Connect with us

In evidenza

Anguillara Sabazia, piani integrati: ecco le azioni possibili contro la cementificazione selvaggia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Mancata attivazione da parte dell’Amministrazione comunale di Anguillara Sabazia a guida Sabrina Anselmo della procedura per la presentazione delle osservazioni da parte della società civile e della politica in genere prevista dalle norme che regolano il funzionamento e l’attivazione dei Piani Integrati di Intervento. Questo quanto emerge dalla nota congiunta del Gruppo Consiliare di Minoranza, Forza Italia, Partito Democratico, Fratelli d’Italia, Associazione AnguillaraSvolta, Associazione Progetto Comune.

La fuoriuscita dal gruppo di maggioranza del consigliere Antonio Fioroni

Anguillara Sabazia: pesanti accuse del consigliere Antonio Fioroni

Una questione, quella dei piani integrati ad Anguillara Sabazia che ha portato alla fuoriuscita dal gruppo di maggioranza del Consigliere comunale Antonio Fioroni che ha puntato il dito sui punti disattesi del patto etico. “Non c’è stata nessuna consultazione pubblica sul consumo dei suoli e i piani integrati, non sono stati organizzati incontri pubblici ogni 6 mesi ma uno solo in due anni dove si faceva presente che c’erano dei problemi di comunicazione all’interno della maggioranza.”

Problemi di comunicazione interni alla maggioranza Anselmo

Un tema, quello dei problemi di comunicazione interni alla maggioranza Anselmo, che spesso ritorna e che ultimamente ha caratterizzato la questione della convenzione per la gestione associata dei servizi sociali: la vice sindaco Sara Galea in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Anguillara Sabazia aveva approvato sia il regolamento dell’Ufficio di Piano (a marzo 2018) e sia la nuova Convenzione per la gestione associata dei servizi sociali in ambito territoriale del distretto Roma 4.3 (ex F3). (a maggio 2018) per poi trovarsi di fronte ad un dietro front espresso con un comunicato del 29 ottobre dove addirittura si legge che la convenzione stipulata e controfirmata dal rappresentante del Comune – vice sindaco Sara Galea – in sede di Comitato istituzionale è “fuori da ogni logica procedurale”. Un comunicato, quello del Comune di Anguillara che faceva seguito alla lettera inviata dal sindaco di Bracciano lo scorso 24 ottobre con cui diffidava la collega sabatina ad adempiere alla convenzione. E ora la questione verrà discussa mercoledì prossimo in sede di Consiglio comunale dove probabilmente le opposizioni chiederanno spiegazioni riguardo quelle che appaiono come discrepanze interne alla maggioranza, anche nel rispetto dei ruoli, e che ora rischiano di far perdere il 40% dei finanziamenti regionali all’intero distretto Roma 4.3.
“Nel corso delle ultime tre settimane, – scrivono nella nota congiunta del Gruppo Consiliare di Minoranza, Forza Italia, Partito Democratico, Fratelli d’Italia, Associazione AnguillaraSvolta, Associazione Progetto Comune –  gli esponenti delle forze politiche e della società civile locali firmatarie della presente, si sono riuniti per discutere nel merito dei piani integrati recentemente approvati dalla maggioranza (forse) grillina. Le informazioni e i documenti raccolti sono stati, poi, sottoposti al parere di due diversi studi legali specializzati in urbanistica.
Questi hanno fornito indicazioni e suggerimenti sui possibili percorsi che la “società comune” e la “politica” possono compiere al fine di tutelare gli interessi collettivi lesi dall’approvazione di strumenti urbanistici fortemente invasivi, e comunque non corrispondenti alla legge vigente, soprattutto laddove gli stessi sono usati in maniera erronea e senza il rispetto dei principi che ne sostanzierebbero e motiverebbero il loro utilizzo.
Tralasciando la lunghissima sequela dei rilievi tecnico-normativi emersi, che saranno oggetto di successivi atti che renderemo pubblici, vorremmo mettere a conoscenza sin da ora i cittadini di Anguillara delle prime azioni concordate.
Le norme che regolano il funzionamento e l’attivazione dello strumento urbanistico, noto come Piani Integrati di Intervento (PII), prevedono la possibilità di aprire dei termini per la presentazione delle osservazioni da parte della società civile e della politica in genere.
Non risulta, agli scriventi, che tale procedura sia stata rispettata da parte dell’Amministrazione, e per questo si è già provveduto alla richiesta di chiarimenti dalla quale emerge che “si sta provvedendo”.
Dunque, è lecito pensare che questo adempimento non sia stato ancora compiuto e, per questo, riteniamo possibile presentare osservazioni per tutti e tre i piani integrati sinora adottati. Ed invitiamo a farlo tutti coloro che ne abbiano la possibilità o abbiano rilievi da fare.
Nel merito, la minoranza consiliare, i movimenti e le associazioni apartitiche firmatari della presente, presenteranno delle osservazioni che saranno inviate anche agli organi sovracomunali quali Area Metropolitana e Regione Lazio preposti alla verifica e al rispetto delle eccezioni in esse contenute.
Tali osservazioni dovranno poi essere discusse, approvate o respinte con motivazione in sede di Consiglio comunale.
L’azione stragiudiziale sostanzierà e documenterà il mancato rispetto di alcuni requisiti (tecnici, amministrativi e procedurali) obbligatori e chiamerà a responsabilità, anche penale ed erariale in taluni casi, gli esponenti del Consiglio comunale tramite la posizione da questi espressa con il voto.
Tuttavia, pur non potendo ricorrere al tribunale amministrativo per mancanza di “legittimo intreresse” che comporterebbe il rigetto della domanda, i firmatari tutti del presente documento si rendono disponibili a fornire risorse e documenti a quei soggetti che, avendo un reale “legittimo interesse” (quali ad esempio: proprietari di terreni confinanti o vicini all’area oggetto del PII, associazioni ambientaliste di tutela del territorio da tempo operanti in zona), intendono procedere all’azione giudiziale presso il TAR.

Pertanto esortiamo gli aventi diritto a manifestarsi pubblicamente per la condivisione del medesimo obiettivo: “stop alla cementificazione selvaggia, senza se e senza ma.”

OFFICINA STAMPA 25/10/2018 IL CONFRONTO SUI PIANI INTEGRATI DISERTATO DALLA SINDACA SABRINA ANSELMO

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

In evidenza

NEPI (VT) – In manette pregiudicato: sequestra 14enne trascinandolo in macchina e minacciandolo con una sciabola

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEPI (VT) – Un pregiudicato di circa 50 anni, si è scagliato contro un gruppo di ragazzini di 14 anni, a Nepi all’interno di un parcheggio di un supermercato, dove lui era solito lasciare parcheggiati i suoi due motorini, che a suo dire li aveva ritrovati danneggiati dando la colpa proprio ai giovani quattordicenni. A quel punto in un gesto di ira ha sequestrato uno dei giovani e lo ha trascinato in macchina e trasportato in giro per Nepi, minacciandolo costantemente con una sciabola a che lui e i suoi amici trovassero i soldi per riparare i motorini; immediatamente sono scattate le ricerche dei carabinieri della stazione attivati dagli amici rimasti nel parcheggio, e poco dopo proprio i carabinieri della stazione hanno rintracciato il pregiudicato nei pressi del supermercato ed immediatamente hanno messo in sicurezza i giovani e bloccato il pregiudicato.

 Subito hanno perquisito l’auto ed hanno sequestrato la sciabola usata per la minaccia. Al termine dell’azione di polizia il soggetto è stato arrestato ed i ragazzi sono risultati tutti illesi ed in sicurezza

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Ex Ilva, Fiore (FN) incontra gli imprenditori traditi: “Bomba sociale con rari precedenti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il leader di Forza Nuova è volato a Taranto dove ha potuto raccogliere la denuncia di tutto l’indotto danneggiato dalla vicenda che coinvolge ArcelorMittal e l’industria siderurgica

Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova, è volato con urgenza in queste ore a Taranto dove ha incontrato decine di imprenditori danneggiati pesantemente da quanto sta accadendo nello stabilimento dell’ex Ilva.

Il leader del movimento ha raccolto le denunce dei lavoratori che da domani, giovedì 21 novembre, bloccheranno lo stabilimento: “Il blocco previsto porterà allo sciopero di migliaia di persone: almeno 3-4mila tra imprenditori e lavoratori appartenenti all’indotto faranno valere le proprie ragioni. Lo stop è previsto da mezzogiorno e durerà fino a data da destinarsi, fino a nuove ma concrete notizie. Alcuni imprenditori lamentano ammanchi addirittura dal 2015, buchi che si aggirano sulle centinaia di migliaia di euro, altri affermano addirittura di aver ricevuto veline di pagamento false. Quello che più li amareggia è l’assenza dello Stato in questa situazione, uno Stato che ha promesso interventi poi mai avvenuti. I lavoratori sono decisi ad andare fino in fondo e sono comprensibilmente sul piede di guerra: quella a cui stiamo assistendo è una bomba sociale con rari precedenti”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Trento, città del Natale: ecco il calendario ricco di eventi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TRENTODal 23 novembre al 6 gennaio Trento diventerà Città del Natale con un ricco calendario di eventi e appuntamenti che animeranno la città, vivacizzando il centro storico con numerose e interessanti proposte, tra le quali il Natale dei bambini.

Quale bambino infatti non è attratto dalla magia del Natale, da quel mondo pieno di luce e di mistero, in cui magari farsi trasportare da elfi e folletti su slitte piene di doni?

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 14/11/2019

Senza andare tanto lontano, questo sarà possibile in piazza Santa Maria Maggiore, dove verrà realizzato il Villaggio del Natale, un piccolo regno dove i bambini e le loro famiglie potranno vivere la vera magia natalizia, incontrare gli aiutanti di Babbo Natale, giocare in compagnia, scrivere le letterine dei desideri, ascoltare incantevoli fiabe e molto altro ancora.

Qui verrà allestita l’Officina del Natale, la casetta principale del villaggio, in cui i bambini potranno partecipare ai laboratori creativi, creare oggetti con la carta e minuterie del presepe, colorare disegni, realizzare piccoli addobbi, lavorare la creta e preparare i biscotti di Natale con l’aiuto dei folletti del bosco, in una vera atmosfera natalizia, ricca di emozioni, affetto e colori.

Oltre ai laboratori liberi, fino al 20 dicembre, saranno organizzati nel Villaggio dei laboratori didattici dal titolo Alla scoperta degli antichi mestieri e delle tradizioni popolari, che mirano a promuovere tra i bambini delle scuole dell’infanzia e primarie la riscoperta delle tradizioni trentine e degli antichi mestieri, per mantenere viva nel tempo la memoria dei nostri territori e valorizzarne il patrimonio storico e culturale.

Accanto alla casetta principale si troverà l’ufficio postale di Babbo Natale: una piccola e graziosa postazione dove i bambini potranno incontrare Babbo Natale, arrivato a bordo della sua meravigliosa slitta, consegnargli di persona le letterine, oppure decidere di scriverle insieme alle animatrici ed imbucarle nella cassetta delle lettere. Protagonisti del Natale saranno anche gli animali e per l’occasione nel Villaggio verrà allestita una piccola fattoria dove grandi e piccini potranno ammirare da vicino asini, cavalli, galline, pecore e caprette.

La città del Natale continua con la festa di Santa Lucia e il 14 e il 15 dicembre alle 16 e alle 17 avrà luogo lo spettacolo Circo di Luce, eseguito da attori e trampolieri, dove un buffo personaggio e il suo asinello accompagneranno Santa Lucia ad incontrare i bambini.

Per festeggiare il nuovo anno, invece, il primo gennaio alle 14.30 si terrà L’eco gioco dell’oca, un mix tra spettacolo ed intrattenimento che mira a promuovere lo sviluppo di una cultura eco-sostenibile nel pubblico dei più piccoli, futuri custodi del pianeta.

Il Natale dei bambini si concluderà il 6 gennaio per la festa della Befana, con uno spettacolo di animazione comica-interattiva dedicato a tutti i bambini, dal titolo La Befana vien di Notte con le scarpe tutte rotte…, organizzato dalla compagnia Teatro per Caso.

Il villaggio di piazza Santa Maria Maggiore aprirà ufficialmente le porte sabato 23 novembre alle 15.30. A seguire verranno inaugurati i mercatini di piazza Cesare Battisti (ore 17) e di piazza Fiera (ore 18).

Alle 19 si accenderà l’albero di Natale allestito nel cuore della città, in piazza Duomo dove sarà aperta una casetta, punto informativo dell’Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi e ad attendere i bambini e i turisti ci sarà il tradizionale trenino di Natale, che accompagnerà i più curiosi per le vie del centro storico, alla scoperta dei meravigliosi palazzi e monumenti della città.

Continua l’iniziativa La piazza che suona, che nel periodo natalizio proporrà tra le 11 e le 17 un paesaggio sonoro arricchito ogni giorno da scelte musicali natalizie, dall’antico al contemporaneo. Martedì 24 dicembre, per ricordare il 250° anniversario del passaggio a Trento di Wolfgang Amadeus Mozart, saranno trasmesse le sue composizioni tratte dal repertorio sacro-liturgico.

Sempre in piazza Duomo sono in programma anche tre appuntamenti di grande musica con Trento Christmas Live, nei giorni 14 (Abba show), 21 (Pianeta Zero) e 28 dicembre (HillBilly Soul) dalle 17 alle 19.

Sabato 21 dicembre alle 16.30 uno spettacolo di luci accompagnerà turisti e cittadini da piazza Duomo a piazza Santa Maria Maggiore. Una performance sui trampoli e a terra che con la sua particolarità e luminosità porterà gli spettatori a rivivere il tema del sogno e della fantasia illuminando il buio della strada, a richiamo di quella luce che nella notte di Natale illuminò gli uomini. Seguiranno gli auguri del Sindaco alla città.

Da piazza Duomo il Natale prosegue in piazza Lodron, dove si può ammirare l’installazione artistica raffigurante i personaggi della Natività e del presepe, la cui ideazione, progettazione e realizzazione è opera degli studenti del Centro di formazione professionale Enaip di Villazzano e dell’Istituto d’arte A.Vittoria. Il tronco dell’albero recentemente tagliato per motivi di sicurezza si trasformerà in una scultura artistica a cura di abili artigiani trentini.

E per chi volesse ammirare la città dall’alto, in piazza Dante verrà installata anche quest’anno la grande ruota panoramica.

Fino al 6 gennaio saranno esporti nel cortile interno di palazzo Thun gli elaborati (testi, poesie, filastrocche, disegni, canzoni, …) frutto del concorso Tutti in slitta verso il Natale, riservato alle scuole primarie e secondarie di primo grado della città che si sono ritrovate per riflettere sulle tematiche ambientali, sviluppo sostenibile e sull’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il comitato di Trento dell’Unicef, la premiazione è in programma sabato 7 dicembre, alle 10.30 a palazzo Thun.

Le sorprese non finiscono qui, perché dal 29 novembre al 6 gennaio 2020 in via Garibaldi sarà presente il Mercatino di Natale del volontariato e della solidarietà, la cui inaugurazione è in programma venerdì 29 novembre alle 11, dove le associazioni senza fine di lucro venderanno i loro prodotti per sostenere le proprie attività e/o finanziare progetti solidali.

Anche quest’anno ci sarà la Notte Bianca, prevista il 4 gennaio, con apertura serale di alcuni negozi in centro storico e musica nei locali.

Per questa 26a edizione del Mercatino di Natale di Trento, Miscele d’Aria Factory propone: Canto Trento – ogni pietra un sentimento, un nuovo spettacolo musicale itinerante con ascolti in cuffia wireless dedicato alla città ed alla sua storia. Un’esperienza musicale, sensoriale, emozionale e divertente, dove i protagonisti saranno i palazzi, le chiese, le strade e gli angoli più suggestivi del centro, che al passaggio del pubblico prendono vita fra narrazione, musica dal vivo e suoni.

Sono previste delle repliche dello spettacolo il 23 e 30 novembre, il 14, il 21, il 28 dicembre e il 4 gennaio alle 15 e alle 17.

Per portare la bellezza a chi è in centro, ma si sente in periferia e a chi è in periferia e vorrebbe trovarsi in centro, nelle domeniche del periodo natalizio avranno luogo Suoni di quartiere: concerti nelle chiese periferiche, che consisteranno in cinque appuntamenti di grande spessore ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, con un’attenzione particolare al contesto sociale, laico e religioso della comunità.

domenica 1 dicembre ore 17

Antonella Ruggiero, voce e organo – Basilica di Santa Maria Maggiore

domenica 8 dicembre ore 18

Gavino Murgia, Gruppo vocale K.J. Feininger – Chiesa di San Marco

domenica 15 dicembre ore 18

The Followers of Christ Gospel Singer – Chiesa di San Pio X – Canova di Gardolo

domenica 22 dicembre ore 18

Radiodervish – Chiesa di San Martino

domenica 29 dicembre ore 18

Solis String Quartet – Chiesa del Sacro Cuore

A questi si aggiungono i Cantantibus Organis, concerti natalizi sugli organi più belli della città, a cura dell’Associazione organistica trentina R. Lunelli, che si svolgeranno sempre alle 16 il 1° dicembre presso la chiesa di San Francesco Saverio, l’8 dicembre presso la chiesa di Santa Maria del Suffragio, il 15 dicembre presso la chiesa di Santa Maria Maggiore ed infine il 22 dicembre presso la cattedrale di San Vigilio.

Non mancheranno neanche quest’anno i concerti bandistici domenicali, che si snoderanno lungo le vie del centro con partenza da piazza Dante e che vedranno protagonisti il Corpo bandistico di Lizzana (24 novembre ore 11.35), il Corpo bandistico di Vigo Cortesano (1 dicembre ore 10.30) e la Banda sociale Dro Ceniga (15 dicembre ore 10.30).

Dal 6 dicembre al 6 gennaio anche il quartiere delle Albere si illumina per il Natale con Cometa sonora, spettacolo di suoni e luci, a cura del Consorzio Trento Iniziative. Dalle 15.30 alle 21 andrà in scena un’installazione artistica per riflettere sulla responsabilità di ognuno rispetto a ciò che ci circonda che sia esso il pianeta o la comunità. Un richiamo artistico per attirare l’attenzione e condurre i turisti e i residenti verso una sorgente; saranno le architetture del quartiere a prendere vita tra luci e suoni in uno spettacolo coinvolgente.

Nel cartellone di Trento città del Natale non mancano inoltre letture a tema nelle biblioteche e numerosi appuntamenti nei musei della città.

Infine, per salutare l’anno nuovo, come da tradizione aspetteremo tutti insieme il 2020 in piazza Duomo con un brindisi e tanta buona musica e in piazza Santa Maria Maggiore con l’animazione per i bambini il primo dell’anno alle 14.30.

Durante tutto il periodo della manifestazione saranno attivi alcuni parcheggi supplementari in città. Il calendario completo e aggiornato delle disponibilità è pubblicato su www.comune.trento.it

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it