1

Anguillara Sabazia, Roberto Tranquillo: il brutto anatroccolo diventa campione

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Oggi parleremo della storia di ROBERTO TRANQUILLO, Atleta di punta della FIKBMS, la Federazione Italiana di KickBoxing e del Team Catarci di Anguillara Sabazia nel Lazio.
TRANQUILLO ROBERTO, si e laureato CAMPIONE ITALIANO PRO di KICKBOXING specialità Full Contact il 12 febbraio a Roma, ma torniamo indietro e vediamo questo grande successo da dove parte e come è stato perseguito.
Roberto si avvicina alla KickBoxing circa 11 anni fa, iscrivendosi nella palestra del Team Catarci, diretta dal Maestro Andrea KTC, presso la Struttura della Gymnasium Sabatia. Roberto proveniva da un'altra arte marziale il Karate, impostazione diversa, concetti del combattimento diversi, allenamenti diversi. Infatti nel Karate il combattimento, denominato Kumitè,i colpi sono controllati e non è previsto il K.O. Quindi per Roberto il passaggio alla Kickboxing poteva risultare difficoltoso sia nella assimilazione degli allenamenti che nei successivi combattimenti, dove chiaramente è previsto il K.O.
Roberto agli inizi di questo percorso ha reso la vita molto difficile al suo Maestro, in quanto non credeva assolutamente nei suo i mezzi fisici e tecnici, chiudendosi in questa sua convinzione in un angolo dove il suo carattere introverso e cocciuto alimentavano la sua sfiducia totale, più volte ha paventato la possibilità di abbandonare la Kickboxing. Se vinceva un competizione era una cosa normale, al contrario se perdeva, Roberto iniziava una girandola di insulti nei propri confronti senza fine, arrivando alla solita conclusione che lui era una vera “schiappa” e che non avrebbe mai e poi mai raggiunto nessun obiettivo importante.
Chi non la pensava cosi era il Maestro Andrea KTC, il quale ha sempre creduto nelle grandi capacita fisiche e tecniche del suo ragazzo. Come dicevamo ogni sconfitta era una vera “tragedia”, un stillicidio negativo di auto convincimento di non essere assolutamente adatto a questo sport. Il Maestro ha dedicato molto tempo a far capire a Roberto che attraverso le sconfitte, anche tante sconfitte, si costruivano le future vittorie, trascorreva molto tempo a parlare con Roberto per convincerlo a seguirlo fino in fondo nei suoi insegnamenti, nei suoi allenamenti, e soprattutto di credere in se stesso nei suoi mezzi e di iniziare ad avere la mente libera dai risultati, che prima o poi i risultati sarebbero arrivati, doveva solo fidarsi di cio che gli veniva fatto fare e di se stesso.
Liberata la mente, Roberto Tranquillo, dal 2012 ha iniziato a vincere senza più fermarsi, infilando uno dietro l’altro una seri di successi strepitosi
Campione Italiano III° S – Campione Italiano II° Serie – Campione Italiano I Serie – Campione Elite Pro – Campione Super Elite Pro- Coppa Italia – Coppa del Presidente – Medaglia di Argento alla Coppa del Mondo- Oltre a diversi Titoli Regionali ed Interregionali-
Titolare della Nazionale di Full Contact della FIKBMS, la Federazione Italiana di Kick Boxing diretta dal Presidente DONATO Milano, con la Nazionale Roberto ha gia partecipato ai Campionati Europei in Grecia, alla Coppa del Mondo in Ungheria, in Austria, in Irlanda.
Sino a questo ultimo e prestigioso successo ottenuto la scorsa settimana il titolo di CAMPIONE ITALIANO PROFESSIONISTA. Un match duro e spettacolare disputato al limite delle 7 riprese contro un avversario, NANI Mario, un altro atleta di punta della FIKBMS, avversario fortissimo, duro e leale. Un match vinto da Roberto bisogna dire con merito, ma un verdetto incerto sino alla fine visto lo spessore del suo competitor. Un match vinto sulla scia di una preparazione atletica azzeccata in pieno e con una tattica perfetta che ha permesso al nuovo Campione di arrivare sino alla settima ripresa con ancora molta forza a disposizione per spingere ancora i colpi con forza ed esplosivita.
Questa è la piccola storia di ROBERTO TRANQUILLO, che credeva di essere un “Brutto Anatraccolo”.
Invece ha voluto credere in chi credeva fortemente in lui, ha creduto nel lavoro, ha creduto nei sacrifici enormi a cui è stato sottoposto, con grande umiltà e costanza ed ha raggiunto nel suo paese il massimo titolo possibile da vincere. Convinto ora nelle sue capacità Roberto è diventato un atleta di eccellenza della FIKBMS e punta verso traguardi più prestigiosi, le vittorie in campo internazionale e la conferma del posto in Nazionale.
Questa è la storia di un ragazzo che si credeva un perdente, ma qualcuno gli ha fatto capire che bisogna lottare per emergere senza mai arrendersi, ed una storia a cui ogni giovane atleta dovrebbe ispirarsi.