per consolidare la forza criminale della sua associazione. Un episodio degno di rilievo è avvenuto il 27.07.2020, quando dall’attività tecnica sono emersi chiarissimi elementi relativi all’imminente acquisizione di un ingente carico di stupefacente che è stato poi successivamente sequestrato in data 07.08.2020, in occasione del controllo di un’autovettura Porsche Macan con a bordo due giovani, organizzato mentre percorrevano l’autostrada A1, all’ altezza di Orvieto; all’interno del bagagliaio furono rinvenuti 900 panetti di sostanza stupefacente del tipo hashish per un peso complessivo di circa 90 Kg. Per il sodalizio criminoso investigato viene, inoltre, ipotizzata l’aggravante dal metodo mafioso consistita nell’imporre il predominio sul territorio a scapito di altri gruppi criminali, avvalendosi della forza di intimidazione, in particolare ponendo in essere atti intimidatori ai danni di rivali o di acquirenti morosi. A tal proposito è opportuno menzionare l’estorsione consumata ai danni di due fratelli residenti nel quartiere di San Basilio, considerata una delle piazze di spaccio più fiorenti della Capitale, per il recupero di un credito ammontante a 100.000 euro, derivante da una partita di stupefacente non corrisposta.

L’organizzazione riconducibile, invece, ad ARAPAJ è collocata in un ambito territoriale specifico, ma è gravemente indiziata di essere fornitrice di numerosi acquirenti procurando anche considerevoli quantitativi di narcotici, destinati alla successiva immissione in diverse piazze di spaccio, pur mantenendo come centro delle proprie attività criminali la città di Velletri (RM). Da quanto accertato, il gruppo criminale è accusato essere solito svolgere la propria attività illecita mediante consegne di narcotico effettuate in forma itinerante e “a domicilio”, modalità adottata anche per evitare di incorrere in frequenti controlli da parte delle forze dell’ordine. Dagli elementi acquisiti, inoltre, per l’approvvigionamento della “cocaina”, il gruppo di ARAPAJ Ermal è indiziato di rifornirsi in Italia da connazionali domiciliati nella zona di Porto S. Elpidio (FM) nelle Marche, mentre all’estero faceva riferimento alla tratta olandese e colombiana. Il sodalizio in argomento risultava attivo a Roma, nei Castelli Romani, fino al Litorale Pontino, mentre, come base di appoggio, gli indagati utilizzavano sia le proprie abitazioni, dove custodivano parte dei quantitativi di narcotici da consegnare ai clienti, sia garage utilizzati per la specifica attività illecita.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma e quelli del Nucleo Investigativo di Frascati, lavorando in stretta sinergia, hanno ricostruito, dettagliatamente, la vicenda che ha visto DEMCE Elvis reclamare il controllo delle piazze di spaccio di Velletri, gestite, sino al giorno della sua scarcerazione, da ARAPAJ Ermal. Le conversazioni intercettate hanno confermato l’astio nutrito da DEMCE Elvis nei confronti del connazionale, il quale, dopo il suo arresto, ne aveva acquisito la gestione, senza riconoscergli alcun ristoro economico. I mancati indennizzi hanno portato il DEMCE a progettare un agguato nei confronti del rivale in data 09.07.2020 nel comune di Lanuvio (RM), al quale la vittima riusciva a sottrarsi sparando per primo e attingendo ad una gamba uno degli esecutori incaricati da DEMCE.

Successivamente a tale episodio, sono stati raccolti indizi che portano a ritenere che la mattina del 05.09.2020, il sodalizio di DEMCE avrebbe appiccato un incendio, a Velletri, ai danni della villa e delle auto in uso proprio ad ARAPAJ Ermal e alla compagna.

A seguito dei diversi atti intimidatori subiti, ARAPAJ Ermal decideva di fuggire in Spagna per il timore di ritorsioni violente da parte del gruppo avversario per poi rientrare, dopo un breve periodo, in Italia, quando iniziava a pianificare, in modo molto dettagliato, l’assassinio di DEMCE Elvis. Il predetto non riusciva però a realizzare l’intento omicidiario perché colpito nel frattempo da un’ordinanza di custodia cautelare, eseguita il 9.02.2021 dai Carabinieri di Latina. Nelle fasi esecutive del citato provvedimento restrittivo si procedeva ad una perquisizione all’interno dell’abitazione sita in Fermo, dimora di fatto di ARAPAJ Ermal e della compagna, dove veniva rinvenuta una pistola mod. STEYR cal.40 con matricola abrasa, un caricatore contenente 12 proiettili ed una maschera in silicone riproducente un volto maschile; equipaggiamento che, è ipotizzabile, fosse destinato ad essere utilizzato per consumare l’omicidio del rivale.

Continua a leggere

Roma

Roma e provincia: caccia ai “furbetti del green pass”. Multe a pioggia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Proseguono i controlli da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma volti al rispetto delle norme per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, anche alla luce delle nuove disposizioni entrate in vigore nei giorni sorsi, in modo particolare sul tipo di mascherina in uso e sull’obbligo della certificazione verde rinforzata sui mezzi pubblici.I Carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante hanno sorpreso un avventore di un bar nei pressi di via Principe Umberto privo di Green Pass e lo hanno sanzionato unitamente al titolare del locale che ha omesso di controllarlo all’ingresso. Entrambi sono stati multati per 280 euro.I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno invece sanzionato il dipendente di una farmacia che svolgeva attività lavorativa pur essendo sprovvisto della prevista Certificazione Verde. Il farmacista è stato multato per 600 euro.I Carabinieri della Compagnia di Tivoli hanno controllato 56 persone, sia al capolinea dei bus, in arrivo dalla Capitale, sia nei pressi di alcuni esercizi commerciali. Di questi 4 utenti sono stati sanzionati per il mancato utilizzo della mascherina FFP2.Nel comune di Colleferro, i Carabinieri della Stazione di Gavignano hanno sanzionato un 57enne del posto, titolare di una palestra, per aver esercitato attività lavorativa senza Green Pass.Infine, sul litorale romano, nei comuni di Anzio, Nettuno e Ardea, i Carabinieri della Compagnia di Anzio hanno identificato 49 persone e controllato 6 esercizi commerciali. Ad esito degli accertamenti sono scattate sanzioni per tre clienti di un bar sorpresi a consumare senza essere in possesso di Green Pass e il titolare per la mancata verifica della certificazione all’ingresso del locale degli avventori. Multato anche un 47enne sorpreso sul lungomare degli Ardeatini a passeggiare senza indossare la prevista mascherina

Continua a leggere

Roma

Roma, in manette studente universitario: coltivava marijuana in un box

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri del Provinciale di Roma hanno arrestato 11 persone, poiché ritenute, presuntivamente e a vario titolo, responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.La scorsa notte, nel quartiere Salario – Trieste, i Carabinieri della Stazione Salaria unitamente a quelli del Nucleo Operativo, hanno arrestato uno studente universitario, romano di 28 anni. I suoi movimenti erano stati oggetto di una mirata attività che ha trovato riscontro a seguito della perquisizione effettuata all’interno di un box auto, dove lo studente aveva attrezzato una serra, con all’interno una pianta di cannabis indiana alta circa 180 cm., ulteriori 80 g., circa, di marijuana, lampade led, essicatori termici, termostati analogici, termometri e tutto il materiale utile alla coltivazione domestica delle piante, nonché denaro contante per un importo di 600 euro. Nel medesimo contesto i militari hanno denunciato anche un 24enne, sorpreso in possesso di 22 g. di stupefacente che erano stati ceduti dall’arrestato.    Ieri pomeriggio, in via Ostuni, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno sorpreso, un 18enne romano, cedere dello stupefacente ad un cittadino straniero, che è stato identificato e segnalato. Al giovane i militari hanno sequestrato 11 g. circa di hashish. In manette è finito anche un 34enne romano, sorpreso dai Carabinieri della Stazione Roma Tor bella Monaca mentre, in via dell’Archeologia, si aggirava con fare sospetto nella nota piazza di spaccio con in tasca ben 36 dosi di cocaina del peso di circa 20 g. e la somma contante di 60 euro, ritenuta provento della pregressa attività di spaccio. È stato condotto e trattenuto in caserma, in attesa del rito direttissimo.I Carabinieri del Comando di Piazza Venezia hanno arrestato uno straniero di 45 anni, senza fissa dimora e con precedenti, dopo essere stato sorpreso, in via della Stazione Ostiense, cedere dell’eroina ad un acquirente, che è stato identificato e segnalato. Dopo l’arresto lo straniero è stato trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo.In via Luigi Gigliotti, nel quartiere di San Basilio, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Monte Sacro, al temine di una mirata attività, hanno arrestato una coppia di romani, lui di 52 anni e lei di 35, entrambi senza fissa dimora, disoccupati e con precedenti. I due sono stati notati nell’atto di cedere dello stupefacente a 3 acquirenti opportunamente segnalati alla competente Autorità. A seguito della perquisizione personale, i militari hanno rinvenuto e sequestrato 1.5 g. di cocaina e ulteriori 1.5 g. di hashish, nonché la somma contante di 105 euro, ritenuta provento della pregressa attività di spaccio. Al termine dell’attività di rito i due sono stati condotti presso le rispettive abitazioni agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Roma La Storta hanno arrestato una donna di 56 anni, disoccupata e con precedenti, bloccata all’uscita di Fidene del GRA, a bordo della propria autovettura, con addosso 12 dosi di cocaina del peso di circa 10 g. e la somma contante di 390 euro, ritenuta provento dell’illecita attività. Dopo l’arresto la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.Sempre nel pomeriggio, in via Battistini all’angolo con via San Michele Papa, i Carabinieri del Nucleo Operativo San Pietro hanno arrestato due romani di 27 e 60 anni, entrambi disoccupati e con precedenti, bloccati subito dopo aver ceduto dello stupefacente ad un cliente, identificato e segnalato alla competente Autorità. Nel corso delle perquisizioni personali e domiciliari i militari hanno rinvenuto e sequestrato a carico del 60enne 330 g. circa di cocaina, materiale per il confezionamento e la somma contante di 46 mila euro. Al termine dell’attività il 27enne è stato condotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari mentre, il 60enne è stato trattenuto in caserma, in attesa del rito direttissimo.Infine, a Guidonia Montecelio, i Carabinieri della locale Tenenza coadiuvati dai Carabinieri del Nucleo Cinofili, hanno arrestato una coppia di italiani, di 82 e 47 anni, conviventi, nullafacenti e con precedenti specifici, in atto entrambi sottoposti agli arresti domiciliari per reati sugli stupefacenti. I militari a seguito di una mirata perquisizione domiciliare hanno rinvenuto e sequestrato 85 g. di hashish e 40 di cocaina, già suddivise in dosi, nonché materiale per tagliare e confezionare la droga e la somma contante di 1200 euro, ritenuto provento dell’illecita attività. Al termine dell’attività i due sono stati riaccompagnati presso la loro abitazione ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

Continua a leggere

I più letti