Connect with us

Roma

ANGUILLARA, VIA ANGUILLARESE: UN SOGNO DI MEZZ’ESTATE

Clicca e condividi l'articolo

Pizzorno,l’attuale sindaco sta compiendo il miracolo. Aspettiamo il completamento del primo tratto di questa via e aspettando rendiamo onore a chi lo merita.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“I sogni son desideri”, canta Cenerentola nel celebre cartone della Disney. Termina Cenerentola “tu sogna e spera fermamente, dimentica il presente -e il sogno realtà diverrà”

 

Emanuel Galea

Via Anguillarese è stata nei sogni d’ogni cittadino da decenni. Sono stati scritti tabella sui media locali ed anche su quelli nazionali. Sono stati fatti forum e discussioni a non finire. Sono state raccolte firme e fatte petizioni. I cittadini reclamavano una maggiore attenzione alla loro via principale. Si sono susseguite amministrazioni d’ogni colore. Hanno tutti lasciato questa via come l’avevano trovata. A Napoli la gente si sarebbe rivolta a San Gennaro per la grazia, ma questa via si trova ad Anguillara. 
Non è certamente la Rambla che t’immette nella festosa Barcellona. Non pretende di essere Orchard Road, la strada principale di Singapore, ricca di variopinti negozi. Non è neppure la Champs-Elysées, la tanto rinomata strada di Parigi. Via Anguillarese è la via regina, l’arteria principale che conduce ad uno dei paesi più affascinanti ed incantevoli del Lazio, Anguillara Sabazia. Per questa via, ogni domenica, migliaia di romani raggiungono il lago ed il borgo medioevale che sovrasta tutto il panorama lacustre.

Finalmente questa strada è invasa da scavatori, bidoniere, camion e un via vai di operai che scaricano materiali vari. Non potevano mancare i disagi al traffico. Sono dei disagi inevitabili e sono ben sopportati dai cittadini. Questa via finalmente sta cambiando faccia. Si sta attrezzando di un sistema di drenaggio per le acque fluviali, di marciapiedi su ambi i lati e ad opera finita avrà due rotatorie per snellire il traffico e aumentare la sicurezza. Il progetto risale al 2007, quando con atto di Giunta comunale n° 139 è stato dato incarico allo studio tecnico associato degli Ingegneri Macaluso, Maizza e Morchella di curare la documentazione tecnica ai fini della partecipazione al bando regionale “Piano Nazionale Sicurezza Stradale” relativo all’ottenimento del finanziamento per la messa in sicurezza dell’Anguillarese. Un anno dopo e precisamente l’11 giugno 2008 con atto di Giunta Comunale n. 121 è stato approvato il progetto esecutivo ed è stato affidato l’incarico allo studio degli ingegneri, confermando la spesa complessiva di euro 565.16,54. Il 1 dicembre 2011 con determina n° 1250 è stato affidato l’appalto alla  DO.VE S.r.l che si è impegnata a iniziare i lavori entro marzo 2012, quindi a consegnare il completamento del primo stralcio e la sistemazione di via Anguillarese entro sette mesi.
Precisi come un orologio svizzero, stranamente, questa volta i lavori si sono avviati nei tempi previsti e vanno avanti celermente.

Come si evince  da questo breve iter burocratico della pratica “messa in sicurezza Via Anguillarese”, dalla sua nascita all’inizio dei lavori sono passati ben 5 anni. In questo momento va accantonata ogni polemica. E si dovrebbe astenere chiunque dal reclamare la paternità dell’opera. Si astengono i firmatari di quella petizione, presentata, quando amministrava la giunta di sinistra. Si astiene la giunta che è succeduta. La conquista è di tutta Anguillara ed il colore partitico qui c’entra poco. Il merito va all’avv. Pizzorno e alla sua squadra tecnica. Il sindaco attuale, un uomo riservato e di poche parole. In questa faccenda ha dimostrato volontà e potere decisionale. Ha preso a cuore uno dei problemi della cittadinanza e lo sta risolvendo. Non si può paragonare a San Gennaro, però questa volta si è avvicinato parecchio.
Pizzorno,l’attuale sindaco sta compiendo il miracolo. Aspettiamo il completamento del primo tratto di questa via e aspettando rendiamo onore a chi lo merita. 

tabella PRECEDENTI:

 

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Ariccia, tensioni tra ASA e UGL Igiene Ambientale: inascoltate le richieste sindacali per i lavoratori dell’appalto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ARICCIA (RM) – Si è svolto oggi lo sciopero degli operatori di igiene urbana operanti presso il comune di Ariccia. “Abbiamo chiesto l’applicazione del capitolato speciale d’appalto” – dichiara Mauro Piconi Segretario Roma e Lazio della UGL Igiene Ambientale – “Ma a tutt’oggi le svariate disparità contrattuali, a parità di mansioni, determinano una forte differenza salariale per i lavoratori dell’appalto, così come le molte incongruenze riscontrate sulle stesse buste paga. Purtroppo la società appaltatrice A.S.A. malgrado un incontro in Prefettura – continua Piconi – non ha inteso ascoltare le richieste della nostra O.S.”

Il Sindaco di Ariccia Roberto Di Felice ha dato immediato riscontro e ha dichiarato: “Oggi proficuo incontro con la UGL delle cui istanze mi faccio portavoce, auspicando che la società A.S.A. sia anch’essa attenta alle richieste del sindacato e dei lavoratori”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Ariccia, a Palazzo Chigi il seminario “La barriera architettonica: diagnosi tecnico-giuridica e risvolti sociali”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ARICCIA (RM) – Si terrà il 6 maggio ad Ariccia, a Palazzo Chigi, un seminario dal titolo “La barriera architettonica: diagnosi tecnico-giuridica e risvolti sociali”.

Promotori dell’evento sono l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma e l’Ordine degli Architetti Pianificatori e Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia, l’Ordine Forense di Velletri ed Collegio dei Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Roma.

“Dopo decenni di lavoro delle Nazioni Unite, la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, adottata nel 2006, ha promosso i diritti e il benessere delle persone con disabilità, ribadendo il principio di uguaglianza e la necessità di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale della società. – spiega Roberto Cuccioletta, componente della Commissione “Ascensori” dell’Ordine degli Ingeneri della Provincia di Roma – Questi principi, universalmente indiscutibili, sono purtroppo ancora solamente degli intenti incompiuti. Ci scontriamo, infatti, giornalmente con barriere insuperabili non solo fisiche ma soprattutto mentali. Da qui è nata la nostra idea di portare ai Castelli una giornata formativa-informativa su questo argomento ancora troppo trascurato, soprattutto dagli addetti lavori”.

“Ogni luogo deve essere accessibile, questa deve essere la nostra priorità – continua Ombretta Renzi, consigliere dell’Ordine degli Architetti e coordinatore Osservatorio Accessibilità, – La fruibilità non rappresenta tanto il diritto della persona diversamente abile, quanto un dovere sociale della collettività. Per non parlare delle nostre città, dei nostri centri storici pieni di rampe e soluzioni sbagliate, che dovrebbero essere rimosse, anche in zone di altissimo pregio.”

Il seminario vedrà, inoltre, i contributi dell’Ing. Roberta Bianchini, Presidente Commissione “L’accessibilità nell’ edilizia” dell’Ordine degli Ingeneri della Provincia di Roma, e degli Avvocati Stefano e Roberta Petrillo: “L’intervento per quanto riguarda la parte giuridica verterà sull’analisi dell’evoluzione giurisprudenziale alla luce delle ultime sentenze della Corte di Cassazione Ciò a dimostrazione della attenzione sempre più crescente, riservata a tali situazioni al fine di rafforzare le tutele giuridiche”.

Non saranno trascurati gli aspetti emotivi e sociali con l’intervento di Antonio Guidi, neurologo e accademico italiano, che sarà introdotto dalla Dott.ssa . Rosj Guido, psicologa psicoterapeuta: “L’abbattimento delle barriere deve partire dal cuore restituendo alle persone un ruolo sociale che agevoli quel rispecchiamento le cui radici affondano nella relazione con l’altro, nell’accettazione ed integrazione.”

Il contesto sarà anche l’occasione per un confronto con le istituzioni con la partecipazione dell’On. Marco Silvestroni e, chiaramente, il Sindaco di Ariccia Roberto Di Felice ed il Presidente del Consiglio Comunale Gianluca Staccoli, anche e soprattutto coinvolto anche tecnicamente vista la sua attività professionale come geometra.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Roma, l’ex presidente Marcello De Vito non risponde al Gip

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo


Raggi: “Non si torna al passato”

Durante l’interrogatorio di garanzia nel carcere di Regina Coeli l’ormai ex presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito si è avvalso della facoltà di non rispondere. A riferirlo è il suo legale Angelo Di Lorenzo, il quale precisa che De Vito chiederà di essere ascoltato nei prossimi giorni per chiarire la sua posizione. 

“Chiarirò tutto. Sono sereno anche se molto dispiaciuto per quanto sta succedendo”, ha riferito De Vito al suo nuovo legale Di Lorenzo. L’avvocato ha spiegato che De Vito era pronto a parlare e chiarire la sua posizione già oggi “ma – spiega – gli ho chiesto di avvalersi della facoltà di non rispondere per darmi il tempo di organizzare la difesa e di chiedere che sia ascoltato in un secondo momento”.

L’ARRESTO – Marcello De Vito di M5S, presidente dell’assemblea capitolina, è stato arrestato dai carabinieri per corruzione nell’ambito della inchiesta della Procura sul nuovo stadio della Roma. Sono in corso perquisizioni in Campidoglio da parte dei carabinieri nell’ambito dell’operazione che ha portato all’arresto. Le perquisizioni stanno interessando anche uffici di Acea, l’Italpol e la Silvano Toti Holding Spa. “Marcello De Vito è fuori dal MoVimento 5 Stelle. Mi assumo io la responsabilità di questa decisione, come capo politico, e l’ho già comunicata ai probiviri”, annuncia Di Maio via Facebook. “Nessuno sconto a chi ha sbagliato“, dice anche la sindaca Virginia Raggi aggiungendo che “non c’è spazio per le ambiguità”.

Raggi: “Non si torna al passato”

Non si torna al passato. Il giorno in cui sono stata eletta” in Campidoglio “sapevo che il vecchio sistema che insieme al M5S sto scardinando con ogni mia forza, avrebbe opposto ogni tipo di resistenza“. Così Virginia Raggi su Fb.”Io ho detto ‘no’ a quel sistema che però prova a ribellarsi in ogni modo. Prova ad infiltrarsi come succedeva in passato. Ma c’è una differenza: la mia reazione e quella del M5S è immediata e senza esitazioni”, aggiunge.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it