Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, incontro con il Commissario prefettizio: condivisione programmatica delle forze di sinistra e centrosinistra

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – A margine dell’incontro voluto dal Commissario prefettizio di Anguillara Sabazia con gli esponenti delle varie forze politiche sono stati affrontati e discussi diversi argomenti che ad oggi rappresentano delle vere e proprie priorità programmatiche per la città.

Priorità che dovranno essere affrontate dall’amministrazione straordinaria e successivamente, con tutta probabilità in autunno, dal nuovo governo che si insedierà.

I rappresentanti del Partito Democratico, Italia Viva, Articolo Uno, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista si sono presentati all’incontro con delle linee condivise su quelle che sono le necessità da affrontare nell’immediato e quelle da “rimandare” alla futura amministrazione ordinaria.

Sull’attuale emergenza cimiteriale, che ha assistito nel periodo di gestione a 5 stelle e successivamente a quella attuale alla requisizione temporanea dei loculi ad alcuni concessionari in attesa di un ampliamento mai avvenuto nonostante i tanti proclami, la linea delle forze di sinistra e centrosinistra è quella di non affrontare la crisi di disponibilità di loculi “pensando ad interventi di tipo stabile e definitivo, – hanno dichiarato in una nota comune i rappresentanti del Partito Democratico, Italia Viva, Articolo Uno, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista – come l’estensione dell’attuale cimitero o anche la realizzazione di una nuova infrastruttura, ancorchè possibili in virtù di decisioni già assunte da precedenti amministrazioni (PRG e delibere). Tali decisioni, – hanno proseguito – di natura permanente, e peraltro realizzabili in tempi non compatibili con l’urgenza attuale, dovranno a nostro avviso far carico alla responsabilità della futura nuova amministrazione”. Il blocco di sinistra e centro sinistra ritiene dunque che il Commissario possa affrontare la situazione contingente con provvedimenti tampone, compatibili con la sua funzione commissariale e con la situazione di emergenza sanitaria, chiedendo altresì al Commissario di “garantire una rapida attuazione di quanto previsto dalle nuove norme emanate dal governo” per quanto concerne l’accesso al cimitero.

Per quanto riguarda la situazione scolastica ad Anguillara Sabazia, la stessa è stata definita, a ragion veduta, “critica” specialmente per la disponibilità delle strutture

Dunque anche da sinistra e centrosinistra la ricetta è quella di una riapertura, anche parziale, della struttura di via Verdi, chiusa durante l’amministrazione grillina e che poi ha visto come alternativa dei containers che sono stati oggetto di contestazione da parte di numerosissimi cittadini. “Al disagio generalizzato a seguito del distanziamento sociale causato dal coronavirus – hanno detto i rappresentanti di sinistra e centrosinistra – si aggiunge la situazione di tutti gli edifici scolastici nel comune, ed in particolare del plesso di via Verdi chiuso con ordinanza del sindaco uscente. Riteniamo che il diritto allo studio e alla formazione sia uno di quelli veramente essenziali, specialmente per bambini e ragazzi che costruiscono in maniera determinante la loro personalità e le basi del loro bagaglio culturale proprio nel periodo infantile ed adolescenziale. Tale diritto – hanno proseguito – va garantito a tutti, ma sappiamo che già nelle fasi che abbiamo vissuto ciò non è avvenuto: abbiamo dovuto registrare discriminazioni fra famiglie con maggiori o minori disponibilità economiche, di accesso alla rete, di disponibilità di uno o più computer, di capacità/possibilità di seguire i propri figli nelle lezioni a distanza. Insomma, per queste ragioni è indispensabile garantire al massimo le lezioni “in aula”, in un periodo di doppia crisi di disponibilità di spazi: per la necessità di mantenere distanze adeguate (minor numero di bambini e ragazzi in aula, quindi necessità di un maggior numero di spazi idonei), e per la attuale inagibilità del plesso di via Verdi”.

I rappresentanti di sinistra e centrosinistra hanno dunque chiesto al Commissario prefettizio di valutare:

  • una nuova perizia da parte di un ingegnere strutturista, possibilmente dipendente di altra amministrazione pubblica, che consenta la riapertura – anche parziale – della struttura di Via Verdi, previ lavori di messa in sicurezza;
  • di richiedere alla Regione Lazio un finanziamento straordinario, per i nostri attuali plessi e per far fronte ad altre spese (esempio affitto di altre strutture in muratura);
  • di attivare gli Uffici Comunali affinchè provvedano a partecipare ai bandi per richiedere contributi e finanziamenti ai Ministeri ed a tutti gli altri Enti preposti;
  • l’ipotesi di utilizzare altri edifici in muratura, come ad esempio alberghi o strutture comunali (ad esempio ex consorzio agrario) in luogo dei container.
  • decidere in tempi strettissimi che fare sui container, in considerazione della loro disfunzionalità e delle caratteristiche di inidoneità più volte denunciate, ed anche degli elevatissimi costi (peraltro, su tale vicenda sono possibili interventi da parte della magistratura contabile);

I rappresentanti di sinistra e centrosinistra hanno inoltre ritenuto come indispensabile affrontare altre criticità come il turismo chiedendo al Commissario quali provvedimenti intenda emettere in merito a tutte le attività turistiche, ricettive e di ristorazione e in particolare:

  • gestione degli spazi pubblici, compresi i parcheggi;
  • utilizzo di spazi pubblici da parte di esercizi di ristorazione, bar, ecc..: riteniamo sia necessario dare maggiori concessioni sulle aree pubbliche alle attività di ristorazione e bar che consenta loro di riprendere la normale attività; chiediamo anche di non dare luogo all’esazione della TOSAP e della ICP.
  • gestione degli accessi alla zona del lago di Martignano;
  • concessioni degli arenili;

E’ stato segnalato anche il “Piano Straordinario per l’Occupazione del Suolo Pubblico”

Un piano ritenuto dai rappresentati di sinistra e centrosinistra come da attuare. Un piano redatto per conto dell’associazione “ASCS – Anguillara Sabazia Città Sostenibile” dagli architetti Matteo Brancaleoni, Ruzbeh Ghofranian, Stefano Mondati. “Chiediamo al Commissario – hanno dichiarato i rappresentanti politici del Partito Democratico, Italia Viva, Articolo Uno, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista – di dare corso a tale piano, che di fatto è un estratto del Progetto Preliminare di Mobilità Dolce denominato “ASCS Anguillara Sabazia Città Sostenibile”, già recepito dal Comune di Anguillara Sabazia: esso prevede l’individuazione ed il recupero di spazi pubblici da destinare alle attività ristorative della zona più centrale di Anguillara, attraverso l’introduzione di locali modifiche alla viabilità che verrebbero realizzate con segni a terra (costo 0). Il Piano – hanno proseguito – è da intendersi come una misura di sostegno straordinaria – perché limitata a questa stagione, caratterizzata dalla convivenza con il virus Covid19 – che permetterebbe ai ristoratori di Anguillara di disporre di maggiore spazio pubblico da destinare ai tavoli per il consumo all’aperto, appena questo sarà consentito. Si tratta di un’agevolazione pubblica a questa categoria già così gravemente colpita dalla quarantena forzata e che, dovendo aumentare le distanze tra i tavoli, senza tale sostegno si troverebbe ulteriormente penalizzata.

Dalla sinistra e dal centrosinistra di Anguillara Sabazia condivisione programmatica anche per quanto riguarda soggiorni estivi, Servizi ai disabili gravi e Gestione dei rifiuti

Soggiorni estivi

“Stante la necessità di garantire tale servizio, sia per il bene dei ragazzi e sia per garantire ai genitori la possibilità di svolgere le loro attività lavorative, chiediamo quali azioni si pensa di attuare, auspicando il possibile utilizzo delle aree pubbliche aperte per l’accoglienza dei bambini”

Servizi ai disabili gravi

“Riteniamo indispensabile, specialmente nell’attuale periodo di crisi, ampliare i servizi da erogare ai disabili gravi; in particolare chiediamo un più ampio utilizzo della cittadella socio sanitaria: naturalmente sarà indispensabile garantire le condizioni di sicurezza per gli utenti ed per gli operatori tramite protocolli sanitari e controlli medici (ad esempio: tamponi)”.

Gestione dei rifiuti

“Senza entrare nel merito di decisioni più generali sulla gestione di questo importante servizio, chiediamo l’apertura dell’isola ecologica per tutte le tipologie di rifiuti (e non solo per conferire gli sfalci, come annunciato a partire dall’11 maggio p.v.): trattasi di un’azione indispensabile, in quanto l’isola ecologica è un anello fondamentale per garantire al meglio la raccolta differenziata di qualità, e quindi più elevati livelli di riciclo, secondo la ormai unanimemente condivisa logica della “economia circolare”. Ribadiamo, poi, la necessità di riattivare la raccolta porta a porta per gli sfalci, (ad esempio, servizio a chiamata). Chiediamo, inoltre, di ripristinare il servizio di raccolta settimanale tramite scarrabile per sfalci ed ingombranti nelle frazioni periferiche di Ponton dell’Elce, Colle Sabazio ed Albucceto, tutte zone poste a molti chilometri dell’Isola Ecologica Comunale.

Infine i rappresentati dei partiti di sinistra e centrosinistra hanno chiesto al Commissario prefettizio informazioni di tipo generale su alcuni punti di particolare interesse per la popolazione e “utili a ristabilire un buon rapporto amministrazione/cittadini, rapporto fortissimamente incrinato dalla precedente amministrazione che ha progressivamente annullato ogni forma di trasparenza e spazi di dialogo. In particolare:

  • servizi erogati alla popolazione come buoni pasto/pacchi alimentari ed erogazione del bonus affitti e relativi criteri adottati;
  • criteri che verranno seguiti per l’applicazione della nuova IMU e come si intende intervenire in caso di difficoltà nei pagamenti da parte dei cittadini;
  • pista/e ciclabili;
  • passaggio a livello;
  • gestione dell’acqua e cessione del SII ad ACEA ATO 2;
  • possibilità di interventi manutentivi su strade;
  • situazione attuale dello stato economico e di bilancio dell’Ente.

Un incontro durante il quale è stata data la piena disponibilità al dialogo, e nel fornire ogni tipo di supporto e sostegno eventualmente individuato. “Consapevoli – hanno concluso – delle grandi difficoltà nella gestione di questa particolarmente drammatica crisi, e con l’unico intento di dare un contributo per il bene della nostra città”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Bracciano, ospedale: paziente ricoverata in medicina trovata positiva al Covid-19 nonostante i tamponi negativi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Sospesi i ricoveri presso il reparto

BRACCIANO (RM) – Oggi presso l’Ospedale di Bracciano si è riscontrata una positività al Covid-19 di una paziente ricoverata nel reparto di medicina che era risultata negativa a ben due tamponi in entrata al reparto.

Sono quindi stati effettuati tutti i controlli con tamponi antigenici e molecolari su tutto il personale e su tutti i pazienti del reparto di medicina.

Gli operatori sanitari sono risultati tutti negativi mentre si sono riscontrate 4 positività tra i ricoverati del reparto di medicina.

Per sicurezza sono stati sospesi i ricoveri presso il reparto e i 4 pazienti sono stati isolati ed è in corso il trasferimento presso le strutture Covid.

Il dipartimento di prevenzione sta già intervenendo per quanto riguarda il conctac tracing.

Continua a leggere

Metropoli

Fiumicino, aeroporto: cocaina occultata tra prodotti di artigianato equadoregno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

I Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, in collaborazione con funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno sequestrato 3 kg di cocaina purissima occultata all’interno di circa 200 casette in legno – prodotti di artigianato equadoregno – giunte assieme a maracas e abbigliamento tradizionale del Paese sudamericano all’area Cargo City dell’aeroporto di Fiumicino.

Le Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino hanno rinvenuto lo stupefacente durante i controlli di routine sulle spedizioni in arrivo, grazie al fiuto dei cani antidroga, che hanno segnalato il carico contenuto nelle casette, al cui interno erano stati ricavati piccoli incavi nei quali erano state poste numerose cannucce in plastica contenenti la cocaina.

Le successive indagini hanno portato all’individuazione degli effettivi destinatari della merce, due cittadini italiani domiciliati nella Capitale, la cui perquisizione ha portato al rinvenimento di 22 kg di marijuana, già confezionata in buste di cellophane e pronta per la vendita al dettaglio.

Nelle adiacenze dell’abitazione di uno degli indagati è stata rinvenuta, inoltre, una piantagione con 48 piante di marijuana, allestita in un’area pubblica abusivamente occupata, con il conseguente sequestro di ulteriori 24 kg di stupefacente.

La droga rinvenuta, qualora fosse stata introdotta sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno di centinaia di migliaia di euro.

I due soggetti sono stati tratti in arresto e posti a disposizione della Procura della Repubblica di Civitavecchia.

Il servizio rientra nel più ampio dispositivo di contrasto ai traffici illeciti messo in campo dalla Guardia di Finanza di Roma.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, viabilità: partiti i lavori per la rotatoria in via Braccianese

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il Sindaco Tondinelli: “Una volta ultimata, risolverà un problema cronico di viabilità perché alleggerirà il traffico in uno degli snodi più congestionati della Città”


BRACCIANO (RM) – Sono iniziati i lavori di realizzazione della rotatoria di collegamento della ex strada statale 493 Braccianese Claudia con via Perugini e via Isonzo, vicino la stazione dei Carabinieri. 

Tra gli interventi, sono previsti  gli adeguamenti dell’illuminazione stradale e del sistema di smaltimento delle acque meteoriche e la sostituzione dei semafori. 

I lavori previsti nel progetto definitivo ammontano complessivamente a 225.010,81 euro . L’impegno complessivo di spesa è di 300mila euro.

“Per realizzare una rotatoria che sia funzionale e garantisca la sicurezza dei pedoni – ha dichiarato il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli – siamo riusciti ad acquisire un’area di terreno  di circa 2 mila 400 metri quadri appartenente al ministero della Difesa della Caserma Montefinale al fine di realizzare con più spazio a disposizione l’opera sulla via Braccianese, attesa da anni. Siamo riusciti a snellire le procedure burocratiche e a far partire i lavori. La rotatoria, una volta ultimata, risolverà un problema cronico di viabilità perché alleggerirà il traffico in uno degli snodi più congestionati della Città. Voglio rinnovare il ringraziamento al Generale Fabio Giambartolomei Comandante del Comando Artiglieria, lo Stato Maggiore dell’Esercito, il ministero della Difesa e il Demanio perché facendo sinergia, insieme, hanno mostrato ancora una volta vicinanza alla nostra comunità”. 

Continua a leggere

I più letti