Connect with us

Roma

ANGUILLARA, VIA ANGUILLARESE E LA SICUREZZA: FERMI A META’ STRADA

Clicca e condividi l'articolo

I lavori si sono interrotti a metà luglio e ad oggi ancora nulla si muove.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Emanuel Galea

Lo scorso 5 marzo pubblicavamo l’articolo “ANGUILLARA – LA SISTEMAZIONE DI VIA ANGUILLARESE DIVENTA REALTA'” dove l’architetto Antonio di Gioia, Assessore ai Lavori Pubblici illustrava il progetto per la messa in sicurezza della via Anguillarese. “L’opera del primo stralcio  – spiegava Di Gioia – comprende il tratto dal semaforo fino al passaggio a livello. E’ prevista l’eliminazione delle cunette che verranno sostituite da tubazioni sotterranee per tutto il tratto, ove possibile, coperto da marciapiedi”. In chiosa all’articolo auspicavamo che quanto dichiarato dall’assessore non si rivelasse in seguito soltanto uno dei soliti proclami.

Quanto dichiarato da Di Gioia veniva poi confortato anche dal primo cittadino Francesco Pizzorno: “L’opera di messa in sicurezza riguarda il tratto che va dall’incrocio tra l’Anguillarese e via dei Vignali, all’altezza quindi dell’attuale semaforo, fino all’incrocio con via della Mainella, nei pressi del passaggio a livello. – Dichiarava il sindaco lo scorso 30 aprile durante la prima assemblea pubblica – Sono previsti nuovi marciapiedi – proseguiva Pizzorno-  su entrambi i lati della carreggiata, nuove zebre stradali, un sistema di canalizzazione delle acque chiare, che dovrebbe ridurre l’impatto delle piogge sulla via spesso soggetta ad allagamento, due rotatorie (una all’altezza dell’attuale semaforo) e una all’incrocio con via di Pizzo Morronto (nei pressi del Conad), e un innovativo sistema di monitoraggio (dal costo di 120 mila euro) che prevede cinque stazioni di rilevamento del traffico veicolare, distribuite su più strade del paese, e un apparato di rilevamento degli incidenti. La durata complessiva dei lavori dovrebbe essere al massimo di sette mesi.” Il Sindaco specificava anche che l’importo complessivo dei lavori è pari ad un milione e 164mila euro di cui 559 mila euro da fondi regionali, 335mila euro dalla Provincia di Roma e 241 mila euro dal Comune.


I lavori sono iniziati verso la fine dello scorso  febbraio e gli inizi di marzo. Fino ad ora sono stati eseguiti lavori parziali nel tratto semaforo con via dei Vignali fino alla Banca delle Marche. Manca tutto il tratto a completamento fino al passaggio a livello, oltre naturalmente alla seconda rotatoria, l’asfaltatura e varie.I lavori si sono interrotti a metà luglio e ad oggi ancora nulla si muove.

L’interruzione dei lavori, ha suscitato la curiosità di molteplici cittadini che in un primo momento hanno pensato che l’interruzione fosse dovuta per motivi di ferie del personale della ditta appaltatrice. Siamo ormai ai primi di settembre e l’autunno è alle porte e quest’ipotesi non regge più. Le ragioni potrebbero essere molteplici e di varia natura. C’e’ chi ipotizza che i tecnici del Comune abbiano sbagliato in difetto le stime ed ora l’amministrazione, trovandosi a corto di copertura intenda fermare i lavori per economizzare. Un'altra ipotesi potrebbe essere, anche se pare bizzarra, che parte dei finanziamenti si siano smarriti strada facendo e quindi anche in questo caso non ci sarebbero più i fondi per continuare. Terza ipotesi, da non scartare, che la ditta appaltatrice, DO.VE s.r.l. per motivi ignoti, non se la senta di onorare più il contratto decidendo quindi di abbandonare il cantiere.

Il Comune ha il dovere di spiegare alla cittadinanza con tutta lealtà come stanno effettivamente le cose.


Ad Anguillara la gente ha il diritto di sapere se i lavori di messa in sicurezza continueranno. E nella malaugurata eventualità che le varie ipotesi trovassero delle conferme ci sarà da fare solo una considerazione.
Alle “incompiute” Museo Neolitico, Piscina Comunale e Cittadella Socio Sanitaria dovremo purtroppo annoverare anche la ormai “famigerata” via Anguillarese che nonostante i vari proclami e buone intenzioni rimane destinata a mantenere uno stato disastrato del manto stradale costellato di buche che in certi tratti diventano vere voragini. Speriamo di non essere alle solite dove la beffa non conosce limiti.

tabella PRECEDENTI:

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Roma

Roma, arresto bis per un Casamonica: sorvegliato speciale guidava ubriaco e con patente revocata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Era notte fonda, quando una pattuglia della Stazione Carabinieri Roma Tor Vergata lo ha notato zigzagare a bordo di una Mercedes Classe A, in via Casilina. Raggiunto e bloccato dopo poco, i Carabinieri si sono ritrovati davanti ad un 45enne romano, appartenente alla famiglia Casamonica, che hanno subito riconosciuto, dato i suoi numerosi precedenti e lo hanno arrestato, per l’inosservanza alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, che lo vede obbligato a permanere in casa in orari notturni.

Successivamente i militari, hanno accertato che il 45enne era alla guida senza patente, perché revocata e visto il forte odore di alcool che percepivano, gli hanno intimato di sottoporsi all’alcoltest. L’automobilista si è rifiutato e pertanto è stato anche denunciato in stato di libertà.

L’arrestato è stato accompagnato in caserma, dove sarà trattenuto in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, perimetrazioni nuclei spontanei: nessuna iniziativa ancora presa dal Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GROTTAFERRATA (RM) – “Nessuna decisione è stata ancora presa in merito alle perimetrazioni dei nuclei sorti spontaneamente, decisioni che dovranno essere assunte dal consiglio comunale, dopo un’approfondita valutazione e discussione della materia”. L’Amministrazione comunale di Grottaferrata interviene con una nota in materia di urbanistica a seguito alle numerose segnalazioni che in questi giorni stanno giungendo in Comune da parte di alcuni cittadini legate al fatto che sarebbero in corso iniziative di privati tese alla costituzione di consorzi aventi la finalità di promuovere la realizzazione di volumetrie edilizie e/o interventi di sanatoria di volumetrie abusive in alcune zone di Grottaferrata.

Ciò si presume stia avvenendo “in relazione agli studi che ‘Amministrazione sta effettuando in materia di perimetrazione dei nuclei sorti spontaneamente ai sensi della legge regionale 28/80 che, è bene ricordarlo ulteriormente è legge con valenza urbanistica e non edilizia, avente l’obiettivo di recuperare urbanisticamente porzioni del territorio comunale assoggettati a edificazione non pianificata, mediante l’individuazione di perimetri all’interno dei quali ricomprendere solamente fabbricati legittimi (realizzati con regolare titolo abitativo) o legittimati (con rilascio di titoli edilizio in sanatoria) o legittimabili (per i quali è possibile rilasciare titolo abilitativo in sanatoria ai sensi delle leggi 47/85, 724/94, 326/2003)”.

“Dette iniziative – precisa ancora la nota dell’Amministrazione – sarebbero a carattere oneroso, con la richiesta di somme di danaro a carico degli eventuali aderenti ai suddetti consorzi. A tale riguardo si precisa che nessuna decisione amministrativa è stata ancora presa sulla materia. Si invitano pertanto i cittadini – conclude la nota – a valutare con la massima attenzione e cautela le iniziative che vengono loro proposte (rispetto alle quali l’Amministrazione è del tutto estranea), assumendo in ogni caso le necessarie informazioni sul reale stato dei fatti presso il competente ufficio urbanistica del Comune”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Litorale

Ostia, catturato Joe Cappuccio il rapinatore della metro B

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

OSTIA (RM) – Al termine di un’accurata attività investigativa, coordinata da Pubblico Ministero della Procura di Roma – Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti diretto dal Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti, i Carabinieri della Compagnia di Ostia hanno arrestato un 42enne romano, accusato di aver rapinato due donne, a poche ore l’una dall’altra, la notte del 2 gennaio ad Ostia. Il malvivente era balzato alle cronache con il soprannome di “Joe cappuccio”, per via della sua abitudine di cogliere di sorpresa le sue vittime travisato, a tal punto da rendersi quasi irriconoscibile.

All’una e mezza circa del 2 gennaio, nei pressi della stazione metro del Lido Centro, l’uomo incappucciato aveva aggredito una 62enne di Ostia, mentre scendeva dalla sua autovettura, afferrandola da dietro al collo e scaraventandola a terra, per poi impossessarsi della sua borsa, con all’interno gli effetti personali, il suo telefono cellulare e alcune decine di euro.

A distanza di qualche ora, presso la limitrofa stazione metropolitana “Stella Polare”, “Joe Cappuccio” era tornato nuovamente a colpire. Anche in questo caso, la vittima, una donna di 51 anni, era stata aggredita dal malvivente mentre percorreva da sola il sottopassaggio della stazione, venendo minacciata con un coltello alla gola, strattonata e derubata della sua borsa.

In seguito alle due cruente aggressioni, erano scattate immediate ricerche dell’uomo da parte dei Carabinieri del Gruppo di Ostia. Grazie all’identikit realizzato dagli investigatori, erano stati intensificati i controlli presso tutti gli scali ferroviari e degli autobus di linea lidensi, anche mediante personale in abiti borghesi, passando al setaccio strada per strada ed identificando decine di persone sospette, sino ad individuare il rapinatore seriale.

L’uomo, che nei giorni prima dell’arresto era stato stato controllato dai Carabinieri e trovato anche in possesso di alcuni grammi di cocaina, dovrà rispondere delle rapine, aggravate per aver agito a volto travisato e avvalendosi di un’arma da taglio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it