Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, Bianchini (Pd): “Il Comune sbaglia procedura. Il campetto di calcio si può fare!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Ad Anguillara Sabazia il campetto di calcio e il Parco giochi (già realizzato), sono parte della convenzione tra il Comune e la Società Generali.

“Ci sono voluti 3 anni per mandare una Determina sbagliata alla Regione Lazio, – dichiara Silvio Bianchini capogruppo Pd al Consiglio comunale sabatino – ricordiamo alla Sindaca – prosegue Bianchini – che le opere furono condivise con gli abitanti nelle varie assemblee e pertanto se la maggioranza pensa di utilizzare queste risorse per altri interventi che avrebbero dovuto fare con i Fantomatici Piani Integrati, dovrebbe avere il coraggio di portare la proposta in assemblea pubblica a Colle Sabazio, per rispetto alla popolazione e per la partecipazione democratica tanto decantata in campagna elettorale ma mai applicata nei tre anni di amministrazione”.

Bianchini è entrato poi nel merito di quanto dichiarato dalla sindaca di Anguillara Sabazia secondo la quale “il campo di calcio a Colle Sabazio inserito nella convenzione fra comune e area basalti non e’ realizzabile – il pasticciaccio dei “competenti” della passata amministrazione che hanno inserito in una convenzione un’opera senza modificare la destinazione urbanistica dell’area interessata e senza richiedere i necessari pareri”.    

“Nel merito alla risposta della Regione Lazio sulla richiesta di cambio di destinazione d’uso del terreno spacciata per diniego – afferma il capogruppo Pd – abbiamo sentito i tecnici regionali che hanno rilsciato il parere, i quali, ci hanno confermato che la procedura utilizzata dal Comune non è quella corretta e pertanto loro non hanno fatto altro che rispondere nel merito di quanto richiesto non respingendola ma ponendo delle prescrizioni (autorizzazione paesaggistica) ed osservazioni. Quello che la maggioranza avrebbe dovuto fare – prosegue il Consigliere Bianchini – era procedere con la normativa delle opere pubbliche e utilizzare il DPR 327/2001, convocando apposita conferenza dei servizi (D.Lgs. n. 127/2016) per ottenere i pareri degli Enti competenti. La tipologia dell’intervento da porre in essere che vede strutture amovibili, non necessiterebbe neanche del cambio di destinazione d’uso del terreno ma di un semplice diverso uso dall’attuale, visto che stiamo parlando di una campo di terra battuta, una recinzione, illuminazione e non dello stadio della Roma!!!”.

Metropoli

Campagnano, il bilancio non passa: il sindaco Fulvio Fiorelli si dimette

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un terremoto politico annunciato. Il sindaco di Campagnano Fulvio Fiorelli, 72 anni, eletto nel 2016 si è dimesso. Nell’ultimo Consiglio Comunale del 14 maggio non è passato il bilancio di previsione 2021 – 2023. Da lì è cominciato l’inesorabile gelo e paralisi politico amministrativa che dopo tre giorni ha portato il primo cittadino a rassegnare le dimissioni “irrevocabili e immediate” presentate al presidente del consiglio comunale di Campagnano.

Questo colpo di scena politico arriva a pochi mesi dalle elezioni amministrative per la cittadina di oltre 13 mila abitanti nell’hinterland a Nord di Roma.

Quattro mesi fa, Fiorelli, ha messo alla porta il suo “vice” Alessio Nisi il qualescrisse una lunga lettera in cui spiegava che la cacciata arrivava dopo un passaggio spinoso: “In queste ultime settimane – ha scritto Nisi a gennaio scorso- abbiamo espresso, insieme ad altri assessori e consiglieri, riserve su modi e contenuti della ”linea politica” del sindaco. Più volte abbiamo richiesto, con lealtà e trasparenza, di riprendere uno spirito collaborativo con l’unico obiettivo di dare un contributo di idee e di soluzioni”. Adesso, in vista delle elezioni, il clima si fa più che rovente.

Continua a leggere

Metropoli

Monterotondo, rientra in casa e coglie sul fatto una ladra: arrestata 43enne di Zagarolo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTEROTONDO (RM) – I Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno arrestato in flagranza di reato una 43enne domiciliata a Zagarolo la quale, approfittando della momentanea assenza della proprietaria, dopo averne atteso l’uscita da casa si era introdotta nella sua abitazione.

La proprietaria era tuttavia rientrata a casa subito dopo trovando così la malintenzionata a rovistare in casa. Colta di sorpresa provava ad allontanarsi ma la signora aveva già richiesto l’intervento dei Carabinieri di Monterotondo, che riuscivano a bloccarla poco dopo essere uscita dalla casa, con denaro e un anello provento del furto.

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Tivoli ha convalidato l’arresto della donna, già gravata da precedenti penali per lo stesso tipo di reato, e ne ha disposto gli arresti domiciliari a Zagarolo.

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, 20enne ruba cosmetici in un negozio: arrestata e rimessa in libertà perchè incinta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FIANO ROMANO (RM) – Arrestata dai Carabinieri della Stazione di Torrita Tiberina in flagranza di reato una 20enne di origine rumena, domiciliata in un campo nomadi di Roma, la quale aveva occultato in una borsa svariati cosmetici asportati furtivamente in un negozio di prodotti per l’igiene personale e profumi del luogo.

La giovane, restituita la refurtiva, poiché in stato di gravidanza è stata rimessa in libertà dal Pubblico Ministero di turno presso la Procura di Rieti.

Continua a leggere

I più letti