Connect with us

Metropoli

Anguillara, scoppia l’emergenza tombe: la giunta Anselmo requisisce i loculi cimiteriali ai privati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Si prendono le tombe ai privati per cercare di sopperire a quella che è ormai una vera e propria emergenza loculi cimiteriali ad Anguillara Sabazia. La decisione di requisire i posti già assegnati ai privati, almeno “temporaneamente” – così è scritto nella delibera shock di giovedì 22 febbraio – per fare fronte alle nuove sepolture in quanto il Cimitero comunale ha esaurito tutti i posti. Sull’atto comunale si legge: “In via preliminare verranno requisiti, temporaneamente, un loculo a tutti gli utenti che ne hanno in concessione più di uno” e “in via secondaria successivamente si procederà alla requisizione temporanea in base alla data di nascita”. Infine si fa menzione che “appena ultimata la costruzione dei nuovi loculi si procederà alle relative
restituzioni dei loculi requisiti ai legittimi assegnatari”.

Una situazione, quella di oggi, definita dagli amministratori come “eccezionale ed urgente che determina l’assoluta ed improrogabile necessità di intervenire, al fine di garantire un adeguato livello di tutela della salute pubblica e dell’ambiente nell’ambito del cimitero comunale”.

Eppure la Giunta Anselmo aveva approvato il progetto di ampliamento cimiteriale nel 2017

Per l’ampliamento del Cimitero, con annesso parcheggio – realizzazione su due piani di 768 nuovi loculi con l’adiacente sistemazione dell’area parcheggio per 75 posti auto per un costo complessivo di 1.431.000,00 euro – ad Agosto del 2017 e col nuovo anno, da quella che già appariva come una situazione di emergenza nel 2017, era stato dato avvio all’indagine geologica per la fattibilità del progetto.

Anguillara, emergenza cimitero: al via l'iter per l'ampliamento

Non appare del tutto ovvio, dunque, che oggi si parli di “situazione eccezionale ed urgente”

E in molti si chiedono se da parte del Comune sia stato sottovaluto il problema. Un punto che resta molto vago quello della delibera comunale che riguarda le restituzioni ai privati delle tombe che verranno requisite non appena saranno disponibili i nuovi loculi. Quando i privati hanno acquistato i posti cimiteriali hanno contrattualizzato un periodo di 30 anni con possibilità di rinnovo alla scadenza.

Le domande:

Cosa intende fare l’amministrazione comunale di Anguillara? Allungare la durata dei contratti esistenti proporzionalmente con i tempi d’occupazione forzata? Quali garanzie ai proprietari, nel triste caso ne servisse l’uso? Cosa succederà allo sfortunato defunto che in quel momento si troverà ad occupare la proprietà dell’altrui defunto? Una delibera che ha tutta l’aria di essere stata fatta in fretta e furia e che lascia tanti quesiti irrisolti. Di errori se ne possono fare tanti e nessuno ne è immune, ma la decisione presa dagli amministratori del Comune di Anguillara ha tutto l’aspetto di quello che viene comunemente definito come un errore grossolano.

delibera requisizione loculi cimiteriali

Metropoli

Bracciano, Vigili del Fuoco: ripristinato l’impianto semaforico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Grande soddisfazione espressa dai Vigili del Fuoco di Bracciano per il ripristino della funzionalità e l’adeguamento normativo dell’impianto semaforico presso la locale caserma.  

Il Capo Reparto Esperto Pasquale Stringini, aveva personalmente richiesto all’amministrazione comunale il ripristino dei semafori a causa di una situazione di disagio e mancanza di sicurezza che si era venuta a creare con difficoltà di uscita per i mezzi di soccorso che ogni volta dovevano effettuare manovre con personale costretto a fermare il traffico: “Ringrazio il Sindaco Armando Tondinelli – dice Stringini –  insieme all’Amministrazione per aver compreso l’importanza di tale opera e per l’impegno profuso nel raggiungimento di questo obiettivo”. 

Il corretto funzionamento dell’impianto, infatti, è garanzia sia di sicurezza per i cittadini e gli automobilisti che di rapido intervento in totale sicurezza da parte dei Vigili del Fuoco.

E l’Amministrazione ha rivolto un messaggio di gratitudine per i Vigili del Fuoco: “Non ci stancheremo mai di ringraziare il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco – ha detto il Sindaco Armando Tondinelli – per il servizio che costantemente viene svolto a favore della comunità di Bracciano”.

Continua a leggere

Metropoli

Cesano, apre un nuovo poliambulatorio pubblico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CESANO (RM) – “Un nuovo poliambulatorio pubblico per Cesano di Roma al servizio di tutto il comprensorio: si è conclusa poco fa una proficua riunione, richiesta dal presidente del comitato di quartiere di Cesano Paolo Pasqualini, dal sottoscritto e dalla consigliera municipale Agnese Rollo, alla presenza dell’assessore regionale Alessio D’Amato e dei vertici della Asl Roma 1, guidati dal D.g. dott. Angelo Tanese” lo ha scritto su Facebook il Consigliere Regionale PD, Emiliano Minnucci. “Si è assunta la decisione di avviare la realizzazione di una nuova e grande struttura sanitaria della Asl Roma 1 a Cesano: un poliambulatorio pubblico moderno ed in grado di soddisfare una molteplicità di esigenze per l’utenza di tutto il comprensorio. Essendo già stata acquisita una disponibilità di massima del comandante della Scuola di Fanteria, si è individuata la nuova sede in un locale dismesso della caserma su via della stazione di Cesano. Un immobile di 600 mq con dirimpetto una vasta area a parcheggio. Già a fine luglio il primo passo con l’appostamento dei fondi necessari” ha concluso Minnucci.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, il centro storico diventa isola pedonale. Il Sindaco Tondinelli: “Da sempre nei programmi elettorali della vecchia politica che non ha mai mantenuto ciò che ha promesso”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Il centro storico di Bracciano sarà una grande isola pedonale che permetterà ai visitatori e residenti di godere delle bellezze del borgo senza fare lo slalom tra le auto. La chiusura sarà in vigore nei prossimi giorni e verrà comunicata dal sindaco con apposita ordinanza. Ci sarà una fase iniziale di sperimentazione.

Tutti coloro che hanno appartamenti, cantine, terreni e garage in centro potranno richiedere il permesso permanente per accedere alle loro proprietà ma limitatamente alle operazioni di carico e scarico in orari ben precisi: dalle 6 alle 10 del mattino e dalle 15 alle 18.

Al di fuori di questi orari non sarà consentito il transito e la sosta su tutto il centro limitato dai varchi di accesso. Per coloro che avessero urgenza di entrare fuori dagli orari indicati potranno avvertire i vigili o tramite telefono, email o app dedicata. Nel caso d’accesso alla Ztl senza la preventiva autorizzazione dovrà essere dato giustificato motivo nelle successive 48 ore presentando apposita motivazione al comando di polizia locale.

Prima della chiusura i parcheggi non regolamentati erano circa 60 con la regolamentazione si sarebbero attestati a 35 stalli più 12 per i disabili.

Il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli evidenzia alcuni passaggi

“Ho dedicato ai residenti del centro – dice il primo cittadino – circa 60 parcheggi nelle immediate adiacenze e cioè a via della Praterina, piazza della Praterina e via del Fossato mentre i disabili avranno dei parcheggi a loro dedicati all’interno del centro storico. Oltre a questi parcheggi dedicati c’è in aggiunta il parcheggio sul lungolago. Inoltre, sono stati stanziati i soldi per il ripristino del ponte che collegherà il parcheggio Cattaneo con via del Fossato. Dispiace per chi non potrà avere più la vettura sotto la finestra di casa ma pedonalizzando il centro renderemo Bracciano più vivibile, aiuteremo i commercianti a valorizzare le loro attività e i bambini potranno tornare a giocare in sicurezza nel borgo. Insomma non ci saranno più cittadini favoriti rispetto ad altri. Non abbiamo fatto altro che realizzare una promessa fatta ai cittadini di Bracciano. Tra l’altro, la chiusura del centro è da sempre nei programmi elettorali della vecchia politica che non ha mai mantenuto ciò che ha promesso”.

Continua a leggere

I più letti