Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, scuola elementare via Verdi: dal Comune nessuna rassicurazione sulla sicurezza e il dirigente scolastico dispone la chiusura

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Ad Anguillara Sabazia il dirigente scolastico ha disposto la chiusura del primo piano della scuola elementare di via Verdi.

Una decisione, quella del preside, presa per garantire la sicurezza dei piccoli alunni in quanto sono presenti delle penetrazioni di acqua dal tetto che poi scivola sui pannelli sottostanti del controsoffitto che impregnati cedono. E a quanto sembra ieri ci sarebbe stato un intervento riparatore da parte degli operai, a seguito del quale, però, il Consigliere delegato alle scuole Massimiliano De Rosa non si è premunito di far rilasciare dagli uffici il relativo certificato di messa in sicurezza. “Ora che siede sulla poltrona – commenta un cittadino di Anguillara – non ha lo stesso atteggiamento di quando era all’opposizione?”  Sull’Albo Pretorio online del Comune, inoltre, non c’è traccia dell’ordinanza di chiusura a tutela della sicurezza dei bambini, nonostante il mancato rilascio della certificazione.  Due concetti diversi riguardo la sicurezza tra dirigente e sindaco?

Questo il testo dell’avviso del dirigente scolastico Paola Di Napoli:

“Si rappresenta all’utenza di Via Verdi che, in seguito a sopralluogo effettuato stamattina dalla scrivente, non avendo ricevuto rassicurazioni dal Comune rispetto alla tenuta dei pannelli del controsoffitto – primo piano Via Verdi si ritiene opportuna la chiusura del primo piano in attesa di dichiarazioni scritte provenienti dal Comune che garantiscano la tenuta del controsoffitto. Sarà cura della scrivente fornire aggiornamenti della situazione, non appena ce ne saranno, sia sul sito che ai rappresentanti di classe e sezione.

Si ringrazia per la collaborazione e ci si scusa per il disagio

Paola Di Napoli

(Dirigente scolastico)”

 

In evidenza

Turismo lento, Bracciano, Trevignano e Formello: la Regione Lazio finanzia i luoghi della cultura

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

Califano (Pd): “Quest’anno, dopo le restrizioni dovute alla pandemia, assume ancora più valore il finanziamento regionale per i luoghi della cultura che abbiamo messo in campo”

BRACCIANO (RM) – “Musei e archivi storici racchiudono la nostra cultura, la nostra storia, le nostre tradizioni. Uno scrigno all’interno del quale riscoprire le nostre origini, ciò che siamo e siamo stati. Ma anche un’importante testimonianza delle bellezze dei nostri territori e un volano per dare finalmente ali a quel turismo lento su cui stiamo puntando per valorizzare i Comuni e i territori della Provincia.” Dichiara la Consigliera regionale Pd Michela Califano.

VIDEO SERVIZIO SUL TURISMO LENTO TRASMESSO A OFFICINA STAMPA

“Ecco perché quest’anno, – prosegue – dopo le restrizioni dovute alla pandemia, assume ancora più valore il finanziamento regionale per i luoghi della cultura che abbiamo messo in campo. Un modo per poter riprendere a vivere questi luoghi, visitare una mostra, partecipare a un’attività didattica, tornare a studiare nelle sale biblioteche e negli archivi storici delle reti regionali. A fronte di questo sono davvero soddisfatta che alcuni dei più bei luoghi dei Comuni di Bracciano, Trevignano Romano e Formello siano rientrati in questo avviso pubblico. In particolare saranno finanziati con 6300 euro a testa l’Archivio Storico Comunale “PaoloGiordano Orsini” di Bracciano e il Museo civico. Con 7mila euro ciascuno l’Archivio Storico Comunale e il museo civico etrusco-romano di Trevignano Romano. Uguale investimento – conclude – per l’Archivio Storico Comunale di Formello e il Museo dell’Agro Veientano. Dopo la grande campagna di vaccinazione ora vogliamo tornare a vivere. “

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, Marco Crocicchi è il nuovo sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Marco Crocicchi è il nuovo sindaco di Bracciano. Una vittoria ottenuta al ballottaggio col sindaco uscente Armando Tondinelli.

Crocicchi passa con 4.188 voti pari al 60,71% rispetto i 2.710 pari al 39,29% di Armando Tondinelli dati calcolati quando manca ancora da scrutinare 1 sezione.

“Cari amici, la cittadinanza ha scelto. – Ha commentato Tondinelli sul proprio profilo Facebook – Ringrazio tutta la Comunità di Bracciano per il sostegno e la vicinanza dimostrati in questi cinque anni. Faccio i miei auguri a Crocicchi e per quello che riguarda la nostra coalizione faremo una attenta e costruttiva opposizione. Grazie a tutti Armando Tondinelli”

“Sarò il sindaco di tutti. – ha commentato il neo eletto sindaco Marco Crocicchi – Adesso è il momento della partecipazione e dell’ascolto”.

Continua a leggere

Metropoli

Tolfa, 42enne ucciso da colpo di fucile: scambiato per preda da altro cacciatore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

TOLFA (RM) – A Tolfa, in provincia di Roma, un uomo è morto ieri pomeriggio durante un’uscita di caccia. La vittima, a  quanto si apprende, è un quarantaduenne ucciso da un colpo di fucile sparato da un ventisettenne, compagno di battuta, che lo avrebbe scambiato per una preda da colpire.

L’Organizzazione internazionale per la protezione animali (Oipa) chiede al Governo e Parlamento di valutare seriamente le conseguenze dell’attività venatoria sulla sicurezza pubblica e di mettere mano alla legislazione in materia per evitare che, a fine stagione venatoria, si continui a fare la conta dei morti: cacciatori e non.

“La caccia causa ogni anno morti e feriti, spesso non cacciatori, colpevoli solo di essere nel posto sbagliato nel momento sbagliato, per esempio facendo una passeggiata in un bosco”, commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. “Quello delle vittime della caccia è un tema ancora poco considerato dalle istituzioni. Eppure, dato il conteggio delle vittime, Governo e Parlamento dovrebbero iniziare a riflettere sul problema di sicurezza pubblica evidenziato da questi incidenti. Quante vittime umane, senza considerare gli animali, dovrà ancora fare l’attività venatoria prima che questa circostanza diventi un allarme sociale? Occorrerebbe un giro di vite legislativo per eliminare alla radice questo grave problema di sicurezza pubblica”.

Continua a leggere

I più letti