Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia: pesanti accuse del consigliere Antonio Fioroni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il consigliere Antonio Fioroni di recente uscito dalla maggioranza annuncia in un video pubblicato su Facebook di aver denunciato l’amministrazione Anselmo per diffamazione a mezzo stampa per il comunicato in cui veniva chiamato Giuda, viscido, strisciante e traditore per il fatto di aver preso la decisione di passare nelle fila dell’opposizione.

Fioroni ha continuato a denunciare il fatto che il consigliere De Rosa abbia pubblicamente chiesto a Fioroni duemila euro mensili fino a fine mandato per essere uscito dalla maggioranza così come scritto nel Patto etico firmato da tutti i componenti della ex maggioranza pentastellata: “Aspetto un bonifico di 2 mila euro – Fioroni ricorda le parole di De Rosa – entro il 5 agosto. Appena puoi chiamami che ti faccio avere l’iban mensile. Ebbene – prosegue Antonio Fioroni – io voglio sfidarvi: denunciate il fatto che io non vi do 2mila euro al mese e voglio vedere quale giudice mi condannerà per questo. Quindi o andate avanti con la richiesta oppure se continuate con queste minacce sarò costretto a fare un’altra denuncia”.

I punti disattesi del patto etico

Inoltre Fioroni si è soffermato sui punti 2,3 e 4 di un patto etico che secondo lui non ha più alcun valore per il semplice fatto che tutti i punti dello stesso sono stati disattesi dall’amministrazione di Sabrina Anselmo: “Non c’è stata nessuna consultazione pubblica sul consumo dei suoli e i piani integrati, non sono stati organizzati incontri pubblici ogni 6 mesi ma uno solo in due anni dove si faceva presente che c’erano dei problemi di comunicazione all’interno della maggioranza: “Ilpatto etico è diventato carta straccia per i vostri comportamenti – ha aggiunto Fioroni – quindi se volete 2 mila euro al mese da me, fatemelo scrivere da un giudice. E poi mi chiedo – ha proseguito Fioroni – dov’era il patto etico quando c’è stata la condanna della sindaca? Io l’ho difesa e continuo a difenderla perché si è trattato di un fatto personale ma se si vuole difendere la sacralità di questo patto etico in questa maniera allora il mio suggerimento è che dovreste dimettervi tutti quanti seduta stante per i vostri comportamenti”.

L’accusa di Fioroni su incarico diretto da 450mila euro

Infine Fioroni ha fatto presente che è stato dato un incarico diretto per i lavori del bando aree periferiche di 450 mila per Ponton Dell’Elce a Vincenzo Cosentino e Camilla di Carmine. Quest’ultima è la proprietaria dello studio di cui era proprietario l’attuale capo area all’ufficio Tecnico Dottor Egidio Santamaria. Lui stesso ha dato l’incarico al suo ex studio. E allora visto che siete così trasparenti come spiegate alla cittadinanza questo affidamento diretto?”

Guai in vista per i giornali locali che hanno pubblicato il comunicato dell’amministrazione

Guai in vista dunque per le testate locali che hanno pubblicato il comunicato dell’amministrazione Anselmo pieno di offese nei riguardi Fioroni perché hanno contribuito a fare da megafono alla diffamazione con l’aggravante della diffusione a mezzo stampa. Si ricorda che L’Osservatore d’Italia, a differenza di altri, ha deciso di non pubblicare quel comunicato proprio per il tenore dei toni e offese presenti all’interno.

Una comunicazione che risente della mancanza della figura professionale dell’addetto stampa

Questo comunicato è frutto dell’assenza della figura professionale di addetto stampa che è totalmente assente al Comune di Anguillara. Per legge la comunicazione dev’essere infatti affidata ad un giornalista iscritto all’Ordine e non trattata in questa maniera. Ma su questo punto ci eravamo già soffermati in passato.

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Giro di corruzione a Roma e provincia: 3 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stanno dando esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica, che dispone la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di tre persone ritenute responsabili di un giro di corruzione.

L’attività d’indagine è partita dopo la denuncia di un imprenditore al quale era stata prospettata la possibilità di attenuare la sua posizione nell’ambito di un’indagine che lo vedeva coinvolto purché si affidasse ad un professionista indicato per la gestione di un settore amministrativo della sua società.

I reati contestati ai tre arrestati, a vario titolo, sono tentata induzione indebita a dare o promettere utilità; corruzione; rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio nonché tentata violenza privata.

Perquisizioni nei domicili e luoghi di lavoro degli indagati sono tuttora in corso.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Bracciano, chiusura del centro storico: favorevole o no? La parola ai cittadini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – Cittadini di Bracciano chiamati ad esprimere il proprio parere sul futuro del traffico veicolare nel centro storico cittadino.

Dallo scorso 1 novembre è partito infatti un sondaggio, promosso dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Armando Tondinelli, il cui risultato sarà preliminare per la scelta che verrà effettuata dagli amministratori nella stesura del nuovo regolamento.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 14/11/2019

I residenti potranno dunque esprimere la loro scelta direttamente online collegandosi al sito istituzionale del Comune oppure recandosi presso gli uffici comunali dove potranno compilare l’apposita scheda.

E così fino al 30 novembre si potrà scegliere tra: “Favorevole alla chiusura permanente”, “Favorevole alla chiusura parziale stagionale dal 1 aprile al 31 ottobre” oppure “Contrario alla chiusura”.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE LA VIDEO INTERVISTA

Da sinistra: il Vicesindaco Luca Testini e il sindaco Armando Tondinelli

Un’iniziativa, quella degli amministratori locali che nell’era della democrazia partecipata vede la cittadinanza chiamata ad esprimere una preferenza sull’intervento che l’Amministrazione Tondinelli ritiene necessario per poter ovviare a varie problematiche legate alla sicurezza degli edifici e alle esigenze di decoro urbano in un’area di grande interesse monumentale e storico-artistica, nel rispetto delle legittime esigenze dei proprietari e dei residenti del centro storico.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Fratelli d’Italia, Silvestroni da il benvenuto a Giovanni Libanori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Continuano gli ingressi in Fratelli d’Italia della Provincia di Roma: le fila del partito guidato da Giorgia Meloni si arricchiscono, nel gruppo del consiglio Metropolitano di Roma Capitale, con la presenza di Giovanni Libanori, consigliere Comunale di Nemi, proveniente da ‘Noi con l’Italia’. Sono certo che gli ingressi autorevoli non sono finiti e con l’amico Libanori ci sarà una rete di amministratori del territorio nella Provincia di Roma che seguiranno le sue orme. L’esperienza e la competenza sono quelle qualità che in Fratelli d’Italia vengono più apprezzate perché il nostro partito ha la capacità di guardare a nuovi mondi, nuove storie nel centrodestra assolutamente compatibili con la nostra. Certamente sarà un ulteriore supporto in Città Metropolitana, che è evidentemente  mal governata e mal gestita dalla Sindaca Raggi e dai 5 Stelle che con il  loro immobilismo e la loro improvvisazione stanno scrivendo le pagine più tristi di sempre per servizi ai citadini, per manutenzioni stradali e manutenzioni scolastiche nei 120 comuni della Provincia di Roma” lo dichiara in una nota il deputato e Presidente provinciale romano di Fratelli d’Italia Marco Silvestroni. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it