Connect with us

Latina

Aprilia: cimitero privatizzato, salasso assicurato.

Clicca e condividi l'articolo

La nota congiunta di Sabrina Esposito Montefusco presidente di "Aprilia in Prima Linea" e Fabrizio Di Carlo Responsabile Economia di "Noi Con Salvini"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

Red. Politica


APRILIA (LT) – Prosegue spedito, almeno nelle dichiarazioni stampa, il piano di privatizzazione spinta dei servizi pubblici apriliani e in particolar modo del cimitero. "Ciò, nonostante sia ormai acclarato che la gestione “in house” con la municipalizzata Asam garantiva maggiori ricavi a fronte dei minimi investimenti fatti dall’Amministrazione comunale. – Dichiarano in una nota congiunta Sabrina Esposito Montefusco presidente di "Aprilia in Prima Linea" e Fabrizio Di Carlo Responsabile Economia di "Noi Con Salvini" –  Tale ingiustificata fretta, – prosegue la nota dei due referenti politici –  accompagnata da un tifo da stadio che appare quasi sospetto, non potrà che comportare un aggravio pesante nelle già disastrate casse pubbliche, ad esclusivo vantaggio delle ditte private che da tempo, stanno mordendo il freno e scalpitano ai nastri di partenza, in attesa di quanto prospettatogli nella scorsa campagna elettorale. Poi se si tratterà di un “project financing” o di un “leasing in costruendo” non importa, tanto comunque si tratterà di una socializzazione delle perdite e di una privatizzazione degli utili. Dall’Amministrazione ci si ostina a far passare il messaggio che la privatizzazione conviene ai cittadini mentre, non solo i precedenti nostri e dei comuni limitrofi dice il contrario, ma addirittura il Comune di Latina si appresta a creare una nuova municipalizzata proprio come quella che ad Aprilia si è deciso in modo pazzesco di mettere in liquidazione. Sembra che a un anno dalle elezioni comunali si sia più impegnati nel saldo delle “cambiali elettorali” piuttosto che a gestire con raziocinio e parsimonia i beni pubblici e i servizi per i cittadini. Ascoltando le parole di chi si fa portavoce di tale manovra i cittadini hanno solo da guadagnarci, ed è solo un “dettaglio risibile” quello di omettere che lasciando in mano per oltre un ventennio ad un privato il cimitero, egli sarà libero di aumentare le tariffe secondo il proprio piacimento e la propria convenienza aziendale. Ve lo diciamo noi cosa accadrà, aumenteranno le spese per i loculi del 50% come anche quelle per le estumulazioni, tumulazioni e inumazioni. Accadrà la stessa cosa anche per i parcheggi a pagamento, i servizi nella loro qualità non miglioreranno ma saranno i costi per i cittadini a esplodere. Visti gli ultimi eventi, dove finalmente la Magistratura si sta occupando della nostra città, pensiamo che il piano di privatizzazione generalizzata pensato dalla Giunta Terra stia accelerando in vista della prossima tornata elettorale. Ci chiediamo a cosa serva un Sindaco e una Giunta, e a cosa serva fare le elezioni, quando tutti i servizi pubblici saranno in mano ai privati? Basterebbe far nominare un Direttore Generale – conclude la nota – magari deciso dalle stesse aziende, almeno ci risparmieremmo tanti assurdi discorsi. Ciò con buona pace del volere dei cittadini, della democrazia rappresentativa e delle tante parole al vento lanciate nella scorsa campagna elettorale, dalla compagine pseudo civica al governo della città che rimarrà alla storia per aver fatto “più danni di Carlo in Francia”.
 

Economia e Finanza

Latina, un aeroporto per rilanciare economia e occupazione: l’intervista al segretario UGL Armando Valiani e alla giornalista Sarina Biraghi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

LATINA – L’aeroporto di Latina, inaugurato il 28 marzo del 1938, è intitolato alla memoria del Capitano Pilota Enrico Comani, Medaglia d’Oro al Valore Aeronautico di cui ne prende appunto il nome.

Dotato di una pista in asfalto lunga 1700 metri e larga 40 attualmente è sede del 70° Stormo “Giulio Cesare Graziani” dell’Aeronautica Militare Italiana e di altri concessionari dell’area tra i quali citiamo il 118 con il servizio di eliambulanza e l’Aero Club.

L’aeroporto, situato nel circondario di Latina Scalo dista circa 10 km dal centro della città e per il segretario UGL Lazio Armando Valiani potrebbe diventare un vero e proprio volano per il rilancio economico e occupazionale sia in ambito aeroportuale sia per l’indotto che ne deriverebbe con risultati eccezionali per il territorio pontino in primis e per tutta la regione Lazio.

L’intervista al segretario UGL del Lazio Armando Valiani a Officina Stampa del 25/03/2021
Officina Stampa del 25/03/2021 – Il punto di Sarina Biraghi (Giornalista de LaVerità) sull’aeroporto di Latina

Un progetto che potrebbe assistere alla messa in campo di ulteriori progetti legati al potenziamento dei collegamenti con la rete ferroviaria, del turismo e dell’export realizzando la nascita di piccole compagnie aeree locali, una sorta di aerotaxi, che valorizzerebbero lo splendido territorio pontino come ad esempio le Isole di Ponza e Ventotene ma anche le città di Terracina, Sperlonga, Formia, Gaeta e tante altre località ricche di storia millenaria, di cultura enogastronomica, di centri termali e paesaggi mozzafiato, con un incremento del turismo nazionale e internazionale.

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 25/03/2021

Gli enormi spazi limitrofi abbandonati, poi, potrebbero contribuire a rafforzare il settore sia civile che militare, attraverso lo sviluppo di nuove attività ed essere considerato dunque un nuovo hub, dopo gli aeroporti internazionali di Fiumicino e Ciampino.

Continua a leggere

Latina

Latina, aeroporto e spazi enormi abbandonati. Valiani (Ugl Lazio): “Puntare su sviluppo e lavoro”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“La crisi del trasporto aereo nazionale e dell’aviazione più in generale, dovuta a diversi fattori sia endogeni che esogeni al settore stesso, si è accentuata a causa della pandemia da virus Covid-19. In attesa di una vera riforma del settore chiesta da molto tempo dagli operatori del settore e dai sindacati di categoria, occorre ripartire dal rispetto dalle regole attuali e implementandone nuove per limitare la concorrenza sleale di alcuni vettori low cost”. E’ quanto afferma Armando Valiani segretario della UGL Lazio.

“Questa emorragia va gestita con sostegni istituzionali e risorse economiche, pianificando, progettando e sviluppando un rilancio forte e strutturale sia a livello nazionale che regionale. In questo contesto, l’aeroporto di Latina e gli enormi spazi limitrofi abbandonati, potrebbero contribuire a rafforzare il settore sia civile che militare, attraverso lo sviluppo di nuove attività”.


L’aeroporto di Latina, inaugurato il 28 marzo del 1938, è intitolato alla memoria del Capitano Pilota Enrico Comani, Medaglia d’Oro al Valore Aeronautico di cui ne prende appunto il nome. E’ dotato di pista in asfalto lunga 1700 metri e larga 40. “Per l’attuale utilizzo, prosegue il segretario potrebbe essere considerato un nuovo hub, dopo gli aeroporti internazionali di Fiumicino e Ciampino, volano per l’economia e il prestigio della nostra Regione”. Attualmente l’aeroporto di Latina è sede del 70° Stormo “ Giulio Cesare Graziani” dell’Aeronautica Militare Italiana e di altri concessionari d’area tra i quali il 118 con il servizio di eliambulanza,l’Aero Club ecc. L’aeroporto è vicino a Latina Scalo, distante circa 10 km dal centro città e circa 40 km dall’aeroporto di Ciampino.

“Negli ultimi, anni sono stati presentati progetti per la trasformazione dell’aeroporto in civile commerciale per favorire le numerose industrie dell’hinterland (chimico farmaceutiche), dell’Agro Pontino e del turismo del litorale; sarebbe quindi auspicabile cogliere questa ghiotta opportunità
anche in considerazione della sua posizione geografica. Tutto ciò dovrebbe stimolare l’imprenditoria nazionale oltre che locale, spiega Valiani, mettendo in campo ulteriori progetti legati al potenziamento dei collegamenti con la rete ferroviaria, del turismo e dell’export realizzando la nascita di piccole compagnie aeree locali, una sorta di aerotaxi, che valorizzerebbero lo splendido territorio pontino come ad esempio le Isole di Ponza e Ventotene ma anche le città di Terracina, Sperlonga, Formia, Gaeta e tante altre località ricche di storia millenaria,di cultura enogastronomica, di centri termali e paesaggi mozzafiato, con un incremento del turismo nazionale e internazionale.

Inoltre, aggiunge, penso alla riqualificazione o realizzazione di nuovi spazi, dove eseguire pratiche di smantellamento avionico relative sia ad aerei che a elicotteri in dismissione o in disuso e, contestualmente, il recupero di parti da ricertificare per essere riutilizzate o addirittura rivendute in differenti mercati internazionali. Mi domando, conclude Valiani, perché non spingerci oltre pensando di creare una vera filiera che potrebbe coinvolgere anche aziende di altri settori come il chimico, della plastica, meccanico, elettronico! Inoltre, si potrebbe dar vita a società di manutenzione e riparazione velivoli e loro componenti, sia essi civili che militari.

Ovviamente, per questa, ma anche per altre attività, l’effetto positivo si tradurrebbe in nuova occupazione sia in ambito aeroportuale sia per l’indotto con risultati eccezionali per il territorio pontino in primis e poi per tutta la nostra regione.

Continua a leggere

Ambiente

Formia, trovata una pistola sulla spiaggia dai volontari di Fare Verde

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è svolta ieri mattina, domenica 7 marzo 2021, su sette spiagge laziali, la trentesima edizione della manifestazione nazionale “Il Mare d’Inverno”, organizzata dall’associazione ambientalista Fare Verde.

A Formia i volontari ambientalisti hanno trovato addirittura una pistola. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato della Polizia di Stato che hanno recuperato l’arma.

La manifestazione si è svolta in sette città: Civitavecchia (Roma), Fondi (LT), Formia (LT), Ladispoli (Roma), Ostia Lido (Roma), Tarquinia (VT) e Terracina (LT).

I volontari hanno raccolto in totale 250 sacchi grandi di rifiuti, 2000 bottiglie di plastica, 150 contenitori in vetro, 70 lattine. A Ostia Lido e Civitavecchia sono entrati in azione anche i sommozzatori che hanno scandagliato i fondali.

Tra l’immondizia raccolta spiccano i seguenti materiali: Civitavecchia, tre pneumatici per autovettura, bicchieri in plastica, cialde per caffè; Fondi, lampadine, 12 siringhe, medicinali; Formia, tre pneumatici per autovettura e due per camion, metalli, 4 metri di erba sintetica, una pistola; Ladispoli, una tanica di olio per motori, cicche di sigaretta; Ostia Lido, un quadro di comandi elettrici; Tarquinia, una boa, tre bombole del gas, un water, un pneumatico; Terracina, un materasso, un carrello per la spesa.

L’evento ha ricevuto il patrocinio della Commissione UE – Rappresentanza per l’Italia, del Ministero dell’Ambiente e della Regione Lazio e si è svolto in collaborazione con la Guardia Costiera.

“Abbiamo trovato di tutto sulle spiagge del Lazio – dichiara Silvano Olmi, presidente regionale di Fare Verde – occorre ridurre gli imballaggi alla fonte, incentivare il vuoto a rendere e il riutilizzo dei materiali. Il mare della nostra Regione non può più subire l’aggressione della società dei consumi.”

Associazione ambientalista Fare Verde Lazio

Continua a leggere

I più letti