Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, confronto con Commissario prefettizio: ecco le richieste di Sergio Manciuria

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il Commissario ha preannunciato la volontà di passare definitivamente il servizio idrico ad Acea Spa confidando nella pronta manutenzione straordinaria della rete oramai ridotta ad un colabrodo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “E’ stato un confronto aperto, costruttivo e all’insegna del reciproco rispetto nell’interesse esclusivo di traghettare nel migliore dei modi la nostra Città verso le elezioni amministrative autunnali”. Così in una nota il Presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria a margine dell’incontro con il Commissario prefettizio di Anguillara Sabazia.

“Se da una parte il Dott. Caroli si è dimostrato persona seria, affabile e disponibile all’ascolto per costruire insieme a tutte le forze associative e politiche un bilancio di previsione che sappia affrontare le vecchie e nuove emergenze, – prosegue Manciuria – dall’altra ci siamo posti, come di consueto, in maniera costruttiva, professionale e puntuale per consigliare e sottoporre il nostro contributo all’attenzione del Commissario Prefettizio.

Le premesse sono state d’obbligo tanto per sondare le effettive risorse disponibili in bilancio dopo la sentenza Sogeea Spa, quanto per ribadire la nostra consapevolezza – puntualizza il Presidente di AnguillaraSvolta – che in questi pochi mesi di gestione sarebbe irresponsabile pretendere dal Vice Prefetto la risoluzione d’incanto delle macerie amministrative lasciate dalla compagine sfiduciata giallo sbiadito. Inoltre, abbiamo avanzato la richiesta di farsi portavoce per ringraziare tutti i volontari, operai e impiegati che si sono prodigati insieme al comparto sanitario della ASL, per garantire il sostegno e la sicurezza delle famiglie di Anguillara: dai servizi sociali alla Protezione civile, dalla Croce Rossa alle Parrocchie, dalle forze dell’Ordine all’Avis.

L’argomento scuole e la richiesta di danno per i containers

Con il Commissario – spiega Manciuria – abbiamo dapprima affrontato i due argomenti principali, scuole e cimitero, praticamente il cuore del fallimento della Giunta Anselmo ribadendo con determinazione per le prime tre elementi:

  • La verifica approfondita in LC3 di tutti i plessi scolastici;
  • Approfondimento della perizia statica su via verdi per approntare una apertura in sicurezza nel più breve tempo possibile;
  • La restituzione in danno dei famosi containers propinati dall’ex consigliere alla scuola come l’opera pubblica del secolo e invece rivelatasi la più memorabile bufala del millenium sabatino.

Emergenza loculi, ampliamento del cimitero storico e realizzazione forno crematorio

Per quanto concerne il secondo tema relativo all’ampliamento del cimitero storico – ribadisce Manciuria – ci siamo permessi di consigliare di procedere ad una analisi costi-benefici esplorativa per poi concentrare le risorse direttamente sulla realizzazione del nuovo sulla via Santo Stefano, con annesso forno crematorio attuandolo per stralci funzionali ad uso esclusivo dei cittadini di Anguillara.

Stagione turistica e concessioni lacuali

Conoscendo le problematiche della Città non ci siamo limitati ai due punti ma – anticipa il presidente di AnguillaraSvolta – abbiamo argomentato e supportato le varie tematiche chiedendo espressamente di inserire in bilancio risorse concrete, afferenti ad esempio alla stagione turistica oramai alle porte con i concessionari lacuali di Vigna di Valle, Belloni e Martignano;

Lo sport con i lavori della copertura spalti Prato Viale oggetto di finanziamento regionale; assegnazione area con palco per svolgimento attività intrattenimento estive; l’ampliamento proporzionale degli spazi pubblici a costo zero per sopperire ai protocolli COVID-19; la tutela dei diversamente abili; il sostegno alle famiglie in difficoltà e attività commerciali con l’esenzione delle varie imposte comunali anno 2020.

Sorvolando sulle inefficienze dell’Area tecnica in ordine ai condoni, alla nomina del paesaggista e dell’Anguillara Cesano per le quali – sottolinea ancora il presidente – abbiamo richiesto una immediata soluzione con il supporto professionale del precedente Capo Area.

La proposta di costituirsi parte civile nei confronti dei vertici ACEA SpA

Per ultimo ma non meno importante, quello di costituirsi parte civile nei confronti dei vertici ACEA Spa per il recente rinvio a giudizio e di inserire nel nuovo bando del ciclo dei rifiuti un punteggio elevato affinché il nuovo soggetto attuatore inserisca come miglioria nel servizio per i prossimi sei anni, la raccolta gratuita degli sfalci per tutte le utenze.

Le divergenze sul passaggio del servizio idrico ad Acea SpA

Come in tutte le discussioni serie ed operose – ammette Manciuria – non poteva mancare la divergenza, seppur pacata, quando il Commissario ha preannunciato la volontà di passare definitivamente il servizio idrico ad Acea Spa confidando nella pronta manutenzione straordinaria della rete oramai ridotta ad un colabrodo con pesanti ripercussioni sullo stato d’animo dei concittadini. Siamo coscienti delle difficoltà legislative nel mantenere l’acqua bene comune e potersi opporre allo sfruttamento delle risorse idriche con una gestione in house, ma oltre a ribadire la nostra contrarietà abbiamo chiesto eventualmente di confezionare una cessione dove siano chiare le tempistiche di intervento, le penali e il mantenimento delle tariffe per i prossimi anni”.

“Il nostro giudizio sulla conversazione è sicuramente soddisfacente – conclude il presidente di AnguillaraSvolta – ma per confidare nella nostra incondizionata presenza e impegno nell’interesse di Anguillara pretendiamo nei limiti delle norme, una consultazione costante e l’inizio di un percorso amministrativo dove alle parole seguano fatti concreti”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Guidonia Montecelio, cantiere sulla Nomentana: presto l’illuminazione pubblica ma ancora incerti i tempi di fine lavori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Il Comune di Guidonia Montecelio si farà carico dell’allaccio in rete relativo alcuni lampioni presenti sulla via Nomentana installati nel 2017 e ad oggi ancora non funzionanti a causa di un rimpallo di competenze tra Città Metropolitana e amministrazione comunale.

Il primo cittadino Michel Barbet ha confermato che l’amministrazione comunale provvederà a breve a stipulare il contratto con Enel per poi cercare di ridarlo in carico all’Ente sovracomunale.

L’intervista al Sindaco Michel Barbet a Officina Stampa del 21/01/2021

Un tratto di strada, quello della Nomentana, fino ad oggi rimasto al buio nelle ore notturne, dove nel tratto compreso dal raccordo anulare fino a Guidonia Montecelio nelle frazioni di Colleverde e Poggio Fiorito non mancano disagi alla circolazione a causa del perdurare dei lavori finalizzati alla posa di cavi dell’alta tensione da parte della società di distribuzione dell’energia elettrica Areti del Gruppo Acea.

Il video servizio sul “cantiere della discordia”

Il cantiere, aperto lo scorso mese di novembre, sarebbe dovuto durare circa venti giorni ma durante gli scavi sono venuti alla luce dei reperti archeologici che hanno comportato l’intervento della Soprintendenza Archeologica attraverso la presenza costante di un archeologo durante i lavori, la cui attività di supervisione, ha inevitabilmente rallentato i tempi, a causa delle numerose valutazioni che la situazione ha richiesto.

Un cantiere rimasto fermo durante le festività natalizie ripartito lo scorso 11 gennaio e che ad oggi provoca ancora file chilometriche di traffico automobilistico, si sono stimati addirittura 15 chilometri di coda nelle ore di punta.

Disagi dunque negli orari in cui i pendolari si recano e rientrano dal lavoro ma anche per chi deve andare a prendere i figli a scuola o a fare la spesa che subisce tempi di percorrenza di pochi chilometri superiori a un’ora.

Una questione che ha visto scendere in strada molti cittadini per protestare contro il perdurare del cantiere insieme ad alcuni rappresentanti della Lega, tra cui la Consigliera comunale a Guidonia Arianna Cacioni, il Dirigente regionale per la Lega Fabrizio Santori e il Senatore William De Vecchis.

Il confronto tra il Sindaco Michel Barbet, il Dirigente regionale della Lega Fabrizio Santori e la Consigliera comunale della Lega Arianna Cacioni

Mentre non si conoscono ancora i tempi per il fine cantiere dovrebbe quindi a breve essere illuminato questo tratto di strada che rappresenta un potenziale pericolo per gli automobilisti soprattutto nelle ore notturne.

Continua a leggere

Metropoli

Guidonia Montecelio, bonificata l’area della Pista d’Oro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – In questi giorni i curatori fallimentari che gestiscono il terreno della Pista d’Oro hanno provveduto a far pulire e bonificare l’area a loro spese.

“Dopo una serie di incontri anche sul posto tra la nostra Amministrazione ed i gestori dell’area, che ringrazio per la loro disponibilità, – dichiara il Sindaco di Guidonia Montecelio Michel Barbet – si è provveduto in un primo momento a mettere in sicurezza il piazzale allontanando gli occupanti abusivi e successivamente ad installare i New Jersey e provvedere alla pulizia e alla bonifica dai rifiuti che erano stati sversati sul posto. Un lavoro di sinergia che ha portato alla risoluzione di una problematica che affliggeva molti nostri concittadini”

Continua a leggere

Metropoli

Guidonia e Fonte Nuova: traffico in tilt sulla Nomentana a causa del “cantiere della vergogna”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Siamo al fianco dei cittadini di Roma, Guidonia Montecelio e Fonte Nuova che da più di un mese ormai vivono ostaggio di un cantiere che ha paralizzato il traffico sulla consolare nel tratto in gestione alla Città Metropolitana di Roma Capitale, arrivando addirittura alla soppressione delle fermate del trasporto pubblico locale L’intervento di Areti in corso, finalizzato alla posa di cavi dell’alta tensione che sta interessando l’area in prossimità di Colleverde-ParcoAzzurro al km 15 della Nomentana, avrebbe dovuto essere programmato con più cura e tenere conto dei ritrovamenti archeologici già emersi in zona in occasione di precedenti lavori. Quelli che sta mettendo in campo l’ex Provincia di Roma non sono soluzioni, ma palliativi che sfidano la pazienza e l’intelligenza dei residenti, verrebbero impiegate ora due squadre di lavoro quando le attività di cantiere sono state sospese per una lunghissima pausa natalizia e l’istituzione del senso unico di marcia su via Nomentana. Quello che abbiamo chiesto con un’istanza urgente presentata dai consiglieri provinciali Antonio Proietti e Carlo Passacantilli è una rapida risoluzione della situazione, per questo abbiamo anche ufficialmente scritto alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale la quale ha risposto per ora solo in forma interlocutoria, chiedendo un intervento immediato per la messa in sicurezza dei ritrovamenti, la conclusione del cantiere ed il ripristino della normale circolazione.

Lo dichiarano il senatore William De Vecchis, responsabile organizzativo della Lega Lazio, il dirigente della Lega Fabrizio Santori e il capogruppo al consiglio comunale di Guidonia Montecelio, Arianna Cacioni.

Continua a leggere

I più letti