Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, Vigna di Valle è ancora una terra dimenticata? Il consigliere Fioroni sollecita l’amministrazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il consigliere comunale di opposizione ad Anguillara Sabazia Antonio Fioroni torna a parlare delle spiagge di Vigna di Valle e avverte: “A un mese dalla Pasqua ancora non si vede una soluzione per la stagione estiva ormai alle porte”.

Politica a confronto: il punto sulla situazione Vigna di Valle fatto lo scorso 30 luglio 2018

Sembra dunque proseguire quell’immobilismo da parte dell’amministrazione nel voler rilanciare Vigna di Valle, anche dopo che le pratiche di concessione dei nulla osta ai gestori per la gestione e utilizzo degli arenili sono passate dalla Regione Lazio al Comune di Anguillara Sabazia. Un passaggio lento, forse non sollecitato dagli amministratori comunali, che la scorsa stagione ha messo in una situazione di grave criticità gli imprenditori balneari.

Tutta la documentazione sarebbe arrivata al Comune sabatino a marzo dello scorso anno, ma secondo quanto già spiegato dall’assessore Viviana Normando con deleghe alla Cultura, Turismo, Centro storico, Rapporti internazionali, Biblioteca, Pace e Diritti Umani non è così.

Infatti l’assessore lo scorso 17 luglio faceva sapere che esisteva uno stato di caos e disordine da parte dell’Ente sovracomunale che non aveva mandato tutto insieme e che le pratiche erano arrivate singolarmente e con estrema lentezza.

“Ad oggi, – ha proseguito nelle dichiarazioni il consigliere Antonio Fioroni – queste concessioni ancora non si vedono, nel passato blitz e denunce hanno segnato la resistenza dei gestori che grazie allo spirito imprenditoriale che li contraddistingue e l’amore per il territorio vanno avanti sperando che questa storia possa chiudersi quanto prima, ma come tutti trovano solo il silenzio di un’amministrazione sempre più ostile a dare risposte, preferire il silenzio ad una verità scomoda è sempre sintomo di debolezza”.

“Di turismo è facile parlare – dichiara Fioroni – parole come valorizzazione e manutenzione possono valere tanto o niente ma in questo caso le attività balneari hanno bisogno di concretezza e di certezza sui tempi. È ormai dal 2017 – prosegue – che la Regione ha dato il via all’amministrazione per portare a termine i procedimenti per l’assegnazione delle concessioni per dare finalmente certezza a chi può portare investimento e turismo di qualità e lavoro al nostro paese”.

Siamo ad un anno dall’acquisizione degli atti da parte del Comune e anche se sono arrivati singolarmente, come asserito dall’assessore Normando, si spera ci sia stato abbastanza tempo per riunirli, ordinarli, esaminarli e quindi sbloccare una volta per tutte una situazione che ogni anno vede i gestori balneari in condizione di non poter lavorare in maniera ottimale con relative conseguenze per il commercio e per il turismo.

“L’unico atto concreto – ha detto ancora Fioroni – è l’assegnazione agli uffici della gestione delle concessioni demaniali datato 11/12/2018 il che richiede da parte di chi di competenza dei tempi lunghi per lo studio delle pratiche e quindi anche quella di Vigna di valle, il rischio che questa stagione si riviva al grido dell’emergenza è molto concreto, quando per evitarlo sarebbe bastato occuparsi della cosa molto prima. Mi auspico che l’amministrazione incontri i rappresentanti di Vigna di Valle quanto prima, faccia manutenzione in una zona ad alto impatto turistico ad oggi lasciata in uno stato di incuria totale e che sia al fianco degli imprenditori per portare sicurezza gestionale e concessioni che favoriscano investimenti e turismo di alta qualità. Il tutto prima che sia troppo tardi. Però siamo a un mese dalla Pasqua e ancora non si vede una soluzione per la stagione estiva ormai alle porte”.

Metropoli

Bracciano, seduta di Consiglio Comunale trasmessa in videoconferenza: per la Prefettura la scelta del Sindaco Tondinelli è corretta. “Siamo ancora in stato di emergenza”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – La Prefettura di Roma entra nel merito dell’ultima seduta di Consiglio comunale del 15 settembre a Bracciano convocata in videoconferenza dall’Amministrazione Tondinelli: oltre alla proroga dello stato di emergenza al 15 ottobre sono state prorogate anche le disposizioni relative alle riunioni degli organi collegiali contenute nell’art. 73 del precedente Decreto 17 marzo 2020, n.18, convertito, con modificazioni dalla Legge 24 aprile 2020, n.27 per cui è data facoltà agli Enti Locali di procedere alle sedute collegiali anche in videoconferenza. Lo mette nero su bianco l’Ufficio Territoriale del Governo in risposta a una lettera del Sindaco in cui chiedeva se fosse stata giusta o meno la scelta di convocare il Consiglio Comunale in videoconferenza.

Ciononostante, la decisione di non riunirsi alla presenza di tutti i Consiglieri, Assessori, Segretario Comunale e Forze dell’Ordine è stata fortemente criticata dai cinque consiglieri di minoranza che per protesta non hanno partecipato all’ultimo Consiglio comunale trasmesso in videoconferenza.

Il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli ha motivato la decisione di non aver convocato la seduta di Consiglio Comunale in presenza: “Ho semplicemente rispettato le regole e la legge e la Prefettura mi ha dato ragione – dice Tondinelli – sarei stato un irresponsabile a riunire circa 25 persone nell’Aula Consiliare quando sul Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) redatto dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) è consigliato che nell’Aula del Consiglio non siano presenti più di 15 persone contemporaneamente. Convocare la seduta in presenza sarebbe quindi significato esporre tutti a rischio assembramento e contagio in un periodo delicato come questo dove l’emergenza Covid-19 è ancora in corso ed è presente sul nostro territorio. Che piaccia o no ai consiglieri di minoranza, dobbiamo tutelare la salute pubblica e rispettare la legge oltre che seguire le indicazioni della Asl Rm4 che invita a non facilitare gli assembramenti. Quando i contagi saranno in diminuzione e vi saranno le condizioni torneremo tutti presenza. Ce lo auguriamo perché vorrà dire che questo momento difficile è stato superato ma dobbiamo essere responsabili più che mai e non cercare sempre di colpevolizzare l’Amministrazione che da marzo è in prima linea a fronteggiare insieme alla Asl, la Protezione Civile, le Forze dell’Ordine e le Associazioni una pandemia che ha messo in ginocchio il mondo. Anche in pieno lockdown abbiamo visto strumentalizzare la situazione da parte dei consiglieri di minoranza. Capisco che si avvicinano le elezioni ma abbiamo il dovere di anteporre alla competizione politica la tutela e salvaguardia della salute della collettività”.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, scuola: bimba positiva al test coronavirus. Isolati 18 bambini e tre operatori scolastici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Diciotto piccoli studenti della scuola elementare Tittoni di Bracciano messi in isolamento dopo che una bambina è risultata positiva al test del Covid. In quarantena anche tre operatori scolastici.

“Dato l’aumento di casi di Covid sul nostro territorio, – ha detto il sindaco di Bracciano Armando Tondinelli – abbiamo ritenuto di dover necessariamente seguire alla lettera le indicazioni della Asl Rm4, secondo cui è altamente sconsigliata qualsiasi forma di potenziale assembramento e sospendere qualsiasi evento pubblico fino a nuova comunicazione. Siamo vicini alle famiglie, ai bambini e al personale scolastico che devono affrontare l’isolamento con l’auspicio che questo momento di pandemia finisca presto”.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano e Oriolo, un gestore unico per la raccolta rifiuti: in primavera la gara “condivisa”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CANALE MONTERANO (RM) – – Una gara unica per il servizio di raccolta rifiuti nei Comuni di Oriolo Romano e Canale Monterano. È questa l’idea delle due amministrazioni della Tuscia Romana che ha mosso i primo passi con la doppia approvazione della Convenzione nei Consigli Comunali di ieri sera.

Una certezza, quella che i due Comuni limitrofi a cavallo delle provincie di Viterbo e Roma hanno messo sul tavolo nella giornata in cui annunciano la convenzione che disciplina l’esperimento della gara, che a partire dalla Primavera prossima dovrebbe portare ad individuare un gestore unico per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, sfruttando economie di scala e organizzative.


“Da anni il nostro Comune ha raggiunto risultati davvero importanti nella gestione del servizio di raccolta rifiuti porta a porta, – commentano il Sindaco e l’Assessore di Oriolo, Comune capo convenzione, Emanuele Rallo e Laura Bruzzechesse – tuttavia le crescenti incertezze relative al mercato dei rifiuti ci impongono di provare a alzare le nostre ambizioni. Ecco il perché della nuova relazione con Canale, un Comune che come noi ha ottenuto standard operativi di elevata qualità. Ora lavorando insieme possiamo immaginare di offrire alla cittadinanza un servizio ancora migliore cercando al contempo di calmierare i costi, come anche l’Autorità impone ai Comuni. Inoltre, questa esperienza potrà avere impatti complessivamente positivi sulle politiche di sviluppo territoriale che i nostri due Comuni potranno ulteriormente sperimentare”.

“La Convenzione era il primo step dal quale partire – aggiunge il Sindaco di Canale, Alessandro Bettarelli – parte di un processo sul quale stiamo lavorando da circa un anno, convinti che non solo migliorerà il servizio di raccolta rifiuti (sarà affidato per i prossimi cinque anni), ma che ne beneficeranno anche i cittadini con economie di scala e organizzative, che porteranno ad avere un gestore unico per una popolazione complessiva di circa 8.000 abitanti. Rimarranno, ovviamente, le peculiarità dei due servizi e dei due territori, ma saranno sfruttate al meglio le potenzialità di una gara importante come quella che andremo a indire probabilmente nella Primavera prossima. Un grande lavoro di sinergia tra Comuni, tra i primi di questo tipo nel nostro territorio, che darà alle due Comunità, che già partono da situazioni eccellenti, un servizio ancora migliore.”
“Con il Comune di Oriolo – conclude il Consigliere delegato al Ciclo dei Rifiuti, Cesare Gizzi, che per il Comune di Canale ha seguito fin dal principio l’iter che ha portato alla firma di ieri – la collaborazione, il confronto, lo scambio di idee sui rifiuti, oltre che la condivisione di soluzioni a problemi comuni, è iniziato a Giugno 2016, subito dopo l’insediamento dei rispettivi Consigli e questo passaggio, più formale, è la naturale continuazione di tale collaborazione. Una grande opportunità per mettere a fattor comune il meglio di due realtà “virtuose”, dove la ricerca di un continuo miglioramento è il fine ultimo di questa iniziativa”

Continua a leggere

I più letti