Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, retribuzione segretario comunale: pubblicazione ex art. 8 Legge 47/1948

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Di seguito la nota di rettifica ex art. 8 Legge 47/1948 del segretario comunale di Anguillara Sabazia dr.ssa Alessandra Giovinazzo tramite l’Avvocato Alessandra Petti

“Scrivo in nome  e per conto  della Dott.ssa  Alessandra  Giovinazzo  la quale sottoscrive  per ratifica la presente, a seguito della pubblicazione in data 17 gennaio  u.s. sul sito del Vostro quotidiano “Osservatore Italia” di un articolo  dal titolo “Anguillara Sabazia, Manciuria­ Ufficio condono e autorizzazione paesistica torni a funzionare. Ecco  l’En plein dell’inettitudine grillina“.

L’articolo che ha ad oggetto un commento del presidente di AnguillaraSvolta, Sergio Manciuria, sulla amministrazione  del Comune di Anguillara riporta la seguente notizia: “La missione da parte della sindaca Anselmo di lasciare nel caos e degrado la nostra città sembra ad un passo dalla realizzazione conferma il Presidente ma noi ci ribelliamo e diciamo basta a queste politiche di profanazione delle più  elementari  norme  di civiltà e senso civico. Se la priorità della “diversamente amministrazione” è aumentare del. 50% la retribuzione di godimento del segretario comunale piuttosto che destinare queste somme ai servizi sociali vuol dire che non c’è rispetto per i deboli e chi è in difficoltà economica”.

Il passaggio relativo alla pretesa ingiustizia e/ o illegittimità dell’attribuzione economica e la sua connessione con la destinazione più opportuna degli stessi fondi ai servizi sociali ed alla difesa dei diritti dei più deboli, legata alla frase precedente, infatti è priva di fondamento e  non   rispetta la verità obiettiva dei fatti andando a ledere l’immagine   personale e professionale, l’onore e la reputazione della mia Cliente.

Infatti:

1)   Non è vero l’applicazione dell’aumento stipendiale quantificato nel 50% di una voce indennitaria legata all’attribuzione di  funzioni aggiuntive sia effettuata in violazione di norme e senso civico. Infatti tale aumento  è regolato dall’art. 41 del CCNL dei Segretari Comunali del16 maggio 2001 e disciplinata dal Contratto Collettivo Decentrato Integrativo  22.12.2003. Esso pertanto è stato attribuito in applicazione della legge ed è erogato a fronte  dell’attribuzione, da ultimo, delle seguenti ulteriori funzioni:

•   Soggetto con il potere  sostitutivo  di cui all’art. 2, comma 9-bis,  della legge n. 241 l 1990 e ss.mm.ii;

•   Presidente della delegazione trattante  di parte pubblica; coordinatore dei responsabili di area;

•   Presidenza e coordinamento conferenza dei responsabili di area;

•   Responsabilità  dell’istruttoria  delle deliberazioni di carattere organizzativo  generale dell’ente nonché responsabilità dei relativi atti esectttivi delle stesse deliberazioni;

•  Attuazione mobilità interna;

•   Responsabilità dell’istruttoria e dell’attività  esecutiva di altri provvedimenti  amministrativi;

•   Partecipazione  alle  sedute di organi diversi  dal Consiglio  e dalla  Giunta su richiesta del Sindaco o degli Assessori;

•  Assistenza e  collaborazione,  nel contenzioso   dell’ente,  con i legali esterni, su richiesta del Sindaco;

•   Cura  dell’attività regolamentare dell’ente;

2) Non è vero che tale retribuzione a fronte di  funzioni aggiuntive sia facoltativa.  Infatti, come sopra chiarito, l’aumento predetto deriva da uno specifico assetto normativo ed è obbligatorio e pienamente legale.

3) Non è  vero che queste somme si  sarebbero potuto destinare ai  servizi sociali. Infatti  la voce  di  spesa  relativa alle retribuzioni  del  personale  e  quella relativa ai servizi sociali sono separate, autonome ed inconfondibili  voci di bilancio.

Dott.ssa Alessandra Giovinazzo – Avv. Alessandra Petti

Metropoli

Martignano, torna l’incubo incendi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un altro episodio che ha compromesso la vegetazione intorno a uno degli specchi d’acqua più suggestivi del Lazio. In fiamme l’area naturale intorno al lago di Martignano, nel comune di Anguillara Sabazia. Un grosso incendio ha l’ambito la pineta e la vegetazione seminando il panico tra le persone che si trovavano lì per trascorrere una giornata di relax a pochi passi da Roma. Si tratta dell’ennesimo incendio di sterpaglie che ogni anno di questa stagione si ripete. I vigili del fuoco di Bracciano sono intervenuti subito, allertati dalle persone sul posto, e sono rimasti per diverse ore. Le fiamme si erano ormai estese troppo.
Visto le dimensioni dell’incendio il direttore delle operazioni di soccorso ha ritenuto necessario l’intervento del canadair e di un elicottero.
I soccorsi sono da subito intervenuti in massa, uno spiegamento di forze al lavoro: il Dos dei vigili del fuoco con l’autobotte, i carabinieri Forestali, Avab Bracciano, Protezione civile di Anguillara e Bracciano e sorvolo degli elicotteri. Giovedì pomeriggio è iniziato il tam tam di commenti sui social: “È da ormai l’ora di pranzo – scrive Valerio Palmieri del meteo Anguillara Sabazia pubblicando le foto su Facebook- che è attivo un vasto incendio nella zona del Lago di Martignano, nelle ultime ore purtroppo anche la pineta ha iniziato a bruciare, in azione i vigili del fuoco e la protezione civile supportati dall’alto da un Canadair”. Enrico Fiorucci commenta nel popoloso gruppo Save Anguillara: “Martignano sta andando di nuovo a fuoco – scrive – e nessuno ancora prende provvedimenti. Aspettiamo che succeda qualcosa di irreparabile? E con questo è il terzo incendio grave in pochi giorni”.

( Foto Facebook Valerio Palmieri Meteo Anguillara Sabazia)

Continua a leggere

Cronaca

Lago di Bracciano, turista scomparso: arriva un mezzo per scendere oltre i 50 metri di profondità

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

I vigili del fuoco scendono in campo con una imbarcazione in grado di effettuare le ricerche a oltre 5o metri di profondità. Purtroppo è quasi un mese ormai, da venerdì 25 giugno 2021, che un giovane turista olandese di 22 anni risulta disperso nel lago di Bracciano, le ricerche non si sono mai interrotte.

Il giovane è scomparso dopo essere stato visto immergersi nelle acque: aveva palesato all’amico l’intenzione di fare una traversata e raggiungere Trevignano.

I Carabinieri della locale compagnia, insieme a diverse motovedette, ai Vigili del Fuoco e alla Protezione Civile

Il giovane turista olandese di 22 anni scomparso nei pressi del lago di Bracciano nella giornata di venerdì 25 giugno 2021, si trovava in vacanza in Italia, nella suddetta località, in compagnia di un amico, un giovane connazionale di 34 anni con il quale stava condividendo il viaggio a Trevignano Romano, nel Lazio.

I due turisti si erano accampati in tenda a partire dalla serata di giovedì 24 giugno 2021.

A lanciare l’allarme in merito alla scomparsa del giovane turista 22enne è stato proprio il suo compagno di viaggio. Nella mattinata di venerdì 25 giugno 2021, il 22enne olandese avrebbe detto al suo amico che si sarebbe recato a fare una nuotata in direzione di Trevignano Romano.

Tuttavia, il compagno di viaggio 34enne, non vedendo rientrare il suo amico dopo più di due ore, ha tempestivamente avvertito il 112. I Carabinieri hanno prontamente avviato le operazioni di ricerca mediante l’utilizzo delle motovedette dell’arma, ma purtroppo, ancora non è stata rilevata alcuna traccia del giovane disperso.

Secondo quanto riferito dall’amico, il ragazzo sarebbe stato avvistato per l’ultima volta nei pressi del lido Riva del Polline e più precisamente all’altezza della spiaggia adiacente al Parco del lago. Le ricerche proseguono incessantemente e si continua di fatto a sperare, che il turista possa essere ritrovato e tratto in salvo dalle Forze dell’Ordine tutt’ora a lavoro.

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, inaugurazione del Polo inclusivo sociale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Domani 17 luglio, ore 09:00 in via dell’Agricoltura 2


Sarà inaugurato domani il “Polo inclusivo Sociale”, presso i locali dell’ex CILO di Fiano Romano. A febbraio, tra il Comune e l’Associazione “La Chiave di Volta” è stato siglato un accordo di collaborazione (delibera 21 del 26/02/2021) con l’obiettivo di realizzare progetti a favore di minori diversamente abili. – ha dichiarato il Sindaco Ferilli – “.

Il Comune ha concesso l’utilizzo in comodato gratuito dei locali dell’ex CILO in Via dell’Agricoltura, quale sito idoneo allo svolgimento delle attività previste. L’iniziativa avrà carattere sperimentale con durata di due anni. L’ Associazione “La Chiave di Volta” nasce sul territorio dall’esigenza di tutelare le famiglie con richieste di aiuto e i loro figli; il polo, gestito dall’associazione, offrirà sostegno psicologico, assistenza burocratica, laboratori e progetti per l’inclusione dei ragazzi con disabilità.

L’inaugurazione si terrà domani alle ore 09:00 in via dell’Agricoltura 2.

Interverrà il Sindaco Ottorino FERILLI

Programma:

09:00 Benedizione della struttura e taglio del nastro

09:30 Pillole sul tema dell’autismo a cura della dott.ssa Pina Li Petri

10:00 Pillole sul tema dell’autismo a cura della dott.ssa Francesca Tiberti

10:30 Intervento della dott.ssa Silvia Setzu

11:30 Saluti e ringraziamenti

Continua a leggere

I più letti