Connect with us

Roma

ANGUILLARA: SCUOLA COLABRODO E MANCANZA DI SICUREZZA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Genitori in protesta a causa della carenza di servizi essenziali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Silvio Rossi

Anguillara (RM) – Come in molte zone del resto d’Italia, le scuole di Anguillara stanno subendo i danni provocati da anni di disinteresse delle istituzioni a tutti i livelli. La scarsa attenzione mostrata nei confronti della cultura in generale, e in particolare nell’istruzione, sta presentando l’amaro conto a una popolazione che meriterebbe un’attenzione maggiore sia per il valore del proprio passato, ma soprattutto per il futuro dei propri figli.

Accade così che martedì, giorno in cui i conti correnti delle famiglie adi Anguillara hanno subito il terremoto dell’imposizione fiscale, con le scadenze di IMU e TASI, sisma che ha caratterizzato tutta la penisola, ma che nel nostro comune è stato di una magnitudo più alta, data la percentuale applicata, due avvenimenti diversi e scollegati tra loro, fanno indignare i genitori degli alunni frequentanti gli istituti scolastici.

Martedì mattina, giornata piovosa, una classe della materna di scalo ha subito infiltrazioni d’acqua dalle finestre che hanno fatto depositare un velo d’acqua sul pavimento, impercettibile, ma quanto è bastato per far scivolare alcuni bambini. La classe interessata era stata da poco sistemata dai genitori nel progetto “Diamoci una mano”, con cui proprio grazie all’aiuto dei genitori sono state sistemate le classi delle scuole cittadine. Purtroppo però l’intervento permesso si limita alla verniciatura delle pareti, alla pulizia profonda delle suppellettili, non potendo, per tutta una serie di motivi, andare a fondo nella sistemazione di carenze strutturali che si sono stratificate negli anni.

Altro fronte “caldo” giornaliero è stato il trasporto scolastico verso Ponton dell’Elce. La nuova organizzazione, con le fermate per l’attesa, in un quartiere che non dispone di marciapiedi, ha costretto bambini e genitori ad attendere il passaggio dei pulmini in condizioni indecenti per un paese civile. Le lamentele dei residenti che un mese fa chiesero un’organizzazione diversa, almeno per i giorni di maggiore instabilità atmosferica, sono cadute nel vuoto. A peggiorare la situazione, nel pomeriggio è giunta la voce (da confermare) che un bambino sia stato “dimenticato” nel mezzo di trasporto al deposito, dove è rimasto un’ora buona.

Dal prospetto della Tasi, il Comune conferma che le spese realizzate mediante questa imposizione prevedono circa 134.000 euro per la cultura (che a parte una biblioteca che funziona abbastanza bene, non dà particolari segni di vita), e oltre ottocentomila per i servizi alla persona, tra i quali dovrebbero essere prevista anche una quota parte per il trasporto scolastico. Si riuscirà a investirli per rendere migliori i carenti servizi odierni?
Proprio oggi Juncker ha affermato che, nell’ambito degli investimenti che dovrebbero far ripartire l’economia europea, il piano del governo italiano sulle scuole è un buon passo. Ma per giungere al finanziamento necessario per sistemare le strutture decadenti degli istituti nostrani ci vorrà del tempo, i genitori e gli alunni non sono disposti ad attendere, esigono risposte oggi stesso.

Roma

Roma, Eur Torrino: tentano di rapinare un anziano mentre passeggia: in manette coppia senza fissa dimora e con precedenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Stava passeggiando tranquillamente, quando, all’improvviso, è stato afferrato alle spalle da una donna che ha tentato di portargli via il portafogli. Il malcapitato un anziano di 88 anni che è stato salvato dai Carabinieri che in quel momento stavano pattugliando la zona e hanno notato la scena da lontano.

I militari sono intervenuti immediatamente arrestando la donna, una cittadina romena di 38 anni, che tentava di fuggire salendo sull’auto del suo complice, ma entrambi sono stati bloccati dai Carabinieri. In manette è finito anche l’uomo un 36enne sempre di nazionalità romena.

I due in Italia senza fissa dimora e con precedenti, dovranno ora rispondere di tentata rapina. Subito dopo, i Carabinieri hanno soccorso la vittima, che non ha riportato conseguenze fisiche nell’aggressione e non ha richiesto l’intervento di personale medico.

L’auto su cui gli indagati stavano viaggiando, una berlina di grossa cilindrata, è stata sequestrata e affidata in custodia giudiziale. L’arresto dei cittadini romeni è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, trovato un uomo impiccato sul lungo lago: è giallo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Giallo sul lago di Bracciano, dove questa mattina è stato trovato un uomo impiccato. A fare la macabra scoperta una signora mentre passeggiava sul lungo lago Argenti.

L’uomo era legato ad una corda, esanime, sul patio di un ristorante all’altezza del civico 20.
Ancora ignota l’identità del cadavere, apparentemente sembra una persona del Nord-Est Europa. La salma si trova al momento presso l’ospedale Padre Pio di Bracciano. Con tutta probabilità l’autorità giudiziaria disporrà l’autopsia. Sul caso indagano i Carabinieri della Compagnia di Bracciano comandati dal Capitano Simone Anelli.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano, antiche ricette e tradizione: dopo due anni di fermo torna “La Sagra delle Fettuccine Paesane”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

24-25-26 giugno 2022

CANALE MONTERANO (RM) – Torna la Sagra delle Fettuccine a Canale Monterano, il borgo situato a nord della Capitale a pochi chilometri dal lago di Bracciano. Dal 24 al 26 giugno si potrà degustare questa pasta all’uovo “de na vorta”, rigorosamente lavorata a mano dalle nonne del paese portatrici delle antiche ricette della tradizione e dando vita ad uno dei piatti più celebri e gustosi della cucina del borgo e dell’intera regione Lazio.

Dopo due anni di fermo, a causa dell’emergenza pandemica – le donne delle varie contrade di Canale Monterano torneranno a creare diversi tipi di fettuccine in abbinamento a diversi tipi di sughi che faranno immergere i visitatori nei sapori di una volta.


Un appuntamento che con La sagra delle Fettuccine Paesane che sarà anche l’occasione per visitare il borgo di Canale Monterano e la suggestiva Monterano Antica, una delle città fantasma più note del Lazio.

Continua a leggere

I più letti