Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, incontro all’ex consorzio e la brutta fine dei beni di prima necessità. De Vito (Lega): “Dimettetevi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Molto dura e di condanna la nota di Daniele De Vito coordinatore Lega Anguillara Sabazia il quale è tornato a parlare dell’incontro promosso dall’amministrazione sul passaggio all’Acea. Incontro che ha destato sgomento e polemiche: “Mi sono permesso -racconta De Vito –  di andare ad assistere all’incontro che questa amministrazione ha gentilmente concesso ai cittadini di Anguillara Sabazia.”

“Sono rimasto basito! – prosegue De Vito – Intanto ringrazio questa squallida amministrazione che dopo tre anni ha avuto il coraggio di incontrare la cittadinanza! Mi sarei aspettato, da un forza politica vicino al popolo, un rapporto più continuo e costante con i cittadini ma in tre anni, di loro, non si è sentito nemmeno l’odore! Al contrario le loro decisioni hanno avuto molta risonanza, dato che in tutto il Lazio ci prendendo per i fondelli! Ma andiamo per gradi! 

Ci dicono che sono contro il consumo del suolo – aggiunge il coordinatore della Lega di Anguillara –  ed approvano tre piani integrati da migliaia di metri cubi! Ci dicono che sono a favore dell’acqua pubblica, e ci vendono all’ACEA!

Dicono che sono vicini ai cittadini, e si presentano solo dopo tre anni di amministrazione davanti ai cittadini! Ma, soprattutto, ci dicono che sono a favore della cittadinanza colpita dal terremoto e delle famiglie anguillarini in difficoltà, e lasciano scadere i prodotti che i cittadini di anguillara si sono tolti dalla bocca per aiutare tali famiglie!

Beni di prima necessità ammucchiati nell’autoparco comunale

Ma come se non bastasse per fare la riunione all’ex consorzio agrario cosa si inventa l’amministrazione? Per far sparire gli scatoloni pieni di prodotti primari per le famiglie in difficoltà, occupa le forze dei dipendenti comunali, e dei nostri soldi, per ammucchiare tutti i beni di primo consumo, ammucchiandoli all’autoparco comunale! Ragazzi ufficialmente abbiamo toccato il fondo! Ma per chi è disincantato ed abituato alle questioni forti si può andare avanti!

Tra condanne e abusi edilizi…

Soprassediamo sulla condanna definitiva del sindaco, dichiarata estinta, proviamo a soprassedere su di un consigliere comunale, che dovrebbe gestire le farraginose manutenzioni del nostro paese, che risulta indagato per violazione di norme edilizie, ma adesso ci giungono voci di una consigliera che viene alle mani con una cittadina picchiandola! Vuol dire che siamo alla frutta!

Signor Sindaco per favore, pensiamo ancora che lei sia in buona fede, ma almeno ci liberi di questi soggetti contrari alla morale pubblica sennò ci spinge a pensare che lei sia connivente!

Dimettetevi!

Indipendentemente da tutto vergognatevi, fatevi un bagno di umiltà e, dimettendovi , lasciateci essere ancora orgogliosi di essere cittadini di questa città, visto che tutto il Lazio ci prende per i fondelli! 

In evidenza

Turismo lento, Bracciano, Trevignano e Formello: la Regione Lazio finanzia i luoghi della cultura

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

Califano (Pd): “Quest’anno, dopo le restrizioni dovute alla pandemia, assume ancora più valore il finanziamento regionale per i luoghi della cultura che abbiamo messo in campo”

BRACCIANO (RM) – “Musei e archivi storici racchiudono la nostra cultura, la nostra storia, le nostre tradizioni. Uno scrigno all’interno del quale riscoprire le nostre origini, ciò che siamo e siamo stati. Ma anche un’importante testimonianza delle bellezze dei nostri territori e un volano per dare finalmente ali a quel turismo lento su cui stiamo puntando per valorizzare i Comuni e i territori della Provincia.” Dichiara la Consigliera regionale Pd Michela Califano.

VIDEO SERVIZIO SUL TURISMO LENTO TRASMESSO A OFFICINA STAMPA

“Ecco perché quest’anno, – prosegue – dopo le restrizioni dovute alla pandemia, assume ancora più valore il finanziamento regionale per i luoghi della cultura che abbiamo messo in campo. Un modo per poter riprendere a vivere questi luoghi, visitare una mostra, partecipare a un’attività didattica, tornare a studiare nelle sale biblioteche e negli archivi storici delle reti regionali. A fronte di questo sono davvero soddisfatta che alcuni dei più bei luoghi dei Comuni di Bracciano, Trevignano Romano e Formello siano rientrati in questo avviso pubblico. In particolare saranno finanziati con 6300 euro a testa l’Archivio Storico Comunale “PaoloGiordano Orsini” di Bracciano e il Museo civico. Con 7mila euro ciascuno l’Archivio Storico Comunale e il museo civico etrusco-romano di Trevignano Romano. Uguale investimento – conclude – per l’Archivio Storico Comunale di Formello e il Museo dell’Agro Veientano. Dopo la grande campagna di vaccinazione ora vogliamo tornare a vivere. “

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, Marco Crocicchi è il nuovo sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Marco Crocicchi è il nuovo sindaco di Bracciano. Una vittoria ottenuta al ballottaggio col sindaco uscente Armando Tondinelli.

Crocicchi passa con 4.188 voti pari al 60,71% rispetto i 2.710 pari al 39,29% di Armando Tondinelli dati calcolati quando manca ancora da scrutinare 1 sezione.

“Cari amici, la cittadinanza ha scelto. – Ha commentato Tondinelli sul proprio profilo Facebook – Ringrazio tutta la Comunità di Bracciano per il sostegno e la vicinanza dimostrati in questi cinque anni. Faccio i miei auguri a Crocicchi e per quello che riguarda la nostra coalizione faremo una attenta e costruttiva opposizione. Grazie a tutti Armando Tondinelli”

“Sarò il sindaco di tutti. – ha commentato il neo eletto sindaco Marco Crocicchi – Adesso è il momento della partecipazione e dell’ascolto”.

Continua a leggere

Metropoli

Tolfa, 42enne ucciso da colpo di fucile: scambiato per preda da altro cacciatore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

TOLFA (RM) – A Tolfa, in provincia di Roma, un uomo è morto ieri pomeriggio durante un’uscita di caccia. La vittima, a  quanto si apprende, è un quarantaduenne ucciso da un colpo di fucile sparato da un ventisettenne, compagno di battuta, che lo avrebbe scambiato per una preda da colpire.

L’Organizzazione internazionale per la protezione animali (Oipa) chiede al Governo e Parlamento di valutare seriamente le conseguenze dell’attività venatoria sulla sicurezza pubblica e di mettere mano alla legislazione in materia per evitare che, a fine stagione venatoria, si continui a fare la conta dei morti: cacciatori e non.

“La caccia causa ogni anno morti e feriti, spesso non cacciatori, colpevoli solo di essere nel posto sbagliato nel momento sbagliato, per esempio facendo una passeggiata in un bosco”, commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. “Quello delle vittime della caccia è un tema ancora poco considerato dalle istituzioni. Eppure, dato il conteggio delle vittime, Governo e Parlamento dovrebbero iniziare a riflettere sul problema di sicurezza pubblica evidenziato da questi incidenti. Quante vittime umane, senza considerare gli animali, dovrà ancora fare l’attività venatoria prima che questa circostanza diventi un allarme sociale? Occorrerebbe un giro di vite legislativo per eliminare alla radice questo grave problema di sicurezza pubblica”.

Continua a leggere

I più letti