Connect with us

Gallery

Anguillara Sabazia, 20 anni di gemellaggio con Blanca: amministratori in Spagna per i festeggiamenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il gemellaggio tra le città di Anguillara Sabazia e quella spagnola di Blanca compie venti anni e per l’occasione il sindaco Sabrina Anselmo, insieme ai consiglieri Aleandro Virgili e Massimo Pierdomenico e all’assessore alla cultura e ai rapporti internazionali Viviana Normando si sono recati nella città spagnola per presenziare al rinnovo del gemellaggio, avvenuto ieri sera, nel teatro di Blanca. Presenti anche i sindaci che firmarono la prima volta come testimoni: Paolo Bianchini per Anguillara Sabazia e Rafael Laorden Carasco per Blanca e i cittadini onorari delle due città: Pedro Cano pittore dalle rare capacità artistiche, da cui è nato tutto e Saverio Fagiani per Blanca.

“Una emozione unica – ha detto l’assessore Viviana Normando – che va oltre tutto e vede protagonisti due popoli uniti, in amicizia e culture, che formano e favoriscono sempre l’incontro di uomini e donne, costruttori di bellezza e di pace, in particolare di giovani e di ragazzi grazie agli interscambi didattici, artistici, musicali”. Presenti anche la dirigente professoressa Paola Di Muro dell’istituto comprensivo San Francesco e la professoressa Antonietta Benedetti.

Il Comune di Blanca ha realizzato una capsula del tempo che resterà nel palazzo comunale per apporvi doni e ricordi ogni volta che le rappresentanze di Anguillara Sabazia faranno visita.
Vi sono già foto di comuni incontri, il segnalibro di Anguillara Sabazia e Blanca realizzato per il ventennale e un’opera di Pedro Cano che il pittore ha voluto inserire.

Il comune di Anguillara Sabazia ha donato una grande ceramica di Vietri composta di otto pezzi come espressione di affetto e convivialità rinnovata, tenendo conto che negli affreschi del palazzo comunale Orsini di Anguillara Sabazia dove sono ben presenti le vedute della costiera amalfitana e di Napoli per la partecipazione del committente del palazzo Gentil Virginio Orsini junior alle battaglie per mare contro i Turchi, alla riconquista del Mediterraneo.
A fungere da traduttore il consigliere Aleandro Virgili che ha presenziato a tutti i momenti intensi di scambio e di accrescimento reciproco che le due amministrazioni stanno vivendo insieme ancora una volta.

Si è lavorato nelle sale del comune di Blanca per definire i dettagli dei festeggiamenti. “E’ una grande gioia – ha dichiarato il sindaco Sabrina Anselmo – essere qui per la nostra Amministrazione Comunale, a ben 20 anni di distanza dalla prima firma del gemellaggio tra Blanca ed Anguillara Sabazia. Si! – ha proseguito Anselmo – sono trascorsi 20 anni di interscambi culturali, così ben testimoniati dal bellissimo libro di Angelo Rios, ma soprattutto di un’amicizia sincera, motore di una grande e profonda vicinanza tra le nostre due città e la loro gente. Ciò è stato possibile grazie a Pedro Cano, nostro cittadino onorario, alla sua sensibilità artistica, divenuta fama internazionale, a partire proprio sia da Blanca, sua città di origine che da Anguillara Sabazia, cittadina in cui ha realizzato ben 30 anni della sua produzione artistica. Al di là di tutte le amministrazioni che si sono susseguite Blanca e Anguillara sono state sempre unite, più unite che mai, dall’Italia alla Spagna, con l’impegno dell’associazione Anguillara Blanca e qui dell’associazione di Blanca con Anguillara. C’è oramai un legame speciale che unisce le città a tutto tondo, incluse le nostre scuole con un interscambio culturale che è una bellissima eredità per i nostri giovani. E dall’anno scorso c’è non solo una eredità didattica e culturale per le medie ma anche per la scuola musicale con l’ulteriore interscambio, con il nostro 205 esimo circolo, il nostro indirizzo musicale ed i ragazzi del conservatorio di Blanca. Uno scambio che mi auguro si concretizzi anche in altre discipline prime tra tutte l’arte, questa grande risorsa che da Pedro Cano ci lega a doppio nodo. Siamo qui con l’assessore alla cultura Viviana Normando e con i consiglieri Aleandro Virgili con la sua consorte spagnola e massimo Pierdomenico, felicissimi di festeggiare il ventennale del gemellaggio, della prima firma che è stata apposta a Blanca, e non vediamo l’ora di accogliervi ad Anguillara Sabazia, per festeggiare anche la seconda firma apposta proprio nella nostra città lacustre. Una occasione può essere la 59esima edizione della sagra del pesce che si terrà nei primi 15 giorni di giugno 2019, fermo restando che ovviamente la porta della città per voi è sempre aperta. Il 2019 per noi sarà così un anno straordinario per il rinnovo del gemellaggio con voi, che potrà inserirsi nei festeggiamenti del nostro millenario. Anguillara Sabazia compie infatti 1000 anni di storia! da quando è stata citata per la prima volta come “Castrum” in un documento presso l’archivio di stato Maria in Trastevere, menzionato dalla nostra cittadina onoraria Angela Zucconi, a cui è dedicata anche la nostra biblioteca comunale. Ringraziamo tutti dell’affetto e ancora una volta dell’amicizia, forti della bellezza e delle tradizioni così antiche e salde dei nostri luoghi”.

Straordinarie anche le note musicali di pezzi italiani e spagnoli uniti insieme eseguiti dal gruppo musicale di Blanca guidati dal maestro Victor Cano. L’Associazione Anguillara Blanca ha donato targhe a Pedro Cano e al Comune durante la mostra fotografica sul ventennale sempre a cura di Angel Rios e molto piacevole è stato un aperitivo a casa di Pedro Cano per il suo compleanno nonché gli auguri a lui dedicati ed intonati da tutti nel teatro comunale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Editoriali

Bracciano, spese elettorali fantasma a 5 stelle: ecco i documenti per i paladini della trasparenza e dell’onestà

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – Il nostro articolo sulle spese elettorali dei candidati M5S alle amministrative di Bracciano, finite sotto segnalazione della Corte di Appello di Roma, hanno suscitato l’attenzione del consigliere comunale di opposizione Marco Tellaroli che nonostante l’emoticon “divertito” sul suo post è sembrato tutt’altro che allegro.

Puntualizziamo per chi cerca sempre di giustificare condotte singolari

Intanto la questione non è stata definita “regolare” da nessuno e la lettera di Venerina Marziano è del 2018, quindi la vicenda non è affatto finita nel 2016 come asserito da Marco Tellaroli.

Marziano ha altresì scritto una dura lettera a Marco Tellaroli dove gli fa presente che è al corrente che al Comune di Bracciano è stata depositata una dichiarazione non sottoscritta riferita alla sua persona dove addirittura la stessa Marziano avrebbe dichiarato di aver sborsato euro 106,63 per la campagna elettorale. Ecco la lettera di Marziano a Tellaroli e la dichiarazione non sottoscritta presentata all’insaputa di Venerina Marziano.

La lettera del 2018 di Venerina Marziano a Marco Tellaroli dove contesta la dichiarazione di spese a suo nome presentata al Comune

Qui la documentazione presentata al Comune da Tellaroli che attesta le presunte spese di Venerina Marziano

Inoltre c’è una denuncia alla Corte di Appello che porta la data di dicembre 2018 (quindi già le prime dichiarazioni del consigliere “divertito” sono facilmente smentite). Ovviamente per la fonte, ovvero l’autore dell’esposto è tutelato dal segreto professionale. Tutto normale, anzi guai se non fosse così. Le fonti che forniscono documentazioni, atti e dichiarazioni ai giornalisti (giornalisti e non blogger o leoni da tastiera) devono potersi sentire libere di non essere sottoposte a facile gogna mediatica come sta succedendo in questo momento proprio da parte di chi potrebbe e dovrebbe dare un esempio di “democrazia”, “onestà” e “trasparenza”.

Ma c’è di più perché sul caso delle dichiarazioni delle spese elettorali pentastellate pende anche una denuncia recente presso la Procura della Repubblica di Civitavecchia.

Tellaroli nel suo post svia però l’attenzione sui gettoni di presenza che è ben altro argomento rispetto al caso che lo riguarda in prima persona. E se deve chiedere chiarimenti in proposito (sui gettoni s’intende) suggeriamo al consigliere di chiedere all’Amministrazione comunale per le vie ufficiali e non certamente su Facebook soltanto per fare probabilmente facile propaganda e cercare di guadagnare qualche “like”.

Lui stesso che non appare aver gestito al meglio la questione delle spese elettorali punta il dito sugli altri. Ma è chiaro che stavolta sarebbe meglio che chiarisse la sua posizione, visto che gli atti pubblici non gli danno manforte.

Ribadiamo che il consigliere comunale di Bracciano per il Movimento Cinque Stelle Marco Tellaroli ha presentato all’ufficio elettorale del Comune e Corte d’Appello alcuni moduli con le dichiarazioni di spese elettorali che avrebbero sostenuto diversi candidati consiglieri M5S alle comunali 2016 senza che siano state sottoscritte dagli stessi. E’ dunque consentito a tutti i candidati a sindaco dichiarare cifre riferite ai candidati consiglieri del partito senza che questi ultimi ne siano al corrente e senza la firma degli stessi? E per giunta in netto contrasto con le singole dichiarazioni inviate spontaneamente e singolarmente da ciascun candidato consigliere? Difficoltà di comunicazione all’interno della compagine braccianese a 5 stelle?

Nel modello di rendiconto inviato al collegio regionale di garanzia elettorale ci sono anche i dati di Egle Onori e alla voce delle spese dichiarate dalla stessa c’è l’importo di 103,63 euro.

Qui la documentazione presentata al Comune da Tellaroli che attesta le presunte spese di Egle Onori

La candidata consigliera M5S Egle Onori ha dichiarato il 23 agosto 2016 di non aver sostenuto spese elettorali e neppure ricevuto alcun contributo. E ha firmato di suo pugno tale dichiarazione.

Qui la dichiarazione di Egle Onori che attesta di non aver speso nulla per la campagna elettorale

Qui la documentazione presentata al Comune da Tellaroli che attesta le sue spese

Marco Tellaroli ha dichiarato cifre che non superano il tetto di 2.500 euro oltre il quale è previsto l’obbligo di un mandatario.

Venerina Marziano candidata consigliere M5S alle elezioni amministrative 2016 di Bracciano ha richiesto (con una lettera al Comune di Bracciano datata 13 settembre 2018) spiegazioni su chi avesse compilato la dichiarazione relativa alle spese elettorali, in quanto la stessa ha dichiarato di non aver sottoscritto nulla. Adesso sui social va dicendo che non è stata interpellata prima che uscisse il nostro precedente articolo, ma lo stesso si basa su prove documentali e non su richieste di pareri. Se la stessa volesse invece smentire quanto pubblicato, la invitiamo a mandarci una richiesta di rettifica ai sensi della legge sulla stampa facendo esplicitamente riferimento ai presunti passaggi che a suo dire non corrisponderebbero a verità.

La Marziano ha anche chiesto accesso agli atti per visionare la documentazione inerente le consultazioni elettorali presentate dall’allora candidato sindaco M5S Marco Tellaroli.

Ecco la richiesta

Venerina Marziano ha presentato presso il Collegio regionale di Garanzia Elettorale presso la Corte di Appello di Roma una dichiarazione dove palesava di non aver corrisposto alcun importo di denaro ne a titolo di contributo elettorale ne a titolo di spesa per la propria candidatura.

Tutte le dichiarazioni sono agli atti in Comune

Inoltre agli atti in Comune ci sono tutte le dichiarazioni dei candidati M5S inerenti le spese elettorali ma l’unica firmata è quella di Marco Tellaroli, diverse altre non sono state sottoscritte dai singoli candidati. Ad inviarle è stato proprio Marco Tellaroli. Il consigliere pentastellato ha firmato la sua dichiarazione, sottoscrivendo di aver speso 790 euro per la campagna elettorale. L’unico a firmare, ripetiamo, è stato lui.

Secondo Tellaroli la questione sarebbe chiusa dal 2016, ma le date riportate sugli atti ufficiali e le notizie acquisite dicono l’esatto contrario. Dato che il consigliere si erge di continuo a rappresentante di onestà e trasparenza dovrebbe utilizzare altrettanta onestà e trasparenza nell’ammettere che il caso delle spese elettorali deve essere giustamente approfondito nelle sedi opportune per evitare che in futuro si ripetano dinamiche simili. Cosa avrebbe fatto Tellaroli se il protagonista di questa triste vicenda fosse stato un antagonista politico?

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, anziano cade in un dirupo: scatta l’operazione salvataggio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Un anziano di 85 anni nato e residente a Genzano di Roma era uscito per funghi in località Pentima Pizzuta, nei boschi di Nemi.

Scivolato in un dirupo inizia a urlare

Una persona che si trovava nel bosco ha sentito le grida e ha chiamato subito i soccorsi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco volontari di Nemi , il nucleo Saf soccorso alpino fluviale dei Vigili del Fuoco, i carabinieri della stazione di Nemi e il personale del 118.

L’uomo è stato individuato grazie alla segnalazione

Per recuperarlo nella zona impervia boschiva è intervenuto un elicottero “Drago”dei vigili del fuoco.

I soccorritori lo hanno portato a bordo e poi si sono diretti in zona Vivaro dove l’elicottero è atterrato e un’eliambulanza “Pegaso” del 118 era pronta a soccorrerlo.  L’anziano ha riportato ferite sul corpo ma non è in pericolo di vita.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Gallery

Anguillara Sabazia, scuola container con pioggia, scarafaggi e cappotto. Bianchini (PD): “Manderemo tutto alla Procura della Repubblica”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il consigliere comunale Pd di Anguillara Sabazia, Silvio Bianchini e la consigliera regionale Pd Michela Califano hanno partecipato questa mattina alla manifestazione di protesta dei genitori della scuola-container’ di via Duca degli Abruzzi (ex plesso scolastico di via Verdi).

“Quello che sta accadendo è intollerabile e inaccettabile – sottolinea Bianchini -. Ringrazio il consigliere regionale Michela Califano per aver accolto il mio invito. Ha avuto modo così di rendersi conto di persona della drammatica situazione che stiamo vivendo con l’inagibilità della scuola container. Ho partecipato alla manifestazione oltre che come consigliere come cittadino a sostegno delle famiglie e bambini perché venga loro garantito un diritto. Abbiamo assistito allo sperpero di 800mila euro per avere una scuola container usata, con infiltrazioni di acqua e scarafaggi, con l’ultima trovata di un capotto per la pioggia per nascondere le magagne di un appalto iniziato male e finito peggio. Questa volta non ci limiteremo alla contestazione in Consiglio, qualora accertassimo che vi siano state violazioni sull’appalto, manderemo tutto alla Procura della Repubblica perché faccia luce e identifichi in modo tangibile le responsabilità”.

Sull’argomento è intervenuta anche la consigliera regionale Michela Califano: “Sollecitata dal consigliere di opposizione Silvio Bianchini ho partecipato questa mattina alla manifestazione di protesta dei genitori della ‘scuola-container’ di via Duca degli Abruzzi (ex plesso scolastico di via Verdi) ad Anguillara. Volevo rendermi conto in prima persona dei disagi che vivono bambini e famiglie. Si tratta di una situazione surreale e grottesca che purtroppo testimonia l’inadeguatezza di un’amministrazione che al bene comune continua ad anteporre il proprio ego e soluzioni insensate. Sono vicina alle famiglie e sostengo con forza la battaglia degli esponenti dell’opposizione e del consigliere Bianchini: i bambini hanno il sacrosanto diritto di avere aule e scuole dignitose”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it