Connect with us

Cronaca

Anguillara Sabazia, pronti due piani integrati. Fioroni: “Un centro commerciale e una chiesa ortodossa, che convenienza c’è per il paese?”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Antonio Fioroni, ex consigliere di maggioranza passato all’opposizione si sofferma su alcuni dei piani integrati che la giunta Anselmo ha deciso di approvare. Lo fa in una nota: “Per il 6 agosto è stato convocato un consiglio comunale con 2 dei 9 piani integrati già pronti per essere approvati.

Il progetto Carucci – spiega Fioroni – riguarda la realizzazione di un centro commerciale in via Anguillarese zona smorzo mentre il progetto Conti tratta della realizzazione di una chiesa Ortodossa zona Santo Spirito.
Una mossa che definirei astuta quella della maggioranza che dopo l’ondata di polemica si limita a portare due progetti privi di nuovo residenziale.

Mi chiedo dove sia la convenienza per il paese di avere un nuovo complesso commerciale, per un totale di nuova edificazione per circa 1800mq in un momento storico dove le piccole attività commerciali locali, già in sofferenza, dovrebbero essere tutelate anziché ostacolate permettendo un’opera simile.

Anche in ordine alla progettazione nutro dei dubbi sulla circolazione e sugli indennizzi da corrispondere al Comune che meglio argomenterò in sede di discussione in consiglio comunale.
Chiedo al consigliere Liberati, delegato alle attività commerciali di prendere posizione essendo lui stesso un commerciante!

Sul progetto Conti c’è ben poco da dire – conclude il consigliere Fioroni – la costruzione di una chiesa a mio modesto parere non può sicuramente essere argomento di polemica, ma una domanda vorrei porla all’amministrazione, ha valutato attentamente i documenti allegati al progetto?
Le puntuali osservazioni verranno presentate in sede di consiglio comunale e ci sarà da battagliare ve lo posso assicurare!”

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Cronaca

Trenta, il marito rinuncia all’alloggio: un atto d’amore per tacitare la schifezza mediatica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Mio marito, che è il titolare dell’alloggio, pur essendo tutto regolare e non essendoci nulla che ci debba far sentire in imbarazzo, per salvaguardare la serenità della famiglia, sta presentando istanza di rinuncia per l’alloggio, l’ha già fatto. Spero che questo atto di amore serva a tacitare la schifezza mediatica che è caduta su di me”. Lo ha detto intervistata da Radio 24 l’ex ministra della Difesa, Elisabetta Trenta.

“Lasceremo l’appartamento nel tempo che ci sarà dato per poter fare un trasloco e poter rimettere a posto la mia vita da un’altra parte”, ha aggiunto Trenta a Radio24, che ha detto di pretendere “rispetto” per sè. “Sono una donna di Stato e ho fatto dell’etica la base della mia vita”, ha affermato tra l’altro.

“Non sono stata trattata bene ma nei valori del M5S ci credo, non ho nessuna intenzione di lasciare il Movimento. Mi è dispiaciuto che prima di parlare e giudicare nessuno mi ha chiamata per chiedermi come stanno le cose. La mia faccia è pulita, non smetterò di fare politica e di essere del Movimento. Ma forse una pausa di riflessione me la prendo, non ho deciso nulla”. Lo ha detto l’ex ministra della Difesa sulle critiche che le sono state rivolte da Luigi Di Maio e da altri esponenti del M5S per la vicenda della casa. “Credo che Di Maio, con cui ho parlato, abbia capito le mie ragioni- ha affermato tra l’altro- Io sono un militare e so che prima di comandare le persone ci si parla, so che un comandante difende i propri uomini”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Palermo: duro colpo alla mafia di Brancaccio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Dalle prime luci dell´alba, la Polizia di Stato di Palermo sta eseguendo un vasta operazione antimafia ai danni del mandamento mafioso di Brancaccio.

I soggetti coinvolti dovranno rispondere, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, auto riciclaggio, danneggiamento fraudolento di beni assicurati ed altro. Il provvedimento di “Fermo di indiziato di delitto”, disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Palermo che ha coordinato le indagini, è eseguito dai poliziotti della squadra mobile.
L´odierna operazione è l´epilogo di una complessa attività d´indagine, effettuata dalla Squadra Mobile di Palermo sul mandamento mafioso di Brancaccio e sulle famiglie mafiose di Corso dei Mille e Roccella, che ha reso una inedita radiografia di Cosa Nostra e dei suoi interessi criminali.
Accanto agli storici interessi per le rapine e lo spaccio di droga, capillarmente controllato anche attraverso l´ausilio di quadri intermedi, è emerso come anche il lucroso mercato delle truffe assicurative richiamasse le attenzioni mafiose.
In quest´ottica, è stato riscontrato come “Cosa Nostra” avesse esteso la sua “longa manus” anche sul fenomeno criminale delle truffe assicurative, realizzate attraverso la violenta condotta criminale dei cosiddetti “spaccaossa” e del “sacrificio” di vittime scelte in contesti sociali degradati, disposte ad avere cagionate fratture gravissime. Si tratta di un desolante spaccato criminale già scoperto dalla Polizia di Stato nei mesi di agosto 2018 e aprile 2019, che portò all´arresto di decine di malviventi privi di scrupoli.
E´ emerso adesso come a beneficiare delle laute liquidazioni del danno, conseguenti ai finti incidenti, fossero le casse di Cosa Nostra che introitavano grosse somme dedotte le “spese” di poche migliaia di euro da destinare agli “spaccaossa” e agli altri partecipi della messa in scena Nel corso dell´odierna operazione, sono in corso, altresì, effettuati ingenti sequestri di beni mobili ed immobili.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Giro di corruzione a Roma e provincia: 3 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stanno dando esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica, che dispone la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di tre persone ritenute responsabili di un giro di corruzione.

L’attività d’indagine è partita dopo la denuncia di un imprenditore al quale era stata prospettata la possibilità di attenuare la sua posizione nell’ambito di un’indagine che lo vedeva coinvolto purché si affidasse ad un professionista indicato per la gestione di un settore amministrativo della sua società.

I reati contestati ai tre arrestati, a vario titolo, sono tentata induzione indebita a dare o promettere utilità; corruzione; rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio nonché tentata violenza privata.

Perquisizioni nei domicili e luoghi di lavoro degli indagati sono tuttora in corso.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it