Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, Manciuria (AnguillaraSvolta): “Divieto di balneazione su via Reginaldo Belloni in spregio della salute pubblica”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “Il primo cittadino Anselmo, passa da un errore all’altro nell’emettere i divieti di balneazione su via Reginaldo Belloni: nel 2017, per favorire i famosi salottini tutt’ora inesistenti, si arrogò il diritto di imporre un divieto naufragato però miseramente al TAR su ricorso dei cittadini, quest’anno, omettendo l’emissione tempestiva (per buona norma entro le successive 24 ore) dell’ordinanza in presenza del superamento dei parametri Ecoli ed Enterococchi fecali nelle acque lacustri di fronte alla Chiesa Madonna delle Grazie il tutto in evidente spregio della tutela della salute pubblica”

Cosi riferisce Sergio Manciuria da Presidente di AnguillaraSvolta successivamente all’acquisizione della documentazione ARPA previo accesso civico ai sensi del Dlgs 33/2013 ed s.m.i. ottenuto nella giornata odierna.

Qual’ è il vulnus in spregio alla tutela della salute pubblica e delle norme di legge?

“L’Ordinanza sindacale n° 93 – spiega il Presidente Manciuria – è stata emessa con ben 15 giorni di ritardo, esponendo nel frattempo, bagnanti e turisti, alle contaminazioni da Ecoli ed Enterococchi Fecali per poi essere revocata il giorno successivo (Ordinanza del vice sindaco dell’8 Agosto n° 95 ). Come più specificatamente si può leggere nelle certificazioni allegate, l’ordinanza del divieto di balneazione lacustre, andava emessa entro la data del 22 Luglio, confermata il giorno 28 Luglio e semmai revocata alla data del 7 Agosto 2018 contestualmente al rientro dei parametri nella norma.”

Infatti dall’esame della documentazione, trasmessa dal Dipartimento Stato dell’Ambiente della Regione Lazio – rileva il referente sabatino – previo il controllo delle acque lacustre a ridosso di Via Belloni per mezzo di campionamenti dell’ARPA LAZIO tanto in data 21 Luglio c.a. quanto il successivo 27 Luglio 2018 (ricevute entrambi nelle medesime date di emissione ma protocollate in regime di automazione del server posta elettrica certificata nelle 48 ore successive) si è rilevato lo sforamento dei parametri ben oltre i limiti previsti dall’allegato A del decreto Ministero Salute del 30 Marzo 2010 attuativo del Dlgs 116 del 2008.

CLICCARE SULL’IMMAGINE PER VISIONARE 

“Eppure – evidenzia Manciuria – la paladina dell’Honestà del Movimento Cinque Stelle Sabatino, – Ancora M5s? Ndr. – a pochi mesi dall’insediamento sullo scranno sindacale e precisamente nell’autunno del 2016, denunciava pubblicamente al TGR LAZIO, il Sindaco uscente Francesco Pizzorno sulla vicenda (ci risulta archiviata) del superamento parametri dell’arsenico che seppur dannoso nel lungo periodo, sicuramente non lo è quanto ingerire batteri nocivi.

Probabilmente la giustificazione a tale imbarazzante “distrazione legislativa e comunicativa” della diversamente amministrazione è da imputarsi alla febbrile attività gestionale agostana inerente la tutela del territorio e la salvaguardia del consumo del suolo ma ciò non sottrae il primo cittadino da responsabilità morali quanto giudiziarie.

Ora aspettiamo coerentemente l’autodenuncia per non aver salvaguardato nei tempi previsti la salute pubblica – conclude Manciuria– ma soprattutto pretendiamo, al netto delle responsabilità penali, maggiore attenzione e tempestività sull’emissione delle ordinanze che riguardano la salute dei cittadini . Questi adempimenti rappresentano per noi i problemi reali della nostra città piuttosto che le fumose quanto improbabili opere pubbliche a carico dei privati per mezzo dei piani integrati.”

 

Metropoli

Manziana, arrestati due 20enni: detenevano mezzo chilo di droga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MANZIANA (RM) – La scorsa notte, due giovani sono stati arrestati dai Carabinieri di Manziana, coadiuvati nell’operazione dai colleghi di Bracciano, poiché trovati in possesso di oltre mezzo chilo di droga – tra cocaina, hashish, marijuana – oltre a bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e una pistola scacciacani priva del tappo rosso.

Insospettiti dal continuo viavai che, da alcuni giorni, ha interessato l’abitazione di uno dei due giovani, entrambi 20enni del posto, i Carabinieri hanno eseguito mirati servizi di appostamento e osservazione all’esterno della villetta sorprendendo i due rientrare a bordo di un’auto in piena notte.

Intuendo che potessero essere appena ritornati da un viaggio di “rifornimento”, i Carabinieri hanno deciso di procedere al controllo, rinvenendo inizialmente 20 g di cocaina e 15 g tra hashish e marijuana.

A quel punto, i Carabinieri hanno esteso la perquisizione alle rispettive abitazioni dei fermati, rinvenendo altro stupefacente, 33 g di hashish, 543 g di marijuana e 17 g di cocaina. Sequestrati anche materiale per il peso e il confezionamento della droga e una pistola scacciacani priva del tappo rosso.

I due arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di udienza di convalida su disposizione della Procura di Civitavecchia.

Continua a leggere

Metropoli

Cerveteri, paura per un incendio sull’Aurelia: in fumo un capannone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Squadre dei vigili del fuoco sono impegnate sulla via Aurelia vicino a Cerveteri (Roma), per l’incendio di un capannone con rivendite di prodotti per la casa e prodotti ittici. Non risultano al momento persone coinvolte.

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, operaio 67enne muore dopo una caduta di 10 metri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FIANO ROMANO (RM) – Muore dopo essere caduto dal tetto di un capannone. E’ successo ieri pomeriggio a Fiano Romano dove un operaio 67enne di Capena stava lavorando alla riparazione del tetto della struttura.

Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che una lastra di plexiglas abbia ceduto sotto al peso dell’uomo staccandosi e lasciandolo cadere nel vuoto.
Il 67enne dopo un volo di circa dieci metri si è schiantato sul suolo.
In corso gli accertamenti da parte dell’Ispettorato del Lavoro della Asl e dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

I più letti