Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, Michele Cardone: “Da Consigliere di Minoranza una nuova sfida”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Riceviamo e pubblichiamo dal Consigliere di Minoranza ad Anguillara Sabazia Michele Cardone

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Alcune esperienze ti segnano e ti fanno crescere più di altre, perché ti obbligano a mettere in gioco tutto quello che hai, superando anche preconcetti e limiti tipici della mente umana che spesso prova a difendersi da ciò che non conosce e dalle emozioni troppo forti. Fare una campagna elettorale è tra questo tipo di esperienze perché fa emergere nel bene e nel male la natura umana, la propria e quella delle persone che ti sono vicine o che ti si oppongono.

Farla da candidato sindaco è qualcosa di veramente unico perché ti obbliga a dover raccogliere tutte le sensazioni, le emozioni, le paure, la voglia di arrivare del gruppo che ti circonda, avendo cura di trattarle con un equilibrio che dia a tutti una sensazione di assoluta fermezza ed integrità, facendo capire a chi ha deciso di seguirti che tu potrai portare il fardello di speranza e voglia di riscatto di una città come Anguillara. Potrebbe sembrare un esercizio pieno di difficoltà, eppure vedo prevalere sempre e solo i lati positivi in ciò che in questi 50 giorni ho vissuto con tutto il gruppo di lavoro che è nato, che si è sviluppato, che è cresciuto e ha creato dei rapporti che sono certo rimarranno nel tempo.

Anguillara ha un nuovo Sindaco che si Chiama Angelo Pizzigallo a cui voglio rinnovare il mio augurio, dopo averlo fatto di persona, affinché svolga il suo ruolo riuscendo a rappresentare l’intera cittadina, dalle aree periferie al centro, da chi lo ha sostenuto a chi magari ha invece ritenuto di affidare il proprio voto ad un’altra compagine. Perché Anguillara ha bisogno di un governo forte, deciso, reattivo, altamente qualificato in linea con il cambio generazionale che questa tornata elettorale ha portato alla luce. Un governo capace di compiere scelte immediate per risolvere le emergenze ma contemporaneamente di “mettere a terrà” semi che germoglieranno nel tempo, portando frutti che oggi magari siamo incapaci di vedere.

Nell’ultima settimana di campagna elettorale abbiamo girato le strade del paese con un furgone cercando di arrivare alle persone, nei luoghi, incontrando grandi e bambini.

A qualcuno dei nostri avversari è sembrato uno sciocco esercizio di propaganda, prontamente sbeffeggiato dai soliti post utili solo a fare clamore, a dare giudizi con messaggi social che raccontano un’incapacità di ragionamento sulle soluzioni dei problemi che assediano il paese.

Eppure percorrere le strade, arrivare all’Area 167, a Ponton dell’Elce, a Barattoli, a Falconeto  per tracciati spesso disagevoli, mi ha e ci ha aiutato a guardare con occhi nuovi, più critici e ed onesti questi luoghi. Ci ha aperto ulteriormente la mente.

Credo che la buona politica, in un territorio come il nostro, possa e debba tornare tra la gente ad ascoltare le necessità, senza promesse inutili, senza pensare di avere le soluzioni a tutto ma ponendo con umiltà un ascolto attento, attivo, capace di intercettare le necessità reali e fattibili di chi in un luogo ha scelto di abitarci e vuole rimanerci con la ferma speranza di un miglioramento tanto semplice quanto effettivo.

L’impegno che cercherò di mettere in campo nel nuovo ruolo che ricoprirò da consigliere di minoranza sarà questo, rimanere tra la gente coltivando i rapporti con tutte le persone che ho scoperto, che mi hanno ascoltato, che sono state disposte a regalarmi un pezzo della loro esperienza di vita e che mi hanno dato enormi insegnamenti.

Lo farò con l’entusiasmo di chi ha sempre voglia di imparare, portando proposte concrete alla maggioranza ma anche vigilando sul lavoro che effettueranno.

Se si ha la visione di un cambiamento si deve essere disposti a dare il proprio contributo anche in un ruolo di minoranza, senza rinunciare a progetti coraggiosi che possano permettere ad Anguillara di fare quello scatto di crescita che merita.

Lo diciamo da anni, questo territorio è pieno di risorse naturali ed umane che se solo fossero messe nella condizione di dialogare in maniera efficace, produrrebbero un effetto volano capace di autoalimentarsi e di generare un reale e profondo cambiamento.

Continuerò e Continueremo a lavorare a questo con tutto il mio gruppo perché da domani si parte per un nuovo viaggio!

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Guidonia Montecelio, cantiere sulla Nomentana: presto l’illuminazione pubblica ma ancora incerti i tempi di fine lavori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Il Comune di Guidonia Montecelio si farà carico dell’allaccio in rete relativo alcuni lampioni presenti sulla via Nomentana installati nel 2017 e ad oggi ancora non funzionanti a causa di un rimpallo di competenze tra Città Metropolitana e amministrazione comunale.

Il primo cittadino Michel Barbet ha confermato che l’amministrazione comunale provvederà a breve a stipulare il contratto con Enel per poi cercare di ridarlo in carico all’Ente sovracomunale.

L’intervista al Sindaco Michel Barbet a Officina Stampa del 21/01/2021

Un tratto di strada, quello della Nomentana, fino ad oggi rimasto al buio nelle ore notturne, dove nel tratto compreso dal raccordo anulare fino a Guidonia Montecelio nelle frazioni di Colleverde e Poggio Fiorito non mancano disagi alla circolazione a causa del perdurare dei lavori finalizzati alla posa di cavi dell’alta tensione da parte della società di distribuzione dell’energia elettrica Areti del Gruppo Acea.

Il video servizio sul “cantiere della discordia”

Il cantiere, aperto lo scorso mese di novembre, sarebbe dovuto durare circa venti giorni ma durante gli scavi sono venuti alla luce dei reperti archeologici che hanno comportato l’intervento della Soprintendenza Archeologica attraverso la presenza costante di un archeologo durante i lavori, la cui attività di supervisione, ha inevitabilmente rallentato i tempi, a causa delle numerose valutazioni che la situazione ha richiesto.

Un cantiere rimasto fermo durante le festività natalizie ripartito lo scorso 11 gennaio e che ad oggi provoca ancora file chilometriche di traffico automobilistico, si sono stimati addirittura 15 chilometri di coda nelle ore di punta.

Disagi dunque negli orari in cui i pendolari si recano e rientrano dal lavoro ma anche per chi deve andare a prendere i figli a scuola o a fare la spesa che subisce tempi di percorrenza di pochi chilometri superiori a un’ora.

Una questione che ha visto scendere in strada molti cittadini per protestare contro il perdurare del cantiere insieme ad alcuni rappresentanti della Lega, tra cui la Consigliera comunale a Guidonia Arianna Cacioni, il Dirigente regionale per la Lega Fabrizio Santori e il Senatore William De Vecchis.

Il confronto tra il Sindaco Michel Barbet, il Dirigente regionale della Lega Fabrizio Santori e la Consigliera comunale della Lega Arianna Cacioni

Mentre non si conoscono ancora i tempi per il fine cantiere dovrebbe quindi a breve essere illuminato questo tratto di strada che rappresenta un potenziale pericolo per gli automobilisti soprattutto nelle ore notturne.

Continua a leggere

Metropoli

Guidonia Montecelio, bonificata l’area della Pista d’Oro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – In questi giorni i curatori fallimentari che gestiscono il terreno della Pista d’Oro hanno provveduto a far pulire e bonificare l’area a loro spese.

“Dopo una serie di incontri anche sul posto tra la nostra Amministrazione ed i gestori dell’area, che ringrazio per la loro disponibilità, – dichiara il Sindaco di Guidonia Montecelio Michel Barbet – si è provveduto in un primo momento a mettere in sicurezza il piazzale allontanando gli occupanti abusivi e successivamente ad installare i New Jersey e provvedere alla pulizia e alla bonifica dai rifiuti che erano stati sversati sul posto. Un lavoro di sinergia che ha portato alla risoluzione di una problematica che affliggeva molti nostri concittadini”

Continua a leggere

Metropoli

Guidonia e Fonte Nuova: traffico in tilt sulla Nomentana a causa del “cantiere della vergogna”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Siamo al fianco dei cittadini di Roma, Guidonia Montecelio e Fonte Nuova che da più di un mese ormai vivono ostaggio di un cantiere che ha paralizzato il traffico sulla consolare nel tratto in gestione alla Città Metropolitana di Roma Capitale, arrivando addirittura alla soppressione delle fermate del trasporto pubblico locale L’intervento di Areti in corso, finalizzato alla posa di cavi dell’alta tensione che sta interessando l’area in prossimità di Colleverde-ParcoAzzurro al km 15 della Nomentana, avrebbe dovuto essere programmato con più cura e tenere conto dei ritrovamenti archeologici già emersi in zona in occasione di precedenti lavori. Quelli che sta mettendo in campo l’ex Provincia di Roma non sono soluzioni, ma palliativi che sfidano la pazienza e l’intelligenza dei residenti, verrebbero impiegate ora due squadre di lavoro quando le attività di cantiere sono state sospese per una lunghissima pausa natalizia e l’istituzione del senso unico di marcia su via Nomentana. Quello che abbiamo chiesto con un’istanza urgente presentata dai consiglieri provinciali Antonio Proietti e Carlo Passacantilli è una rapida risoluzione della situazione, per questo abbiamo anche ufficialmente scritto alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale la quale ha risposto per ora solo in forma interlocutoria, chiedendo un intervento immediato per la messa in sicurezza dei ritrovamenti, la conclusione del cantiere ed il ripristino della normale circolazione.

Lo dichiarano il senatore William De Vecchis, responsabile organizzativo della Lega Lazio, il dirigente della Lega Fabrizio Santori e il capogruppo al consiglio comunale di Guidonia Montecelio, Arianna Cacioni.

Continua a leggere

I più letti