Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, Lega su assegnazione fondi agricoli: “Ancora in attesa della graduatoria finale. Di chi è la colpa del ritardo?”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Stavolta la Lega affronta il tema delle assegnazioni dei fondi agricoli ad Anguillara Sabazia. In una nota Daniele De Vito coordinatore della Lega ad Anguillara Sabazia fa il punto: “Sono diversi mesi che seguiamo l’evolversi dell’iter procedurale volto all’assegnazione dei fondi agricoli appartenenti al demanio collettivo in favore degli agricoltori del Paese.

In questi due anni di amministrazione, targata Anselmo, abbiamo assistito ad una serie di peripezie imbarazzanti, ma la colpa sarà sicuramente di qualcun altro – prosegue De Vito –  a partire dal primo bando pubblicato nel lontano 28.02.2017 cui solo dopo due mesi si è arrivati all’assegnazione per un solo anno.

Successivamente nell’agosto del 2017 venne effettuato il nuovo bando per il settennio 2017 – 2024, con sca12 settembre delle domande e con sorteggio previsto per il 16 ottobre del 2017.

In tale data essendo meno gli agricoltori partecipanti rispetto ai lotti a bando, ed dopo aver assegnato loro le rispettive quote, la commissione decise di provvedere ad un nuovo sorteggio, per poi annullarlo di corsa in autotutela poiché illegittimo e non previsto dal bando stesso, sebbene alcuni agricoltori affidatari avessero già iniziato a lavorare tali terreni.

Di fatto sono rimasti fuori, e quindi non affidati ben 120 ettari appartenenti al demanio, circa 60 quote, con una perdita di introito da parte del comune di circa 20 mila euro l’anno.

Gli agricoltori comunque per diversi mesi hanno sollecitato l’amministrazione affinché si facesse un nuovo bando e, dopo un silenzio dell’amministrazione durato mesi, Solo in data 21 maggio 2018 veniva pubblicato un bando interlocutorio ove veniva conferita una “concessione temporanea terreni agricoli appartenenti al demanio collettivo comunale destinati esclusivamente per lo sfalcio stagionale di prato naturale”.

Contemporaneamente e finalmente in data 10.05.2018 veniva pubblicato il bando per i restanti lotti, ancora in corso, e con scadenza 11 giugno 2018, unico problema è che nonostante ancora siano state assegnate le quote, infatti il bando prevede che ” Il Contratto di assegnazione in concessione avrà durata di anni 6 (sei) a decorrere dal 02 Luglio 2018 fino al 30 Ottobre 2024…” ma ad oggi 19 Luglio 2018 ancora si è in attesa della graduatoria finale che ricordiamo dovrà rimanere pubblicata per ulteriori 30 giorni, per arrivare all’aggiudicazione definitiva.

Senza contare che i terreni non assegnati non risultano lavorati e pertanto non sono stati effettuati né il taglio né i nostri, di fatto di competenza del comune, cosa che potrebbe portare, stante il caldo torrido di questi giorni, ad un effettivo ed imminente pericolo di incendi, e contestualeimpossibilitàdi essere assegnati e lavorati in futuro.

Troppo spesso si parla di urbanistica – conclude il coordinatore locale della Lega – ma la realtà è una che Anguillara nasce come una cittadina dedita al turismo, del quale parleremo nei prossimi comunicati stante la sua assenza, e sull’agricoltura troppo spesso dimenticata ma che rappresenta il fulcro commerciale della cittadina

Il lavoro di coltivatore diretto è durissimo e riteniamo che sia compito del comune aiutare , Soli con procedure snelle tempestive, gli operatori di questa categoria, ma può paragonarsi ad una Via Crucis infinita….ed il comune continua a perdere incassi dalle mancate concessioni dei terreni e gli agricoltori continuano a perdere guadagni ed agevolazioni per tale ritardo.

Vediamo questa volta su chi verrà scaricata la responsabilità!”

Commenti

Metropoli

Anguillara Sabazia, Lega: Stefoni commissario e De Vito candidato consigliere. Una scelta condivisa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dalla lega massimo impegno per vincere le comunali

“La vicenda della caduta della pessima amministrazione grillina ad Anguillara, dimostra ancora una volta tutta la inadeguatezza ed approssimazione del movimento 5 Stelle. Quattro anni di nulla ed un bilancio dissestato, una città umiliata nelle sue grandi potenzialità: ecco l’eredità lasciata. Adesso è giunto il momento di rimboccarsi le maniche per risollevare Anguillara e, in tale scenario, la Lega vuol svolgere un ruolo di primo piano”. Lo comunica, in una nota, la Provincia Roma Nord della Lega. “A tal proposito – prosegue il comunicato – il partito ha nominato un “commissario” nella figura di Fabio Stefoni, dirigente enti locali di tutta l’area nord della Provincia di Roma. Questa scelta è stata condivisa tra il partito ed il coordinatore locale Daniele De Vito che, in virtù della sua volontà di candidarsi come consigliere, ha ritenuto giusto delegare ad una figura “terza” la composizione della lista e le trattative con gli alleati del centrodestra”. “Un comportamento, quello di De Vito, – conclude la nota – estremamente leale che ha anteposto a tutto il raggiungimento dei migliori risultati per la Lega. Nei prossimi giorni sarà quindi Stefoni il referente che si confronterà con gli alleati del centrodestra e le liste civiche locali per delineare un programma di rilancio turistico, culturale, urbanistico e scolastico di questa bellissima città”.

Continua a leggere

In evidenza

Anguillara Sabazia, Stronati: “La città necessita di un cambiamento. Questo non avviene da solo, tanto meno sui social network”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Enrico Stronati

A luglio dello scorso anno ho deciso di allontanarmi dai social network, stanco di leggere (troppe) inutili polemiche, annoiato dalle bufale, dai qualunquismi e dai post sciocchi scritti ad arte per mietere i like delle menti scialbe.

Ma é indubbio che essi siano strumenti potenti e diffusi, tant’è che ormai a loro é affidato il compito di disseminare informazioni, allarmi, sondaggi.

Obtorto collo, quindi, con essi ci si deve confrontare se si vuole diffondere la propria idea, la propria azienda, le proprie opinioni.

Vengono sovente chiamati “piazze virtuali” (Facebook in particolare).

E proprio nelle piazze, quelle fatte di mattoni, qualche anno fa, era possibile osservare gruppi di persone che confabulavano in vista delle elezioni.

Anche in quelle “virtuali” si assiste a discussioni, proposte, suggerimenti in vista delle prossime (imminenti?) elezioni.

Ma su queste piazze, poi, si raggiunge un accordo?

Si concretizzano le parole?

Si arriva a un compromesso?

Sfogliando le pagine dove si parla di Anguillara é un susseguirsi di proclami, di proposte, di consigli, di strategie. Esiste un vero e proprio “mondo parallelo” con precisi ruoli, cariche, disposizioni, condanne.

Ma c’è speranza che tutto il fervore e la passione con cui vengono discussi i temi caldi del paese, possano convergere in una proposta concreta?

C’è la possibilità di trasformare quel senso di attaccamento al paese “puro e vergine” in una offerta elettorale che possa chiudere con gli schemi stantii del passato che stanno affiorando giorno per giorno?

C’è qualcuno che voglia proporsi per dare un senso alla nostra piazza virtuale?

Perché sedersi davanti ad un monitor e una tastiera per comporre una formula verbale appassionata con cui dire la cosa giusta, é molto bello e macina “Mi piace” a raffica.

Ma a nulla serve. Anzi!

Se nessuno si assume la responsabilità di portare il buono della piazza virtuale nel mondo reale per amministrare applicando quanto professato e applaudito, direi che é persino deleterio. Perché instilla il dubbio che tutto il resto sia sbagliato (la pratica è meno affascinante della teoria perché non ha come alleato la fantasia).

Dunque, chi va oltre i “like”?

Chi va oltre il “sarebbe bello”?

Chi dimostra di non fare semplicemente teoria?

Chi esce dal digitale e si sporca le mani nel mondo reale?

Anguillara necessita di un cambiamento, questo non avviene da solo, tanto meno sui social network.

Continua a leggere

Metropoli

Tivoli, arrestato medico per violenza sessuali su pazienti maschi sedati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TIVOLI (RM) – Numerosi episodi di violenza sessuale su pazienti maschi. Con queste accuse gli agenti di polizia di Tivoli, al termine di un’indagine condotta dalla locale procura, hanno sottoposto agli arresti domiciliari un medico dell’Ospedale della cittadina alle porte di Roma.

La misura è stata disposta dal gip Aldo Morgigni, che ha ritenuto “sussistenti i gravi indizi di colpevolezza”. Le violenze consistevano in toccamenti di parti intime nei confronti di pazienti maschi sottoposti a sedazione parziale durante esami specialistici.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it