Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, cartelle pazze Tari. Interviene l’assessore Landolfi. Fioroni: “Caos è prassi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Interpellato da L’Osservatore d’Italia, l’assessore al Bilancio e Patrimonio ad Anguillara Sabazia Fabrizio Landolfi, interviene sulla pioggia di cartelle pazze relative la Tari arrivate a tante famiglie di Anguillara Sabazia a pochi giorni dal Natale.

Innanzitutto, occorre fare una premessa. – dichiara Landolfi – L’Ente – prosegue – effettua ogni anno due tipi di controlli.

Il primo è relativo ai versamenti omessi (siano essi parziali o totali) riferiti ad immobili correttamente dichiarati (come ad esempio una rata non pagata).

Il secondo, invece, è più specifico, ed è un controllo in cui l’Ufficio verifica la rispondenza delle informazioni rilasciate in sede di iscrizione o variazione (quali ad esempio metri quadri o componenti del nucleo familiare) per inviare successivamente l’avviso di accertamento per evasione del tributo.

I risultati di queste due tipologie di verifica vanno però notificati ed inviati separatamente, proprio perché riferiti a differenti violazioni.

Purtroppo, a causa di un’errata impostazione del software, alcuni avvisi hanno tenuto conto di entrambe le violazioni e vanno pertanto rettificati o parzialmente annullati, attività che, attualmente, stiamo già svolgendo su singole segnalazioni pervenute.

Nel contempo, stiamo cercando una soluzione – conclude l’assessore al Bilancio – che possa permettere la rettifica d’ufficio, in modo da rendere il processo più semplice per il cittadino.

Cosa è successo?

Dal Comune sono arrivate richieste di pagamento della tassa sui rifiuti relativa il 2014, senza distinguere tra chi ha già pagato e chi invece deve ancora regolarizzare una quietanza che tra l’altro viene richiesta dopo cinque anni, data che potrebbe vedere già prescritte diverse somme dovute dai furbetti della Tari all’Ente.

Manciuria: “L’ennesimo flop della gestione dell’amministrazione di Sabrina Anselmo”

E già fioccano i ricorsi e i reclami dei residenti, molti dei quali si sono rivolti all’associazione civica AnguillaraSvolta presieduta da Sergio Manciuria: “Mi sono informato – dice Manciuria – e non risultano diversi versamenti relativi il 2014 nel server del Comune a causa di un cambio programmatico del software. Le cartelle pazze hanno colpito circa il 25 per cento dei contribuenti su 8 mila circa totali. Siamo di fronte l’ennesimo flop della gestione dell’amministrazione di Sabrina Anselmo in quanto saranno recuperati poche migliaia euro rispetto all’accertamento complessivo sicuramente superiore al mezzo milione di euro, costringendo migliaia di famiglie alla spasmodica ricerca dei famigerati F24 regolarmente pagati. Un Natale per Anguillara sicuramente senza luminarie ma con sotto l’albero una bella cartella pazza a cui far fronte”.

Residenti pronti a tutelarsi nelle sedi opportune

Un altro residente di Anguillara, Carlo Zugarelli è furioso: “Abbiamo ricevuto una richiesta di pagamento Tari 2014 – dice – addirittura di mille e cento euro circa che già abbiamo pagato regolarmente al Comune. È possibile che sotto Natale dobbiamo essere colpiti dalle bollette pazze?”.

Anche un altro residente, Pietro Tranquillo ha ricevuto una cartella da oltre 400 euro: “Faremo ricorso – dice – devono annullare la cartella, altrimenti ci vediamo costretti a tutelare i nostri diritti nelle sedi opportune. È mai possibile trovarsi nella condizione di doversi difendere quando si pagano regolarmente le tasse?”.

Fioroni: “Questa Amministrazione è solita recapitare alle famiglie bollette già scadute”

Non è affatto sorpreso il consigliere comunale di opposizione Antonio Fioroni: “Purtroppo , questa delle bollette pazze – sostiene Fioroni – è prassi in quanto questa Amministrazione è solita recapitare alle famiglie bollette già scadute o con richieste di soldi già versati anziché perseguire i veri evasori e pensare a fare cassa. Inoltre, ricordarsi di chiedere dei soldi alla soglia della prescrizione delle somme dovute è una palese mancanza di organizzazione e di rispetto nei confronti delle famiglie di Anguillara”.

Commenti

Metropoli

Anguillara Sabazia, aumento del 50% della retribuzione del segretario comunale. Manciuria: “Le risorse pubbliche vanno spese con giudizio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il Presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria torna a puntare i fari sui disagi creati dalla ex Giunta Pentastellata in ordine istruttorie condoni e paesistische che paralizzano l’uffico da oltre sei mesi, precisando che avrebbe preferito destinare le risorse ai servizi sociali piuttosto che nella retribuzione di godimento posizione (facoltativa e determinata a esplicitate condizioni) del segretario comunale di Anguillara Sabazia, che aveva goduto di un incremento del 50% concesso dalla ormai ex sindaca Sabrina Anselmo e confermato dall’attuale Commissario Prefettizio.

Manciuria, lo scorso 17 gennaio aveva dunque aspramente criticato la scelta dell’amministrazione Anselmo di concedere l’incremento della retribuzione al segretario comunale per funzioni aggiuntive  (che è facoltativa secondo le disponibilità economiche dell’ente) commentando tra l’altro: “La missione da parte della sindaca Anselmo di lasciare nel caos e degrado la nostra città sembra ad un passo dalla realizzazionema noi ci ribelliamo e diciamo basta a queste politiche di profanazione delle più  elementari  norme  di civiltà e senso civico. Se la priorità della “diversamente amministrazione” è aumentare del. 50% la retribuzione di godimento del segretario comunale piuttosto che destinare queste somme ai servizi sociali vuol dire che non c’è rispetto per i deboli e chi è in difficoltà economica”.

Commento, quest’ultimo, per il quale arrivava una richiesta di rettifica da parte del segretario comunale dott.ssa Alessandra Giovinazzo per tramite del suo legale l’avv. Alessandra Petti, che focalizzandosi sul solo commento del Presidente di AnguillaraSvolta precisava che: “Il passaggio relativo alla pretesa ingiustizia e/ o illegittimità dell’attribuzione economica e la sua connessione con la destinazione più opportuna degli stessi fondi ai servizi sociali ed alla difesa dei diritti dei più deboli, legata alla frase precedente, infatti è priva di fondamento e  non   rispetta la verità obiettiva dei fatti andando a ledere l’immagine   personale e professionale, l’onore e la reputazione della mia Cliente“.

Precisazioni e rettifiche, quelle del segretario comunale che secondo Manciuria appaiono come “una volontà di giustificare esclusivamente sotto il profilo della legittimità l’incremento del 50% dello stipendio per funzioni aggiuntive del segretario comunale”.

“Appare evidente la volontà di giustificare esclusivamente sotto il profilo della legittimità l’incremento del 50% dello stipendio per funzioni aggiuntive del segretario comunale. – Ha immediatamente replicato Sergio Manciuria – Vero è il contrario. – prosegue il Presidente di AnguillaraSvolta – La Corte costituzionale con la recente 23 del 2019 conferma la validità giurisdizionale dell’ art. 97 comma 1 , 2 e 3 del TUEL laddove si precisa che le mansioni del Segretario avvengono nella logica dello spoil system in quanto figura fiduciaria del Sindaco eletto e che la medesima decade dalle funzioni, al suo rinnovo, dimissione o sfiducia, appare evidente che l’applicazione delle funzioni aggiuntive sia facoltà di un Amministratore pubblico previo utilizzo e verifica delle risorse pubbliche”.

In pratica, una volta che il sindaco assegna le funzioni aggiuntive al segretario comunale può assegnare l’ulteriore retribuzione per queste funzioni aggiuntive da un minimo del 10% ad un massimo del 50% e nel caso specifico l’incremento è stato del 50%.

Manciuria definisce quindi come antitetico quanto riportato nella rettifica del segretario comunale per tramite del legale avv. Alessandra Petti in quanto non viene specificato come questa forbice di percentuale – 10%-50% – vada “necessariamente valutata in base a condizioni oggettive e soggettive ben definite e insindacabili che purtroppo sict et simpliciter anche nel recente decreto commissariale non sono state prodotte violando quel concetto di massima trasparenza anche in relazione all’incarico di garante Anac”.

Il Presidente di AnguillaraSvolta ha quindi ribadito il concetto che la polemica politica era rivolta all’amministrazione “fu Anselmo” per aspetti che incidono la vita dei cittadini in attesa da mesi per la mancata nomina del paesista e soprattutto per il rilascio delle istruttorie dell’ufficio condono garanzia finanziaria dell’appalto dei containers di Via Duca degli Abruzzi, sottolineando come le precisazioni del segretario comunale siano “volutamente emarginate e conseguentemente infondate rispetto al tenore del precedente articolo”.

Il Presidente di AnguillaraSvolta ha quindi inviato a questo giornale per mezzo del proprio legale l’avv. Mario Lepidi una controreplica alle affermazioni fatte del segretario comunale pubblicate su questo quotidiano ai sensi dell’articolo 8 della Legge 47/1948.

Di seguito la nota del Presidente Sergio Manciuria per il tramite dell’avvocato Mario Lepidi

“Preg.mo Direttore,

            con riferimento all’articolo in oggetto ed alla richiesta di rettifica del 25 febbraio u.s. a firma congiunta dell’avv. Alessandra Petti e della dott.ssa Alessandra Giovinazzo, formo la presente in nome e per conto del Presidente di Anguillara Svolta sig. Sergio Manciuria per rappresentare delle doverose precisazioni.

            Nello specifico, nessun riferimento all’interno dell’articolo predetto si palesa come lesivo della persona e/o della professionalità del Segretario Comunale.

Infatti, ad un’attenta lettura del pezzo, è evidente come il mio assistito abbia voluto semplicemente “fotografare” la reale situazione del Comune sabatino elencando delle criticità organizzative che, tenuto conto dell’importanza degli uffici interessati dalle stesse, sono gravi tanto da risultare paralizzata la macchina amministrativa proprio in quei settori.

Sul punto, il sig. Manciuria riteneva opinabile l’aumento – sino alla soglia massima – del trattamento stipendiale del Segretario Comunale in costanza di una mancata risoluzione delle dette criticità all’interno dell’Ente.

Proprio in merito al predetto incremento retributivo, preme in tale sede evidenziare che il valore applicato dall’ex Sindaco rappresenta quello massimo previsto dall’art. 1 Contratto Collettivo Decentrato Integrativo del 22 dicembre 2003 (forbice di incremento dal 10% al 50%).

Parimenti, è previsto che l’importo della maggiorazione debba tener conto della rilevanza dell’ente e delle funzioni aggiuntive affidate al Segretario; al contempo, proprio tali incarichi dovrebbero essere assegnati dopo aver accertato l’inesistenza delle necessarie professionalità all’interno dell’Ente.

Ebbene, sia nel decreto sindacale di attribuzione di funzioni aggiuntive, sia in quello prefettizio da ultimo adottato, tutte queste circostanze sembrerebbero non essere state considerate, non essendo presente alcun riferimento alla doverosa istruttoria sul punto.

Pertanto, alla luce di quanto appena detto, va sicuramente rispettata l’opinione di un cittadino che vive e sopporta quotidianamente le inefficienze della propria Amministrazione comunale la quale, pur senza risolverle, decide di attribuire l’aumento massimo previsto al Segretario Comunale senza esplicitare le opportune ragioni nella parte motiva del provvedimento che lo riguarda.

Quindi, lungi dall’essere una critica alla professionalità della dott.ssa Giovinazzo e ribadendo il concetto che la polemica – squisitamente politica – era  rivolta alla precedente amministrazione circa delle inefficienze che si riverberano negativamente da tempo sulla collettività sabatina, si sottolinea come le precisazioni pubblicate il 25 febbraio u.s. siano inconferenti rispetto al tenore dell’articolo de quo.

Pertanto, ai sensi dell’art. 42 L. n. 416/1981, nell’interesse del sig. Sergio Manciuria si richiede che la presente dichiarazione venga inserita, entro due giorni dalla richiesta, in testa di pagina e/o collocata nella stessa posizione conferendo analogo risalto a quello della precedente rettifica.

            Con espressa riserva di valutare autonoma azione giudiziaria per tutelare compiutamente l’onorabilità e la professionalità del mio assistito.

Distinti saluti.                     

(avv. Mario Lepidi)”

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, retribuzione segretario comunale: pubblicazione ex art. 8 Legge 47/1948

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Di seguito la nota di rettifica ex art. 8 Legge 47/1948 del segretario comunale di Anguillara Sabazia dr.ssa Alessandra Giovinazzo tramite l’Avvocato Alessandra Petti

“Scrivo in nome  e per conto  della Dott.ssa  Alessandra  Giovinazzo  la quale sottoscrive  per ratifica la presente, a seguito della pubblicazione in data 17 gennaio  u.s. sul sito del Vostro quotidiano “Osservatore Italia” di un articolo  dal titolo “Anguillara Sabazia, Manciuria­ Ufficio condono e autorizzazione paesistica torni a funzionare. Ecco  l’En plein dell’inettitudine grillina“.

L’articolo che ha ad oggetto un commento del presidente di AnguillaraSvolta, Sergio Manciuria, sulla amministrazione  del Comune di Anguillara riporta la seguente notizia: “La missione da parte della sindaca Anselmo di lasciare nel caos e degrado la nostra città sembra ad un passo dalla realizzazione conferma il Presidente ma noi ci ribelliamo e diciamo basta a queste politiche di profanazione delle più  elementari  norme  di civiltà e senso civico. Se la priorità della “diversamente amministrazione” è aumentare del. 50% la retribuzione di godimento del segretario comunale piuttosto che destinare queste somme ai servizi sociali vuol dire che non c’è rispetto per i deboli e chi è in difficoltà economica”.

Il passaggio relativo alla pretesa ingiustizia e/ o illegittimità dell’attribuzione economica e la sua connessione con la destinazione più opportuna degli stessi fondi ai servizi sociali ed alla difesa dei diritti dei più deboli, legata alla frase precedente, infatti è priva di fondamento e  non   rispetta la verità obiettiva dei fatti andando a ledere l’immagine   personale e professionale, l’onore e la reputazione della mia Cliente.

Infatti:

1)   Non è vero l’applicazione dell’aumento stipendiale quantificato nel 50% di una voce indennitaria legata all’attribuzione di  funzioni aggiuntive sia effettuata in violazione di norme e senso civico. Infatti tale aumento  è regolato dall’art. 41 del CCNL dei Segretari Comunali del16 maggio 2001 e disciplinata dal Contratto Collettivo Decentrato Integrativo  22.12.2003. Esso pertanto è stato attribuito in applicazione della legge ed è erogato a fronte  dell’attribuzione, da ultimo, delle seguenti ulteriori funzioni:

•   Soggetto con il potere  sostitutivo  di cui all’art. 2, comma 9-bis,  della legge n. 241 l 1990 e ss.mm.ii;

•   Presidente della delegazione trattante  di parte pubblica; coordinatore dei responsabili di area;

•   Presidenza e coordinamento conferenza dei responsabili di area;

•   Responsabilità  dell’istruttoria  delle deliberazioni di carattere organizzativo  generale dell’ente nonché responsabilità dei relativi atti esectttivi delle stesse deliberazioni;

•  Attuazione mobilità interna;

•   Responsabilità dell’istruttoria e dell’attività  esecutiva di altri provvedimenti  amministrativi;

•   Partecipazione  alle  sedute di organi diversi  dal Consiglio  e dalla  Giunta su richiesta del Sindaco o degli Assessori;

•  Assistenza e  collaborazione,  nel contenzioso   dell’ente,  con i legali esterni, su richiesta del Sindaco;

•   Cura  dell’attività regolamentare dell’ente;

2) Non è vero che tale retribuzione a fronte di  funzioni aggiuntive sia facoltativa.  Infatti, come sopra chiarito, l’aumento predetto deriva da uno specifico assetto normativo ed è obbligatorio e pienamente legale.

3) Non è  vero che queste somme si  sarebbero potuto destinare ai  servizi sociali. Infatti  la voce  di  spesa  relativa alle retribuzioni  del  personale  e  quella relativa ai servizi sociali sono separate, autonome ed inconfondibili  voci di bilancio.

Dott.ssa Alessandra Giovinazzo – Avv. Alessandra Petti

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, Lega: Stefoni commissario e De Vito candidato consigliere. Una scelta condivisa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dalla lega massimo impegno per vincere le comunali

“La vicenda della caduta della pessima amministrazione grillina ad Anguillara, dimostra ancora una volta tutta la inadeguatezza ed approssimazione del movimento 5 Stelle. Quattro anni di nulla ed un bilancio dissestato, una città umiliata nelle sue grandi potenzialità: ecco l’eredità lasciata. Adesso è giunto il momento di rimboccarsi le maniche per risollevare Anguillara e, in tale scenario, la Lega vuol svolgere un ruolo di primo piano”. Lo comunica, in una nota, la Provincia Roma Nord della Lega. “A tal proposito – prosegue il comunicato – il partito ha nominato un “commissario” nella figura di Fabio Stefoni, dirigente enti locali di tutta l’area nord della Provincia di Roma. Questa scelta è stata condivisa tra il partito ed il coordinatore locale Daniele De Vito che, in virtù della sua volontà di candidarsi come consigliere, ha ritenuto giusto delegare ad una figura “terza” la composizione della lista e le trattative con gli alleati del centrodestra”. “Un comportamento, quello di De Vito, – conclude la nota – estremamente leale che ha anteposto a tutto il raggiungimento dei migliori risultati per la Lega. Nei prossimi giorni sarà quindi Stefoni il referente che si confronterà con gli alleati del centrodestra e le liste civiche locali per delineare un programma di rilancio turistico, culturale, urbanistico e scolastico di questa bellissima città”.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it